Cambio BTC-USD preda di forti oscillazioni fa le fortune dei trader più audaci

Smaltita la delusione ed il conseguente crollo delle quotazioni dovuti all’annullamento della nuova Hard Fork del BITCOIN, il cambio Bitcoin-Dollaro nelle ultime 5 sedute non solo ha recuperato tutto il terreno perso, ma ha fatto registrare un nuovo record storico toccando quota 8.029,80, facendo gioire trader ed investitori esperti e non.

Il mancato aggiornamento del software per migliorare lo sviluppo dei BITCOIN, con il no arrivato dai principali miners della criptovaluta, aveva fatto precipitare il cambio BTC-USD del 44% circa, con le quotazioni che nel giro di una manciata di sedute erano scese da un massimo a quota 7.895 toccato nella seduta dell’8 Novembre, ad un minimo a quota 5.426 battuto nel corso della seduta del 12 Novembre. Il mercato, quindi, in un primo momento aveva punito la mancata nascita di un nuovo processo che avrebbe raddoppiato la capacità di immettere nuovi Bitcoin sulla rete, con delle pesanti vendite. Ma a partire dalla stessa giornata del 12 Novembre, con la stessa forza con cui erano stati rotti al ribasso tutti i supporti di breve, la coppia BTC-USD si è messe dietro una resistenza dietro l’altra, superando ogni precedente record e portandosi sul massimo citato tra le righe del paragrafo precedente. N

on ci sono particolari news per giustificare una tale reazione (+48% dal 12 Novembre ad oggi 17 Novembre), come del resto, i forti cali erano sembrati eccessivi. Tuttavia, considerata l’elevata volatilità che ha caratterizzato il cambio BTC-USD sin dagli albori, preferiamo giustificare le forti oscillazioni di questi giorni, come conseguenza di ampi movimenti tecnici che scattano alla rottura di supporti o resistenze.

Sommario

Andamento quotazioni cambio bitcoin-dollaro sul breve-medio periodo


Dal punto di vista strettamente tecnico, il cambio BTC-USD ha iniziato a recuperare terreno ed a schizzare successivamente verso nuovi massimi assoluti, rimbalzano dal più importante supporto di medio periodo rappresentato dalla media mobile a 50 periodi (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero, in alto).

Al momento della scrittura la coppia quota a circa 7.900, in rialzo di circa mezzo punto percentuale. Al rialzo, una chiusura daily sopra quota 8.000 punti potrebbe innescare ulteriori strappi rialzisti con target in area 8.400 in un primo momento ed area 8.800 punti in seconda battuta. Al ribasso, invece, il primo sostegno di brevissimo si colloca sulla media-mobile 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), transitante in area 7.100-7.000, mentre il primo supporto giornaliero ricade sulla media mobile a 25 periodi ( la linea mediana sul grafico), passante in area 6.600 punti. EMA a 50 gg, principale sostegno di medio, che invece è salito in area 6.050-6.000.

Andamento cross eth-usd

Situazione opposta invece per la coppia ETH-USD rispetto al cambio BTC-USD, dove il cross che vede contrapposta la seconda criptovaluta per capitalizzazione, l’Ethereum, al Dollaro USA da più di un’ottava risulta ingabbiato in uno trading range compreso tra area 300 ed area 330.

La fuoriuscita, in chiusura daily o meglio ancora settimanale, da un lato piuttosto che dall’altro della congestione, decreterà la direzione del cambio ETH-USD sul breve-medio periodo.

Pattern di trading sul cross BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di chiusura oraria o daily oltre quota 7.956 e pronostica primi due target price in area 8.084 e 8.165; stop loss in caso di ritorno sotto quota 7.768 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori balzi oltre quota 8.165 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 8.297 e successivamente a quota 8.432; stop loss in caso di close orario minore di 7.956

Suggeriti ulteriori Long in caso di estensioni oltre quota 8.432 in close orario o daily, per puntare a prendere profitto in area 8.568 e 8.707, estesa a quota 8.934; stop loss in caso di ritorno sotto quota 8.165 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 6.901, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in primo luogo a quota 7.086 ed in un secondo momento a quota 7.203; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 6.720 in chiusura giornaliera.

Il pattern di trading ribassista, invece, prende forma in caso di discesa sotto quota 7.768 in chiusura di candela oraria daily, e suggerisce di prendere profitto, in area 7.664 e 7.564; stop loss in caso di recupero oltre quota 7.956 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 7.564, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 7.442 ed in seconda battuta a quota 7.320; stop loss in caso di ritorno sopra quota 7.768 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali cali sotto quota 7.320 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in area 7.203 e 7.086, estesa a quota 6.901; stop loss in caso di recupero sopra quota 7.564 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 8.934, per sfruttare eventuali storni in un primo momento a quota 8.707 e successivamente a quota 8.568; stop loss in caso di ulteriori estensioni al rialzo oltre quota 9.080 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY