Cambio Euro-Sterlina in rialzo dopo i dati positivi delle PMI dell’Eurozona

Cross EUR-GBP in recupero (+ 0,22%) dopo i dati diffusi sulle PMI del settore manifatturiero dell’Eurozona e del Regno Unito. Il report diffuso dal gruppo di ricerche di mercato Markit ha reso noto che nell’area Euro, la lettura finale dell’indice manifatturiero nel mese di Aprile si è attestata a 56,7 punti, balzando sui massimi degli ultimi 6 anni, in leggera contrazione rispetto alla stima preliminare (56,8 punti).

La lettura molto positiva sulle PMI dell’Eurozona arriva dopo il progresso fatto registrare dall’inflazione, salita su base annua all’1,9% dall’ 1,55% della rilevazione precedente. In netta salita anche l’inflazione Core, al netto delle componenti volatili di trasporti ed energetici, aumentata a +1,25% da +0,8%.

In virtù di questi ultimi dati la BCE in futuro potrebbe ritrovarsi con le spalle al muro e cedere alle insistenze di alcuni membri del board, vicini alle posizioni della Germania, di rivedere al più presto un aumento dei tassi. L’Eurostat ha inoltre diffuso il dato sulla disoccupazione nel mese di Marzo, sostanzialmente stabile al 9,5%.

L’indagine Markit sull’indice PMI manifatturiero britannico, nel mese di Aprile, invece, ha messo in luce una crescita a 57,3 punti dai 54,2 punti del mese precedente, evidenziando la migliore lettura da Luglio 2014. L’ottimo dato sulle PMI del Regno Unito, migliore delle attese (54 punti), contrasta con la debole lettura preliminare del Prodotto Interno Lordo del paese, relativo ai primi tre mesi dell’anno, cresciuto soltanto dello 0,3%, rispetto al +0,7% della precedente rilevazione. Su base annua, tuttavia, il PIL britannico ha messo a segno una crescita del 2,1%, inferiore alle attese (+2,2%), ma migliore della lettura precedente ( +1,9% ).

Andamento cross EUR-GBP sul breve-medio periodo


Al momento della scrittura il cross Euro-Sterlina viene scambiato in area 0,8455 e 0,8465, in rialzo tra lo 0,15% e lo 0,20%. Dopo aver riconquistato la media mobile a 10 periodi (linea di colore azzurro sul grafico con time-frame giornaliero, in alto) ed essersi allontanato dai minimi di metà Aprile in area 0,83, le quotazioni di questa coppia di cambi stanno lottando per riportarsi anche sopra alla media mobile a 25 periodi (linea rossa sul grafico).

Una chiusura giornaliera oltre EMA 25 sarebbe un ottimo segnale di ripresa di brevissimo periodo, dopo i tre tentativi falliti nel corso dell’ultima settimana di contrattazioni. Il quadro grafico di breve-medio periodo, invece, tornerebbe ad essere positivo soltanto sopra la media mobile a 50 periodi (linea di colore verde sul grafico), transitante in area 0,852-0,854. Oltre EMA 50 spazio di crescita fino ad area 0,86-0,865, estesa a 0,87, mentre la perdita di EMA 10, in zona 0,844 potrebbe far scivolare le quotazioni in area 0,835 e 0,83.

Strategia di trading forex sul cambio euro-sterlina – validità 1-3 giorni

La strategia rialzista suggerisce di attivare operazioni Long nel caso in cui si assista ad una chiusura oraria maggiore di quota 0,8484 e consiglia di prendere i primi profitti in area 0,8504 e 0,8516; stop loss in caso di discesa sotto quota 0,8432. Mantenere o aumentare l’esposizione rialzista in caso di close orario oltre quota 0,8516, per cercare di prendere profitto, in prima battuta a quota 0,8536 e successivamente a quota 0,8568; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,8468 in chiusura oraria.

Ed ancora, lecito aprire ulteriori posizioni lunghe in caso di close orario oltre quota 0,8568, per approfittare di possibili estensioni al rialzo in area 0,8588 e 0,8621, estesa a quota 0,8674; stop loss in caso di ritorno sotto quota 0,8516 in chiusura oraria. Acquistare sulla debolezza in caso di affondo in area 0,823, per sfruttare eventuali rimbalzi a in area 0,8282 e 0,8314; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 0,8198 in close orario.

La strategia ribassista, invece, consiglia di attivare operazioni Short in caso di discesa sotto quota 0,8432 in chiusura di candela oraria e suggerisce di prendere profitto in area 0,8418 e 0,8398; stop loss in caso di ritorno sopra quota 0,8484 in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni corte in caso di rottura del supporto orario a quota 0,8398, per cercare di ricoprirsi in prima battuta a quota 0,8378 ed in un secondo momento a quota 0,8346; stoppare le operazioni in caso di ritorno sopra quota 0,8432 in chiusura oraria.

Lecito aprire nuove posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 0,8346 per sfruttare ulteriori discese in area 0,8314 e 0,8282, estesa a 0,823; stop loss in caso di recupero di quota 0,8418 in close orario. Short speculativi in caso di estensioni rialziste in area 0,8674, per approfittare di eventuali correzioni in un primo momento a quota 0,8621 ed in seconda battuta a quota 0,8585; stoppare le operazioni in caso di ulteriori allunghi oltre quota 0,871 in chiusura oraria o daily.

Salva

Salva

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY