Coca Cola, arriva promozione di Goldman Sachs ma anche la prima granita

Tante novità in casa Coca Cola, la bevanda gassata più famosa al mondo. Goldman Sachs sta diventando pignola riguardo le aziende che producono bevande. Ha infatti migliorato il range Coca-Cola a livello neutrale, tramite un positivo upgraded, mentre ha declassato la Pepsi.

“Con il miglioramento del profilo di crescita organica KO (Coca-Cola) (crescita organica del 4% nel 2018) e quella relativamente morbida (2-2,5%) di PEP (Pepsi), le azioni di PEP sono probabilmente sottoperformanti rispetto a quelle di KO “, ha scritto Judy Hong in una nota indirizzata ai clienti lo scorso lunedì.

Le azioni Coca-Cola sono aumentate dello 0,7% nelle contrattazioni del mercato principale martedì, mentre Pepsi ha perso lo 0,8%. L’obiettivo di prezzo di 12 mesi di Goldman Sachs per Coca-Cola di $ 46 per azione si basa su un rapporto prezzo / guadagni di 20 volte.

Il mercato delle bevande (in inglese Marchent Beverage) è la scelta preferita di Judy Kong per quanto riguarda le bevande, per il suo potenziale di crescita a livello internazionale. In realtà, l’azienda nel complesso è ribassista nel settore dei beni di prima necessità, di cui Coca-Cola e Pepsi sono membri.

“Dati i tassi in aumento, si veda ancora il lato negativo della valutazione di Staples: la relazione storica tra la valutazione relativa del mercato di Staples e i movimenti nel rendimento a 10 anni, in generale fanno rimanere in previsioni a basso tasso”, ha scritto la Hong. Ricordiamo che Staples è leader nel settore delle forniture per ufficio. Presente in 30 paesi europei e 20 mercati nel mondo, aiutando i lienti a raggiungere i propri obiettivi di business.

La pubblicità di Coca Cola arriva nelle auto?

Coca-Cola si sta unendo agli inserzionisti che sperano di connettersi ai consumatori mentre sono in viaggio. Nei decenni passati, ciò non sarebbe stato possibile. Dopo tutto, un potenziale cliente non diventerebbe mai un cliente vero e proprio, se fosse al volante a contemplare un cartello pubblicitario piuttosto che la strada che ha davanti.

Nel 2018, tuttavia, più consumatori stanno utilizzano app come Lyft o Uber. E ci si attende che i consumatori statunitensi optino maggiormente per i veicoli di ride-sharing o self-driving tra il 2020 e il 2040, secondo Loup Ventures, una società di venture capital che studia le tecnologie emergenti.

Coca Cola vuole essere della partita. “Le persone trascorrono sempre più tempo nella loro automobili e in veicoli di condivisione del viaggio, e vogliamo essere presenti “, afferma John Carroll, vicepresidente e direttore generale dell’e-commerce per Coca-Cola, in un’intervista. “Consideriamo questo come un primo passo.”

Coca-Cola ha stretto una partnership con Cargo, una società specializzata nella vendita di prodotti in car sharing. Ad Atlanta, la sede centrale della Coca-Cola, i conducenti di auto condivise saranno in grado di offrire la smartwater di Coca-Cola insieme ad altri prodotti come Sour Patch Kids o caricatori telefonici ai passeggeri. I passeggeri possono ordinare i prodotti in auto attraverso il menu digitale di Cargo sul proprio smartphone, inserendo il codice del conducente; selezionando poi un prodotto e premendo un pulsante.

L’autista può erogare i prodotti una volta che l’auto si ferma. RELATEDNBCU si unirà a “Open A.P.” a disposizione del pubblico guidato da Turner, Fox, Viacom. CBS presenta il gruppo di vendita dedicato ai nuovi formati di annunci innovatori “C’è una sorta di terzo spazio che emerge nei veicoli in condivisione. Non è a casa. Né a lavoro. È una via di mezzo “, afferma Jeffrey Cripe, fondatore di Cargo.

I consumatori trascorrono molto più tempo qui e pensiamo che dovrebbero aspettarsi maggiore produttività e comfort. Molti produttori di automobili e altri inserzionisti hanno lavorato per aprire l’automobile e renderla un paradiso per nuovi tipi di commercio. La teoria è che i nuovi sviluppi della tecnologia automobilistica lasceranno ai consumatori molto più tempo a disposizione. Forse tra un paio d’anni il parabrezza della nostra auto sarà il nuovo schermo TV”, ha detto Lyle Schwartz, presidente per l’area Nord America di GroupM di WPP, l’anno scorso a Variety.

“Saremo in grado di capire quale film vedremo in seguito, o in quale hotel vogliamo andare, o quale viaggio vogliamo fare dopo che saremo sulla Long Island Expressway.”

Ma sono tante altre le iniziative. A fine 2017, è stata introdotta da General Motors una nuova app in-car che consente ai conducenti di ordinare cibo da Applebees o Dunkin Donuts o trovare una stazione di servizio Shell. Ford Motor ha escogitato un modo per consentire ai conducenti di ordinare il caffè Starbucks utilizzando Alexa di Amazon.

Raggiungere i consumatori attraverso un cruscotto sempre più avanzato è un’impresa relativamente semplice, osserva Subodha Kumar, professore di supply chain, marketing, sistemi informativi e scienza statistica presso Temple Università della Fox School of Business. “La maggior parte delle nuove auto ha capacità sufficienti per archiviare, trasmettere e ricevere dati, oltre a comunicare parzialmente tra loro”, osserva.

“La pubblicità in-car può essere molto più potente e accurata di qualsiasi altra modalità perché non solo conosce la posizione precisa, ma conosce anche la destinazione prevista tramite GPS o altro metodo”. E poi aggiunge: “gli inserzionisti possono anche utilizzare le informazioni sul conducente e sulla posizione del veicolo per offrire annunci molto più personalizzati”.

Con questa facilità di accesso, tuttavia, il rischio di generare fastidio negli utenti finali è maggiore. “Devi essere cauto nell’invadere lo spazio di qualcuno”, dice Kim Saxton, professore associato di marketing alla Kelley School of Business della Indiana University. “Dovrà essere breve, orientato all’azione, e sarai molto più efficace se basato sulla posizione.”

Mentre le auto iniziano a guidare se stesse, è chiaro che i marketer vedono un pubblico “prigioniero” al loro interno. “Le auto non saranno davvero auto. Saranno solo spazi mobili “, spiega Cripe. “L’esperienza di un passeggero verrà completamente reinventata”. La via sembra dunque questa: mentre l’auto porta a destinazione, noi osserveremo un po’ di pubblicità.

Coca Cola lancia barattoli con figure cinesi in edizione limitata

In Cina, la Coca-Cola rende omaggio a 23 diverse città cinesi con barattoli in edizione limitata che riportano le loro culture locali in formato giocoso. I disegni mostrano ogni città personificata: Chengdu, famosa per la sua cultura rilassata e i suoi panda, diventa una giovane donna rilassata in un simpatico cappello da panda.

I disegni sono di Noma Bar, illustratore israeliano, noto per il suo minimalismo e la sua capacità di creare disegni sempre molto particolari. Uno dei suoi lavori più illustri è Ad Age’s Creativity 50, che include animazioni pluripremiate per il New York Presbyterian Hospital.

Il concetto nasce da un’idea che McCann aveva lanciato all’azienda alcuni anni fa, su come le persone in Cina si identificano fortemente con la propria città di appartenenza. C’è molta migrazione all’interno della Cina, con persone che lasciano le loro città per trovare opportunità altrove.

“Quando incontri qualcuno per la prima volta, molto spesso ti diranno il loro nome e la città da cui provengono”, dice Richard Cotton, responsabile contenuti, creative & design, di Coca-Cola Greater China & Korea. A riprova del fatto che ci tengono alle proprie origini e radici.

Mentre Coca-Cola aveva fatto delle lattine con dei punti di riferimento su di esse in Giappone, il marchio stava cercando qualcosa di diverso in Cina.

“Con lo sviluppo della campagna, il grande passo avanti è stato rendersi conto che le persone non si identificano con i punti di riferimento: ciò che costituisce la città è la gente, la sua cultura e le varie sfumature e sapori”, afferma Cotton. Alcune lattine hanno punti di riferimento iconici su di loro insieme a segnali culturali più sottili.

Il disegno del barattolo dedicato a Shanghai mostra una donna con i capelli raccolti sotto forma di un iconico grattacielo locale, l’Oriental Pearl Tower, ma fa anche riferimento alla scena della moda della città mettendola in un abito tradizionale qipao. La lattina per Changsha include un famoso padiglione locale, ma si riferisce all’amore della città per il cibo speziato modellando i capelli del personaggio a forma di fiamma.

Ma la novità non termina qui. Attraverso una collaborazione con il gigante della ricerca Baidu, le persone possono scansionare le lattine con i loro smartphone per sbloccare Animazioni AR. La campagna include annunci stampa, cartelloni pubblicitari e il cantante-attore Lu Han. Cia Hatzi, chief client officer per McCann Worldgroup APAC, afferma che è la prima volta che Coca Cola manda il suo jingle “Taste the Feeling” in dialetti locali cinesi, come lo Shanghainese.

Come cambiano i tempi. Una multinazionale americana fa breccia nella Grande muraglia cinese, fino a fare satira, o quasi, sulle sue culture locali. E’ la globalizzazione, bellezza. O no?

Coca cola lancia la prima granita

Con l’arrivo del caldo, cosa c’è di meglio di una bella Coca Cola fredda? E magari di una granita? La bevanda gassata più amata al mondo sta pensando anche a ciò. Lanciando la prima Coca Cola in granita al Mondo.

Certo, ci sono tante imitazioni di Coca Cola, che hanno proposto ghiaccioli, polaretti e appunto granite. Ma ora sta arrivando la prima granita ufficiale della Coca-Cola. Si chiamerà Coca-Cola Frozen Lemon, per la quale sono serviti otto anni di produzione, ma per il momento sta raggiungendo il mercato solo in Giappone.

Disponibile in sacchetti, l’idea è che i consumatori potranno massaggiarlo fino a quando non avranno ottenuto il proprio livello preferito di croccantezza. Sarà venduto sia congelato che non congelato, consentendo ai clienti di portare a casa i sacchetti e congelarli da soli.

L’azienda è così sicura della sua nuova confezione che ha lanciato anche sacchetti Fanta congelati. La variante al limone è stata lanciata nel 2001 e l’azienda spera che il sapore si presti perfettamente anche alla forma ghiacciata.

Nel Regno Unito, ad esempio, sono approdati la Coca Cola Zero a pesca, mango e ciliegia in vista della primavera. Già in auge negli Usa e in Giappone. E in Italia, quando vedremo tutte queste novità?

Coca Cola, la più amata tra le bevande gassate

Coca-Cola, o Coca-Cola, è una bevanda gassata prodotta da The Coca-Cola Company. Originariamente intesa come medicina brevettuale, fu inventata alla fine del XIX secolo da John Pemberton e fu acquistata dall’uomo d’affari Asa Griggs Candler, le cui tattiche di marketing portarono Coca-Cola al suo predominio nel mercato mondiale delle bevande analcoliche per tutto il XX secolo.

Il nome della bevanda si riferisce a due dei suoi ingredienti originali, che erano noci di cola (una fonte di caffeina) e foglie di coca. L’attuale formula di Coca-Cola rimane un segreto commerciale, sebbene siano state pubblicate una varietà di ricette e di edizioni sperimentali. La Coca-Cola Company produce il concentrato, che viene poi venduto agli imbottigliatori Coca-Cola in tutto il mondo. Gli imbottigliatori, che detengono contratti territoriali esclusivi con l’azienda, producono il prodotto finito in lattine e bottiglie dal concentrato, in combinazione con acqua filtrata e dolcificanti.

Gli imbottigliatori vendono, distribuiscono e commercializzano Coca-Cola in negozi, ristoranti e distributori automatici in tutto il mondo. La Coca-Cola Company vende anche bevande destinate ai principali ristoranti e distributori di cibo.

La Coca-Cola Company ha introdotto occasionalmente altre bibite cola sotto il nome di Coca-Cola. Il più comune di questi è Diet Coke, insieme ad altri che includono Coca-Cola senza caffeina, Diet Coke senza caffeina, Coca-Cola Zero Sugar, Coca-Cola Cherry, Coca-Cola Vanilla e versioni speciali con limone, lime, e caffè.

Secondo l’indagine del “best global brand” di Interbrand del 2015, Coca-Cola è stato il terzo marchio più prezioso del mondo, dopo Apple e Google. Nel 2013, i prodotti della Coca-Cola sono stati venduti in oltre 200 paesi in tutto il mondo, con i consumatori che hanno bevuto più di 1,8 miliardi lattine ogni giorno.

Coca Cola storia

Coca Cola origini

Il colonnello confederato John Pemberton, che fu ferito nella guerra civile americana e divenne dipendente dalla morfina, iniziò una ricerca per trovare un sostituto a questa medicina. Il prototipo della ricetta Coca-Cola è stato formulato dalla Eagle Drug and Chemical House di Pemberton, una farmacia di Columbus, in Georgia, originariamente venduta come vino di coca. Potrebbe essere stato ispirato dal formidabile successo di Vin Mariani, un vino di coca francese.

Vale anche la pena notare che una bevanda spagnola chiamata “Kola Coca” è stata presentata a Philadelphia nel 1885, un anno prima della nascita ufficiale di Coca-Cola. I diritti per questa bevanda spagnola furono acquistati da Coca-Cola nel 1953. Nel 1885, Pemberton registrò il suo tonico francese Wine Coca. Nel 1886, quando la contea di Atlanta e Fulton approvò la legislazione sui divieti, Pemberton rispose sviluppando la Coca-Cola, una versione non alcolica della francese Wine Coca.

Le prime vendite avvennero alla Jacob’s Pharmacy ad Atlanta, in Georgia, l’8 maggio 1886. Inizialmente è stato venduto come medicinale brevettato per cinque centesimi a bicchiere, che all’epoca erano popolari negli Stati Uniti a causa della convinzione che l’acqua gassata fosse buona per la salute. Pemberton ha affermato che la Coca-Cola ha curato molte malattie, tra cui la dipendenza da morfina, l’indigestione, i disturbi nervosi, il mal di testa e l’impotenza.

Pemberton pubblicò la prima pubblicità della bevanda il 29 maggio dello stesso anno nell’Atlanta Journal.Nel 1888, tre versioni di Coca-Cola – vendute da tre aziende separate – erano sul mercato. Una partnership era stata costituita il 14 gennaio 1888 tra Pemberton e quattro uomini d’affari di Atlanta: J.C. Mayfield, A.O. Murphey, C.O. Mullahy ed E.H. Bloodworth. Non codificata da alcun documento firmato, una dichiarazione verbale data da Asa Candler anni dopo affermò, sotto la sua testimonianza, di aver acquisito una partecipazione nella società di Pemberton già nel 1887.

John Pemberton dichiarò che il nome “Coca-Cola” apparteneva a suo figlio, Charley, ma gli altri due produttori potevano continuare a usare la formula. Il record di controllo di Charley Pemberton sul nome “Coca-Cola” era il fattore sottostante che gli permise di partecipare come azionista di maggioranza nel marzo 1888 alla costituzione della Coca-Cola Company a suo padre.

Il controllo esclusivo di Charley sul nome di “Coca-Cola” divenne una spina nel fianco di Asa Candler. Il figlio maggiore di Candler, Charles Howard Candler, scrisse un libro nel 1950, pubblicato dalla Emory University. In questa biografia definitiva su suo padre, Candler afferma espressamente: “il 14 aprile 1888, il giovane farmacista Asa Griggs Candler acquistò un terzo interesse nella formula di un elisir quasi completamente sconosciuto noto come Coca-Cola”.

Coca Cola e le vicende giudiziarie

Nel 1892, Candler decise di incorporare una seconda compagnia; “The Coca-Cola Company” (l’attuale corporazione). Quando Candler ebbe le prime registrazioni della “Coca-Cola Company” nel 1910, l’azione fu rivendicata durante un trasferimento a nuovi uffici della società in quel periodo.

Dopo che Candler aveva conquistato una posizione migliore su Coca- Cola nell’aprile del 1888, tuttavia, fu costretto a vendere la bevanda che produceva con la ricetta che aveva con i nomi “Yum Yum” e “Koke”. Questo mentre Charley Pemberton vendeva l’elisir, sebbene fosse una miscela più cruda, con il nome di “Coca-Cola”, il tutto con la benedizione di suo padre. Dopo che entrambi i nomi non riuscirono a prendere il posto di Candler, verso la metà del 1888, il farmacista di Atlanta era piuttosto ansioso di stabilire un più solido ricorso legale alla Coca-Cola, e sperava di poter costringere i suoi due concorrenti, Walker e Dozier, completamente fuori dal affari, come pure.

Il 16 agosto 1888, il Dr. John Stith Pemberton morì improvvisamente; Asa G. Candler ha poi cercato di spostarsi rapidamente in avanti per raggiungere la sua visione di assumere il pieno controllo dell’intera operazione Coca-Cola. Charley Pemberton, un alcolizzato, è stato l’unico ostacolo che ha innervosito Asa Candler più di chiunque altro. Si dice che Candler abbia rapidamente manovrato per acquistare i diritti esclusivi sul nome “Coca-Cola” dal figlio di Pemberton, Charley, subito dopo la morte del Dr. Pemberton.

Una delle varie storie dice che Candler ha acquistato il titolo per il nome dalla madre di Charley per $ 300; avvicinandola al funerale del Dr. Pemberton. Alla fine, Charley Pemberton fu trovato il 23 giugno 1894, privo di sensi, con un pezzo di oppio al suo fianco. Dieci giorni dopo, Charley morì al Grady Hospital di Atlanta all’età di 40 anni.

Nel libro di Charles Howard Candler del 1950 su suo padre, dichiarò: “Il 30 agosto 1888, Asa Candler divenne l’unico proprietario di Coca -Cola, un fatto che è stato dichiarato su carta intestata, fattura e copia pubblicitaria.” Con questa azione del 30 agosto 1888, l’unico controllo di Candler divenne tecnicamente completo. Candler aveva negoziato con Margaret Dozier e suo fratello Woolfolk Walker, un pagamento completo di $ 1.000, il che consentiva a Candler di pagare con una serie di note in un arco di tempo specificato.

Il 1 ° maggio 1889, Candler stava ora rivendicando la piena proprietà della bevanda Coca-Cola, con un investimento totale di Candler per l’impresa di bevande nel corso degli anni pari a $ 2.300. Nel 1914, Margaret Dozier, come comproprietario della Coca-Cola Company originale del 1888, si fece avanti per rivendicare che la sua firma sul conto di vendita della Coca-Cola Company del 1888 fosse stata falsificata.

L’analisi successiva di alcuni documenti di trasferimento simili aveva anche indicato che la firma di John Pemberton era probabilmente anche un falso, che alcuni resoconti affermano che era stata apposta da suo figlio Charley.

Il 12 settembre 1919, la Coca-Cola Co. fu acquistata da un gruppo di investitori per $ 25 milioni. La società ha offerto pubblicamente 500.000 azioni della società per $ 40 per azione. Nel 1986, The Coca-Cola Company si è fusa con due dei suoi operatori di imbottigliamento (di proprietà di JTL Corporation e BCI Holding Corporation) per formare Coca-Cola Enterprises Inc. (CCE).

Nel dicembre 1991, Coca-Cola Enterprises si fuse con il Johnston Coca-Cola Bottling Group, Inc.

Arriva la prima bottiglia

Il primo imbottigliamento della Coca-Cola avvenne a Vicksburg, nel Mississippi, presso la Biedenharn Candy Company nel 1894.

Il proprietario addetto all’imbottigliamento era Joseph A. Biedenharn. Le bottiglie originali erano bottiglie di Hutchinson, molto diverse dal più tardo design di gonna hobble del 1915, ormai così familiare. Fu poi qualche anno dopo che due imprenditori di Chattanooga, Tennessee, Benjamin F. Thomas e Joseph B. Whitehead, propose l’idea dell’imbottigliamento era talmente persuasiva che Candler firmò un contratto che dava loro il controllo della procedura per un solo dollaro.

Candler non raccolse mai il suo dollaro, ma nel 1899 Chattanooga divenne il sito della prima azienda imbottigliatrice della Coca-Cola. Candler è rimasto molto contento solo vendendo lo sciroppo della sua azienda. Il contratto generico si è rivelato problematico per The Coca-Cola Company per i decenni a venire. Le questioni legali non sono state aiutate dalla decisione degli imbottigliatori di subappaltare ad altre società, diventando effettivamente imbottigliatori affiliati.

Questo contratto specificava che le bottiglie sarebbero state vendute a 5 ¢ ciascuna e non avevano una durata fissa, portando al prezzo fisso di Coca-Cola dal 1886 al 1959.

Coca Cola nel nuovo Millennio

Il 5 luglio 2005, è stato rivelato che la Coca-Cola avrebbe ripreso le operazioni in Iraq per la prima volta da quando la Lega Araba ha boicottato la compagnia nel 1968. La rimozione di Saddam Hussein ha permesso d’altronde ciò.

Nell’aprile 2007, in Canada, il nome “Coca-Cola Classic” è stato cambiato di nuovo in “Coca-Cola”. La parola “Classic” è stata rimossa perché “New Coke” non era più in produzione, eliminando la necessità di differenziare i due prodotti. La formula è rimasta invariata. Nel gennaio 2009, Coca-Cola ha smesso di stampare la parola “Classic” sulle etichette di 16 bottiglie statunitensi di once liquide (470 ml) vendute in parti del sud-est degli Stati Uniti.

Il cambiamento fa parte di una strategia più ampia per ringiovanire l’immagine del prodotto. La parola “Classic” è stata rimossa da tutti i prodotti Coca-Cola dal 2011. Nel novembre 2009, a causa di una disputa sui prezzi all’ingrosso dei prodotti Coca-Cola, Costco ha smesso di rifornire gli scaffali di Coke e Diet Coke per due mesi. Un accordo separato sui diritti di vendita nel 2013 ha visto la rimozione dei prodotti della Coca dai tribunali Costco a favore di Pepsi.

Alcune località di Costco (come quelle di Tucson, Arizona) vendono inoltre Coca-Cola importata dal Messico con zucchero di canna anziché sciroppo di mais da distributori separati. Coca-Cola ha introdotto il mini-bar da 7,5 once nel 2009 e il 22 settembre 2011 la società ha annunciato riduzioni di prezzo, chiedendo ai rivenditori di vendere otto confezioni per $ 2,99. Quello stesso giorno, Coca-Cola ha annunciato che la bottiglia da 0,36 cl doveva essere venduta a 89 centesimi. Una bottiglia da mezzo litro a 99 centesimi da quando è stata reintrodotta, ma il prezzo è salito a $ 1,19.

Nel 2012, Coca-Cola ha ripreso attività in Myanmar dopo 60 anni di assenza a causa dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti contro il paese, essendovi una dittatura militare. L’impianto di imbottigliamento di Coca-Cola è stato insediato a Yangon e fa parte del piano quinquennale dell’azienda e di $ 200 milioni di investimenti in Myanmar.

Coca-Cola con i suoi partner investirà 5 miliardi di dollari nelle sue operazioni in India entro il 2020. Nel 2013 è stato annunciato che la Coca-Cola Life sarebbe stata introdotta in Argentina contenendo stevia e zucchero. Nell’agosto 2014 la società ha annunciato che stava creando una partnership a lungo termine con Monster Beverage, con due strategie di marketing e alleanza di distribuzione e scambio di linee di prodotti.

Come parte dell’accordo, Coca-Cola avrebbe acquisito una quota del 16,7% in Monster per $ 2,15 miliardi, con un’opzione per aumentarla al 25%. Nel marzo 2018, Coca-Cola ha annunciato che avrebbe lanciato per la prima volta una bevanda alcolica, un prodotto chūhai in Giappone. Il paese asiatico, del resto, fa spesso da “cavia” per la multinazionale delle bibite gassate. Dato che qui arrivano sovente prodotti in esclusiva. Poi eventualmente lanciati in altri Paesi.

Coca Cola ingredienti

Quali sono gli ingredienti della classica Coca Cola? I seguenti:

  • Acqua gassata
  • Zucchero (saccarosio o sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFCS) a seconda del paese di origine)
  • Caffeina
  • Acido fosforico
  • Colore caramellato (E150d)
  • Aromi naturali

Una tipica lattina di Coca-Cola (contiene 38 grammi di zucchero (solitamente sotto forma di HFC), 50 mg di sodio, 0 grammi di grassi, 0 grammi di potassio e 140 calorie. Il 5 maggio 2014, Coca-Cola ha detto che sta lavorando per rimuovere un ingrediente controverso, l’olio vegetale bromurato, da tutte le sue bevande.

Coca Cola varianti

Ecco tutte le numerose varianti di Coca Cola, sia passate che presenti:

  • Coca-Cola senza caffeina (1983-presente)
  • Coca Cola Cherry (1985-presente) Coca-Cola con un sapore di ciliegia. E’ disponibile in Canada a partire dal 1996. Originariamente chiamato Cherry Coke (Cherry Coca-Cola) in Nord America fino al 2006
  • New Coke / Coca-Cola II (1985-2002) – Un cambiamento di formula impopolare, rimasto dopo che la formula originale tornò rapidamente ed è stato successivamente ribattezzato Coca-Cola II
  • Golden Coca-Cola (2001) era un’edizione limitata prodotta dalla società Coca-Cola di Pechino per celebrare la fortunata candidatura di Pechino ad ospitare le Olimpiadi
  • Coca-Cola with Lemon (2001-05) Coca- Cola con un sapore di limone. Disponibile in: Australia, Samoa americane, Austria, Belgio, Brasile, Cina, Danimarca, Federazione di Bosnia ed Erzegovina, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Islanda, Corea, Lussemburgo, Macao, Malesia, Mongolia, Paesi Bassi, Nuova Caledonia, Nuova Zelanda, Riunione, Singapore, Spagna, Svizzera, Taiwan, Tunisia, Regno Unito, Stati Uniti
  • Coca-Cola Vanilla (2002-05; 2007-oggi) – Coca-Cola con aroma di vaniglia. Disponibile in: Austria, Australia, Cina, Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Hong Kong, Nuova Zelanda, Malesia, Slovacchia, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. È stato reintrodotto nel giugno 2007 dalla domanda popolare.
  • Coca-Cola con Lime (2005-presente) Coca-Cola con un sapore di lime. Disponibile in Belgio, Paesi Bassi, Singapore, Canada, Regno Unito e Stati Uniti.
  • Coca-Cola Raspberry (2005) Coca-Cola con aroma di lampone. Era disponibile solo in Nuova Zelanda. Attualmente disponibile negli Stati Uniti e nel Regno Unito come Coca-Cola Freestyle dal 2009
  • Coca-Cola Black Cherry Vanilla (2006-07) Coca-Cola con una combinazione di aroma di amarena e vaniglia. Sostituito da Vanilla Coke nel giugno 2007
  • Coca-Cola Blāk (2006-08) Coca-Cola con un ricco sapore di caffè, la formula dipende dal paese. Disponibile solo negli Stati Uniti, Francia, Canada, Repubblica Ceca, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria e Lituania Coca-Cola Citra (2005-oggi) Coca-Cola con aroma di agrumi. Disponibile solo in Bosnia-Erzegovina, Nuova Zelanda e Giappone
  • Coca-Cola Orange (2007) – Coca-Cola con aroma di arancia. Era disponibile nel Regno Unito e a Gibilterra per un periodo limitato. In Germania, Austria e Svizzera è venduto con l’etichetta Mezzo Mix. Attualmente disponibile negli outlet Coca-Cola Freestyle negli Stati Uniti dal 2009 e nel Regno Unito dal 2014
  • Coca-Cola Life (2013-oggi) – Una versione di Coca-Cola con stevia e zucchero come dolcificanti piuttosto che semplicemente zucchero
  • Coca-Cola Ginger (2016-presente) – Una versione che mescola il gusto della birra allo zenzero. Disponibile in Australia, Nuova Zelanda e in edizione limitata in Vietnam
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY