Azioni American Express: come comprare e se conviene [2020]

American Express la conosciamo soprattutto come società leader nel settore dei pagamenti telematici. In realtà, però, può anche rivelarsi un ottimo asset su cui fare investimenti.

Come comprare azioni American Express? Conviene comprare azioni American Express?

Infatti, American Express è anche quotata in Borsa. E quindi è possibile investire su di essa tramite i CFD. Senza per forza essere azionisti.Acronimo di Contract for difference, è un contratto derivato poiché il valore riflette quello di un asset sottostante. Che può essere di varia natura: dai metalli preziosi alle criptovalute, dalle valute FIAT alle azioni appunto, dagli indici azionari alle materie prime.

Il CFD hanno un grande vantaggio: quello di permettere di investire su una pluralità di asset come quelli succitati, senza dover possedere direttamente essi con tutte le scomodità che ciò comporta.

Possedere lingotti d’oro o taniche di petrolio è alquanto impensabile. O, se si vuole, comunque comporta dei costi di gestione. Così come dover essere azionisti di una società quotata in Borsa. Richiede ingenti capitali, diritti ma anche pesanti oneri.

Come funzionano i CFD? Consentono di massimizzare il potere d’acquisto iniziale di un asset pagando solo una piccola percentuale.

Altro grande vantaggio è quello di poter produrre un profitto sia quando il mercato è in rialzo, sia quando è in calo. Potendo operare sia long (buy) che short (sell).

Nei paragrafi finali vedremo anche dove è possibile comprare azioni American Express tramite Broker seri e rinomati.

Una situazione di cui approfittare per investire sul titolo. Attualmente la soluzione migliore è quella di utilizzare il broker Investous. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Per ora, vediamo anche cos’è American Express, prima di rispondere alle altre domande poste nell’incipit.

American Express cos’è

Cos’è American Express? American Express Company – chiamata anche più sinteticamente con l’acronimo Amex – è una multinazionale americana di servizi finanziari con sede nel Three World Financial Center di New York City.

Fondata nel 1850, fa parte dell’Indice azionario Dow Jones Industrial Average, composto da altri 30 membri.

Come dicevamo, American Express è nota in tutto il mondo come società emittente di carte di debito, credito e per cheque business spendibili nel turismo.

Per capire la sua importanza, basta solo dire che le sue carte di credito coprono oltre un quinto di quelle emesse negli Usa.

Vanta quasi 120 milioni di carte in circolazione in tutto il Mondo, di cui quasi la metà solo negli Stati Uniti.

Nel 2017, Forbes, che ogni anno stila classifiche su paperoni e società influencers, ha piazzato American Express al 23° posto come marchio di valore nel mondo. Per un valore pari a circa 25 miliardi di dollari.

Oltre a ciò, Fortune l’ha posizionata 14a come più ammirata al mondo, nonché 23a come migliore posto di lavoro ideale.

Molto noto e subito distinguibile il suo logo, adottato dalla fine degli anni ‘50. Ossia la testa di un centurione con tanto di casco, il quale appare su carte e assegni che emette.

American Express di cosa si occupa

Oltre all’emissione di carte di credito, di debito e travel cheque, American Express offre tanti altri servizi finanziari. Sebbene alcuni dismessi a colpi di milioni e ceduti ad altri colossi.

Tra quelle offerte, troviamo anche le carte cosiddette revolving. Le quali permettono di pagare un bene o servizio in modo dilazionato. Non mancano poi carte di credito co-branded, emesse cioè in collaborazione con una società partner (molte, per esempio, riguardano come vedremo Alitalia).

Ecco tutte le carte previste da American Express:

  • Verde American Express
  • Carta Oro American Express
  • Platino American Express
  • Centurion American Express
  • PAYBACK American Express
  • PAYBACK PLUS American Express
  • Alitalia Verde American Express
  • Alitalia Oro American Express
  • Alitalia Platino American Express
  • Italo American Express
  • Carta Blu American Express
  • Explora American Express
  • Business American Express
  • Oro Business American Express
  • Platino Business American Express
  • Alitalia Business American Express
  • Alitalia Business Oro American Express

American Express non ha mai disdegnato la massiccia pubblicità. In questi anni, tra i testimonial utilizzati appartenenti ai più svariati campi, vanno annoverati: Kate Winslet, Robert De Niro, Ken Watanabe, Tina Fey, Mike Krzyzewski, Collette Dinnigan, Diane von Fürstenberg Ellen DeGeneres, Tiger Woods, Shaun White;, Venus Williams, Andy Roddick, Andre Agass, Laird Hamilton, José Mourinho, Martin Scorsese, Wes Anderson, M. Night Shyamalan, Sheryl Crow, Alicia Keys e Beyoncé.

Migliori piattaforme per investire in American Express

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioISCRIVITI
plus500Servizio CFDDemoISCRIVITI
InvestousCFD su Forex, Azioni, CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookISCRIVITI

Comprare azioni American Express conviene?

Vediamo se in effetti conviene o meno investire i propri capitali sulle azioni American Express.

Abbiamo visto che siamo di fronte ad un colosso nel settore delle carte, con una storia che risale all’800. Gode di ottima solidità ed è in una posizione di leadership negli Usa e riceve ottimi riconoscimenti per il suo operato.

Riguardo le strategie aziendali, la multinazionale ha impostato una politica basata sull’aumento dei costi operativi. Scelta giustificata dal fatto che American Express deve affrontare un mercato sempre più concorrenziale. Anche per la spiccata digitalizzazione in corso del settore, che costringe i players nati nei secoli scorsi, di attuare profonde ristrutturazioni per stare al passo coi tempi.

Si pensi all’avvento delle criptovalute, che prefigura un mondo dove le transazioni saranno immediati e i costi molto bassi. Oggi pagare online o trasferire denaro virtuale è diventato estremamente semplice e poco oneroso. Anche tramite i Social.

Poi ci sono i vecchi nemici sempre molto forti, come JPMorgan Chase e Citigroup Inc’s Prestige Card.

E così, American Express ha dovuto anche stringere diverse partnership, al fine di creare carte che renda l’acquisto di beni o servizi più agevole.

Nel settore aereo, per esempio, nell’elenco sopra abbiamo visto le varie carte emesse in collaborazione con la “nostra” Alitalia. Ma ha stretto pure una collaborazione con Delta Air Lines. Queste carte prevedono sconti fedeltà, che così aumentano i clienti di ambo le parti.

Naturalmente, per fare ciò, l’azienda ha dovuto mettere in campo massicci investimenti. Tanto che si è verificato un incremento dei costi delle carte di credito pari al 9% nel secondo trimestre del 2019. Mentre nei mesi precedenti l’incremento è stato del 4%.

Tuttavia, ci sono stati anche dei profitti maggiori, tanto che nel primo trimestre del 2019 è andata oltre le stime degli analisti.

Per quanto concerne la quotazione delle azioni American Express, la società è quotata in Borsa dal primo febbraio 1980 con una Ipo di 1,90 dollari per azione.

Il trend è stato positivo fino al settembre 2000, quando è arrivato a 53 dollari. Poi un forte crollo, arrivando a più che dimezzare il valore del titolo in un anno (25 dollari).

Poi una lunga ripresa fino a novembre 2007, quando le azioni American Express hanno superato i 63 dollari di valore. Per poi subire un crollo vertiginoso dopo lo scandalo Sub prime, che ha portato il titolo ha toccare quota 12 dollari nel marzo 2009.

Ha seguito una lunga ripresa, sfiorando i 96 dollari nel luglio 2014. Poi una nuova flessione fino a febbraio 2016 quando ha toccato i 56 dollari e un nuovo rialzo.

Quotazione azioni American Express in tempo reale

Al momento della scrittura, il titolo American Express (AXP) quota 130 dollari. E da gennaio 2019 ha superato la barriera dei 100 dollari. Non scendendo mai sotto i 114 da giugno dello stesso anno.

Insomma, American Express è un titolo che ovviamente risente delle fortune e sfortune del sistema creditizio internazionale. E subisce rapidi crolli quando questo entra in crisi (come si è visto in occasione dell’11 settembre e dello scandalo Sub prime).

Ha però sempre dimostrato di saper rialzare la testa, potendo puntare su una grande solidità finanziaria e di un radicamento nell’economia americana notevole.

Quindi, si presenta come titolo molto interessante, al quale dare però il giusto peso nella diversificazione del proprio portafoglio titoli. Quindi, è preferibile puntare non oltre il 4% sul totale del proprio capitale.

Come investire in azioni American Express

E’ possibile comprare le azioni American Express, come già detto, tramite i CFD. Anche per investire sull’indice azionario Dow Jones Industrial Average, del quale questo colosso delle carte fa parte.

Di seguito descriviamo brevemente i Broker di cui abbiamo solo accennato in precedenza:

Investire in American Express con eToro

eToro (clicca qui per il sito ufficiale) è attivo dal 2009 e viaggia verso gli 11 milioni di utenti iscritti.

Offre molti servizi interessanti, tra cui il Social trading, il Copy Trading e il Copyportfolios.

Il primo è un vero e proprio Social dove è possibile confrontarsi con altri trader.

Il secondo, noto come Copy trading, permette ai trader neofiti di copiare quelli più esperti. In modo da guadagnare mentre stanno ancora imparando.

I terzi sono invece panieri di asset appartenenti alla stessa categoria, gestiti da algoritmi automatici con la supervisione di tecnici “umani”.

Per aprire un account gratis su eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Puoi leggere la nostra recensione su eToro qui.

Investous

Investous (clicca qui per visitare il sito ufficiale), nato nel luglio 2018, offre 4 account:

  • Basic
  • Silver
  • Gold
  • Platinum

Investous si fa notare soprattutto per i segnali di trading (che puoi scaricare gratis da qui) inviati da Trading Central. Colosso del settore.

Per aprire un account gratuito su Investous clicca qui.

Per consultare la recensione di webeconomia su Investous clicca qui.

Plus500

Plus500 (qui trovi il sito ufficiale) è un Broker che molti calciofili riconosceranno essendo sponsor dell’Atletico Madrid. Ecco le caratteristiche principali:

  • piattaforma di trading semplice e intuitiva
  • spread competitivi e dinamici
  • facile prelievo dei propri fondi
  • alto numero di strumenti negoziabili
  • basso deposito minimo richiesto per aprire un conto

Per aprire un account gratuito su Plus500 clicca qui.

76.4% dei conti al dettaglio CFD perde denaro. Prima di fare trading dovresti cercare di capire come funzionano i CFD ed i rischi di perdita di denaro che comportano.

Per consultare la nostra recensione di Plus500 invece vai qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY