Azioni Carlsberg: l’azienda rafforza la presenza in Cina e investe in Grecia su energia green

Al momento della scrittura, le azioni Carlsberg viaggiano su una quotazione di prezzo di 130.35 CHF, segnando una variazione di -0.38%. Con una chiusura precedente di 129.4 e una apertura di 130.35. Un ottimo rialzo riguarda il numero di nuovi contratti, pari a un +12.37%.

La collaborazione con le piattaforme di consegna online cinesi ha aiutato Carlsberg China a raggiungere più clienti nel più grande mercato mondiale della birra, aiutandola a contrastare il declino visto nel settore in generale causato dai consumatori che hanno ridotto il consumo di cibo e bevande lo scorso anno.

Se volete investire su Carlsberg potete farlo sfruttando broker come eToro che consentono di negoziare sul prezzo copiando anche dagli altri investitori, grazie al Copy Trading.

Azioni Carlberg: l’andamento attuale

Mentre l’impatto peggiore della pandemia di Covid-19 si è in gran parte attenuato, la digitalizzazione rimarrà una strategia chiave per Carlsberg, ha affermato Lee Chee Kong, presidente di Carlsberg China.

Vediamo la digitalizzazione come una delle nostre priorità strategiche. Nell’era post Covid-19, aumenteremo i nostri investimenti nella diversificazione dei nostri canali di distribuzione, in particolare nell’e-commerce”, ha affermato Lee.

La Cina è diventata il mercato più grande per Carlsberg, una multinazionale danese che è anche il terzo produttore di birra al mondo. Il paese ha consumato circa 38 milioni di chilolitri di birra nel 2019, il più a livello globale, come mostrano i dati della China Alcoholic Drinks Association, generando un fatturato di 158,1 miliardi di yuan (24,4 miliardi di dollari).

La Cina ha anche prodotto 37,7 milioni di chilolitri quell’anno, circa un quinto della produzione totale mondiale.

Gli Stati Uniti, con 23,9 milioni di chilolitri, e il Brasile, con 12,4 milioni di chilolitri, sono stati rispettivamente il secondo e il terzo maggior consumatore di birra nel 2019.

Il consumo pro capite nel 2019 si è attestato a 27,1 litri, dietro gli oltre 60 litri pro capite in paesi come Stati Uniti, Messico e Brasile, come mostrano i dati della società di ricerca GlobalData.

Carlsberg, che opera da 26 anni a Huizhou, nella provincia del Guangdong, è uno degli unici due marchi stranieri che sono entrati tra i primi cinque cinesi, secondo i dati di GlobalData.

Lavorando a stretto contatto con piattaforme di consegna on-demand come Meituan, Ele.me, Alibaba Group Holding, e JD-Daojia sotto Dada Nexus, in cui JD Group ha una partecipazione del 46,5%, il produttore di birra è stato in grado di registrare una crescita del 21% dell’utile operativo e del 3% di crescita del volume lo scorso anno.

Il volume complessivo delle vendite del settore, tuttavia, è diminuito durante questo periodo, in particolare durante la prima metà del 2020.

Molti produttori di birra gestiscono flagship store online sulla piattaforma di vendita al dettaglio online cinese Tmall, la piattaforma di e-commerce di Alibaba e JD.com.

Per approfondimenti potete consultare la nostra guida sulle migliori azioni green.

Intanto ecco la quotazione attuale:

Carlsberg in Cina dal 1995

Huizhou, che ospita il primo birrificio Carlsberg in Cina dal 1995, funge ancora da base di produzione per la Cina meridionale e Hong Kong. Carlsberg China dal 2004 ha ampliato la produzione nella Cina occidentale. Ha interrotto la sua produzione di Hong Kong, che si è trasferita a Huizhou.

La provincia del Guangdong è la regione pioniera in termini di riforme economiche della Cina e di apertura agli investitori stranieri. Siamo lieti di vedere che il governo ha avviato un nuovo ciclo di riforme economiche e si è aperto per attirare investimenti stranieri”, ha affermato Lee, riferendosi al piano di sviluppo della Greater Bay Area di Pechino.

C’è ancora molto spazio per crescere per Carlsberg in Cina. I primi tre marchi del paese erano tutti produttori di birra locali: China Resources Beer, che conta come azionista il birrificio olandese Heineken, Tsingtao Brewery e Beijing Yanjing Brewery.

Con 26 birrifici operativi in province come Xinjiang, Ningxia e Yunnan, tra gli altri, anche Carlsberg China spera di differenziarsi utilizzando processi di produzione rispettosi del clima.

L’anno scorso, tutti i 26 birrifici erano alimentati da elettricità rinnovabile, il che equivale a una riduzione di circa 90.000 tonnellate di emissioni di carbonio, o 65.000 piccole berline che sono rimaste fuori strada per un anno, afferma l’azienda sul suo sito web in Cina.

Carlsberg Group sta installando in Grecia un sistema solare termico più efficiente al mondo

Carlsberg Group sta installando quello che l’azienda dice essere il sistema solare termico più efficiente attualmente sul mercato. Il sistema produrrà calore, riducendo l’uso di combustibili fossili nel processo, e potrebbe essere un grande passo avanti verso l’obiettivo di Carlsberg di zero emissioni di carbonio nei suoi birrifici entro il 2030.

I collettori solari termici saranno progettati e realizzati da Absolicon, azienda svedese specializzata in processi di riscaldamento industriale. In un’intervista dello scorso anno, il CEO di Absolicon, Joakim Byström, ha affermato che i birrifici, le aziende lattiero-casearie e l’industria tessile sono le applicazioni ideali per questa tecnologia.

Sebbene molte aziende stiano passando all’elettricità rinnovabile, il riscaldamento spesso consuma la parte del leone del consumo totale di energia in queste industrie, in gran parte a causa della necessità di lavare bottiglie o tessuti, riscaldare gli ingredienti o pastorizzare i prodotti. Altre industrie che potrebbero trarre vantaggio dai collettori solari termici includono l’estrazione mineraria, la desalinizzazione, la cellulosa e la carta e i prodotti farmaceutici.

Carlsberg, un conglomerato multinazionale danese che possiede dozzine di marchi di birra, mira a generare il 100% della sua elettricità da fonti rinnovabili nei suoi birrifici e a non utilizzare carbone entro il 2022. La società afferma che sta esaminando molte aree critiche della sostenibilità, guardando ben oltre elettricità pulita.

Oltre alla sua attenzione all’energia pulita, l’azienda sta anche implementando misure di conservazione dell’acqua, specialmente nelle aree ad alto rischio. L’azienda ha anche intrapreso altri progetti di sostenibilità. Ad esempio, Carlsberg sta collaborando con il WWF per affrontare la perdita di alghe, un pozzo di carbonio sottovalutato. L’azienda ha anche lanciato confezioni a scatto che sono tenute insieme da colla, non da pellicola o anelli di plastica.

Per quanto riguarda i suoi investimenti nelle energie rinnovabili, l’uso della tecnologia solare termica da parte di Carlsberg è interessante perché può essere utilizzata per il retrofit dei sistemi esistenti, riducendo i costi iniziali.

Absolicon ha progettato i suoi sistemi solari termici per integrarsi con le apparecchiature esistenti, creando un approccio ibrido. Questi array sono specializzati in calore e vapore senza emissioni per applicazioni industriali, con temperature fino a 320 gradi Fahrenheit (160 gradi Celsius). Quando non sono disponibili risorse solari sufficienti, il team di gestione di un impianto può ricorrere alle apparecchiature già esistenti per generare calore.

A differenza della tecnologia solare fotovoltaica, che produce elettricità, i collettori solari termici generano calore concentrando l’energia del sole. Il pannello solare fotovoltaico più efficiente attualmente sul mercato è efficiente del 23 percento nel convertire l’energia solare in elettricità. Al contrario, i collettori solari T160 di Alsolicon sono efficienti del 76% nella conversione dell’energia solare in calore, secondo il produttore.

Mentre l’elettricità solare è immagazzinata in batterie, il calore solare termico è immagazzinato in serbatoi. Quindi, il calore viene trasferito utilizzando uno scambiatore di calore attraverso i tubi.

Azioni Carlsberg: considerazioni finali

Vedremo come evolverà la situazione di Carlsberg. Se volete investire nel frattempo sulle azioni in maniera sicura vi consigliamo eToro, un broker legale ed utilizzato in tutta Europa.

Iscriviti subito su eToro cliccando qui ed iniziando a investire in azioni.
67% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro