Chargeback: cos’è, come funziona, vantaggi, alternative

Cos’è il Chargeback? Come funziona il Chargeback? Quando è possibile praticare il Chargeback? Quale rapporto c’è tra il chargeback e la contestazione di una operazione di e-commerce? Chargeback cosa significa? In questo articolo risponderemo a tutte queste domande.

A titolo introduttivo, diciamo che il chargeback è una forma di tutela per i clienti truffati dai commerciati riguardo gli acquisti effettuati sul web o comunque tramite carte di credito.

Il chargeback è stato introdotto tramite il Fair Credit Billing Act, approvato negli Usa nel 1974 al fine di proteggere i consumatori truffati principalmente da vendite telefoniche che li avevano ingannato. Negli Usa il chargeback viene regolato dal Regulation E of the Electronic Fund Transfer Act. Mentre lo storno viene processato tramite il Regulation Z of the Truth in Lending Act.

Oggi il chargeback viene usato soprattutto come mezzo di difesa contro le operazioni truffaldine a livello di e-commerce. Si pensi al mancato prelievo di fondi da broker.

Chargeback cosa significa

Cosa significa chargeback? In italiano si traduce con riaddebito, o, per usare un linguaggio più tecnico, storno. Si tratta di un addebito che viene restituito a una carta di pagamento dopo che un cliente ha contestato con successo una disputa riguardo il suo report sulle transazioni dell’account.

Chargeback cos’è

Un chargeback può verificarsi su conti bancari o carte di credito. Possono essere concessi al titolare della carta per una serie di motivi. Un riaddebito può essere considerato un rimborso poiché restituisce i fondi specificati prelevati da un account tramite un acquisto precedente. Si differenzia da una carica annullata in quanto mai completamente autorizzata per il pagamento.

I chargeback sono incentrati su addebiti che sono stati completamente elaborati e risolti. I chargeback possono spesso richiedere diversi giorni per l’esecuzione completa poiché devono essere invertiti attraverso un processo elettronico che coinvolge più entità.

Chargeback quando si verifica

Quando si verifica il chargeback? Può sorgere per molte ragioni:

  • il titolare della carta può scegliere di restituire un articolo
  • potrebbe aver subito un addebito da un commerciante per articoli che non ha mai ricevuto
  • un commerciante potrebbe aver duplicato un addebito per errore
  • un problema tecnico potrebbe aver causato un addebito errato
  • le informazioni riguardo il titolare della carta potrebbero essere state frodate

Un consumatore può avviare uno storno di addebito contattando la propria banca emittente e presentando un reclamo motivato relativo a uno o più operazioni ingiustamente addebitate nella propria dichiarazione. La minaccia di inversione forzata dei fondi fornisce ai commercianti un incentivo a fornire prodotti di qualità, un servizio clienti utile e rimborsi tempestivi a seconda dei casi. I chargeback forniscono anche un mezzo per lo storno dei trasferimenti non autorizzati a causa del furto di identità del proprietario di una carta.

Gli storni di addebito possono anche verificarsi a seguito di frode amichevole, in cui la transazione è stata autorizzata dal consumatore ma il consumatore successivamente tenta di invertire fraudolentemente le spese.

Chargeback problemi

Quali problemi possono sorgere riguardo il Chargeback? Per un titolare della carta il chargeback può risultare lento e complesso poiché richiede tempo in quanto occorre rapportarsi con il servizio clienti e può anche richiedere una ricevuta o una prova di transazione. Gli storni di addebito più comuni si verificano quando il titolare della carta sceglie di restituire un articolo.

Se è entro il periodo di tempo consentito dal commerciante, il commerciante può avviare un chargeback come rimborso. Altri chargeback possono essere più complicati. Nel caso di un addebito fraudolento, le banche sono generalmente molto favorevoli nella ricerca e nell’emissione di storni di addebito in una situazione in cui un numero di carta è stato frodato.

Le regole riguardanti il chargeback sono disponibili online per l’ispezione e la revisione pubblica. Esse comprendono un sistema per la definizione delle controversie sulle transazioni tra titolari di carte e commercianti, principalmente laddove i problemi possono essere risolti sulla base di prove documentali relative alla transazione.

Le regole prevedono l’arbitrato dei problemi da parte della società che gestisce le carte. Ciò può verificarsi quando l’emittente della carta genera un secondo (o “arbitrato”) storno di addebito nei confronti del commerciante, dopo aver ricevuto la risposta del commerciante al chargeback iniziale. Normalmente ciò richiederebbe al titolare della carta di confutare elementi della risposta del commerciante. Il secondo storno comporta un secondo accredito sul conto del titolare della carta per i fondi contestati, dopo essere stato riaccreditato al commerciante con la sua risposta al chargeback iniziale.

L’unico ricorso che può fare il commerciante dopo il secondo storno è l’avvio dell’arbitrato sulla controversia contro la società che gestisce le carte. La parte che risulta in torno è obbligata a pagare i costi dell’arbitrato.

Chargeback come funziona

Come funziona Chargeback? I chargeback possono essere avviati dal commerciante o dalla banca emittente della carta. Se avviato da un commerciante, il processo è simile a una transazione standard, tuttavia i fondi sono prelevati dal conto di un commerciante e depositati presso la banca emittente del titolare della carta.

Ad esempio, uno storno avviato da un commerciante inizia con una richiesta inviata dal commerciante stesso presso la propria banca. Quest’ultima contatterebbe quindi il circuito della carta per inviare il pagamento dal conto del cliente (in questo caso quindi il commerciante che ha richiesto lo storno) dalla banca stessa al conto del titolare della carta che ha subito il maltolto. Se viene effettuato un riaddebito dalla banca emittente, la banca emittente facilita il chargeback attraverso la comunicazione sulla loro rete di elaborazione.

La banca del commerciante riceve quindi il comunicato e autorizza il trasferimento dei fondi con la conferma del commerciante. In alcuni casi, ad esempio con addebiti fraudolenti, la banca emittente può concedere al titolare della carta uno storno di addebito, inviando contemporaneamente il reclamo a un dipartimento di riscossione. In questo caso, una banca assume la responsabilità e rimborsa il chargeback tramite fondi di riserva durante la ricerca e la risoluzione del reclamo.

Le banche dei richiedenti il chargeback possono anche addebitare commissioni per lo storno. In genere, comunque, tali commissioni sono rese chiare nel contratto. Le commissioni per lo storno vengono generalmente addebitate per coprire i costi della rete di elaborazione. Inoltre, potrebbero essere applicate ulteriori sanzioni per i chargeback nel caso in cui la colpa sia ascrivibile al commerciante.

Con ogni chargeback l’emittente seleziona e invia un codice numerico che corrisponde alla motivazione dello storno. Questo feedback può aiutare il commerciante e la sua banca a diagnosticare errori e migliorare la soddisfazione del cliente.

I codici di motivazione variano a seconda della rete bancaria, ma rientrano in quattro categorie generali:

  • Tecnico: autorizzazione scaduta, fondi insufficienti o errori di elaborazione bancaria
  • Ciclico: fatturazione duplicata, importo errato o rimborso non emesso Qualità: il consumatore afferma di non aver mai ricevuto i beni come promesso al momento dell’acquisto
  • Frode: i consumatori affermano di non aver autorizzato l’acquisto o il furto di identità.

Uno dei motivi più comuni quando si richiede un chargeback è una transazione fraudolenta. In questo caso, una carta di credito viene utilizzata senza il consenso o la corretta autorizzazione del titolare della carta. In alcuni casi, un commerciante è responsabile di addebiti fraudolentemente imposti a un cliente.

Le transazioni fraudolente con carta spesso hanno origine da criminali che ottengono l’accesso a dati di carte di pagamento sicuri e creano schemi per sfruttare i dati. In caso di transazioni non presenti sulla carta, il commerciante è solitamente responsabile del riaddebito e delle commissioni associate. Dopo l’adozione di EMV (carte con un chip), i commercianti che non hanno aggiornato la tecnologia EMV di solito diventano responsabili dei chargeback ricevuti (a meno che anche altri nella catena di pagamento non siano aggiornati) anche nei casi in cui prima dell’adozione EMV il commerciante non sarebbe responsabile.

I risparmi possono anche derivare da una controversia con il cliente sui crediti formativi. Ad esempio, un cliente può aver restituito la merce a un commerciante in cambio di credito, ma il credito non è mai stato registrato sul conto. Una controversia può anche insorgere se un cliente non riceve gli articoli che ha pagato o se gli articoli non erano quelli che si aspettava.

In questi esempi, il commerciante è responsabile dell’emissione del credito al proprio cliente e sarebbe soggetto a un chargeback. Altri tipi di chargeback sono relativi a problemi tecnici tra il commerciante e la banca emittente, ad esempio quando un cliente ha ricevuto due addebiti per un singola transazione. Altri storni sono legati al processo di autorizzazione di una transazione con carta di credito, ad esempio, se una transazione viene rifiutata dalla banca emittente, ma l’addebito è ancora addebitato sull’account.

Chargeback quando può essere contestato

Quando può essere contestato un Chargeback? Per le transazioni in cui la fattura originale è stata firmata dal consumatore, il commerciante può contestare un chargeback con l’assistenza della banca presso cui il commerciante è cliente. In quanto la firma dimostra la consapevolezza del consumatore. Il commerciante e la sua banca mediano nel processo di contestazione, seguendo le regole stabilite dalla corrispondente rete bancaria o da circuito delle carte. Se il commerciante prevale nella controversia, i fondi vengono restituiti all’acquirente e quindi al commerciante.

Secondo una indagine condotta da Cybersource nel 2014, solo il 21% dei chargeback depositati a livello globale viene deciso a favore del commerciante. Inoltre, solo il 60% dei chargeback è contestato dai commercianti, con un tasso di successo del 41% circa.

Al fine di rendere il chargeback più giusto e veritiero, i circuiti bancari e quelli delle carte hanno elaborato un codice e realizzato algoritmi che aiutano i commercianti a determinare se i chargeback sono legittimi o fraudolenti.

Chargeback ripercussioni

Quali sono le ripercussioni di subire chargeback? Le continue richieste di storni rappresentano un serio pericolo per la longevità e la sostenibilità di un’azienda. La prevenzione e la gestione del rischio dovrebbero essere priorità elevate, ma arrestare il flusso dei chargeback è difficile a causa del numero di giocatori coinvolti e del numero di parti in movimento.

Chargeback commissioni

Abbiamo detto che i chargeback possono anche dar vita a commissioni. Ma anche a sanzioni qualora i propri clienti, ovvero i commercianti, danno troppo spesso vita a chargeback. Ad esempio, PayPal addebita 20 euro per ogni chargeback (indipendentemente dal fatto che sia il primo) e mantiene la commissione di transazione originale.

Inoltre, Visa e MasterCard possono imporre sanzioni severe contro banche con clienti che danno vita ad una alta frequenza di chargeback. Le condizioni cambiano in base alle carte, ma possono anche riguardare 100 euro per storno.

Occorre poi aggiungere che le società di carte di credito di solito mantengono un registro con i titolari di carte di credito che effettuano regolarmente lo storno di addebito, chiamato “database negativo”.

Chargeback casi particolari

Possono esserci anche altre cause di chargeback. Ad esempio, nel caso degli ATM, si verificano quando si trova che un deposito presso ATM ha meno fondi di quelli realmente posseduti dal depositante. Viene eseguito un chargeback per correggere l’errore. Ciò potrebbe derivare da un errore di conteggio o da una frode intenzionale da parte del titolare del conto, oppure i soldi del deposito potrebbero essere stati persi o rubati.

Lo storno si verifica anche quando un errore bancario accredita un conto con più fondi del previsto. La banca effettua un chargeback per correggere l’errore. Se risulta uno scoperto e non può essere coperto in tempo, la banca potrebbe citare in giudizio o adire le vie penali.

Quando viene effettuato un deposito diretto al titolare dell’account errato o in una quantità superiore a quella prevista, viene effettuato un addebito per correggere l’errore.

Infine, gli storni di addebito si verificano quando un titolare del conto deposita un assegno o un vaglia e l’articolo depositato viene restituito a causa di fondi insufficienti, un conto chiuso o scoperto per essere contraffatto, rubato, alterato o falsificato. O quando sono richiesti storni a causa di attività fraudolente e fondi insufficienti sono presenti nel conto per coprire gli storni.

Chargeback e richiesta rimborso differenze

Quali sono le differenze tra un Chargeback e una richiesta di rimborso? Sebbene le due operazioni possano sembrare simili, c’è una differenza molto rilevante: piuttosto che contattare l’azienda per un rimborso, il consumatore chiede alla banca di prelevare forzatamente denaro dal conto dell’azienda.

Segue un’inchiesta e, se la banca ritiene che la richiesta del titolare della carta sia valida, i fondi vengono rimossi dal conto del commerciante e restituiti al consumatore; il consumatore, d’altra parte, non è in alcun modo obbligato a restituire tutto ciò che è stato acquistato. Il commerciante non ha voce in capitolo.

In effetti, i commercianti probabilmente non sapranno nemmeno che è successo fino a dopo il fatto.

Ad esempio, i consumatori vittime del furto di identità hanno il diritto di presentare un chargeback in caso di acquisti fraudolenti.

I titolari della carta devono contattare immediatamente la banca, sia per recuperare il denaro rubato sia per evitare ulteriori perdite. È importante notare, tuttavia, che questa è l’unica situazione in cui il consumatore deve chiamare prima la banca; in ogni altra circostanza, il titolare della carta deve comunicare direttamente con il commerciante. E, naturalmente, l’obiettivo è risolvere il problema senza che le banche vengano coinvolte del tutto. A volte, la frode percepita potrebbe essere un incidente. Forse il consumatore ha dimenticato l’acquisto o il venditore ha commesso un errore innocente.

La situazione potrebbe essere in grado di essere rapidamente e facilmente risolta con soddisfazione di tutti. Inoltre, mentre molti consumatori non se ne rendono conto, un rimborso di solito ripaga i soldi sul conto del consumatore molto più rapidamente di un chargeback. Se il commerciante non è in grado – o disposto – a lavorare verso una soluzione reciprocamente accettabile, un chargeback potrebbe essere in ordine. Ma anche se un cliente è insoddisfatto di un acquisto, semplicemente archiviare un chargeback senza prima cercare un rimborso tradizionale equivale a un furto di materiale pubblicitario.

Ecco perché: con un chargeback, il titolare tiene l’oggetto acquistato e ottiene il rimborso del costo dell’articolo; in sostanza, il commerciante deve pagare due volte per lo stesso articolo o servizio. Legittimamente, i consumatori sono “obbligati” a richiedere un ritorno / rimborso tradizionale dal commerciante prima. E dovrebbero presentare un chargeback soltanto in situazioni estreme. Altrimenti, il consumatore sta prendendo qualcosa gratuitamente e ciò equivale ad un furto.

Chargeback vantaggi

Quali sono i vantaggi che scaturiscono dal Chargeback? Come protezione del consumatore, il processo di chargeback è naturalmente orientato verso la sicurezza del titolare della carta, in diversi modi:

  • I chargeback sono progettati per mantenere i dati dei clienti al sicuro
  • Il rischio di un’inversione forzata dei fondi fa sì che i commercianti si concentrino sulla fornitura di un servizio clienti eccezionale
  • I chargeback servono anche da deterrente per i commercianti che potrebbero essere tentati di vendere prodotti o servizi parziali
  • I titolari delle carte rivendicheranno che i prodotti o i servizi non erano come descritti, preparando il terreno per una situazione di chargeback.
  • La minaccia dei chargeback aiuta i commercianti a rimanere trasparenti. Non ci si può aspettare che i clienti paghino per qualcosa che non è mai stato consegnato, addebiti che non dovrebbero essere stati fatti in primo luogo o rimborsi che non sono mai stati emessi.
  • I risparmi aiutano a proteggere i titolari di carte dagli effetti di frodi criminali.
  • La possibilità di presentare istanze di addebito su transazioni con carte di credito fraudolente aiuta le vittime innocenti a recuperare i loro soldi.

Chargeback storia

Qual è la storia del Chargeback? All’inizio degli anni ’70, le carte di credito bancarie non avevano ancora ottenuto un consenso diffuso negli Stati Uniti. Ciò era in parte dovuto al timore del consumatore: le persone temevano che la carta potesse essere smarrita o rubata, quindi utilizzata per transazioni non autorizzate con il proprietario originale rimasto bloccato con il conto. Vi erano anche denunce di commercianti senza scrupoli che approfittavano del consumatore. Per esempio, utilizzando il numero di carta di credito per aggiungere addebiti fraudolenti.

Il Fair Credit Billing Act del 1974 tentò di affrontare il secondo problema creando quello che viene chiamato un chargeback. Come originariamente concepito, i chargeback erano una forma di protezione dei titolari di carta, una “rete di sicurezza” che significava che il denaro del titolare della carta era sicuro, non importa che cosa. Una discussione con un commerciante, ad esempio, potrebbe facilmente arrivare a una situazione di stallo: “Dico che mi devi i soldi, e non c’è niente che puoi fare perché la banca mi ha già pagato!”.

Utilizzando uno storno di addebito, il titolare della carta potrebbe effettivamente superare la testa del commerciante e ottenere un rimborso dalla banca stessa. La banca, a sua volta, potrebbe annullare una transazione con carta di credito, quindi prelevare fondi precedentemente depositati sul conto bancario del commerciante e imporre al commerciante con una tassa pesante (o in casi estremi, revocare le autorizzazioni di elaborazione della carta del commerciante). Le nuove norme sono state uno sforzo per alleviare la paura dei consumatori, e ha funzionato: l’uso delle carte di credito bancarie è esploso negli anni ’70 e fino a tempi relativamente recenti, gli storni di addebito sono state molto utili per il sistema.

Oggi, le carte di credito sono una parte così onnipresente della vita che molti utenti non si rendono nemmeno conto di avere una protezione come il chargeback. Chi lo sa spesso fraintende il modo in cui il chargeback dovrebbe funzionare. Non comprendono ciò che non è – e ciò che è – una situazione di chargeback.

Chargeback esempio

Vediamo un esempio di Chargeback:

1. Il titolare della carta presenta un chargeback. Un cliente insoddisfatto contatta la banca (emittente) e chiede un rimborso.

2. L’emittente esamina / assegna un codice motivo al caso. Questi codici di motivazione offrono una spiegazione del perché il consumatore sta contestando la transazione (ad esempio, “beni o servizi non come descritti”). Ogni codice ha un proprio insieme di regole (limiti di tempo di archiviazione, documentazione necessaria, ecc.)

3. L’emittente indaga e agisce. A questo punto, l’emittente dovrebbe indagare a fondo sulla richiesta di chargeback del titolare della carta, assicurandosi che tutti i regolamenti siano stati presi in considerazione e che il reclamo abbia valore. Se il titolare della carta ha un reclamo valido, i fondi saranno rimossi dal conto bancario del commerciante e accreditati al titolare della carta. La notifica del chargeback sarà inviata alla banca del commerciante. (Se il titolare della carta non ha un reclamo valido, il chargeback sarà semplicemente annullato.)

4. L’acquirente rivede il chargeback e interviene. Le reti di carte di credito (Visa, Mastercard) hanno creato vari diritti di merchant, incluso il diritto di contestare un chargeback illegittimo. In caso di reclami inesatti, il commerciante può tentare di riguadagnare profitti che sono stati fraudolentemente rimossi. Se la banca acquirente ha accesso a prove convincenti che annullerebbero il chargeback, agirà per conto del commerciante. In caso contrario, l’acquirente passerà il chargeback al commerciante.

5. Il commerciante rivede il chargeback e interviene. Se il chargeback è giustificato, il commerciante deve accettare le perdite. Tuttavia, se l’azienda ha sufficienti prove convincenti – come la documentazione per dimostrare che il chargeback non è valido – il commerciante può presentare nuovamente il chargeback per la revisione dell’emittente.

6. L’acquirente presenta nuovamente lo storno di addebito. L’acquirente prende le prove fornite dal commerciante e contesta il chargeback – un processo chiamato rappresentanza – per conto del commerciante.

7. L’emittente rivede le prove e prende una decisione definitiva. Se le prove del commerciante sono abbastanza convincenti da confutare la richiesta del titolare della carta, la transazione verrà registrata sul conto del titolare della carta una seconda volta. I fondi che sono stati originariamente depositati nel conto del commerciante – quindi rimossi attraverso il chargeback – saranno nuovamente depositati. Eventuali commissioni di chargeback o costi amministrativi, tuttavia, non saranno rimborsate al commerciante. Se, d’altra parte, le prove del commerciante non confutano la richiesta del titolare della carta, il chargeback è valido. L’importo della transazione viene rimosso definitivamente dal conto bancario del commerciante e applicato all’estratto conto della carta di credito del consumatore.

Come evitare i chargeback

Come possono i commercianti evitare i chargeback? I commercianti devono lavorare per ridurre il rischio di chargeback, sia legittimi che illegittimi. Se i commercianti assicurano di offrire un servizio clienti attento e tempestivo, fornendo prodotti e servizi di alta qualità e assistendo ai dettagli della transazione, i consumatori non avranno un valido motivo per presentare un chargeback contro di loro.

Con l’adozione delle misure necessarie per rilevare le frodi, i commercianti possono identificare più transazioni che potrebbero potenzialmente portare a storni di addebito. Impedire a questi truffatori di effettuare acquisti riduce il rischio di un chargeback risultante. Il chargeback è l’ultima grande responsabilità che i commercianti devono affrontare in questa arena. Le banche consentono di archiviare meno storni nei confronti dei commercianti che contestano regolarmente tali richieste.

Non solo la rappresentazione del chargeback garantisce che l’azienda mantenga più profitti, ma aiuta anche a informare i consumatori su ciò che non è – e ciò che è – un chargeback. E quando dovrebbe essere usato correttamente.

Da parte loro, i titolari di carte devono ricordare che possedere una carta di credito è un privilegio, non un diritto. Alcune responsabilità vengono con quel privilegio; uno è capire quali sono i chargeback e quando possono essere utilizzati eticamente e legalmente. I risparmi dovrebbero essere archiviati solo in situazioni estreme; sono l’ultima risorsa, non la prima azione da intraprendere quando si cerca un rimborso.

I chargeback non devono essere utilizzati in modo frivolo, poiché le implicazioni per il commerciante sono piuttosto gravi. Con la dovuta attenzione ai chargeback, sia i commercianti che i consumatori possono vedere un calo del numero di richieste di chargeback fraudolente.

Chargeback può essere evitato?

Da quanto detto fino ad ora, abbiamo compreso che nell’iter intervengono 3 diverse parti (titolare della carta, società emittente e banca dell’esercente), e ognuna delle parti potrebbe convergere verso diversi interessi.

Proprio per questo motivo, la procedura di chargeback non è sempre la via migliore per poter far valere i propri diritti. In prima istanza, infatti, potrebbe essere utile cercare di raggiungere un accordo privato tra le parti, ferma restando la necessità di intervenire con particolare celerità. Sebbene il chargeback possa essere attivato entro 13 mesi dall’estratto conto della carta, nella quale sono presenti le operazioni da contestare, è suggeribile confutare un addebito che riteniamo ingiusto entro gli “ordinari” 60 giorni. Onde evitare che si perda ulteriore tempo.

Chargeback nel codice del consumo

In Italia, il chargeback è una procedura prevista all’interno del Codice del Consumo, che all’art. 56 (rubricato “Pagamento mediante carta”) riconosce al comma 1 che “il consumatore può effettuare il pagamento mediante carta ove ciò sia previsto tra le modalità di pagamento, da comunicare al consumatore (…)” e quindi, al comma 2, che “l’istituto di emissione della carta di pagamento riaccredita al consumatore i pagamenti dei quali questi dimostri l’eccedenza rispetto al prezzo pattuito ovvero l’effettuazione mediante l’uso fraudolento della propria carta di pagamento da parte del professionista o di un terzo (…)”.

Chargeback su Paypal

Ovviamente, il chargeback è una pratica eseguibile anche sulla piattaforma molto utilizzata per le transazioni come Paypal. Sul sito viene specificato che un chargeback su Paypal è un processo sostanzialmente diverso, avviato dalla società emittente della carta di credito e non da PayPal. Pertanto, la piattaforma ci tiene a sottolineare che l’esito dipende dalla società emittente della carta e non dalla piattaforma stessa.

Ecco come Paypal gestisce il chargeback:

  • In qualità di venditore, verrai informato della richiesta di chargeback tramite email e da quel momento avrai 10 giorni per fornire le informazioni richieste.
  • Se risulti idoneo per la Protezione vendite, PayPal userà tutte le informazioni disponibili per contestare il chargeback alla società emittente della carta (se applicabile).
  • La società emittente della carta prende una decisione. A seconda della società in questione, possono essere necessari fino a 75 giorni per chiudere la pratica. Se la società emittente della carta di credito decide in favore dell’acquirente e la transazione non è coperta dalla Protezione vendite, il pagamento verrà stornato.

In caso di richiesta di chargeback, la società emittente della carta di credito addebita immediatamente l’importo a PayPal. Che provvederà a bloccare subito il conto del venditore mentre è in corso l’indagine sulla pratica.

Quanto costa il chargeback su PayPal? Quest’ultima specifica che la tariffa per il procedimento viene addebitata dalla società emittente della carta di credito. PayPal poi provvederà ad addebitarne una parte al venditore.

Viene però anche specificato che la tariffa non viene applicata qualora quest’ultimo risultasse idoneo a usufruire del servizio Protezione vendite di Paypal.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY