Carte di credito: come estinguere i debiti partendo dai più alti

Soluzioni e consigli per liberarsi dai debiti delle carte di credito

carte di credito
carte di credito

Come fare per estinguere due o più carte di credito?Non soltanto in Italia, ma anche in  tante altre parti del mondo le carte di credito rappresentano il peggior debito che si possa contrarre, a causa degli interessi molto elevati che banche e finanziarie applicano ad esse.

Basta pensare che in Italia prelevare un determinato importo dalla propria carta equivale a dover pagare mensilmente un tasso di interesse che spesso supera anche il 20%!

Questo vuol dire che il debito cresce molto velocemente, rischiando di mettere in seria difficoltà i titolari delle stesse.

Estinzione carte di credito
Estinzione carte di credito

Se poi si è possessori di due, tre o più carte di credito, l’accumularsi di più debiti diviene praticamente insostenibile e crea serie difficoltà finanziarie da cui diventa difficile uscire.

Estinguere Carte di credito: quali soluzioni adottare per rientrare dei debiti senza soffrire

Premesso che la soluzione migliore sarebbe quella di non richiederle o, comunque, di evitare quanto più possibile il loro utilizzo, dall’ America, dove gli utilizzatori di tali carte sono davvero numerosissimi, arrivano consigli e strategie per gestire al meglio i relativi debiti.

Dovendo affrontare ogni mese il pagamento di più saldi, dunque, vediamo quale conviene pagare per primo attraverso studiate strategie finanziarie.

Modalità di estinzione Carte di credito: il metodo snowball

Il metodo snowball esposto da Dave Ramsey, esperto in finanza, prevede che vengano elencati tutti i debiti (dal più piccolo al più grande), senza tener conto del tasso di interesse applicato ad ognuno di essi, iniziando a pagare gli importi minimi previsti per ciascuno e versando una somma di denaro più alta per quello minore.

Una volta estinto il saldo della carta più piccolo, con il denaro in più che rimane a disposizione si utilizza lo stesso metodo con il debito successivo (maggiore del precedente) e si procede allo stesso modo fino a quando non saranno tutti regolarmente pagati.

Secondo Ramsey, in questo modo ci si libera molto più rapidamente da tali esposizioni, ricevendo allo stempo una spinta emotiva per migliorare le proprie finanze.

Estinzione Carte di credito: il metodo avalanche

Il metodo avalanche, a differenza del precedente, consiglia di elencare tutti i debiti partendo da quello con il tasso di interesse più alto, tralasciando l’entità di ognuno di essi; si iniziano a pagare gli importi minimi di tutti e si destina una somma maggiore per quello dove gravano interessi maggiori.

Estinto quest’ultimo, la stessa tecnica viene applicata ai debiti successivi fino a liberarsi di tutti i pagamenti dovuti.

Anche se tale metodo prevede tempi più lunghi, offre il vantaggio di risparmiare sugli effettivi interessi dovuti, cosa certamente da non sottovalutare.

Senza nulla togliere alla “bontà” delle soluzioni appena viste, una domanda sorge spontanea: ma se chi è titolare di varie carte di credito viene a trovarsi in una situazione critica dovuta alla perdita di lavoro o altro, in che modo può estinguere i suoi debiti? Con il metodo snowball o avalanche? Noi crediamo che in tal caso sia molto difficile applicarli entrambi!

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY