Canone RAI 2017: modello di esenzione del pagamento

il canone Rai 2017

Attraverso questa guida, ci occuperemo di capire meglio quelle che sono le novità in merito al canone RAI 2017. Oggi, infatti, si parla molto di esenzione del canone RAI. Lo abbiamo già visto per il 2016, ed ora lo vediamo anche per il 2017.

il canone Rai 2017

Esenzione canone RAI 2017: modello di presentazione della domanda

Anche per il 2017, il pagamento del canone RAI avviene tramite bolletta elettrica. A tal proposito, ricordiamo che tutti i contribuenti, che non lo hanno ancora pagato per il 2016 perché non presente in bolletta, possono provvedere al pagamento del canone rai 2016 in un’unica soluzione, tramite modello F24 con ravvedimento operoso. Infatti, la scadenza del canone rai 2016 era fissata in questo caso al 31 Ottobre.

In sostanza, anche per il 2017 è prevista l’esenzione del canone RAI da parte dell’agenzia delle entrate per tutti i soggetti contribuenti che non possiedono un televisore o che possiedono più di 75 anni. Solo in quest’ultimo caso, però, deve esserci il requisito di reddito inferiore a € 6713.

Clicca qui per scaricare il modello di esenzione del canone RAI 2017  predisposto dall’agenzia dell’entrate.

Canone Rai 2017: importo da pagare

L’importo del canone rai 2017 è di € 90.

Esenzione canone Rai: come richiederla per il 2017

Per tutti coloro invece, che già lo scorso anno hanno presentato domanda di esenzione, in quanto possessori di una seconda casa o di una seconda utenza, non devono provvedere al rinnovo di tale domanda.

Per tutti gli altri casi di esenzione, invece, devono presentare domanda entro il 31 Gennaio 2017, contenente appunto la dichiarazione sostitutiva di non detenzione della televisione.

Nota Bene: la richiesta di non possesso del televisore deve essere rinnovata ogni anno. Nel caso di presentazione della domanda, oltre il termine di scadenza, il contribuente potrà beneficiare dell’esenzione ma solo parziale.

Solo nel caso in cui, nel 2016 sia stata presentata la dichiarazione di esenzione del canone RAI compilando il quadro B del modello concernente la dicitura (abbonamento pagato da altro membro della famiglia anagrafica), la richiesta di esenzione non deve essere rinnovata.

Canone RAI 2017: chi è esonerato dal pagamento?

Lo abbiamo accennato precedentemente, e qui di seguito ve lo riportiamo per esteso. L’agenzia dell’entrate ha predisposto una serie di soggetti che rientrano in una delle specifiche categorie, le quali sono esonerate dal pagamento del canone rai 2017.

  • Soggetti non titolari di un apparecchio TV: rientrano in questa categoria, e per tanto esonerati, tutti i soggetti che nonostante siano titolari di un’utenza domestica, non possiedono la televisione. In questo caso, anche coloro che non detengono una TV devono scaricare il modulo in fondo all’articolo riportato, compilarlo ed inoltrarlo telematicamente all’agenzia dell’entrate. All’interno del modulo deve essere dichiarato che non vi è nessun televisore all’interno di nessuna abitazione dove è attivata l’utenza elettrica.
  • Soggetti che hanno un’età anagrafica superiore a 75 anni: questa possibilità riguarda tutti i contribuenti che hanno superato i 75 anni ma che hanno un reddito attestato inferiore a € 6.713. Solo in questo caso, i soggetti possono richiedere l’esenzione nelle modalità descritte nella categoria precedente. (In questo caso il modulo può essere trasmesso una sola volta, in quanto non è richiesto un invio annuale).
  • Categorie particolari: un altro esonero è previsto invece per tutti i soggetti che possono rientrare in una delle seguenti categorie:
    • agenti diplomatici;
    • impiegati consolari;
    • funzionari di organizzazioni internazionali;
    • militari e personale civile estero domiciliato in Italia ma residente all’estero che appartiene alle Forze Nato.

Tutti i contribuenti che attivano una nuova utenza elettrica, sono obbligati a presentare entro la scadenza del mese successivo a quello di attivazione dell’utenza, l’esenzione del canone RAI nel caso non detengono un apparecchio televisivo.

Come compilare il modello di esenzione del Canone RAI 2017

Tutti i contribuenti che rientrano in una delle seguenti categorie su descritte, possono inoltrare il modello di autocertificazione (clicca qui per scaricare il modello). Il modello contiene al suo interno 2 sezioni:

  1. la prima sezione è riservata solo e soltanto per l’inserimento dei dati anagrafici;
  2. la seconda predispone una dichiarazione sostitutiva di mancata detenzione dell’apparecchio TV.

Nel secondo caso, all’interno della sezione vi sono 2 differenti riquadri:

  • quadro A che deve essere compilato da coloro che non detengono un apparecchio televisivo;
  • quadro B è la sezione riservata ai contribuenti che non devono pagare il canone Rai in quanto già pagato da altro soggetto componente dello stesso nucleo familiare.

Clicca qui per scaricare il modello di esenzione del canone RAI 2017  predisposto dall’agenzia dell’entrate.

Ricordiamo ancora una volta che la presentazione della domanda di esenzione del canone rai 2017 può avvenire o in modalità telematica, ovvero tramite Fisconline o Entratel, oppure per per posta raccomandata, inviando il modello al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti  TV – Casella Postale 22 – 10121 Torino. A far fede, in questo caso, è la data di spedizione.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY