Comprare (e vendere) azioni Atlantia: come fare e se conviene

Come comprare azioni Atlantia? Conviene comprare azioni Atlantia? Dove comprare azioni Atlantia?

Tutte le strade portano ai Benetton. O quasi. La rete stradale gestita da questa famiglia è molto ampia. E riguarda non solo il nostro Paese, ma ben 11 Stati. Quindi parliamo di una multinazionale dell’asfalto e del pedaggio.

Il grosso della rete stradale gestita si trova comunque tra Italia e Francia.

Chi ha seguito i casi di cronaca degli ultimi anni, saprà che il gruppo è stato criticato riguardo la gestione del Ponte Morandi di Genova. Drammaticamente crollato nell’agosto 2018. E di come sia stata messa in discussione la gestione dell’intera rete autostradale italiana.

Non a caso, il titolo ne ha risentito in Borsa. Così come durante il Lockdown come la maggioranza delle società quotate. Tuttavia, mantiene anche una sua solidità, proprio in virtù del ruolo forte che detiene.

Dunque, nei prossimi paragrafi vedremo se davvero conviene investire in Atlantia, come fare e su quali Broker.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker ForexTB. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Atlantia in breve

Atlantia SpA si occupa di una miriade di settori:

  • costruzione e gestione di autostrade, aeroporti e infrastrutture di trasporto, aree di parcheggio e sistemi intermodali a livello mondiale
  • gestione di circa 15mila chilometri di autostrade a pedaggio in Italia e Francia. Nonché reti stradali in altri 10 Paesi sparsi per il Globo: Polonia, Regno Unito, Spagna, Argentina, Brasile, Cile, Colombia, India, Porto Rico
  • supporto agli operatori autostradali italiani
  • gestione ed espansione degli aeroporti di Roma (Fiumicino e Ciampino), Nizza, Cannes-Mandelieu e Saint-Tropez
  • progettazione, gestione, controllo e manutenzione delle infrastrutture stradali e aeroportuali
  • gestione e assistenza dei e sui sistemi di pagamento dei pedaggi, in ambito hardware e software
  • servizi di consulenza e clienti
  • gestione dei sistemi del traffico e dei trasporti
  • intermediazione assicurativa e servizi di ingegneria

Migliori piattaforme per investire in Atlantia

Di seguito vi proponiamo le migliori piattaforme per fare trading sulle azioni Atlantia:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500Servizio CFDDemoISCRIVITI
fxtbCorso trading gratis, CFDSegnali gratuitiISCRIVITI
Trade.comForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Atlantia storia

Qual è la storia di Atlantia? La società è nata a Roma nel 1950, quando fu realizzata la Società Concessioni e Costruzioni Autostrade S.p.A. Anche per facilitare la realizzazione della rete autostradale italiana, in un Paese uscito malconcio dalla guerra che aveva voglia di ripartire.

Nel 1956 viene firmata la prima convenzione tra ANAS e la società. E la prima rete autostradale fu la cosiddetta Autostrada del Sole Milano-Napoli, nel 1964.

Negli anni ‘60, la non ancora Atlantia ebbe in concessione la realizzazione di altre reti autostradali.

Nel 1982 venne però acquisita da Italstat. Nel 1987 arriva l’approdo in Borsa.

Nel 1999, nell’ambito di una serie di privatizzazioni che coinvolsero tanti enti pubblici negli anni ‘90, anche la Società Autostrade venne privatizzata.

L’azionista di riferimento, divenne, con il 30% del capitale, Schemaventotto. Il restante del pacchetto azionario allora posseduto dall’IRI viene destinato al mercato borsistico tramite IPO. Che fruttò alla IRI, poi di fatto definitivamente smantellata, quasi 14mila miliardi delle vecchie lire.

Nel 2003, poi, Autostrade fu oggetto di una Opa totalitaria di Newco28 (controllata di Schemaventotto) mediante un leveraged buyout (che consiste nell’acquisizione di un’altra società usando un quantitativo ingente di denaro preso in prestito. La solidità della società acquisita diventa di fatto la garanzia per i prestiti, oltre ovviamente alla bontà della società acquirente).

Avvenne così di fatto una fusione per incorporazione.

Nello stesso anno, seguì una imponente riorganizzazione del gruppo. Avvenne di fatto la separazione delle attività non autostradali e nacque Autostrade per l’Italia S.p.A., controllata da Autostrade (che poi divenne Atlantia SpA).

Due anni dopo, le attività di Atlantia si allargano verso altri Paesi. Quali Brasile, Cile, India e Polonia.

Il 5 maggio 2007 il Cda approva il cambio del nome in Atlantia S.p.A..

Nel 2013 è avvenuta la fusione per incorporazione di Gemina S.p.A., (azionista di maggioranza della società A.D.R. (Aeroporti di Roma) in Atlantia. E ciò ha permesso a quest’ultima di subentrare anche nella gestione degli aeroporti.

Fece seguito, sempre nel settore aeroportuale, nel 2016 l’acquisizione dei francesi Aéroports de la Côte d’Azur, Cannes-Mandelieu e Saint Tropez. Praticamente gli aeroporti che si occupano della costa azzurra francese.

Tra il 2017 e il 2018 Atlantia passa all’assalto della società spagnola Abertis. Utilizzando anche un accordo con Hochtief-Acs. L’operazione si conclude con l’acquisizione del 98,7% del capitale di Abertis, per un totale di 16,5 miliardi di euro.

Nello stesso anno, Atlantia acquisisce il 15,49% di Getlink, società che si occupa della gestione dell’Eurotunnel che attraversa il canale della Manica. Diventato tristemente noto per la morte, nell’agosto 1997, della Principessa britannica Lady Diana. Amata in tutto il Mondo.

Ma proprio nel 2018, Atlantia affronta la fase più difficile della sua storia. Cioè dopo quando, il 14 agosto 2018, è avvenuto il crollo del viadotto Polcevera a Genova (noto come Ponte Morandi). Crollo che ha causato ben 43 morti e 566 sfollati. Atlantia è stata accusata di lassismo e scarso zelo nella gestione della tratta, che avrebbero di fatto causato il crollo di quel ponte in cemento che aveva 50 anni di vita.

Il Movimento 5 Stelle, allora alleato con la Lega nel cosiddetto Governo Conte I, chiede che ad Atlantia venga rievocata la concessione.

Una prima conseguenza sono le dimissioni, a circa un anno di distanza da Ceo e DG di Giovanni Castellucci. Succeduto, previa nomina del Cda, da Giancarlo Guenzi.

Il 13 gennaio 2020 Carlo Bertazzo diventa il nuovo Ceo. Mentre le agenzie di rating Moody’s, Fitch e Standard and Poor’s declassano il titolo Atlantia a livello junk (spazzatura).

Gennaio si conferma mese nero per la società, dato che dal primo giorno del 2020, il governo socialista spagnolo ha deciso di sottrarre ad Albertis, società controllata dal gruppo Atlantia, la holding le concessioni scadute per la gestione della rete di autostrade e superstrade. Che diventeranno di fatto gratuite per gli automobilisti, dato che saranno anche rimossi i pedaggi.

Dopo un paio di mesi, poi, per il titolo Atlantia arriva un’altra mazzata in Borsa, causa Lockdown dovuto al Covid-19. Mentre tra luglio ed agosto, il titolo ha risentito dell’incertezza sul futuro della concessione autostradale, che il M5S vorrebbe sottrarre alla società.

Nel frattempo, ha perso la realizzazione e gestione del nuovo ponte che ha sostituito il Ponte Morandi.

Conviene comprare azioni Atlantia?

Dunque, come si può evincere dalla sintesi della storia di Atlantia, il futuro della società è di certo meno roseo rispetto alle prospettive che aveva prima del crollo del Ponte Morandi di Genova. Che fa da spartiacque alla storia della società.

Ricordiamo, comunque, alcuni dati significativi di Atlantia.

Queste le partecipazioni societarie del gruppo:

  • Autostrade per l’Italia S.p.A. (88%)
  • Abertis Infraestructuras SA (50% + 1)
  • Aeroporti di Roma S.p.A. (96%)
  • SPEA Engineering S.p.A.
  • Pavimental S.p.A.
  • Telepass S.p.A
  • Hochtief – Essen (18,0%)
  • Getlink (Eurotunnel) – Parigi (15,49%)

I dati economici della società, fino al 2018, sono stati molto solidi. Così come i dividendi distribuiti. Tuttavia, negli ultimi 2 anni regna una forte incertezza, e il rischio è che si trovi dinanzi ad un indebitamento difficile da fronteggiare.

Dando uno sguardo al rendimento del titolo Atlantia (ATL) in Borsa degli ultimi 5 anni, notiamo come il prezzo di quasi 26 euro per azione del luglio 2018 non sia stato più raggiunto.

Essendoci stato il primo crollo dovuto al caso Genova, che ha portato il titolo intorno ai 17 euro. Poi un lento rialzo che ha portato le azioni Atlantia tra i 23 e i 24 euro durante l’estate 2019. Tuttavia, nell’autunno successivo le azioni Atlantia sono tornate nell’incertezza, pur preservando un supporto intorno ai 20 euro.

Ma l’esplosione del Covid-19 in Italia a Febbraio ha portato il titolo a crollare intorno ai 10 euro nel marzo 2020. Per poi lentamente risalire a 16 euro nel giugno successivo e di nuovo scendere giù fino ai 14 euro di settembre 2020.

Dunque, per capire se conviene comprare azioni Atlantia, dobbiamo renderci conto di trovarci dinanzi ad una società dal destino molto incerto. Dato che il partito di maggioranza al Governo vorrebbe rimuovergli completamente le concessioni autostradali in Italia. Anche sulla scia di quanto fatto in Spagna. Ciò toglierebbe una grande fetta di mercato al gruppo, che ha diversificato solo nel settore aeroportuale la propria attività stradale.

Certo, ci sono le varie attività sparse per il Mondo, oltre che la non facile realizzazione della “punizione esemplare” che i Cinquestelle vorrebbero dare ad Atlantia per quanto accaduto in quel di Genova (tra l’altro città d’origine del loro leader).

Come comprare azioni Atlantia

Per fortuna, comunque, tramite i CFD è possibile anche investire sul ribasso del prezzo di un titolo. Si tratta infatti dei cosiddetti Contract for difference. Contratti definiti derivati poiché il loro valore riflette quello dell’asset sottostante. E mediante i quali è possibile investire su una pluralità di asset.

I CFD sulle azioni Atlantia sono sottoscrivibili tramite Broker con regolare licenza, commissioni basse, servizi molto interessanti. Come quelli che vedremo nei prossimi capitoli.

Investire sul titolo Atlantia con ForexTB

Il primo Broker che vi suggeriamo per comprare azioni Atlantia è ForexTB (clicca qui per una demo).

Con licenza CySEC, commissioni più basse della media del mercato, solo spread sul trading.

Possibilità di scegliere tra 4 account diversi, in base alle vostre possibilità ed esigenze. Deposito minimo di 250 euro.

ForexTB offre un interessante materiale per formarsi e il Conto demo di 100mila euro virtuali.

Molto utili poi i segnali di trading elaborati da Trading Central, colosso del settore con filiali in tutto il Mondo, operativo dal 1999.

Per saperne di più sui servizi di ForexTB clicca qui.

Investire sul titolo Atlantia con eToro

Il Broker eToro è di stesso molto interessante per comprare azioni Atlantia.

Deposito minimo di 200 euro, un solo account previsto.

Commissioni vantaggiose, spread-only, licenza CySEC, FCA e ASIC.

Tra i servizi offerti, annoveriamo il Social trading, il Copy trading, il wallet per criptovalute eToroX e i CopyFunds.

Per aprire un conto demo con eToro clicca qui.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Fare trading sul titolo Atlantia con Plus500

Comprare azioni Atlantia potrebbe convenire anche col Broker Plus500. Noto agli appassionati di calcio in quanto sponsor di Atletico Madrid, Legia Varsavia, Young Boys e Atalanta.

Plus500 conta un solo account, con deposito minimo di 100 euro.

Licenza CySEC e FCA.

Plus500 è diffuso in 150 Stati, con 32 lingue previste.

Tra i servizi offerti, una discreta sezione formativa, Conto demo di 100mila euro, assistenza clienti in Live chat, +2500 asset tra cui scegliere.

Per aprire un conto demo su Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Investire sul titolo Atlantia con Trade.com

Chiudiamo in bellezza questa panoramica sui migliori Broker da utilizzare per comprare azioni Atlantia con Trade.com.

Il Broker offre la possibilità di scegliere tra 5 account diversi, con deposito minimo di 100 euro.

Trade.com offre tanti servizi, tra i quali i segnali di trading di Trading Central.

Ottima l’offerta formativa, con un Conto demo di 40mila euro virtuali che si riaggiorna arrivato a zero. E il coaching personalizzato gratuito.

Trade.com offre pacchetti di titoli azionari divisi per caratteristiche, come settore merceologico di appartenenza e dividendi distribuiti.

Licenze possedute: CySEC, FCA, FCSA e ASIC.

Per utilizzare i segnali e gli altri servizi di Trade.com clicca qui.

I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 79.20% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.
Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here