Cambio Euro Dollaro sfonderà quota 1,25: le tesi possibiliste

Il cambio Euro/Dollaro Us sfonderà quota 1,25 dollari? La cosa è possibile. Almeno stando ad alcune valutazioni.

Ad esempio, come dice Michael Hewson, chief market analyst di CMC Markets: “Presso l’area situata a 1,25 vi è una convergenza di livelli statici e dinamici molto interessante”. Aggiungendo che al di là di simil livello il cambio l’Eur/Usd si troverà ad intersecare “la linea di tendenza ribassista uscente dai massimi del 2008 a 1,6038, la media mobile a 100 e quella a 200 periodi”.

Del resto, l’esponente di CMC Markets ricorda anche come l’attuale resistenza a 1,25 corrisponde al 38,2% del ritracciamento dell’intero movimento ribassista iniziato dal luglio 2008 e che ha raggiunto il suo culmine ad inizio 2017 sui minimi toccati a 1,0341.

E così conclude che un altro mancato breakout di 1,25 potrebbe portare al ritorno definitivo presso area 1,22. Invece, un allungo oltre 1,25 potrebbe portare a 1,26.

Peter Rosenstreich di Swissquote, invece, ritiene che la debolezza del dollaro sia da riscontrare nel successo ottenuto dal nuovo contratto future sul petrolio denominato in yuan cinesi. La riprova di ciò si ha facendo caso alla debolezza rispetto alle cosiddette commodity currencies.

Eur/Usd rialzo vicino?

Sempre Peter Rosenstreich si ritiene fiducioso sul fatto che l’Europa si stia ormai economicamente riprendendo e che il rafforzamento dell’Euro sul Dollaro (+3,78% da inizio 2018) proseguirà proprio sulla base della debolezza strutturale del secondo rispetto all’appeal del primo. Insomma,

Insomma, lo head of market strategy di Swissquote vede un primo obiettivo rialzista dell’Eur/Usd a 1,2470 ed il successivo a 1,25 nel breve termine.

Ma si mostra ancora più possibilista in un movimento rialzista Michael Hewson, secondo il quale volgendo un rapido sguardo al grafico mensile, si evidenzia l’importanza di quest’area (1,25 ndr), con una sua rottura che potrebbe aprire la possibilità di un movimento rialzista verso quota 1,30.

Euro / Dollaro prospettive future

In effetti, se si guarda al medio termine, la tendenza del cross euro dollaro è ancora ben impostata al rialzo. E ciò trova conferma anche dal fatto che i prezzi si trovano al di sopra del supporto dinamico ascendente.

A ciò occorre aggiungere il fatto che i prezzi continuano a muoversi all’interno di indicatori presenti in territorio positivo.

Quale prospettiva futura? Probabilmente, sia nel breve che nel medio termine, i prezzi del cross euro dollaro continueranno a muoversi lentamente ed in maniera graduale verso l’alto. La cartina di tornasole sarà comunque l’area 1,2533, autentico bivio per capire se il movimento rialzista del cross valutario Eur/USD si può spingere davvero in alto o no.

Nel momento in cui scriviamo, il cambio Euro/Dollaro si attesta su 1,23945.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY