Cassa integrazione: i dati di settembre

1

Il ricorso alla Cassa Integrazione cala del 38,1% a settembre rispetto al dato riscontrato lo stesso mese dello scorso anno, quando furono 98 milioni le ore di cassa integrazione autorizzate, contro le 60,7 milioni del dato di oggi. Questi sono i dati complessivi della Cassa integrazione Ordinaria e Straordinaria rispetto all’anno scorso ma che se confrontati con il mese precedente di quest’anno (agosto) rivelano un +5,6%.

I dati specifici

Per quel che riguarda la cassa integrazione ordinaria, il confronto con settembre 2014 evidenzia una diminuzione del 18,2%, di cui un -16,4% viene dal comparto industriale e un -23,2% da quello edilizio.

Nel confronto con agosto 2015 invece si assiste ad un aumento del ricorso alla cassa ordinaria, del 11,6%.

La cassa integrazione straordinaria invece segna addirittura il -45,3% se paragonata con settembre 2014, ma nel confronto con il mese scorso le ore autorizzate segnano un lieve aumento del 2,7%.

L’ultimo dato riguarda le autorizzazioni in deroga, scesi del 39,7% nel raffronto con il mese di settembre dello scorso anno. Questo dato ha sempre una forte variabilità, secondo l’INPS, per le misure del governo in economia, da cui è difficile scindere i parametri stagionali.

La disoccupazione

Anche la disoccupazione sembra dare piccoli segnali di speranza. Le domande infatti sono diminuite di circa il 20% rispetto allo stesso periodo del 2014 anche se questo dato è sempre d prendere con le molle, e da valutare nelle motivazioni.

Ad agosto le domande presentate erano 93.889 domande, contro le 118.113 dell’agosto 2014, di cui 3.005 le domande di mobilità. I dati specifici vanno contestualizzati nel nuovo quadro normativo che prevede la Nuova prestazione di assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) dal 1 maggio in sostituzione delle indennità di disoccupazione Aspi e mini Aspi.

I dati comunque sono sufficientemente positivi, ovvero in linea con la debole ripresa europea, in realtà abbastanza deludente rispetto alle previsioni di inizio anno.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY