Come calcolare il bollo auto

Il bollo auto è una tassa dovuta dai possessori di un veicolo a motore, corrisposta con periodicità annua (la scadenza dipende dal periodo di immatricolazione). Ma in che modo poter calcolare senza errori quanto occorre versare per il bollo auto?

Calcolo del bollo auto in base alla targa

Il primo modo per calcolare il bollo auto è in base alla targa. Per aiutarci in tale “impresa” l’Agenzia delle Entrate ha predisposto un programma che – inserendo la targa del veicolo – ci permette di calcolare l’importo della tassa automobilistica al momento della richiesta, con eventuali sanzioni e interessi.

In particolare, se la richiesta è effettuata nel periodo previsto per il pagamento (primo mese di validità del nuovo bollo), non sono indicati importi per sanzioni e interessi, mentre se la richiesta è effettuata in una data successiva al periodo previsto per il pagamento, vengono visualizzati anche i relativi importi di sanzioni e interessi. Ancora, se la richiesta è effettuata prima del periodo di pagamento, il programma indicherà le maggiorazioni dovute poiché farà riferimento alla precedente scadenza: il software non terrà invece conto di eventuali pagamenti già effettuati.

Calcolo del bollo auto in base ai Kw o ai Cv

Un secondo metodo di calcolo del bollo auto permette il conteggio dell’importo della tassa dovuta in base ai dati tecnici inseriti (potenza espressa in chilowatt o cavalli vapore, direttiva euro, regione di immatricolazione, tipologia di veicolo). Si tratta tuttavia di un metodo leggermente più complesso rispetto all’inserimento della sola targa e, pertanto, vi consigliamo di ricorrere a tale ulteriore servizio solamente nelle ipotesi in cui non si conoscano gli elementi utili per il primo.

Controllo pagamenti già effettuati

Oltre a quanto precede, si tenga conto che l’Agenzia delle Entrate permette, telematicamente, di procedere al monitoraggio dei pagamenti già effettuati attraverso un servizio disponibile dal lunedì alla domenica dalle ore 7.00 alle ore 24.00. In particolare, il servizio permette di controllare la correttezza dei versamenti delle tasse automobilistiche effettuati presso le tabaccherie e le agenzie di pratiche auto ; è inoltre possibile controllare anche alcuni versamenti effettuati presso Poste e Aci. Sul suo sito l’Agenzia ricorda comunque che il servizio è disponibile per i soli pagamenti effettuati a beneficio delle regioni Marche e Valle D’Aosta e delle regioni in cui la gestione della tassa automobilistica è di competenza dell’Agenzia delle Entrate (Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia).

Come accedere ai servizi

Per poter avere accesso ai servizi di calcolo del bollo auto in base ai Kw o ai Cv, o ancora dei servizi di calcolo del bollo in base alla targa, o infine dei servizi di controllo dei pagamenti già effettuati, vi consigliamo di consultare questa sezione, a libera disposizione sul sito delle Entrate.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY