Chi compra Twitter? Disney o Google?

Che Twitter sia in vendita sembra oramai una realtà pressoché consolidata: l’agguerrita concorrenza, nonché l’affermazione di altri Social Network come (Snapchat o Musically, solo per citarne alcuni con un trend di crescita evidente) hanno convinto, di fatto, alla cessione.

Secondo Bloomberg, uno dei maggiori interessati all’acquisto di Twitter sembra essere… la Disney! Nonostante alcune voci che ne avevano manifestato l’interesse in passato, poi rivelatisi infondate, mai come ora la multinazionale americana di entertainment si è rivelata essere così vicina al social network dell’uccellino blu, Larry.

Al momento, ovviamente, non sono state rilasciate dichiarazioni ufficiali. Sono comunque attese eventuali oscillazioni sui titoli di borsa, che in questo momento entra nel vivo.

Rimangono aperte comunque altre possibilità, già enunciate in queste ultime settimane: in primis Google, che non ha mai avuto troppa fortuna con il mondo dei Social Network, neanche integrandoli obbligatoriamente nelle altre applicazioni online, come ha fatto con Google Plus.

Disney Twitter

La Disney acquista Twitter

Se la Disney vendesse Twitter, potrebbe amplificare in maniera esponenziale le proprie potenzialità di intrattenimento. Negli States, Twitter ha conquistato un posto di rilevo nel live streaming, e la Disney potrebbe integrarlo addirittura in sistemi di cable tv. Le potenzialità creative della Disney potrebbero garantire a Twitter nuova ninfa ed un ruolo di rilievo nei Social Network, magari con nuove scenografiche features legate al mondo Disney.

Google acquista Twitter

Se Google acquistasse Twitter, potrebbe integrarlo in tutte le app di riferimento, relegando al Social Network le potenzialità di comunicazione sociale.  Potrebbe addirittura includerlo nei risultati di ricerca, anche se la scelta appare quantomeno azzardata e priva di fondamento.

Chi comprerà Twitter?

Alla fine, ci sono anche altri potenziali acquirenti e non si esclude un colpo a sorpresa. In particolare, Microsoft potrebbe preparare un colpo a sorpresa, anche se ha già acquisito LinkedIn.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY