Canone Rai: al via le dichiarazioni per chi non possiede la Tv

I non possessori di Tv possono presentare la dichiarazione per non pagare il Canone Rai 2017 con addebito nella bolletta dell’elettricità. Per le comunicazioni inviate tramite posta raccomandata la scadenza prevista è entro e non oltre il 20 dicembre, mentre per i cittadini che presenteranno la dichiarazione on-line avranno tempo sino a fine dicembre. Nel caso in cui non verranno rispettate queste scadenze, i contribuenti potranno successivamente richiede il rimborso della rata.

canone-tv

Cittadini esonerati

La dichiarazione può essere presentata da tutti coloro i quali non posseggano la Tv e deve essere inviata ogni anno, in quanto l’esonero ha appunto validità annuale. Il modulo per la comunicazione può essere scaricato dai siti internet della Rai o dell’Agenzia delle Entrate, i cittadini registrati in quest’ultimo possono inviare direttamente la dichiarazione tramite web o tramite intermediari abilitati (Caf). Se l’invio online non è possibile allora si potrà procedere per via postale tramite raccomandata, accompagnando il modulo compilato con la fotocopia del documento di identità valido in un plico senza busta.

Comunicazioni presentate in ritardo

Come precedentemente indicato, le dichiarazioni dovranno pervenire entro il mese di dicembre perché l’addebito della prima rata del Canone Tv partirà dal mese di gennaio 2017. Nel caso in cui la comunicazione venisse presentata entro il 31 gennaio 2017, sarà necessario chiedere il rimborso della prima rata, in questo modo si potrà evitare di pagare l’intero importo del canone. I cittadini che presenteranno la dichiarazione entro il 30 giugno dovranno pagare i primi sei mesi, tuttavia potranno richiedere l’esonero per il secondo semestre. Coloro i quali invieranno la comunicazione dal 1° luglio saranno esonerati dal canone per l’anno 2018.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY