Commodity currencies, cosa sono e come investire

Cosa sono le Commodity currencies? Come funzionano le Commodity currencies? Come guadagnare con le Commodity currencies?

In questo articolo ci occuperemo di Commodity currencies, le valute che si caratterizzano per avere una correlazione stretta con le variazioni di prezzo di determinate materie prime. Ma anche per il fatto di possedere un tasso di cambio fluttuante in un mercato sufficientemente liquido.

Se è vero infatti che molti paesi cosiddetti “in via di sviluppo” basano buona parte delle proprie attività economiche sulla produzione ed esportazione di un ristretto numero di materie prime, solitamente le proprie valute sono ancorate ad altre che a livello internazionale sono ritenute più “credibili” e solide. Si pensi, in primis, ad Euro e Dollaro.

Il che serve per mantenere una certa stabilità finanziaria, almeno fino a quando questo ancoraggio tra le parti regge. Viene definito in gergo “peg”.

Vediamo di seguito meglio cosa sono le commodity currencies, come funzionano, come investire ed altri aspetti.

Attualmente la soluzione migliore per fare trading sulle materie prime è quella di sfruttare le piattaforme CFD. Ad esempio una ottima è quella del broker 24option. Si tratta di un broker autorizzato con servizi innovativi come quello dei segnali che permettono di ricevere consigli per orientare con successo le proprie operazioni. Per saperne di più sui segnali clicca qui per visitare il sito ufficiale.

Commodity currencies cosa sono

Cosa sono le Commodity currencies? Si tratta di valute che sono in correlazione con i prezzi mondiali dei prodotti di base. Ciò è dovuto al fatto che esiste una forte dipendenza di questi paesi dall’esportazione di determinate materie prime a fini di reddito.

Le Commodity currencies sono in genere quelle dei paesi cosiddetti in “via di sviluppo”, ma anche alcuni paesi sviluppati come il Canada e l’Australia, hanno valute legate alle materie prime.

Ad esempio, maggiore è il prezzo del petrolio e della soia, maggiore è il valore del dollaro canadese in generale rispetto alle valute estere, poiché il petrolio e la soia sono due delle principali materie prime del Canada. Nel mercato dei cambi, le commodity currencies in genere si riferiscono al dollaro australiano, al dollaro canadese, al dollaro neozelandese, alla corona norvegese, al rand sudafricano, al real brasiliano, al rublo russo e al peso cileno.

La maggior parte delle materie prime legate alle valute sono risorse naturali come oro, petrolio, legname e altri minerali. Tuttavia, l’estrazione di queste risorse grezze può portare a problematiche come l’inquinamento. Ma anche lo sfruttamento della manovalanza a basso costo.

I paesi le cui valute non dipendono dai movimenti dei prezzi delle materie prime sono generalmente più disposti a minimizzare i processi ambientali dannosi, riducendo così le esternalità affiliate. Ad esempio, il dollaro canadese è strettamente legato alla soia e al petrolio.

La produzione di petrolio è estremamente dannosa per l’ambiente. Tuttavia, ridurre la produzione di petrolio attraverso i programmi Cap e Trade o le tasse di produzione può essere devastante per il dollaro canadese.

Commodity currencies come funzionano

Come funzionano le Commodity currencies? A causa della loro natura collegata alle materie prime, può essere utile ma anche problematico per il Paese. Mentre un calo o un aumento delle esportazioni porterà rispettivamente alla deflazione o all’inflazione in qualsiasi paese, gli impatti sono più gravi nei paesi con valute legate alle materie prime. Proprio perché le loro valute sono così fortemente legate a un determinato numero di materie prime.

Secondo uno studio del 2009 su commodity currencies intitolato “Can Exchange Rates Forecast Commodity Prices?” di Yu-chin Chen, Kenneth Rogoff e Barbara Rossi, i tassi di cambio possono prevedere i futuri prezzi globali delle materie prime.

Ciò è estremamente vantaggioso per gli economisti e i politici che desiderano una misura affidabile dei futuri prezzi delle materie prime. Una valuta che è naturalmente legata alle principali materie prime di un paese può essere utile se la domanda globale di merce aumenta, rafforzando naturalmente il valore della valuta.

Per effetto di ciò, quando la domanda di una merce si sposta (domanda più alta) il prezzo aumenta a. L’aumento della domanda probabilmente aumenterà anche il PIL, poiché si verificano più esportazioni.

Man mano che le esportazioni aumentano a causa della maggiore domanda, anche il PIL aumenterà notevolmente in quanto questo paese fa molto affidamento su questo prodotto, portando a prezzi più alti che causano inflazione.

A seconda che l’inflazione sia economicamente vantaggiosa, ciò potrebbe essere positivo, come osservato in precedenza. È importante notare che mentre i paesi con commodity currencies beneficiano di una domanda più elevata, i paesi che importano questa merce affrontano gli effetti opposti.

Dall’altro lato, una valuta legata alle principali materie prime di un paese può essere problematica, in quanto una diminuzione della domanda per qualsiasi merce specifica può avere un enorme tributo sulla valuta del paese, portando alla deflazione.

Se la domanda di una merce si sposta (meno domanda) la quantità diminuisce a. È probabile che questa diminuzione della domanda riduca il PIL, in quanto ha luogo una minore esportazione.

Simile al ragionamento nella sezione precedente, una riduzione del PIL porta alla deflazione. Ciò può avere effetti negativi o positivi, a seconda che la valuta della nazione sia stata sopravvalutata o sottovalutata.

La deflazione può essere positiva o negativa a lungo termine, come suggerito dalla sezione sugli effetti dell’articolo sulla deflazione. È importante notare che mentre i paesi con valute in materie prime beneficiano della maggiore domanda di una merce, i paesi che importano questa merce affrontano gli effetti opposti.

Commodity currencies come investire

Come investire nelle Commodity currencies? La natura delle valute legate alle materie prime può consentire ai trader in valuta estera di valutare più accuratamente il valore di una valuta e prevedere movimenti all’interno dei mercati in base al valore percepito della merce correlata.

Conoscere quali valute sono legate a quali materie prime possono essere di grande aiuto nelle decisioni di negoziazione. Tutto sommato, se si cerca di negoziare valute su materie prime, è estremamente importante seguire da vicino i movimenti di prezzo delle materie prime a cui sono correlati, e in breve o lungo una valuta di conseguenza.

Occorre poi tenere d’occhio due fenomeni: il Carry trade e le divergenze temporali:

Carry Trade

Meccanismo con cui si prende in prestito Denaro con tassi di interesse sono molto bassi, per poi investirlo in Paesi dove rende di più. Come ad esempio l’Australia, che vanta dei tassi di rendimento dei titoli di Stato molto elevati. Mentre in Giappone il denaro ha tassi di interesse molto bassi.

Pertanto, un buon modo per investire sarebbe prendere in prestito denaro dal Giappone (Yen) per investirlo soprattutto in obbligazioni Australiane (AUD).

Le divergenze temporali

La variazione di prezzo della commodity anticipa di un po’ la ripercussione sul tasso di cambio della valuta. In modo che il Trader può prevedere in largo anticipo cosa sta accadendo nei mercati.

Tuttavia, questa tattica viene fuori soprattutto in periodi temporali abbastanza ampi. Pertanto, il modo migliore per investire sulle Commodity Currencies consigliato è il medio/lungo periodo.

Commodity currencies più importanti

I Paesi più importanti detentori di commodity currencies sono Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Il petrolio greggio costituisce per l’economia canadese il 19% delle esportazioni. In buona parte (i due/terzi) destinato agli Stati Uniti. Pertanto, se si vuole investire nel Dollaro canadese, occorre tenere d’occhio principalmente l’economia americana e la sete da petrolio che ha.

In Australia, invece, a pesare sulla valuta sono l’oro e i minerali di ferro, dato che pesano rispettivamente il 6,7% e il 25% sulle esportazioni australiane.

Per capire quanto pesi l’oro sul dollaro australiano, basta dire che un incremento di un punto percentuale sul prezzo dell’oro, si traduce in un apprezzamento nominale del AUD sul dollaro americano pari a mezzo punto.

In Nuova Zelanda, invece, le esportazioni principali sono i latticini. Che però restano esclusi da questa correlazione. Tuttavia, anche qui a pesare è l’oro, non perché la Nuova Zelanda ne produca, ma perché un quinto delle esportazioni neozelandesi finisce in Australia. La cui economia è influenzata dall’oro.

Sta di fatto che la correlazione tra dollaro neozelandese (o kiwi) e oro è comunque elevata: il 78%. mentre tra kiwi e dollaro australiano esiste una correlazione positiva del 96%.

Trading con eToro

Non tutti i Broker consentono di investire sul dollaro australiano e neozelandese. Per fortuna, eToro (clicca qui per saperne di più) lo consente. Broker con milioni di utenti provenienti da 140 Paesi diversi, con regolare licenza CySEC.

Tra i servizi offerti da eToro troviamo il Copy trading. Vale a dire la possibilità di copiare i trader più vincenti quando si è ancora trader neofiti. I trader copiati si chiamano Popular trader, e a loro volta guadagnano con commissioni su ogni trader che li copia.

Il Social trading racchiude invece una serie di servizi offerti da eToro a mo’ di Social. Come i Feeds per seguire i post più interessanti degli altri utenti, oltre alla possibilità di scrivere post per avere dei suggerimenti e di seguire il Broker sui suoi profili Social.

Infine, abbiamo i Copyportfolios, panieri di asset appartenenti alla stessa categoria, quindi si copiano gruppi di asset interi. Ma anche gruppi di trader messi insieme.

I Copyportfolios sono gestiti da algoritmi automatici, ma supervisionati sempre da tecnici “in carne ed ossa”.

Per quanto concerne le commissioni di eToro, il Broker specifica che “non addebita nessuna commissione di deposito o di trading a parte lo spread”. Nonché “Gli aggiornamenti delle commissioni si applicano sempre alle posizioni aperte. Le commissioni sono soggette a modifiche in qualsiasi momento e potrebbero cambiare su base giornaliera, senza preavviso, a seconda delle condizioni di mercato”.

Meglio però sempre, come suggerisce lo stesso Broker, di dare un’occhiata sulla pagina ufficiale qualora le condizioni siano cambiate.

Per iniziare con una demo gratuita di eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Trading con 24option

24option (clicca qui per aprire un conto demo gratuito) anche consente di investire nei dollari australiano e neozelandese ed è un Broker che sta diventando noto anche in Italia grazie alla partnership con la Juventus. Offre, tra gli altri, due servizi interessanti.

I segnali di trading, curati dal colosso del settore Trading Central. La quale ha ricevuto per 9 anni di seguito i prestigiosi Technical Analyst Awards.

Per saperne di più sui segnali gratis vai qui.

L’altro servizio sono gli ebook interattivi, che risultano più coinvolgenti e simpatici da usare degli ebook tradizionali scaricabili.

24Option offre transazioni spreads-only, cioé prevedono solo il costo dello Spread e non commissioni.

Per saperne di più su tutti i servizi di 24option clicca qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY