Come iniziare a fare trading sul Forex

Il Forex è il più grande mercato finanziario in cui si scambiano coppie di valute. Il numero degli scambi è il punto di forza di questo mercato, in quanto favorisce la liquidità a quasi tutte le ore del giorno e della notte.

Leggi anche: Forex, come diventare trader

Poter operare ad ogni ora, rende il Forex un mercato appetibile per molti trader, esperti e principianti, che si dedicano al trading part time per incrementare le proprie entrate.

Guadagnare con il trading sul Forex però non è tanto semplice come spesso recitano gli spot dei broker online. Il primo approccio al Forex è quello determinante, in quanto – vista la mancanza di informazioni veritiere sull’argomento – il trader può perdere davvero molti soldi. Ecco quindi alcuni consigli per iniziare a fare trading sul Forex nel modo giusto.

La prima cosa da fare è studiare delle buone guide, che aiutino l’approccio al Forex con le nozioni di base. Se non si conosce il mercato delle valute, non si può assolutamente operare in modo profittevole su di esso. Successivamente bisogna integrare questo studio con dei libri che insegnino una o più strategie di trading vincenti, già testate da altri trader professionisti.

In secondo luogo, è necessario mettere in pratica le tecniche apprese. Esse tuttavia non vanno mai testate con soldi veri, altrimenti si rischia di perdere tutto, soprattutto la fiducia in se stessi. Tutti i migliori broker Forex mettono a disposizione di ogni utente iscritto un conto demo, con cui il trader neofita può iniziare a prendere dimestichezza con l’andamento dei prezzi delle valute. Il conto di pratica tuttavia deve essere utilizzato come se si facesse trading con soldi veri, altrimenti i test risulterebbero inutili.

Sul Forex bisogna porre molta attenzione anche all’utilizzo della leva finanziaria. L’effetto leverage è in grado di muovere ingenti capitali con piccole somme di denaro. Il profitto quindi potrebbe essere molto alto, ma lo stesso ragionamento è identico per la perdita. In definitiva, è meglio utilizzare una leva finanziaria bassa, soprattutto all’inizio, così da avere più ampio raggio di azione per posizionare gli stop loss.

Stop loss e take profit sono due punti fondamentali per una buona strategia di trading sul Forex. Cosa significa? Significa che bisogna imparare a mantenere le perdite contenute attraverso un uso attento dello stop loss e accontentarsi di pochi punti di guadagno per ogni trade. Impostare stop loss e take profit stretti, o comunque non troppo larghi, migliora il rapporto tra perdite e guadagni nel lungo periodo. La consapevolezza che il Forex non fa diventare ricchi con poche operazioni e che è un’attività ad alto rischio, con delle perdite, aiuta a migliorare il proprio approccio al trading.

La confusione aumenta il rischio nell’attività sul Forex. Prediligere la semplicità è un punto di forza nel trading: non aprire mai tante operazioni insieme, ma una alla volta. In questo modo, le strategie studiate possono essere seguite meglio e, in caso di errori, si può capire più facilmente qual è stato lo sbaglio.

Impostare un piano di trading prima di operare sul Forex è un buon metodo per disciplinare al meglio il proprio trading. Così facendo si riduce il rischio di effettuare operazioni inutili, tenendo a bada l’emotività, che è spesso causa di grandi perdite e sconfitte psicologiche per i nuovi trader.

Seguendo queste semplici linee guida per il primo approccio al Forex, con il tempo è possibile arrivare a buoni guadagni e, di conseguenza, riuscire anche a fare del trading un lavoro vero e proprio.

  • R.R.

    IL TRADING E’ UNA PRATICA CHE PROVOCA ATTACCAMENTO AL DENARO NELLA RICERCA SPECULATIVA DEL PROFITTO IN UN’ATTIVITÀ STERILE E IMPRODUTTIVA, COMPORTAMENTO NEGATIVO E DA EVITARSI PER LA MORALE RELIGIOSA.

    http://TRADINGONLINE-UN-PROBLEMA-MORALE.BLOGSPOT.IT/