Colosso bancario HSBC in rosso: la conseguenza negativa della guerra Usa-Cina

Una guerra, si sa, fa sempre delle vittime. Anche illustri. Quelle militari uccidono persone, in genere civili inermi e soldati. Quelle commerciali, possono uccidere aziende e banche. O, quanto meno, metterle in grosse difficoltà. Anche quando sono colossi finanziari.

E’ il caso della guerra commerciale tra Usa e Cina innescata da Donald Trump. Il quale ha tenuto fede a quanto promesso nella sua entusiasmante quanto sorprendente, campagna elettorale. La vittima di questa tensione commerciale, oltre alle multinazionali asiatiche, è anche il colosso bancario Hsbc. Che a Londra segna la performance peggiore del listino. Condizionando così tutto il comparto bancario europeo.

Il titolo della banca, attiva in tutto il mondo ma con una forte esposizione sui mercati asiatici, è in calo del 3,9% a 637,85 pence, segnando la seduta peggiore in due anni. L’istituto bancario risente dell’esposizione al mercato cinese, in cui pesano le incertezze legate al rallentamento della crescita e alla guerra commerciale con gli Stati Uniti.

Ma non solo conflitto cino-americano. A pesare sulle performance negative di Hsbc incide un altro fenomeno economico-politico. Giunto nello stesso anno e con la stessa sorpresa, della ascesa del Tycoon americano alla Casa Bianca. Ossia la Brexit.

Brexit che, come sovente raccontiamo sulle nostre pagine quando parliamo del cambio EUR / USD E GBP / USD, è ancora in alto mare. In quanto, non è stato ancora trovato un accordo tra Ue e Gran Gretagna. Inoltre, si è verificata una spaccatura all’interno dei due principali partiti britannici: Conservatori e Laburisti. Col Primo Ministro May che ormai non ha più la maggioranza in Parlamento.

La banca ha annunciato utili lordi 2018 in rialzo del 16% a 19,89 miliardi di dollari, al di sotto delle stime di consensus di 21,41 mld. L’utile netto è stato di 12,6 miliardi (+30%) contro i 9,6 miliardi dell’anno precedente e contro le attese di 13,61 miliardi.

Come afferma Michael Hewson, di Cmc Markets Uk:«La banca ha citato come fattori per i risultati del quarto trimestre la volatilità del mercato azionario e un rallentamento dell’economia cinese».

Poi ha proseguito: «Il forte calo dei mercati azionari alla fine dello scorso anno – aggiunge – ha colpito in particolare la divisione di gestione patrimoniale che ha sottoperformato. Anche se questi risultati sono anche abbastanza buoni, non lo sono stati abbastanza da spingere il titolo oltre la media mobile a 200 giorni, che ha respinto il prezzo per la quarta volta da ottobre».

Piattaforme per fare trading azionario

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500Trading bitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

HSBC cos’è

Cos’è HSBC? HSBC Holdings plc è una holding multinazionale di servizi finanziari e bancari britannici. È la settima banca più grande del mondo e la più grande d’Europa, con un patrimonio totale di 2.374 miliardi di dollari USA (a dicembre 2016). HSBC fa risalire la sua origine a Hong Kong, e la sua forma attuale è stata istituita a Londra dalla Hongkong and Shanghai Banking Corporation per fungere da nuova holding di gruppo nel 1991.

Le origini della banca si trovano principalmente a Hong Kong e, in misura minore, a Shanghai, dove sono state aperte le filiali nel 1865. Il nome HSBC deriva dalle iniziali della Hong Kong e della Shanghai Banking Corporation. La società è stata formalmente costituita nel 1866. La società continua a considerare sia il Regno Unito sia Hong Kong come “mercati nazionali”.

HSBC ha circa 3.900 uffici in 67 paesi e territori in Africa, Asia, Oceania, Europa, Nord America e Sud America e circa 38 milioni di clienti. A partire dal 2014, è stata la sesta più grande azienda pubblica al mondo, secondo una misura composita dalla rivista Forbes.

HSBC è organizzata in quattro gruppi: Commercial Banking, Global Banking e Markets (investment banking), Retail Banking e Wealth Gestione e Global Private Banking.

HSBC ha una doppia quotazione sulla Borsa di Hong Kong e sulla Borsa di Londra ed è un componente dell’Indice Hang Seng e dell’indice FTSE 100. A partire dal 6 luglio 2012, aveva una capitalizzazione di mercato di £ 102,7 miliardi, la seconda più grande società quotata alla Borsa di Londra, dopo Royal Dutch Shell. Ha inserzioni secondarie sulla Borsa di New York, Euronext di Parigi e la Borsa di Bermuda. Nel febbraio 2015, il Consorzio internazionale di giornalisti investigativi ha pubblicato informazioni sulla condotta commerciale di HSBC con il titolo Swiss Leaks. L’ICIJ sostiene che la banca ha approfittato del business con gli evasori fiscali e altri clienti.

La BBC ha riferito che HSBC ha fatto pressioni sui media per non denunciare la polemica, con il quotidiano britannico The Guardian che sosteneva che la pubblicità della HSBC era stata messa “in pausa” dopo la copertura della questione da parte del Guardian.

Peter Oborne, capo commentatore politico del Daily Telegraph, si dimise dal giornale; in una lettera aperta, sosteneva che il giornale sopprimeva le storie negative e abbandonava le indagini su HSBC a causa della pubblicità della banca.

Nel 2016, HSBC è stata denunciata da famiglie messicane coinvolte in morte da bande di criminalità organizzata per il trattamento di fondi (“riciclaggio di denaro “) per il cartello di Sinaloa.

HSBC origini

La Hongkong e la Shanghai Bank sono state fondate dallo scozzese Thomas Sutherland nell’allora colonia britannica di Hong Kong il 3 marzo 1865 e a Shanghai un mese dopo, beneficiando dell’inizio del commercio in Cina, compreso il commercio dell’oppio.

È stato formalmente incorporato come Hongkong e Shanghai Banking Corporation da un’ordinanza del Consiglio legislativo di Hong Kong il 14 agosto 1866. Nel 1980, HSBC acquisì una partecipazione del 51% nella Marine Midland Bank con sede negli Stati Uniti, che estese alla piena proprietà nel 1987. Il 6 ottobre 1989, fu ribattezzata dal Consiglio legislativo, con un emendamento all’ordinanza governativa originariamente fatta nel 1929, a Hongkong e Shanghai Banking Corporation Limited, e divenne registrata come una banca regolamentata con l’allora commissario bancario del governo di Hong Kong.

HSBC Holdings plc, originariamente costituita in Inghilterra e Galles, nel Regno Unito, come Vernat Trading Company Limited il 1 ° gennaio 1959 e poi ribattezzata Vernat Eastern Agencies Limited più avanti nello stesso anno era allora una società non commerciale, una società di scaffali dormienti con un nome diverso e nominale, quando completò la sua trasformazione il 25 marzo 1991 nella holding madre alla Hongkong e Shanghai Banking Corporation Limited ora come sussidiaria, in preparazione per l’acquisto della Midland Bank con sede nel Regno Unito e l’imminente trasferimento della sovranità di Hong Kon g in Cina.

L’acquisizione di Midland Bank da parte di HSBC Holdings è stata completata nel 1992 e ha conferito a HSBC una notevole presenza sul mercato nel Regno Unito.

Nell’ambito delle condizioni di acquisizione dell’acquisizione, HSBC Holdings plc ha dovuto trasferire la sua sede mondiale da Hong Kong a Londra nel 1993. Le principali acquisizioni in Sud America sono iniziate con l’acquisto del Banco Bamerindus del Brasile per $ 1 miliardo in Marzo 1997 e l’acquisizione di Roberts SA de Inversiones dell’Argentina per $ 600 milioni nel maggio 1997.

Nel maggio 1999, HSBC ha ampliato la propria presenza negli Stati Uniti con l’acquisto della Republic National Bank di New York per $ 10,3 miliardi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY