Cambio bitcoin-dollaro stabile, consolida sulla resistenza di brevissimo in area 3.700

Settimana con apparente calma per il rapporto di cambio tra il Bitcoin ed il Dollaro USA, che oscillato tra un massimo ed un minimo a 7 sedute, rispettivamente pari a circa 3.800 e circa 3.575.

L’ottava che ci siamo appena lasciati alle spalle è stata caratterizzata principalmente da news positive, tra cui la notizia che importanti passi in avanti si stanno compiendo in giro per il mondo per introdurre le criptovalute nel mondo della finanza reale. Qualche giorno fa si è venuto a conoscenza che in Bielorussia è stata lanciata una piattaforma in cui i trader potranno acquistare azioni o altri asset tradizionali, come oro o petrolio, usando delle criptovalute. I cripto-trader, pertanto, per la prima volta potranno diversificare i propri investimenti in valute digitali con altri asset reali.

Molti noti investitori e sostenitori della valuta digitale per eccellenza, il Bitcoin, si sono detti entusiasti della nuova opportunità lanciata dalla piattaforma bielorussa, dicendosi certi che in futuro le criptovalute saranno sempre più utilizzate come token azionari virtuali, ancorati ad asset reali.

Molto interessanti i risultati promossi da uno studio secondo cui, dallo scorso mese di Ottobre, molti portafogli inattivi di Bitcoin, ovvero conti su cui da almeno sei mesi non erano state effettuate transazioni, sono stati nuovamente rimovimentati, facendo salire al 60% sui conti attivi, nell’ultimo mese,la riserva di valuta circolante. L’ammontare dei portafogli attivi di Bitcoin è pertanto è aumentata del 40% rispetto allo scorso Settembre, molti di essi non erano stati più movimentati da due anni. Secondo i promotori dello studio il trend della riattivazione dei conti potrebbe continuare anche nei prossimi mesi.

Da un report elaborato e diffuso lo scorso Ottobre dalla società di ricerca Blockchain Chainalysis è inoltre emerso che esistono 32 grossi conti di Bitcoin, sui quali sono contenuti oltre 1 milione di BTC, per un valore che al cambio corrente varrebbero circa 3,7 miliardi di dollari. Dal suddetto studio è inoltre emerso che dai cosiddetti “ conti balena “ nei momenti in cui si verificavano grossi cali di prezzo, sistematicamente partivano corposi acquisti.

Andamento cambio Bitcoin-Dollaro sul breve-medio periodo

Al momento della scrittura la coppia viene scambiata in area 3.700 e viaggia con un rialzo di poco superiore all’1%. Sotto l’aspetto tecnico, le quotazioni stanno cercando di riportarsi al di sopra della prima resistenza di brevissimo, rappresentata dalla media mobile a 10 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico con time-frame giornaliero, in alto), che al momento transita im area 3.750, circa. Il break-out di EMA 10, se confermato in chiusura daily potrebbe attivare un pattern rialzista con target sulla resistenza multiday che si colloca in area 4.065, dove tra l’altro passa la media mobile a 50 giorni (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico).

Tra le due EMA indicate in precedenza di colloca l’ostacolo intermedio in area 3.835, su cui passa la media mobile a 25 giorni (la linea mediana sul grafico). Al ribasso, invece, la mancata rottura delle resistenze appena indicate ed un eventuale calo sotto area 3.600 potrebbero causare un rapido affondo in area 3.400-3.300.

Andamento cambio ETH-USD sul breve-medio periodo

Al momento della scrittura la coppia Ethereum-Dollaro quota poco sopra area 121 (+0,80%), in calo dai massimi in area 129, toccati nelle ultime sedute.

Pattern di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 3.750 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 3.810 e 3.872; stop loss in caso di ritorno sotto quota 3.650 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 3.872 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 3.935 e successivamente a quota 4.065; stop loss in caso di close orario minore di quota 3.750.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 4.065 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 4.130 e 4.238, estesa a quota 4.350; stop loss in caso di ritorno sotto quota 3.935 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 3.190, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi a quota 3.275 e 3.365, con eventuali estensioni verso quota 3.420; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 3.100 in chiusura giornaliera.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 3.650 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 3.590 e 3.533; stop loss in caso di recupero oltre quota 3.750 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 3.533, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 3.475 ed in seconda battuta a quota 3.420; stop loss in caso di ritorno sopra quota 3.590 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 3.420 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 3.365 e successivamente a quota 3.275, estesa a quota 3.190; stop loss in caso di recupero sopra quota 3.475 in close daily.

Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 4.350, per sfruttare eventuali storni a quota 4.238 e 4.130, con possibili estensioni a quota 4.065; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 4.465 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY