Chiusura di equitalia: cosa cambierà per i cittadini?

chiusura di equitalia

Per la chiusura di Equitalia si può partire dal tweet fatto questa mattina alle 10.43 dal premier Matteo Renzi: “#Bilancio2017 Equitalia era simbolo di approccio vessatorio. La chiudiamo come detto un anno fa. Pagare meno, pagare tutti. #passodopopasso“.

Cosa cambierà con la chiusura di Equitalia?

Molti cittadini hanno già iniziato a gioire vista la fine di possibili riscossioni tentate dall’agenzia più temibile e temuta d’Italia. Il governo ha però specificato che andranno pagati tutti gli insoluti del passato ma con una specie di “mora” sugli interessi, così da riuscire a recuperare circa quattro miliardi di euro e di riuscire contemporaneamente ad incentivare il debitore stesso, senza andare a tassare gli eventuali interessi.
Enrico Zanetti, viceministro di Padoan, ha così rettificato:

“Le imposte si pagano per intero, ma si fa piazza pulita di altre voci che spesso portano a raddoppiare e triplicare l’importo dovuto in cartella”

Sono state rispettate dunque le linee guida inviate dall’Europa sulla maggiore accuratezza e integrità nella riscossione di crediti fiscali. chiusura di equitalia

Quali sono i benefici della chiusura di Equitalia?

I benefici sono tangibilmente evidente per entrambe le parti: abbattimento dei debiti con interessi eccessivi per i debitori e una maggiore autonomia gestionale, con relativo abbattimento dei costi per il governo, con la riorganizzazione del sistema.

E’ stato tuttavia specificato che la chiusura di Equitalia, fa sì parte della manovra del 2017, ma richiederà ancora del tempo per rifinire a dovere ogni dettaglio dell’intervento.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY