Carlsberg, arriva la svolta green e un ampliamento in Francia

Gli ambientalisti amanti della birra solleveranno una pinta a Carlsberg dopo che il colosso ha rivelato piani per sostituire le tradizionali lattine con una nuova tecnologia che riduce l’uso di plastica. In quello che Carlsberg (CABGY) descrive come prima mondiale, l’azienda danese introdurrà un nuovo “Snap” Impacco” dove le lattine sono unite insieme con la colla.

Afferma che il nuovo imballaggio ridurrà globalmente gli scarti di plastica di oltre 1.200 tonnellate all’anno, l’equivalente di 60 milioni di sacchetti di plastica. Gli anelli in plastica, utilizzati da decenni in molti tipi di bevande in scatola, rappresentano un rischio per la fauna selvatica e sono stati pesantemente collegati all’aumento dell’inquinamento oceanico.

“Stiamo lavorando duramente per realizzare il nostro ambizioso programma di sostenibilità e per aiutare a contrastare i cambiamenti climatici”, ha dichiarato in una nota Cees ‘t Hart, CEO del Gruppo Carlsberg. “Non vediamo l’ora di offrire ai nostri consumatori esperienze migliori con meno impatto ambientale”.

Lo “Snap Pack” sarà introdotto per la prima volta nel Regno Unito il 10 settembre in numerosi supermercati Tesco (TSCDF) e farà il suo debutto in altri paesi europei. mercati dalla fine di settembre. Si prevede che sarà reso disponibile nel mercato nazionale di Carlsberg dall’inizio del 2019.

Non solo Carlsberg però. Sono cresciute le iniziative per eliminare la plastica monouso nel mondo degli affari, con i rifiuti di plastica oceanica previsti per il triplo entro il 2050. Aziende come Starbucks (SBUX), Disney (DIS) e McDonald’s (MCD) si sono impegnate a limitare o abbandonare la plastica cannucce, mentre le città americane come Seattle le hanno bandite completamente.

L’azienda di abbigliamento sportivo Adidas (ADDDF) ha dichiarato il mese scorso che si è impegnata a utilizzare solo plastica riciclata entro il 2024, mentre IKEA ha anche promesso di eliminare gradualmente tutti i prodotti in plastica monouso dai suoi negozi e ristoranti entro il 2020. L’argomento è anche oggetto di forti discussioni da parte dell’Unione Europea, che sta spingendo affinché molti prodotti in plastica monouso siano precluse entro il 2030.

Come Carlsberg rivoluziona il suo packaging

Carlsberg ha svelato un rinnovamento onnicomprensivo della sua ammiraglia Pilsner, tra cui un’identità di marchio completamente nuova e una serie di cambiamenti di packaging sostenibili. Il rebrand, la cui notizia è stata segnalata per la prima volta da The Grocer a luglio, uscirà in tutto il Regno Unito in primavera 2019. Coprirà anche le varianti di Carlsberg non alcoliche, non filtrate e del 1883 (nessuna delle quali è ampiamente disponibile nel commercio estero del Regno Unito, ma è chiaro che Carlsberg le sta considerando per il lancio in linea).

Logo reimmaginato, che è passato da verticale a orizzontale in tutti gli SKU del marchio, e spunti che rispecchiano le credenziali di sostenibilità del birraio danese. I pacchetti SIX del lager saranno caratterizzati da uno “snap-pack” sostenibile anziché da imballaggi in plastica, che secondo Carlsberg ridurrà l’uso di plastica di 1.200 tonnellate in tutto il suo portafoglio globale ogni anno. Le lattine nel multipack sono tenute insieme da piccoli pezzi di colla appositamente sviluppata, che possono essere spezzati. Nel frattempo, le bottiglie saranno dotate di nuove etichette certificate da Cradle to Cradle, progettate per migliorare la riciclabilità della confezione riducendo gli inchiostri da stampa che sono spesso riciclato insieme a fibre di carta.

Nel frattempo, 6x330ml, gli SKU del marchio Carlsberg Export verranno lanciati esclusivamente su Tesco il 10 settembre, con la nuova colla a scatto. Il periodo di esclusività si concluderà a marzo con il lancio della nuova identità “verde” di Carlsberg. Il nuovo “Snap Pack” 6x330ml per Export è stato lanciato in Tesco questo mese. La sostenibilità è stata “non la bacchetta magica” per portare nuovi clienti al marchio, ha dichiarato Il direttore del marchio globale Carlsberg, Julian Marsili, ma “le aziende orientate allo scopo stanno crescendo più rapidamente di quelle non finalizzate allo scopo. Si tratta di rispettare la promessa del nostro marchio ed è un lato di Carlsberg che la gente forse non ha visto “.

“Molte aziende stanno raggiungendo questo scopo più significativo, ma Carlsberg ce l’ha già. Ma è una storia nel Regno Unito che non hai mai vista”. Si comprende che una seconda campagna televisiva con l’attore danese Mads Mikkelsen, che ha collaborato con Carlsberg al suo rilancio di Carlsberg Export lo scorso anno, è in lavorazione per accompagnare il nuovo look. Carlsberg ha anche lavorato con i suoi fornitori di imballaggi per sviluppare un tappo di bottiglia “ossigeno scavenger” che assorbe ossigeno dallo spazio della testa nella bottiglia, riducendo l’ossidazione degli aromi e una bottiglia riciclabile in fibra verde al 100%, che prevede di lanciare in selezionati internazionali mercati l’anno prossimo. Tuttavia, non ha ancora deciso se queste innovazioni di packaging saranno implementate nel Regno Unito come parte del rebrand.

Il produttore di birra ha esclusività temporanea delle sue innovazioni di packaging sostenibile, ma ha affermato che non impedirebbe ai suoi fornitori di trasferire la tecnologia ad altri a lungo termine. Marsili ha detto che spera di vedere i benefici della sostenibilità delle innovazioni filtrare nel settore più ampio delle bevande.

La novità arriva in un momento nel quale Carlsberg ha dovuto affrontare un notevole calo delle vendite negli alimentari del Regno Unito negli anni passati a fronte di una maggiore concorrenza da parte di birrifici artigianali e più premium lager mondiali, razionalizzazione della gamma al dettaglio. L’esportazione è stata rilanciata nel 2017, con un investimento di 15 milioni di sterline per il packaging fresco e la diffusa campagna pubblicitaria televisiva con Mikkelsen. Da allora, le vendite di Export sono quasi tornate a crescere, scendendo a un tasso di appena l’1% ( una perdita di £ 400k rispetto al 29,8% (£ 22,5m) nella primavera dello scorso anno, come rivela il rapporto di The Grocer’s Biggest Alcohol Brands in Gran Bretagna a luglio [Nielsen 52 w / e 21 aprile 2018].

Tuttavia, al momento del rapporto, il leader di Carlsberg era ancora in grave calo, con vendite in calo del 16,4% anno su anno [Nielsen]. Marsili ha detto che il “viaggio verso la premiumizzazione” del marchio avrebbe “aggiunto valore ai marchi” e “incoraggiato a riciclare”.

Carlsberg lancia il primo campeggio collegato ad una cascata nel mondo

Una fitta foresta, notti stellate, cascate e birra alla spina fresca. Cosa potrebbe esserci di meglio? Carlsberg ha recentemente fatto il suo debutto in quello che la società danese dice essere il primo campeggio collegato ad una cascata. Situato a Kudhva, una cava di ardesia si è trasformata in un campeggio nella campagna della Cornovaglia, nel sud-ovest dell’Inghilterra, la cabina Carlsberg è meno di un drop-in in stile bar, e più di un’esperienza di viaggio durante la notte. Puoi prenotare il lodge su Airbnb, quindi goderti una vacanza fuori dalla griglia.

Progettato dall’architetto Ben Huggins di New British Design, il lodge in stile scandinavo è realizzato in legno di larice sostenibile e di provenienza locale. “L’ispirazione per il design della cabina Carlsberg è una rivisitazione ‘danese’ dell’iconico motore della Cornovaglia che ospita “Poldark”, ha detto Huggins in un comunicato. Come parte del progetto, Carlsberg ha riunito sei estranei per mettere insieme la struttura modulare. Con l’obiettivo di fornire un abitazione a emissioni zero, l’elettricità della cabina è alimentata da un mix di acqua dalla cascata e energia solare da pannelli fotovoltaici.

Circondata da alberi da ogni lato, la cabina dispone di un ampio terrazzo, sedie sospese per uccelli e diverse camere da letto che possono ospitare fino a sei persone. Un tetto in lamiera copre l’edificio, mentre una porta in legno a cerniera si apre verticalmente come un garage per offrire più spazio aperto e posti a sedere.

All’interno, i viaggiatori troveranno letti a castello, una cucina di base e il momento saliente – un Carlsberg Expørt DraughtMaster – alimentato da una vicina cascata. “Le case originali del motore erano costruite in pietra e pompavano acqua dalle miniere di stagno, ora abbiamo tradotto il design iconico in una struttura leggera, ma questa volta pompa birra”, aggiunge Huggins.

Carlsberg rivisita anche i suoi simboli

Ma Carlsberg non rivede solo il proprio imballaggio. Bensì, anche i suoi simboli. Taxi Studio ha collaborato con Carlsberg a un importante rebrand globale, unificando i suoi diversi mercati con un sistema di identità semplice ma versatile che sostiene i principi del grande design danese. Dopo una lunga ricerca nel patrimonio di 171 anni del marchio, i famosi elementi del marchio Carlsberg sono stati attentamente rivisitati per la prima volta in diversi anni, raggiungendo il perfetto equilibrio tra forma e funzione. Queste attività si uniscono per formare un coerente sistema di identità guidato dal marchio principale che funziona attraverso packaging, promozioni e materiali POS per tutte le varianti globali di Carlsberg. Gli elementi centrali includono il logo, la foglia di luppolo, la corona e il carattere del marchio, così come la firma del fondatore di Carlsberg JC Jacobsen.

Carlsberg amplia la sua già più grande fabbrica in Europa

Carlsberg ha annunciato oggi che aumenterà la capacità del suo birrificio Kronenbourg a Obernai, in Francia, il più grande d’Europa, con un investimento di 100 milioni di euro ($ 117 milioni).

L’investimento, che modernizzerà il birrificio di Kronenbourg e aumenterà la sua capacità, arriva dopo il successo internazionale dei marchi francesi di birra come Kronenbourg 1664, il produttore danese ha detto. Carlsberg, il terzo produttore di birra al mondo con Anheuser Busch InBev (ABI.BR) e Heineken (HEIN.AS), ha visto per anni una crescita stagnante nell’Europa occidentale, ma ha recentemente beneficiato di prezzi più elevati, in quanto i consumatori optano per birre più ricercate.

Il birrificio si affida a mercati maturi dell’Europa occidentale per oltre la metà delle sue vendite. L’annuncio è stato fatto durante una visita del presidente francese Emmanuel Macron a Copenhagen. Nel 1996 ha acquisito Kronenbourg.

Titolo Carlsberg come investire

Carlsberg, il colosso birrario danese della birra, potrebbe soddisfare la richiesta di investitori a lungo termine assetati di azioni sottovalutate ma promettenti. La società CARLB di Copenaghen, è sulla buona strada per una migliore redditività, afferma Morten Imsgard, analista senior presso il danese Sydbank. “Hanno intrapreso questo viaggio per ottimizzare i costi, ottimizzare il portafoglio e sbarazzarsi di marchi non importanti più tardi rispetto alla maggior parte dei birrai”, afferma.

“Vedremo Carlsberg, in un periodo di alcuni anni, colmare il gap di guadagni con alcuni dei migliori giocatori del settore. Hanno ancora un sacco di frutta a foglia cadente ancora da raccogliere. “Imsgard vede il margine operativo aumentare di almeno due punti percentuali nei prossimi anni, da circa il 15% ora. È incoraggiato dai risultati di questo mese che hanno mostrato una buona crescita per le birre premium di Carlsberg, come Tuborg e Grimbergen, che detengono prezzi più alti e forniscono profitti più grassi. “Stanno ottenendo una certa trazione”, osserva.

“Il marchio Tuborg sta andando molto bene in Asia.” La Cina e il Giappone generano rispettivamente l’11% e il 5% delle entrate di Carlsberg. La Russia eroga il 13% e Danimarca, Germania, Regno Unito, Francia e Italia forniscono ciascuno il 7% circa, secondo i dati di FactSet.

Carlsberg non è un mercato caro. Solo sei dei 25 team di analisti che coprono la quotazione sono un Buy, mentre 10 dicono Sell e nove vanno con Hold. Gli analisti di RBC citano una crescita limitata dei ricavi nell’Europa orientale e occidentale per spiegare il loro rating Sector Perform, equivalente a Hold. Recentemente cambiando 791 corone danesi ($ 123), Carlsberg recupera 22 volte utili stimati in avanti, come il genitore della Guinness Diageo DGE, 0,37%, e poco sopra l’HEIA di Heineken, -0,46% 20, e l’ABI di Anheuser-Busch InBev -0,38% BUD, -1,15% 19.

Il rendimento del dividendo azionario è del 2%. Imsgard ritiene che alcuni investitori abbiano perso la fiducia nel birrificio danese a causa dei problemi della sua unità russa negli ultimi dieci anni, causati da una recessione economica che ha colpito spesa dei consumatori, aumenti delle tasse sull’alcol e restrizioni sulle pubblicità. “Forse, solo forse”, dice, il business russo di Carlsberg ha “toccato il fondo”, mentre i riflettori si sono spostati.

“Hanno ancora una situazione difficile in Europa orientale, ma l’attenzione degli investitori è quasi passata da quella regione ora”, dice l’analista di Sydbank, che ha un rating Buy su Carlsberg ma rifiuta di rivelare il suo obiettivo di prezzo. “È soprattutto, ‘Essere più efficienti nei mercati maturi e far crescere la tua attività asiatica.’

Se le cose miglioreranno nell’Europa orientale, sarebbe un vantaggio.” Tutti i birrai si stanno occupando del calo dei consumi dei marchi di massa, e questo è in parte perché Carlsberg sta spingendo le sue birre premium. Imsgard elogia anche le incursioni della compagnia in etichette specializzate, come il buyout di birrai artigianali London Fields e la sua partnership con Brooklyn Brewery, così come il successo con birre senza alcool che prendono di mira i bevitori attenti alla salute.

La Coppa del Mondo in estate e l’ondata di caldo dell’Europa, mentre una breve penuria europea di anidride carbonica (usata per mettere l’effervescenza in birra) non ha avuto un impatto importante. Mentre è rialzista, Imsgard sollecita la pazienza su Carlsberg, prevedendo ulteriori aumenti dei dividendi e acquisizioni limitate. “Devi essere un investitore a lungo termine”, avverte. “Se stai solo cercando un profitto facile nei prossimi sei mesi, potrebbe non essere lo stock giusto.”

Nel momento della scrittura, il titolo Carlsberg è scambiato a 771,60 DKK, con un calo di −2,40 (lo 0,31%).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY