Caso Volkswagen: trovato l’accordo con le autorità USA

Stando a quanto riportato da Reuters, parte dell’accordo per gli 80mila diesel 3.0 che producevano emissioni 9 volte oltre i limiti legali negli USA, prevede il pagamento di 200 milioni di dollari da versare in un fondo per la riduzione dei gas inquinanti, l’annuncio potrebbe arrivare già nella giornata di lunedì.

I 200 milioni si andrebbero ad aggiungere ai 2,7 miliardi di dollari, già messi in conto alla Volkswagen per il pagamento dei 475mila diesel 2.0.

Risoluzione finale della vicenda

Il giudice distrettuale, Charles Breyer, nel corso dell’udienza tenutasi venerdì scorso ha dichiarato che la risoluzione finale della vicenda è ormai prossima, anche se il punto critico resta il risarcimento per i proprietari dei veicoli inquinanti, oltre all’offerta di riacquisto di 20mila veicoli, tra Suv, Audi e la correzione dei software di altre 60mila auto.

Volkswagen lo scorso ottobre ha concluso il patteggiamento con 15 miliardi di dollari di risarcimento, per i diesel 2.0 e lo stanziamento di 17,9 miliardi di dollari per i costi derivanti dallo scandalo dieselgate.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY