Comprare Azioni Autogrill: come fare e se conviene automatica

Come comprare Azioni Autogrill? Conviene acquistare Azioni Autogrill? Le azioni Autogrill sono una truffa? Cos’è Autogrill?

Il nome ci rievoca, irrimediabilmente, viaggi o comunque percorsi autostradali. Ma anche tramezzini imbustati, lunghi percorsi per arrivare al bagno esponendoci tutto il suo materiale, caffè appena decenti, la bravura del personale che ci lavora.

Autogrill, però, non è da associare solo ai viaggi. Bensì, anche ad una ottima possibilità di investire tramite le sue azioni.

Naturalmente, prima di fare questo passo, occorre comprendere bene la natura dell’asset su cui stiamo investendo. Del resto, stiamo pur sempre investendo i nostri soldi e ciò merita azioni ponderate.

In questo articolo, quindi passiamo al setaccio le azioni di Autogrill.

Piattaforme per investire in Autogrill

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Autogrill cos’è

Cos’è Autogrill? Autogrill è una società di catering multinazionale con sede in Italia, controllata con una quota del 50,1 dal veicolo di investimento Edizione Holding della famiglia Benetton.

Autogrill gestisce operazioni in 40 diversi paesi, principalmente in Europa e Nord America, con oltre 250 marchi autorizzati e proprietari. Oltre il 90% dell’attività dell’azienda deriva da punti vendita nei terminal aeroportuali e aree di servizio autostradali.

Autogrill storia

Qual è la storia di Autogrill? Autogrill è stata fondata nel 1947 quando SME, una divisione del conglomerato statale italiano Istituto per la Ricostruzione Industriale (IRI), acquistò poi i gruppi di ristoranti italiani Motta, Pavesi e Alemagna. Pavesi aveva iniziato a gestire un’area di servizio sull’autostrada Milano-Novara nel 1947, sostituendola con una struttura a ponte accessibile da viaggiatori in entrambe le direzioni quindici anni più tardi.

Essendo cresciuto sia a livello nazionale che attraverso acquisizioni straniere, Autogrill è stato privatizzato dal governo italiano nel 1995 quando l’IRI ha abbandonato le proprie attività nel settore alimentare e delle bevande.

Edizione Holding, la holding finanziaria della famiglia Benetton, ha acquisito una partecipazione di controllo attraverso il processo.

Edizione ha lanciato l’azienda alla Borsa di Milano nel 1997, dando vita a una serie di acquisizioni sui mercati esteri: entro la fine del 1998, Autogrill aveva acquisito il pieno controllo dell’operatore francese Sogerba (precedentemente posseduto dal Gruppo Granada), AC Restaurants e Hotels del Beneluxe di 14 filiali della catena Wienerwald in Austria e Germania.

Ancora, tutti gli Autogrill oggi in Italia sono commissionati dalle tre grandi aziende di food and beverage che a quell’epoca gestivano i servizi:

  • Motta
  • Alemagna
  • Pavesi

Nel 1977 poi, a seguito della fusione del business della ristorazione delle tre società italiane si arriva al gruppo oggi che tutti noi conosciamo: Autogrill SpA.

Sono tre i passaggi che negli anni ‘90 hanno segnato la società:

a) 1993

Quest’anno prende il via l’espansione della società Autogrill SpA anche nel mercato estero, acquisendo l’intero capitale di Les 4 Pentes (gruppo francese) e il 50% del capitale del gruppo di ristorazione Procace (spagnolo).

b) 1995

Due anni dopo, il gruppo Autogrill SpA viene privatizzato con un azionista di maggioranza. Si tratta della Schema34 Srl, ovvero della società interamente controllata dalla famiglia Benetton.

c) 1997

Autogrill SpA viene quotata presso la borsa di Milano. Questo gli ha permesso anche di continuare l’espansione nell’intero mercato europeo.

Autogrill espansione

Nel luglio 1999 il gruppo ha fatto il suo ingresso per la prima volta negli Stati Uniti e nei mercati delle concessioni aeroportuali. Acquisendo l’Host Marriott Services, che è stato poi ribattezzato HMSHost.

Altre importanti acquisizioni del gruppo comprendevano la società svizzera Passaggio (completata nel 2001), il 70% del gestore di stazioni ferroviarie ad alta velocità Receco nel 2002, il distributore Aldeasa dell’aeroporto con sede in Spagna nel 2005 (50- 50 con Altadis) e Belgio Carestel (completato nel 2007).

Autogrill ha acquisito il restante 50% in Aldeasa per il controllo completo nel 2008. Ha inoltre acquistato Alpha Group e World Duty Free Europe nel 2008 e li ha uniti ad Aldeasa nel 2011 per creare World Duty Free Group, un super-rivenditore presso gli aeroporti.

Nel 2010 ha registrato vendite per 785 milioni di euro nel Regno Unito e 494 milioni di vendite in Spagna.

Il 6 giugno 2013 Autogrill ha approvato il progetto di scissione parziale proporzionale mediante la quale Autogrill SpA ha trasferito il Il business Travel Retail and Duty Free alla sua consociata interamente controllata World Duty Free SpA (società madre di World Duty Free Group), il beneficiario, assegnando a quest’ultima l’intera partecipazione nel business Travel Retail e Duty Free del Gruppo.

Dal primo ottobre 2013, World Duty Free è quotata alla Borsa Italia di Milano, che segna il culmine del processo di scissione dal gruppo controllante Autogrill.

Azioni Autogrill, chi è la famiglia Benetton

Quattro membri della famiglia Benetton italiana fondarono la società di moda Benetton Group S.p.A. nel 1965. I tre fratelli e una sorella erano tutti nati a Treviso, in Veneto, Italia. Il loro padre possedeva un negozio di biciclette.

Attraverso Edizione Srl, una holding finanziaria, controllano una serie di altre attività, tra cui il 30% di Atlantia SpA, un operatore di quasi i due terzi delle autostrade italiane, il 60% di Autogrill, una catena di ristoranti lungo la strada e investimenti nell’hotel industria compresa l’Hotel Monaco e il Canal Grande a Venezia, Italia.

Il ponte autostradale Ponte Morandi a Genova gestito da Atlantia S.p.A ha subito un catastrofico crollo nell’agosto 2018, provocando la morte di molti. Il governo italiano, oltre a eventuali sanzioni, sta considerando la possibilità di rimuovere le concessioni delle autostrade italiane da questo gruppo.

  1. Luciano Benetton (nato il 13 maggio 1935) è attualmente consigliere non esecutivo. È anche nel consiglio di amministrazione di Edizione S.r.l .. Dal 1992 al 1994 è stato senatore della Repubblica Italiana per il Partito Repubblicano Italiano. Ha cinque figli, Mauro (nato il 15 giugno 1962), Alessandro (nato il 2 marzo 1964), Rossella (nata il 23 giugno 1965), Rocco (nato il 29 settembre 1969) e Brando. Vivono tutti a Treviso, in Italia.
  2. Giuliana Benetton (nata l’8 luglio 1937) è attualmente nel consiglio di amministrazione di Edizione S.r.l. e Benetton Group. Ha avuto la responsabilità di progettare le collezioni di maglieria di Benetton e coordinare le linee di prodotti. Giuliana in realtà iniziò l’attività di famiglia confezionando maglioni, che suo fratello Luciano vendeva in bicicletta. È sposata e ha quattro figli, Paola, Franca, Daniela e Carlo.
  3. Gilberto Benetton (19 giugno 1941 – 22 ottobre 2018) è presidente di Edizione S.r.l. e supervisiona tutti gli investimenti finanziari e immobiliari. Gilberto Benetton è anche presidente di Autogrill e direttore del Gruppo Benetton. È amministratore di Atlantia S.p.A. e Mediobanca S.p.A. È anche membro del consiglio di amministrazione di Pirelli S.p.A. e Allianz. Ha due figli Barbara e Sabrina che vivono a Treviso, in Italia.
  4. Carlo Benetton (26 dicembre 1943 – 10 luglio 2018) è stato vice presidente di entrambe Edizione S.r.l. e del gruppo Benetton. Era responsabile della produzione e del collegamento tra la sede centrale di Benetton e le sue unità internazionali. Ha avuto cinque figli, Stefano, Massimo, Andrea, Christian e Leone che vivono tutti a Treviso, in Italia. Stefano è stato ucciso in un incidente automobilistico negli Stati Uniti d’America nel 1985 all’età di 18 anni. Carlo è morto di cancro il 10 luglio 2018.

Questa invece la nuova generazione dei Benetton:

Franca Benetton, Alessandro Benetton, Sabrina Benetton e Christian Benetton sono stati nominati membri del consiglio di amministrazione della S.R.l., la holding principale della famiglia, e saranno quelli che rappresentano la nuova generazione dei Benetton.

  • Alessandro Benetton è nato il 2 marzo 1964 a Treviso, figlio primogenito di Luciano Benetton. Ha conseguito un diploma di laurea in scienze alla Boston University e un MBA ad Harvard. Ha lavorato come analista presso il dipartimento finanziario globale presso Goldman Sachs a Londra. Nel 1993 ha fondato “21 Investimenti S.p.A.”, una banca mercantile, ed è attualmente presidente di tale società. Nel 2004, è stato nominato vice presidente del Gruppo Benetton con la speciale responsabilità di sovrintendere all’espansione dell’azienda in Asia orientale, in particolare in Cina e in India. Attualmente è presidente del gruppo Benetton e membro del consiglio di amministrazione di Autogrill. Inoltre fa parte del comitato consultivo di Robert Bosch Internationale Beteiligungen e fa parte del consiglio di Confindustria (Confederazione dell’industria italiana). Ha tre figli, Agnese, Tobias e Luce.
  • Rocco Benetton è nato il 29 settembre 1969 a Treviso. È anche un figlio di Luciano e Maria Teresa Benetton. Dopo aver studiato ingegneria meccanica all’Università di Boston, si è trasferito a New York, dove ha lavorato in hedge fund, Oppenheimer & Co. e Alpha Investment Management. Ha servito a quest’ultimo come amministratore delegato. Nel 1997, si è trasferito in Inghilterra, dove ha diretto la squadra di Formula Uno Benetton fino alla stagione 2000. Torna quindi a Treviso, dove fonda le società Zero Rh + e Oot Group. Nel 2003 è entrato temporaneamente nel consiglio di amministrazione di Banca del Gottardo Italia.

Azioni Autogrill quotazione

Qual è la quotazione di Autogrill? Al momento della scrittura, il titolo è quotato 8,26 euro. In calo di un -0,015 (0,18%).

Se si guarda agli ultimi 5 anni, per capire l’andamento su un tempo medio dello stock, si nota un continuo “sali-scendi” valoriale. Il titolo ha vissuto il suo momento peggiore il 7 novembre 2014, quando quotava 5,16 euro. Poi una lunga risalita, arrivando a quota 9,20 euro il 10 aprile 2015. Poi di nuovo un calo, toccando quota 6,79 euro il 5 febbraio 2015.

Poi altre cadute e risalite, toccando il suo apice a 11,47 euro il 26 gennaio 2018. Infine il lento declino, con le azioni Autogrill che non riescono a toccare di nuovo quota 8 euro ormai da dicembre 2018.

Dunque un titolo che vive una certa difficoltà e scarsa stabilità.

Azioni Autogrill conviene investire?

Conviene investire in azioni Autogrill? Possiamo dire che, data la natura frammentaria dell’andamento di questo titolo, il quale vive una sorta di apnea da fine 2018, può essere utilizzato per diversificare il proprio portafogli.

Il management del gruppo ha diffuso le stime di crescita per il triennio 2016-2019. Ipotizzando un aumento del fatturato tra il 5 e il 7%. mentre per quanto concerne l’utile, l’incremento è del 15%.

Di recentezil gruppo Autogrill ha approvato anche la distribuzione dei dividendi. Con un payout ratio tra il 40% ed il 50% dell’utile netto consolidato.

Si registrano ricavi per 1,37 miliardi di euro che corrisponde ad un aumento di poco più di 5 punti percentuali.

Le vendite globali hanno avuto un incremento invece del 4,8%.

Insomma, la situazione finanziaria sembra solida e dunque le azioni Autogrill restano un investimento interessante. Gli analisti prevedono un aumento dell’EBITDA di 8 punti percentuali. Si tratta di una stima che è stata effettuata tenendo conto di una serie di fattori, tra cui anche la crescita del traffico autostradale e quello aeroportuale.

Gli analisti di Deutsche Bank confermano l’indicazione sull’acquisto delle azioni Autogrill confermando un rialzo del target price. Anche gli analisti di Citigroup sono concordi su questo.

Infine, le strategie adottate dal management del gruppo vedono il rating Autogrill fissato su buy.

Del resto, Autogrill opera sulla rete autostradale italiana. E malgrado l’incremento di forme di viaggio alternative (alta velocità su ferro, maggiore offerta in termini di voli), non si prevedono certo crisi di traffico autostradali.

Come investire in Azioni Autogrill

Come investire in azioni Autogrill? Il modo migliore è di farlo tramite CFD, acronimo di Contract For difference. Traducibile proprio in Contratto per differenza. Questo strumento finanziario permette di investire su un asset senza detenerlo direttamente. E di poter trarre un profitto sia quando esso è in rialzo che in ribasso. Ovviamente azzeccando la previsione.

Un CFD è un contratto tra due parti, tipicamente descritto come “acquirente” e “venditore”, in base al quale il venditore pagherà all’acquirente la differenza tra il valore corrente di un bene e il suo valore a tempo contrattuale (se la differenza è negativa, allora l’acquirente paga al venditore).

Dove comprare Azioni Autogrill

Dove comprare Azioni Autogrill? Il modo migliore per farlo è sui Broker che vantano regolare licenza da parte della Consob, o di altre autorità preposte al controllo sui mercati finanziari.

Tali Broker forniscono una serie di servizi appannaggio del cliente, come:

  • formazione teorica (ebook, webinar, corsi e-learning, convegni dal vivo)
  • Conto demo per la formazione pratica senza rischiare soldi reali
  • Spread
  • Segnali di trading
  • Grafici
  • Assistenza clienti

Azioni Autogrill migliori Broker

Quali sono i migliori Broker per investire in Azioni Autogrill? A nostro avviso i seguenti:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY