Cinesi puntano anche ai porti di Trieste, Venezia e Ravenna

La Cina è vicina. Anzi è già qui, è anche da tempo. Ed ora avanza pure verso i porti del Nord-est. Più precisamente, i capitalisti cinesi sono interessati al porto di Trieste e non in maniera casuale. Visto che il porto triestino sta battendo tutti i record nella movimentazione merci, perfino insidiando i numeri del principale porto europeo: quello olandese di Rotterdam.

Stando a quanto racconta Zeno D’Agostino, presidente del sistema portuale di Trieste, lo scalo è diventato il punto di riferimento dell’est Europa. In forte crescita. Ma non solo. Anche per la rinomata Germania, dato che per il paese teutonico partono 10mila treni-merci all’anno. Il prossimo obiettivo è la realizzazione di una linea ferroviaria tra Trieste e Chengdu, che passi per gli snodi logistici di Duisburg e Budapest.

Ma a parte Trieste, anche un porto di Venezia e di Ravenna è attenzionato dalle fauci fameliche dei capitalisti cinesi. Sono ben tre i colossi cinesi che stanno puntando su queste tre città e i loro porti. Vediamo i tre progetti di seguito:

China Communication Construction Company punta su Venezia

CCCC (acronimo di China Communication Construction Company) punta ad un investimento da circa 1,3 miliardi di euro, al fine di realizzare la «banchina alti fondali» davanti alla bocca di porto di Malamocco, un’area importante dove ora ci sono i cassoni del Mose. Il progetto che dovrebbe proteggere la meravigliosa città lagunare dall’acqua sempre più alta. Si tratterebbe quindi di un terminal on-shore di transito verso lo scalo di Porto Marghera.

Chi è CCCC? E’ una società di ingegneria e costruzione multinazionale quotata in borsa, impegnata principalmente nella progettazione, costruzione e gestione di infrastrutture, incluse autostrade, ponti, gallerie, ferrovie (specialmente ferrovia ad alta velocità), metropolitane, aeroporti e porti marittimi. Tramite le sue sussidiarie, CCCC ha piena capacità EPC e persegue attivamente progetti P3, spesso agendo come concessionario. Inoltre, l’azienda fornisce servizi di dragaggio e si impegna nella progettazione e costruzione di piattaforme petrolifere.

Nel 2018, CCCC e le sue affiliate erano elencate al # 3 nella lista ENR dei Top 250 International Contractors, classificandosi al primo posto nella categoria Trasporti, e al primo posto tra le imprese cinesi in termini di entrate da progetti all’estero. La Società è anche la # 91 sulla lista Global 500 di Fortune.

CCCC è un investitore azionario attivo in progetti infrastrutturali a livello globale ed è classificato # 41 nella lista Investor 50 dell’infrastruttura compilata da Private Equity International (PEI), appena al di sotto di fondi infrastrutturali consolidati come Oaktree (# 38), The Carlyle Group (n. 39), GSIP (n. 36) e Axium (n. 34).

I predecessori del CCCC possono essere fatti risalire alla dinastia Qing, quando nel 1905 fu istituito l’ufficio tecnico Junpu. La società è stata formata ufficialmente nel 2005 dalla combinazione di China Road e Bridge Corporation (CRBC) e China Harbor Engineering Co. (CHEC), che si occupano rispettivamente di infrastrutture di trasporto e infrastrutture marittime. Nel 2006, la società ha quotato le azioni sulla Borsa di Hong Kong, seguita da una quotazione alla Borsa di Shanghai nel 2012.

La società detiene ora ulteriori sussidiarie: John Holland Group, una società di costruzioni con sede in Australia e focalizzata sulle infrastrutture; e Friede & Goldman, che progettano navi offshore per l’industria petrolifera e del gas.

Ambito delle attività di ingegneria di strade e ponti e costruzioni:

  • La più grande azienda di progettazione e costruzione di ponti e autostrade al mondo.
  • Il più grande contraente internazionale dell’Asia.
  • Il più grande investitore di superstrade in Asia.
  • Progettato o costruito cinque dei dieci ponti strallati più lunghi del mondo in termini di estensione del ponte.
  • Progettato o costruito sette dei 18 ponti sospesi del mondo con una campata principale di oltre 1000 metri.
  • Progettato o costruito sei dei dieci più grandi ponti trasversali del mondo.

Portata dell’ingegneria portuale, della costruzione e delle attività nel settore portuale / marittimo:

  • La più grande azienda di progettazione e costruzione portuale del mondo.
  • Progettato e costruito in modo indipendente sette dei dieci porti più grandi del mondo in termini di throughput.
  • La più grande compagnia di dragaggio del mondo.
  • La più grande società di progettazione di piattaforme petrolifere offshore al mondo.

Venezia interessa anche Cosco

Venezia però interessa anche i cinesi di Cosco, i quali già controllano lo scalo greco dopo aver rinunciato al porto di Taranto, a causa dei suoi fondali considerati troppo bassi. Il porto di Venezia ha appena inaugurato una linea settimanale per il traffico container con il porto del Pireo. Proprio grazie agli investimenti asiatici.

Per comprendere l’importanza del progetto, basta solo dire che Pino Musolino, presidente dell’authority portuale di Venezia, lo considera il primo passo per poter sviluppare la nuova Via della Seta immaginata dal presidente cinese Xi Jinping.

La compagnia cinese Cosco è stata fondata nella Repubblica Popolare Cinese nel 2005. È l’ammiraglia quotata e una filiale della China Ocean Shipping (Group) Company (“Gruppo COSCO”), la più grande compagnia di navigazione integrata in Cina e la seconda più grande al mondo.

China COSCO offre un’ampia gamma di spedizioni di container, spedizioni di rinfuse solide, logistica di terzi, spedizioni, terminal e leasing di container a livello nazionale e internazionale. Ha sede a Shanghai. Il 30 giugno 2005, le sue azioni H erano quotate alla Borsa di Hong Kong. Il 26 giugno 2007, le sue azioni A erano quotate alla Borsa di Shanghai. La Cina COSCO ha registrato una perdita per gli esercizi finanziari 2011 e 2012 e potrebbe subire un delisting dalla Borsa di Shanghai se avesse subito una perdita per il terzo anno consecutivo.

Il 27 marzo 2013, la cinese COSCO ha registrato un utile di 235,47 milioni di RMB per l’esercizio 2013 ed evitato l’eventuale delisting

Nel dicembre 2015, il Gruppo COSCO ha subito una profonda riorganizzazione con China Shipping Group per formare la nuova Cina COSCO Shipping Corporation Limited. Come parte della riorganizzazione, la Cina COSCO venderebbe il 100% delle partecipazioni in Cina COSCO Bulk Shipping (Group) Co., Ltd. al Gruppo COSCO, che rappresenta lo smaltimento della sua attività di trasporto di rinfuse secche.

Dopo la riorganizzazione, China COSCO si concentrerà sulle attività di trasporto di container. Inoltre, la Cina COSCO acquisterà determinate quote di capitale di un totale di 30 società di agenzie onshore da China Shipping Container Lines (“CSCL”) e dalla sua controllata. La China COSCO stipulerebbe inoltre un contratto di affitto con la CSCL, in base al quale affitterebbe le navi e i contenitori di proprietà o gestiti da quest’ultima.

Dopo la transazione e l’accordo, China COSCO acquisirà le attività relative ai servizi container precedentemente di proprietà di CSCL e diventerà uno dei principali fornitori di servizi di spedizione e terminal di container al mondo

China Merchant Port Holding punta al porto di Trieste

China Merchant Port Holding vuole rilevare una partecipazione rilevante dai soci italiani (il gruppo Parisi e la Icop) nel porto di Trieste tramite la società che controlla la cosiddetta «Piattaforma logistica». Si tratta della più imponente opera in costruzione nel sistema portuale italiano.

China Merchant Port Holding avrebbero vinto la concorrenza dei singaporiani di Psa che già controllano il terminal di Voltri a Genova. Ma non solo. Anche degli emiratini di Dubai Ports World e del fondo sovrano del Qatar.

Perchè tanto interesse per questa infrastruttura? In quanto è progettata per accogliere navi portacontainer, traffici di rotabili. Vanta fondali superiori ai 14 metri e un futuro che prevede la realizzazione di una grande piastra ferroviaria mediante gli investimenti immaginati da Ferrovie dello Stato mediante la società controllata Rfi.

Il progetto, infine, prevede anche la partecipazione di una parte dell’acciaieria Ferriera di Giovanni Arvedi. La quale si è già detta disponibile a riconvertirla per ospitare container per le merci.

China Merchants Port Holdings Company Limited (SEHK: 144) è un importante conglomerato con sede a Hong Kong ed è coinvolto in una serie di attività quali operazioni portuali, trasporto di merci in serie e in generale, attività di container e spedizione, trasporto aereo, logistica e prodotti vernicianti. Il predecessore della casa madre fu fondato nel 1872 ed era il principale gruppo industriale e commerciale della Cina continentale.

Il 16 giugno 1997 la società ha adottato il titolo China Merchants Holdings (International) Company Limited. Il 15 luglio 1997 la società era quotata alla Borsa di Hong Kong. Il 10 agosto 2016, la società ha adottato il suo attuale titolo.

Nella revisione trimestrale della composizione dell’indice Hang Seng conclusa il 29 giugno 2018, è stato annunciato dalla Hang Seng Indexes Company che il China Merchants Port sarà rimosso dalle azioni costituenti a partire dal 10 settembre 2018 e sostituito da un altro. La decisione di rimuovere China Merchants Port è stata dovuta al volume di affari e alla capitalizzazione di mercato che non ha soddisfatto i requisiti minimi.

Non solo Nord-est, China Merchants Group punta su Ravenna

Non solo Nord-est, però, tra gli obiettivi dei cinesi. China Merchants Group, con base ad Hong Kong, ha avviato recentemente un centro di ricerca e sviluppo nel porto di Ravenna nel campo dell’ingegneria navale.

China Merchants Group è una società statale della Repubblica popolare cinese. È il principale azionista di China Merchants Holdings (International) (55,4%) e China Merchants Bank (18%). La sede centrale della società si trova all’ultimo piano della China Merchants Tower, Centro Shun Tak, Hong Kong.

La società attualmente possiede:

  • China Merchants Holdings (International) (SEHK: 144) (55,4%)
  • China Merchants Holdings (Pacific) (SGX: C22) (CMHI detiene il 78,41%)
  • China Nanshan Development (Group) Corporation (CMHI detiene il 37% come principale azionista, il governo è l’ultimo azionista)
  • Shenzhen Chiwan Wharf Holdings Limited (SZSE: 000022)
  • Chiwan Container Terminal Co. Ltd.
  • Shekou Container Terminals Limited (CMHI detiene direttamente l’80%, detiene il 20% di Modern Terminals Limited)
  • Modern Terminals Limited (CMHI detiene il 27% come secondo maggiore azionista)
  • China Merchants Shenzhen Xunlong Shipping Co. Ltd
  • China Merchants Shekou Industrial Zone Co. Ltd. (interamente controllata)
  • China Merchants Property Development Co. Ltd. (SZSE: 000024) (Shekou Industrial Zone Co. possedeva il 50,9%)
  • China Merchants Technology (posseduta al 100%)
  • China Merchants Energy Shipping (SSE: 601872) (54,1%)
  • Hong Kong Ming Wah Shipping (interamente controllata da CM Energy Shipping)
  • Centro di sviluppo economico del trasporto di Hua Jiang (interamente controllata)
  • China Merchants Fiancee Holdings (interamente controllata)
  • China Merchants Industry Holdings (interamente controllata)
  • Fornitori di macchinari marini di Hoi Tung (interamente controllata)
  • China Communications Import & Export Corporation (interamente controllata)
  • China Merchants Chongqing Communications Research & Design Institute Co., Ltd. (interamente controllata)
  • Zona commerciale della Cina Zhangzhou Development Zone (78%)
  • China Merchants Securities (51,72%)
  • Hua Bei Expressway
  • Sinotrans e CSC Holdings
  • Sinotrans Limited (in precedenza China National Foreign Trade Transportation Corporation)
  • China Changjiang National Shipping (Group) Corporation (CSC)
  • Sinotrans Shipping (direttamente detenuta, non tramite la ex capogruppo Sinotrans & CSC)
  • International Marine Containers (Group) Ltd

China Merchants Steam Navigation Company era una compagnia di trasporti fondata il 16 dicembre 1872, all’epoca Ministro della Beiyang Li Hongzhang come parte del movimento di rafforzamento durante la tarda dinastia Qing. L’ottanta per cento del capitale iniziale è stato fornito dai nativi cinesi, rendendo questa la prima società di trasporti che utilizza la tecnologia moderna non basata sulla proprietà straniera.

Nel 1938, durante la seconda guerra sino-giapponese, la compagnia vendette quattro delle sue navi Haiyuan, Haili, Haichen e Haiheng alla società commerciale con sede a Hong Kong, Jardine Matheson & Co.

La società si divise a causa della guerra civile cinese. Nel 1949, la sede della compagnia fu trasferita insieme al governo della Repubblica Cinese dalla Cina continentale a Taiwan. La CMSNC di Taipei si è fusa con la Yang Ming Marine Transport Corporation il 1 ° luglio 1995. Nel frattempo, la Repubblica popolare cinese ha mantenuto la proprietà di alcune delle navi della compagnia e della filiale di Hong Kong e ha permesso a quest’ultima di mantenere il proprio nome (Cina Merchants Steam Navigation Company Limited) per evitare controversie legali.

All’inizio dell’era di Riforma e Apertura, Yuan Geng è diventato Vice Presidente di CMG nell’ottobre 1978 e lo ha utilizzato per creare la Zona Industriale Shekou. Yuan Geng in seguito ha guidato la creazione di China Merchants Bank nel 1986.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY