CA Technologies, lavoratori in mobilitazione in difesa del lavoro

Non è iniziato nel migliore dei modi il 2019 per 127 dipendenti della divisione italiana di CA Technologies, multinazionale dei software con sede anche a Roma e Milano. Infatti, dal 25 gennaio, rischiano mensilità e indennizzi. Al fine di ottenere un accordo di licenziamento che non leda troppo i loro diritti.

Ricordiamo che CA Technologies è stata rilevata lo scorso Novembre da Broadcom, multinazionale che si occupa di hardware. Ma che sta mettendo a punto un piano di ristrutturazione che metta in crisi i livelli occupazionali in Italia.

In Italia i dipendenti sono 55, per il quale è stato deciso il licenziamento collettivo nel dicembre del 2018. Gli esuberi attuali sono 45, ma la multinazionale nei giorni scorsi si era impegnata ad accogliere controproposte sulle opzioni relative alla uscita degli stessi dall’azienda.

Di recente, i vertici societari hanno incontrato i rappresentanti delle rsu nella sede di Confcommercio a Milano. Al fine di rinegoziare le condizioni di esubero, in quanto considerate non idonee dai lavoratori coinvolti. Tuttavia, non si è trovata una intesa e ora si rischia che, dove non si trovi una soluzione in tempi rapidi, i dipendenti licenziati vengano mandati a casa senza vantaggio economico. Con conseguente raffica di ricordi.

CA Technologies, la crisi c’è ma non si vede

Come sovente accade nelle vertenze sindacali, si parla di crisi di aziende che si dichiarano costrette a licenziare i propri dipendenti. Per poi scoprire che la crisi in realtà la vedano solo i vertici. Nella fattispecie, questa situazione vale sia per CA Technolgies che per Broadcom.

A spiegare bene la situazione di CA Technologies è Francesco Tragni, uno dei dipendenti interessati alla vertenza: «Gli esuberi sono la conseguenza di una strategia di investimento. A dicembre, quando è stata aperta la procedura di mobilità avevamo proposto un piano per evitare i licenziamenti ma l’azienda è stata molto ferma, nonostante gli esuberi non siano dettati dalla crisi o dalla mancanza di utili».

Il tutto, quindi sarebbe dovuto al fatto che la CA Technologies sia “vittima” di questa guerra per il controllo del mercato informatico portata avanti da Broadcom. Quest’ultimo è una multinazionale di Singapore che ha incassato un brutto no dall’antitrust statunitense nel tentativo di acquisire un altro colosso, ma dei processori: Qualcomm. Evidentemente il massimo organismo che decide sul mercato, ha ritenuto che rilevando quest’ultima, CA Technologies avesse detenuto una fetta di mercato troppo ampia.

Broadcom ha chiuso l’anno finanziario con ricavi per oltre 20 miliardi di dollari. Facendo registrare un +18% rispetto al 2017. Con i vertici che hanno ammesso che l’interessamento per CA Tecnologies fosse spinto dalla voglia di aumentare la propria presenza sul mercato hardware e software. l’avrebbe aiutata a integrare l’offerta di hardware e software, cioè ad aumentarne il valore di mercato.

Quindi, riassumendo, siamo di fronte al solito pesce grande che mangia uno piccolo solo per aumentare le proprie dimensioni. E in questo caso, Broadcom vuole sacrificare posti di lavoro di CA Tecnologies solo per snellire i costi. Il tutto, controbilanciato da una maggiore presenza sul mercato.

Intanto l’11 febbraio si avvicina

Ora, l’11 febbraio scadono i termini di legge per trovare un compromesso. Superato il quale il colosso di Singapore avrà mano per licenziare in blocco senza riconoscere indennizzi ai dipendenti. I dipendenti sono pronti alla guerra tramite scioperi e proteste.

Inoltre, si sta andando anche contro le normative vigenti, visto che su 27 donne dipendenti, se ne licenzierebbero 21.

La speranza ora risiede nel Ministero dello sviluppo guidato da Luigi Di Maio. In questi giorni più sorridente del solido per l’avvio di Quota 100 e, a breve, del Reddito di cittadinanza. Ma febbraio è cominciato e per i dipendenti di CA Technologies potrebbe essere più corto e amaro di quanto affermi un noto proverbio.

CA Technologies chi è

CA Technologies, precedentemente nota come Computer Associates International, Inc. e CA, Inc., è una multinazionale con sede a New York City. Dal 5 novembre 2018, la società è diventata come detto una filiale di Broadcom Inc.

CA è considerata una delle più grandi società di software indipendenti del mondo. La società crea software per sistemi e applicazioni che funziona in mainframe, computer computing distribuito, macchina virtuale, ambienti di cloud computing, dispositivi mobili e Internet of Things (IoT). La società era stata un fornitrice di programmi software commerciali di sicurezza anti-virus e Internet per personal computer.

Oggi, è principalmente noto per il suo software business-to-business (B2B) con un portfolio di prodotti focalizzato sullo sviluppo di software agile, DevOps e software di sicurezza informatica che copre un’ampia gamma di ambienti come mainframe, computing distribuito, cloud computing e mobile dispositivi. CA Technologies afferma che i suoi prodotti software per computer sono utilizzati da “una maggioranza delle aziende Fortune Global 500, organizzazioni governative, istituti scolastici e migliaia di altre aziende in diversi settori in tutto il mondo.”

CA Technologies ha uffici in oltre 40 paesi e impiega circa 11.300 persone. CA detiene oltre 1.500 brevetti in tutto il mondo e ha più di 900 domande di brevetto in sospeso. Ha sede a Long Island per gran parte della sua storia, inizialmente Jericho, NY e Garden City nella contea di Nassau, poi Contea di Suffolk per 22 anni in Islandia, prima di trasferirsi a Manhattan nel giugno 2014. Era una volta la seconda più grande azienda di software in Stati Uniti.

La società ha evitato l’incriminazione per coinvolgimento nello scandalo contabile di 35 giorni del mese, raggiungendo un accordo di rinvio a giudizio con il governo nel 2004 in cui ha accettato di pagare $ 225 milioni in restituzione azionista. quasi 200 prodotti software. Alcuni dei più noti sono ACF2, TopSecret (sicurezza), Datacom (database), Easytrieve (generatore di report), IDMS (gestione database), InterTest (debugging), Librarian, Panvalet (gestione librerie) e TLMS (gestione librerie nastri)

CA Technologies nascita

La società fu fondata da Charles Wang e Russell Artzt nel 1976. Sotto la pressione delle normative nel 1969, IBM annunciò la sua decisione di separare la vendita di hardware dal suo software e servizi di supporto, computer mainframe da programmi per computer, ecc.

La decisione ha aperto nuovi mercati alla concorrenza nel nascente settore del software. Wang e Artzt hanno sviluppato diversi prodotti per quel mercato. Nel 1976, ottennero i diritti di distribuzione esclusiva per il Nord America per CA-Sort, un programma software di utilità di ordinamento / unione / copia e gestione dei dati.

Wang e Artzt fondarono una nuova impresa in collaborazione con Sam Goodner e Max Sevcik della Swiss Company Computer Associates, che chiamarono Computer Associates International, e andarono al mercato con CA-Sort, insieme ai loro prodotti originali.

Gli algoritmi di ordinamento di SORT e le prestazioni del prodotto (principalmente sulla piattaforma di calcolo DOS / VS), combinati con prezzi modesti, hanno portato a una rapida crescita nel mercato nordamericano.

Nel corso del decennio, la società è cresciuta rapidamente attraverso diverse acquisizioni. Nel 1987, le azioni di CA iniziarono le negoziazioni sulla Borsa di New York usando il simbolo “CA” al suo tempo sul NASDAQ (1981-1987) usando il titolo simbolo “CASI”. Alla fine del decennio, CA è diventata la prima società di software dopo che Microsoft ha superato $ 1 miliardo di vendite.

Nel 1991, aveva $ 1,4 miliardi di vendite. All’inizio del decennio, CA fu costretta a rispondere alle critiche nei confronti dell’azienda e ad un netto calo del prezzo delle sue azioni, che durante il 1990 diminuì di oltre il 50%. I cambiamenti che ne seguirono includevano una spinta nei mercati esteri (Giappone, Canada, Africa, America Latina), una riforma del modo in cui la società addebita ai clienti la manutenzione del software e una migliore compatibilità con prodotti di altri produttori come Hewlett-Packard (HP), Apple Computer e Digital Equipment Corporation (DEC).

Nel 1994, CA ha acquisito il Gruppo ASK e ha continuato a offrire il sistema di gestione del database di Ingres sotto una varietà di nomi di marchi. CA ha continuato la sua espansione attraverso acquisizioni. La Legent Corporation è stata acquistata per $ 1,78 miliardi nel 1995, all’epoca la più grande acquisizione nel settore del software e Cheyenne Software per $ 1,2 miliardi nel 1996. CA ha eseguito l’acquisizione più grande del settore software ($ 3,5 miliardi) tramite Platinum Technology International in 1999.

Nel 2000, CA aveva acquisito circa 200 società. A quel tempo, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti limitava le acquisizioni di CA. La società ha rifinanziato ingenti debiti e una battaglia per delega tra il consiglio e gli azionisti. Ci sono state anche domande riguardanti il compenso esecutivo, i metodi contabili e il commercio di informazioni privilegiate dal suo amministratore delegato e presidente, Sanjay Kumar.

Nel 2000, Sanjay Kumar ha sostituito Charles Wang come amministratore delegato. Nel 2002, Kumar divenne presidente del consiglio di amministrazione di Computer Associates. Nel 2006, è stato condannato a 12 anni di carcere e multato $ 8 milioni per il suo ruolo in una massiccia frode contabile presso Computer Associates.

CA ha avviato l’India Technology Center a Hyderabad il 10 dicembre 2003. Nel 2004, CA ha nominato l’ex-IBMer John Swainson come CEO, che ha ricoperto la carica fino alla pensione alla fine del 2009.

Nel 2010, la società ha acquisito otto società per supportare la propria strategia di cloud computing: 3Tera, Nimsoft, NetQoS, Oblicore, Cassatt, 4Base Technology, Arcot Systems, e Hyperformix. Nel 2011, CA ha acquisito ITKO per $ 330 milioni. Due anni dopo, ha acquisito Nolio per l’implementazione e la gestione delle app per circa $ 40 milioni, e Layer7.

Il 7 gennaio 2013 CA Technologies ha annunciato che Michael P. Gregoire sarebbe stato membro del consiglio di amministrazione e nuovo amministratore delegato ufficiale. Nel giugno 2014, CA Technologies ha trasferito la sede centrale, senza un annuncio, da Islandia nella contea di Suffolk, a 520 Madison Avenue a New York.

Nel 2015, la società ha effettuato quattro acquisizioni, incluso il software Rally per $ 480 milioni e Xceedium. Nel 2016, CA ha acquisito Blazemeter e Automic e Veracode e Runscope nel 2017.

L’8 agosto, 2018, CEO Mike Gregoire è stato eletto presidente del consiglio di amministrazione di CA Technologies, in sostituzione del presidente uscente Art Weinbach.

L’11 luglio 2018, Broadcom ha annunciato che avrebbe acquisito la società per $ 18,9 miliardi in contanti. L’acquisizione è stata completata il 5 novembre 2018.

Dopo l’acquisizione, Broadcom ha licenziato gli ex dipendenti della CA Technologies nella Silicon Valley. Ha inoltre licenziato 262 ex dipendenti di CA Technology a Islandia e alcuni a Manhattan. Come visto, ora sono a rischio anche i dipendenti di Roma e Milano.

Broadcom Inc chi è

Broadcom Inc. è una designer, sviluppatrice e fornitore globale di una vasta gamma di soluzioni software per semiconduttori e infrastrutture. La gamma di prodotti Broadcom serve i data center, reti, software, banda larga, wireless, storage e mercati industriali. Tanto Hock Eng è il presidente e CEO della società.

La società ha sede a San Jose, in California. Avago ha preso la parte Broadcom del nome Broadcom Corporation dopo averla acquisita nel gennaio 2016. Il simbolo ticker AVGO che rappresentava la vecchia Avago ora rappresenta la nuova entità unita. Il simbolo del ticker di Broadcom Corporation BRCM è stato ritirato.

Broadcom storia

La società è stata fondata nel 1961 come divisione di prodotti semiconduttori di Hewlett-Packard. La divisione si è separata da Hewlett-Packard come parte di Agilent Technologies nel 1999. KKR e Silver Lake Partners hanno acquisito la divisione chip di Agilent Technologies nel 2005 per $ 2,6 miliardi e costituito Avago Technologies.

Avago Technologies ha accettato di vendere la propria unità di soluzioni I / O a PMC-Sierra per $ 42,5 milioni nell’ottobre 2005. Nell’agosto 2008, la società ha presentato un’offerta pubblica iniziale di $ 400 milioni.

Nell’ottobre 2008, Avago Technologies ha acquisito il business delle onde acustiche di massa di Monaco di Infineon Technologies per € 21,5 milioni. Nel 2009, Avago Technologies è stata quotata sul NASDAQ con il simbolo ticker AVGO. Avago Technologies ha annunciato il suo accordo per l’acquisizione di CyOptics, un fornitore di chip e componenti ottici, per $ 400 milioni ad aprile 2013.

L’acquisizione mirava ad ampliare il portafoglio di prodotti in fibra ottica di Avago Technologies. Nell’ottobre 2013, Avago Technologies ha investito $ 5 milioni in Amantys, fornitore di tecnologia di elettronica di potenza, come parte di un accordo di investimento strategico tra le due società. Avago Technologies ha annunciato il suo accordo per l’acquisizione di LSI Corporation nel dicembre 2013 per $ 6,6 miliardi.

L’acquisizione ha contribuito a spostare Avago Technologies lontano dai prodotti specializzati e verso un settore più mainstream, che comprendeva chip, in particolare storage per data center. Nel maggio 2014 la società ha ceduto la propria attività di controllore SSD a Seagate. Nell’agosto 2014, la società era la nona società di semiconduttori più grande. Avago Technologies ha accettato di vendere il business Axxia Networking di LSI a Intel per $ 650 milioni.

La società ha inoltre accettato di acquistare PLX Technology, un progettista di circuiti integrati, per $ 309 milioni. A febbraio 2015 è stato annunciato che Avago Technologies Limited aveva raggiunto un accordo per l’acquisizione di Emulex Corporation a $ 8 per azione in contanti. Il 28 maggio 2015 Avago ha annunciato che avrebbe acquistato Broadcom Corporation per $ 37 miliardi ($ 17 miliardi di contanti e $ 20 miliardi di azioni).

L’azienda combinata, che si sarebbe chiamata Broadcom Ltd., avrebbe un fatturato annuo di $ 15 miliardi e un valore di mercato di $ 77 miliardi.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY