BSkyB acquista Sky: nasce un nuovo colosso Europeo

Il gruppo britannico BSkyB ha affermato di aver acquistato da Fox le pay Tv Sky Italia (Italia) e Sky Deutschland (Germania) al prezzo di 6,2 miliardi di euro: una operazione societaria piuttosto importante nel panorama televisivo europeo e, soprattutto, tutta interna alla galassia Murdoch (che detiene la maggioranza di BSkyB, e il controllo di Fox).

In termini meramente giuridici, la BSkyB entra ora in possesso del 100% di Sky Italia e del 57,4% di Sky Deutschland, con le attività italiane che vengono valutate circa 3 miliardi di euro, in apporto a una ricca platea di abbonati che – unitamente a quella dell’acquirente e alla controparte tedesca – tocca quota 20 milioni di unità. Finanziariamente, la transazione è stata sostenuta in parte dalla liquidità, in parte dall’esposizione debitoria, e in parte dallo scambio di titoli azionari (per circa un decimo del capitale sociale).

Ancora, Fox si sarebbe impegnata a mantenere la propria quota del 39,14% di BSkyB, ottenendo altresì 2,5 miliardi di euro circa per la cessione delle attività di Sky Italia, e una quota del 21% del National Geographic Channel, valutata in 480 milioni di euro. Per acquisire Sky Deutschland, invece, BSkyB ha pagato 3,6 miliardi di euro.

Superati gli aspetti giuridici e finanziari, passiamo a quelli commerciali e industriali. BSkyB attende che l’operazione porti in dote circa 250 milioni di euro di risparmi conseguenti alle sinergie create, con benefici molto significativi proprio sul mercato italiano. Per i clienti – promettono gli analisti – la transazione dovrebbe riservare qualche gradevole sorpresa: verrà infatti accresciuta la possibilità di poter acquisire nuovi diritti televisivi sui programmi, sebbene nulla sia stato finora detto su uno dei temi più caldi: la gestione dei diritti sportivi e, in particolar modo, parte di quelli calcistici che dalla successiva stagione sportiva termineranno in via esclusiva in casa Mediaset.

L’annuncio dell’acquisto di Sky Italia da parte di BSkyB è stato altresì accompagnato dalla pubblicazione dei risultati di bilancio di esercizio, conclusosi il 30 giugno 2014. Il gruppo britannico dichiara ricavi per 7,6 miliardi di sterline, in incremento del 6,5% rispetto all’anno precedente. Il margine operativo lordo scende invece dell’1,5% a 1,667 miliardi di sterline, mentre l’utile operativo retrocede del 5,3% a 1,26 miliardi. L’utile per azione “adjusted” è pari a 60 pence, con un 7% di crescita nei dividendi (ora pari a 32 pence per azione).

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY