Codice Swift Bic: cos’è, a cosa serve, dove trovarlo

Cos’è il codice Swift Bic? A cosa serve il codice Swift Bic? Dove è possibile trovare il codice Swift Bic?

Spesso avrai sentito parlare di questo particolare codice. Magari ti è anche stato richiesto e sei caduto letteralmente dalle nuvole. In questo articolo risponderemo a queste ed altre domande riguardo il Codice Swift Bic.

Occorre sapere infatti che dietro la maggior parte dei trasferimenti internazionali di denaro e sicurezza si trova il sistema SWIFT, una vasta rete di messaggistica utilizzata da banche e altre istituzioni finanziarie per inviare, ricevere e ricevere informazioni in modo rapido, accurato e sicuro.

Come ad esempio le istruzioni per il trasferimento di denaro. Ogni giorno, quasi 10.000 istituti membri SWIFT inviano circa 24 milioni di messaggi sulla rete.

SWIFT cosa significa

Cosa significa SWIFT? Si tratta di un acronimo stante per Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications. Messaggi di rete che le istituzioni finanziarie utilizzano per trasmettere in modo sicuro informazioni e istruzioni attraverso un sistema standardizzato di codici.

BIC pure è un acronimo, stante per bank identifier code. Ovvero, il codice identificativo assegnato a ciascuna banca.

Codice SWIFT BIC come è formato

Come è formato il codice SWIFT BIC? SWIFT assegna a ciascuna organizzazione finanziaria un codice univoco con otto caratteri o 11 caratteri.

Il codice è chiamato in modo intercambiabile il codice identificativo della banca (BIC), il codice SWIFT, l’ID SWIFT o il codice ISO 9362.

Per capire come viene assegnato il codice, diamo un’occhiata alla banca italiana UniCredit Bank, con sede a Milano. Ha il codice SWIFT di 8 caratteri UNCRITMM.

  • Primi quattro caratteri: il codice istituto (UNCR per UniCredit Bank)
  • I prossimi due caratteri: il prefisso internazionale (IT per il paese Italia)
  • I successivi due personaggi: il codice località / città (MM per Milano)
  • Ultimi tre caratteri: facoltativo, ma le organizzazioni lo utilizzano per assegnare codici ai singoli rami.

Codice SWIFT Bic esempio

Facciamo un esempio. La filiale di UniCredit Banca a Venezia può utilizzare il codice UNCRITMMZZZ.

Partecipa come cliente di una succursale della Bank of America a New York che vuole inviare denaro al suo amico che fa banca presso la filiale di UniCredit Bank a Venezia. Il cliente di New York può entrare nella filiale Bank of America con il numero di conto del suo amico e il codice SWIFT univoco della Banca di credito della sua filiale di Venezia.

Bank of America invierà un messaggio SWIFT di trasferimento dei pagamenti alla filiale di UniCredit Bank sulla rete SWIFT protetta. Una volta che Unicredit Bank riceve il messaggio SWIFT sul pagamento in entrata, sarà chiaro e accrediterà il denaro sul conto dell’amico italiano.

Per quanto potente sia SWIFT, tieni presente che è solo un sistema di messaggistica: SWIFT non detiene fondi o titoli né gestisce gli account dei clienti.

Codice SWIFT Bic perché esiste

Perchè è stato istituito il Codice SWIFT Bic? Prima di SWIFT, Telex era l’unico mezzo di conferma del messaggio disponibile per il trasferimento di fondi internazionali.

Telex è stato ostacolato da problemi di sicurezza a bassa velocità e da un formato di messaggio libero: in altre parole, Telex non disponeva di un sistema unificato di codici come SWIFT per denominare le banche e descrivere le transazioni.

I mittenti di Telex dovevano descrivere ogni transazione in frasi che venivano poi interpretate ed eseguite dal ricevente. Ciò ha portato a molti errori umani.

Per ovviare a questi problemi, il sistema SWIFT fu istituito nel 1974. Sette grandi banche internazionali costituirono una società cooperativa per gestire una rete globale che trasferisse i messaggi finanziari in modo sicuro e tempestivo.

Entro tre anni dall’introduzione, l’adesione di SWIFT è aumentata a 230 banche in cinque paesi. Sebbene esistano altri servizi di messaggistica come Fedwire, Ripple e CHIPS, SWIFT continua a mantenere la sua posizione dominante sul mercato.

Il suo successo è attribuito al modo in cui aggiunge continuamente nuovi codici di messaggio per trasmettere transazioni finanziarie diverse. Mentre SWIFT iniziava principalmente con semplici istruzioni di pagamento, ora invia messaggi per un’ampia varietà di azioni, incluse transazioni di sicurezza e transazioni di tesoreria.

Quasi il 50% del traffico SWIFT è ancora per i messaggi di pagamento, ma il 43% riguarda ora le transazioni di sicurezza e il flusso di traffico residuo verso le transazioni di tesoreria.

Codice SWIFT Bic chi lo usa

Chi deve utilizzare il Codice SWIFT Bic? All’inizio, i fondatori di SWIFT hanno progettato la rete per facilitare la comunicazione solo sul Tesoro e sulle transazioni corrispondenti.

La robustezza del messaggio di progettazione ha permesso un’enorme scalabilità attraverso cui SWIFT ha visto il suo utilizzo anche in altri soggetti finanziari:

  • Banche
  • Istituti di intermediazione e trading house
  • Commercianti di valori mobiliari
  • Società di gestione patrimoniale
  • Case di compensazione
  • Depositari
  • Scambi
  • Case d’affari aziendali
  • Partecipanti al mercato del tesoro e fornitori di servizi
  • Foreign Exchange e Money Broker

SWIFT servizi offerti

Quali sono i servizi offerti da SWIFT? I seguenti:

  • Applicazioni – Le connessioni SWIFT consentono l’accesso a una varietà di applicazioni, che comprendono la corrispondenza delle istruzioni in tempo reale per le transazioni di tesoreria e forex, l’infrastruttura del mercato bancario per l’elaborazione delle istruzioni di pagamento tra le banche e l’infrastruttura del mercato dei titoli per elaborare le istruzioni di compensazione e regolamento per i pagamenti, i titoli, forex e transazioni con derivati.
  • Business Intelligence – SWIFT ha recentemente introdotto dashboard e utility di reporting che consentono ai clienti di ottenere una visione dinamica e in tempo reale del monitoraggio di messaggi, attività, flusso commerciale e reporting. I report abilitano il filtraggio in base a regione, paese, tipi di messaggi e parametri correlati.
  • Servizi di conformità – Destinati ai servizi relativi alla conformità alla criminalità finanziaria, SWIFT offre servizi di reporting e utilità come Know Your Customer (KYC), sanzioni e anti-riciclaggio di denaro (AML).
  • Soluzioni di messaggistica, connettività e software: il nucleo del business di SWIFT consiste nel fornire una rete sicura, affidabile e scalabile per il movimento regolare dei messaggi. Attraverso i suoi vari hub di messaggistica, software e connessioni di rete, SWIFT offre diversi prodotti e servizi che consentono ai suoi clienti finali di inviare e ricevere messaggi transazionali.

Codice Swift e Codice IBAN differenze

Qual è la differenza tra Codice Swift e Codice Iban?

Esistono due metodi standardizzati riconosciuti a livello internazionale per identificare i conti bancari quando viene effettuato un trasferimento da un paese a un altro: un codice IBAN (International Bank Account Number) e un codice SWIFT (Society interbank Financial Telecommunication).

La differenza tra i due metodi risiede in ciò che identificano. Un codice SWIFT viene utilizzato per identificare una banca specifica durante una transazione internazionale. Mentre l’IBAN viene utilizzato per identificare un singolo account coinvolto nella transazione internazionale.

Entrambi svolgono un ruolo essenziale nel buon funzionamento del mercato finanziario internazionale.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY