Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale e come investire

Qual è la quotazione del Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale? Come investire nel cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale? Conviene investire nel cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale?

Sebbene non sia famoso come il Dollaro statunitense e sia la valuta nazionale di una piccola realtà come la Nuova Zelanda, resta comunque importante conoscere quale sia il cambio con l’Euro. Soprattutto per quanti devono recarsi in quel paese e utilizzato la moneta unica europea, per lavoro o per diletto, e quindi vogliono calcolare a quale spesa andranno incontro.

Oppure devono stringere affari con società, istituzioni o professionisti neozelandesi, e quindi vogliono calcolare quanto andranno a spendere o a guadagnare.

O, ancora, vogliono investire nel Forex su questo cambio.

Qualunque sia il motivo che spinga a conoscere quale sia la quotazione del Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale, vediamo come ottenere questo dato e come investire.

Una situazione di cui approfittare sfruttando le piattaforme REGOLAMENTATE. Ad esempio, per citare due nomi di rilievo, 24option (vai qui per il sito ufficiale) ed eToro (vai qui per il sito ufficiale) permettono di negoziare su vari asset con strumenti molto semplici da utilizzare, alla portata di tutti.

Quotazione Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale

Qual è la Quotazione del Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale? Al momento della scrittura, è pari a 1,6925, con ultima variazione di -0,17%. La performance a 1 settimana è di +0,98%, a 1 mese di -0,86%, a 6 mesi di +0,04% e a 1 anno di -1,21%.

Dove vedere quotazione Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale

Dove vedere quotazione Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) in tempo reale? Sul web sono tanti i portali che riportano questo dato, sebbene un trucco molto rapido per ottenerlo è digitare su google i codici delle due valute: EUR NZD.

Big G offre anche la possibilità di vedere lo storico del cambio: un giorno, 5 giorni, un anno, 5 anni fino al 5 dicembre 2003.

EUR NZD fattori influenti

Quali sono i fattori che influenzano il cambio EUR / NZD? Si tratta di un cross valutario non diretto di due economie molto distanti tra loro. Non solo dal punto di vista geografico, ma anche per altri fattori.

Per quanto riguarda l’euro, l’andamento economico è fortemente influenzato da tre paesi in particolare: Germania, Francia e Italia. Sebbene poi a formarlo siano 19 paesi, che entro il 2022 potrebbero diventare 20 con l’ingresso della Croazia. In generale, l’Eurozona risente dell’economia a due velocità del Vecchio continente. Da una parte i paesi del Nord che corrono, da una parte quelli del Sud con i loro problemi atavici (disoccupazione, debito pubblico)

Dall’altra parte troviamo la Nuova Zelanda, piccolo paese vicino all’Australia in fase di ammodernamento ma ancora fortemente legato alle sue tradizioni. Dominio britannico dal 1907, la Nuova Zelanda ottenne l’indipendenza dal Regno Unito nel 1931.

La Nuova Zelanda ha un’economia di mercato avanzata al 16° posto nell’indice di sviluppo umano del 2018 e al terzo nell’indice di libertà economica 2018.

È un’economia ad alto reddito con un prodotto interno lordo nominale (PIL) pro capite pari a 36.254 USD. La valuta è il dollaro neozelandese, conosciuto informalmente come il “dollaro Kiwi”; circola anche nelle Isole Cook (vedi Dollaro delle Isole Cook), Niue, Tokelau e le Isole Pitcairn.

L’elevata domanda di prodotti agricoli provenienti dal Regno Unito e dagli Stati Uniti ha aiutato i neozelandesi a raggiungere livelli di vita più elevati rispetto all’Australia e all’Europa occidentale negli anni ’50 e ’60. Nel 1973, il mercato delle esportazioni neozelandesi si ridusse quando il Regno Unito entrò a far parte della Comunità economica europea e altri fattori di composizione, come il petrolio del 1973 e le crisi energetiche del 1979, portarono a una grave depressione economica.

A metà degli anni ’80, la Nuova Zelanda liberalizzò il proprio settore agricolo abolendo gradualmente i sussidi per un periodo di tre anni. Dal 1984, i governi successivi si impegnarono in importanti ristrutturazioni macroeconomiche (conosciute prima come Rogernomics e poi in Ruthanasia), trasformando rapidamente la Nuova Zelanda da un’economia protetta e altamente regolata ad un’economia liberalizzata liberista.

La disoccupazione ha raggiunto il picco del 10% nel 1991 e 1992, dopo il crollo del mercato azionario del 1987, ma alla fine è sceso al minimo storico (dal 1986) del 3,7% nel 2007 (al terzo posto ventisette nazioni OCSE comparabili).

Tuttavia, la crisi finanziaria globale che ne è seguita ha avuto un forte impatto sulla Nuova Zelanda, con il PIL in calo per cinque trimestri consecutivi, la più lunga recessione in oltre trent’anni e la disoccupazione al 7% alla fine del 2009. I tassi di disoccupazione per fasce d’età diverse seguono tendenze simili, ma sono costantemente più alti tra i giovani.

Oggi l’economia della Nuova Zelanda beneficia di un alto livello di innovazione. E, sebbene siano ancora tanti i giovani laureati costretti ad emigrare, il Paese attira sempre più cervelli dall’estero.

Come per tutti gli altri cambi, occhio poi alle decisioni sui tassi di interesse imposti dalle due banche centrali (BCE e RBNZ). Un costo del denaro più alto potrebbe portare all’apprezzamento della moneta. Viceversa, ad un suo deprezzamento.

Ovviamente, occorre fare i conti altresì con l’instabilità politica delle due aree.

Infine incidono pure i market mover relativi alle due aree economiche. Un aumento dell’occupazione potrebbe portare al rialzo di una moneta, così come l’aumento del PIL o di altri fattori economici. Viceversa, avremo gli effetti opposti.

Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD) conviene investire?

Conviene investire sul Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD)? Sì se si vuole utilizzare questo asset valutario per diversificare il portafoglio titoli.

Se si guarda agli ultimi 5 anni, il cambio ha vissuto molte variazioni, come se fosse una montagna russa. Dopo una tendenza al ribasso iniziata nel febbraio 2016 e terminata nel febbraio 2017, è iniziato un trend rialzista, fino ad ottobre 2018. Poi un nuovo ribasso e la recente ripresa.

Il punto più basso è stato raggiunto il 17 aprile 2015, toccando quota 1,41. Il punto più alto risale all’11 settembre 2015, quando il cambio ha toccato quota 1,79.

Quindi, prima di investire, occorre valutare bene tutti i fattori prima esposti e in quale condizioni versino le due aree.

Fare trading seriamente sul Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD)

Come fare trading seriamente sul Cambio euro dollaro neozelandese (EUR/NZD)? Il modo migliore è farlo mediante il Broker eToro (clicca qui per saperne di più) . Da anni sulla cresta dell’onda con le sue novità sempre molto gradite dagli utenti.

75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

Oltre ad offrire i servizi più comuni a tutti gli altri Broker, eToro ne offre tre in maniera unica. Sebbene ormai anche molto imitata.

Il primo servizio che vale la pena citare è quello del Social trading, una sorta di Forum dove è possibile porre domande, dare risposte ai quesiti altrui, dare e ricevere consigli.

Il grande vantaggio rispetto ai consueti Forum sul trading o ai Social come Facebook, è che il Social trading di eToro è sterilizzato da impostori e falsi Guru.

Un altro servizio molto importante è il CopyTrader, ossia il Copy trading. Un modo per guadagnare già quando si è neofiti copiando quanto fanno i trader più rinomati. Il Broker ha così implementato un servizio che già c’era: il Mirror trading. Naturalmente, anche i trader copiati ci guadagneranno a loro volta.

Infine, il Copyportfolio, un modo per copiare interi panieri di asset. Quindi una versione più estesa della precedente.

Ci sono tre tipi di CopyPortfolio tra cui scegliere:

  1. Top Trader CopyPortfolios che comprendono i trader con le performance migliori su eToro, secondo una strategia predefinita
  2. Market CopyPortfolios che raggruppano una combinazione selezionata di CFD in azioni, materie prime o ETF, secondo un tema predefinito.
  3. Partner CopyPortfolios che sono stati creati dai partner del Broker:
  • Tipranks, una società di software per analisi di borsa
  • WeSave, un robo-advisor francese
  • Meitav Dash, una società di investimenti con un patrimonio gestito multimiliardario

Per saperne di più su eToro visita il sito ufficiale cliccando qui.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY