Broker telefonate: a cosa fare attenzione e quando non fidarsi

Le telefonate da parte dei Broker sono affidabili? Quando non fidarsi delle telefonate dei Broker? Quando bisogna fidarsi delle telefonate da parte dei Broker?

Negli anni ‘80, in America, negli anni ruggenti per il paese oltreoceano, che si apprestava a diventare la potenza economica mondiale assoluta visto che la controparte, l’Urss, si apprestava a crollare su se stessa, ricevere a casa telefonate entusiaste da parte dei Broker era prassi comune. Wall Street era molto dinamica, tanto che se ne accorse pure Hollywood. Col sempre vigile sui fatti negasti americani, Oliver Stone, che diresse un omonimo film nel 1987 con Michael Douglas. Dal sottotitolo che era tutto un programma: “il denaro non dorme mai”.

Di recente, il tema è stato ripreso da un altro grande regista, Martin Scorsese: The Wolf of Wall Street. Il quale invece racconta l’ascesa e la caduta di Jordan Belfort. Spregiudicato ed eccentrico broker newyorkese interpretato dal “fido” Leonardo DiCaprio, alla sua quinta collaborazione con il regista dalle origini italiane.

Nel film si vede Belfort iniziare la propria carriera come Broker telefonando una persona sprovveduta in materia, per rifilargli delle azioni di una piccola società. Ma intortandolo con tante belle parole, al fine di fargli sembrare il tutto come un grande affare.

La sua grande capacità balzò subito agli occhi degli altri e presto gli valse una scalata al vertice, vendendo Penny stock. Ossia titoli che valgono meno di 5 dollari. Fino a quando l’Fbi non si mette tra lui e i suoi sogni di gloria.

Orbene, come dicevamo nell’incipit, scene del genere erano molto comuni tra gli anni ‘80 e gli anni ‘90. Mentre oggi appaiono alquanto desuete, visto che viene utilizzato il web per certe pratiche. Infatti, la caccia ai clienti si svolge mediante mail, banner sfavillanti o annunci sui Social network. Tanto che le telefonate puzzano ancora di più come fastidiosi e strambi modi di adescare potenziali clienti.

Tuttavia, il pericolo sta proprio nel fatto che il web può indurre più facilmente a cascare nelle truffe. Basta un banner sfavillante, con un Vip (utilizzato a sua insaputa) con tanto di dichiarazione fasulla sottopancia che invita a credere nel nuovo prodigio del trading. O la classica mail con tanto di link che porta al sito miracoloso (che comporta anche immancabili malware e virus). Messaggi su WhatsApp, contenenti frasi ad effetto e sempre link da cliccare. Annunci su Facebook e Instagram, altrettanto accattivanti.

Gli ami virtuali per far abboccare potenziali clienti sono i più svariati. E, ad aiutare questi truffatori, ci pensano anche problematiche sociali. Come la disoccupazione, la precarietà contrattuale, i lavori sottopagati, una società altamente competitiva ed appariscente.

Non a caso, queste truffe hanno tutte lo stesso contenuto. Messaggi che ci promettono facili, lauti ed immediati guadagni. Che ci promettono di farci arricchire facilmente senza sforzi. Il sogno di tutti, soprattutto dell’italiano medio che ha come modello di vita un Gianluca Vacchi o un John Elkann. Che spera di fare la stessa vita eccentrica e spensierata.

La realtà però è un’altra e molto più dura. E chi si iscrive a queste piattaforme, presto finisce per accorgersi di non poter neppure rientrare dei capitali che ha investito. Visto che queste piattaforme hanno sede nei Paradisi fiscali. E quindi i suoi creatori godono della protezione fiscale e anagrafica che essi offrono.

Fatta questa premessa, veniamo alle telefonate da parte dei Broker. E vediamo quando fidarsi e quando no.

Broker seri: ecco i più affidabili per fare trading

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
xmConti Zero spreadGuide e tutorialPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>

Telefonate Broker, quando non fidarsi

Quando non fidarsi delle telefonate da parte dei Broker? Partiamo da quanto dice la legge. Con il regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, sintetizzato con l’acronimo GDPR, è illegale contattare un utente senza la sua autorizzazione.

Cosa significa ciò? Che non potete essere contattati senza che voi abbiate dato la vostra autorizzazione. Quindi, un Broker non può chiamarvi di sua spontanea iniziativa per offrirvi qualcosa.

Quindi, un Broker che fa ciò, già in partenza non promette affatto bene per quanto riguarda il seguito. E quasi sicuramente vuole rifilarvi una truffa.

Purtroppo, nella stragrande maggioranza dei casi delle piattaforme che effettuano telefonate insistenti alla base ci sono proprio siti che nulla hanno di legale.

Una tattica che si usa in queste telefonate, vede il mittente non nominare mai il Broker che si appresta a proporvi. Motivo? Le piattaforme che contattano con insistenza utenti che non sono autorizzati a chiamare, puntano, per addescare persone ingenue, sulla popolarità di asset come le valute Forex.

Ciò è presto giustificato: sono ancora troppe le persone convinte che, con il Forex, si possa diventare ricchi dall’oggi al domani. Come dicevamo, senza particolari sforzi e senza neppure sapere cosa significhi Forex.

Giocano sul fatto che il Forex, il mercato dei cambi, anche noto con le due lettere “FX”, è il più grande mercato finanziario del mondo. Basti pensare che, rispetto al volume di 22,4 miliardi di dollari al giorno della Borsa di New York (NYSE), il mercato dei cambi conta su un volume di scambi di $ 5 trilioni al giorno.

E lo stesso vale anche se confrontato a Borse importanti come quelle di Londra e Tokyo.

E’ anche vero, però, che i trader retail – ossia i piccoli investitori – muovono solo il 5-6% del capitale. Mentre il grosso lo fanno le istituzioni e i colossi creditivi.

Il mercato forex è aperto 24 ore al giorno e 5 giorni alla settimana, chiudendo solo durante il fine settimana. Quindi, a differenza dei mercati azionari o obbligazionari, il mercato forex non si chiude alla fine di ogni giorno lavorativo. Invece, il trading si sposta solo verso diversi centri finanziari in tutto il mondo.

Ubriacati da questi numeri e da queste caratteristiche, in molti pensano che guadagnare col Forex sia cosa semplice. In realtà non è così! Le persone che non sono consapevoli di questa importantissima verità – che può essere applicata anche a tutti gli altri asset – sono le vittime tipo dei broker che effettuano telefonate illegali.

Ecco perché occorre diffidare dalle telefonate da parte dei Broker. In primis non possono chiamarvi se non siete stati voi a dare la vostra autorizzazione. Secundis, solitamente si tratta di società che hanno la propria sede nei Paradisi fiscali. E quindi, difficilmente rientrerete in possesso dei soldi investiti anche dietro regolare denuncia. La quale va comunque sempre esposta, per far conoscere alle autorità competenti certe malefatte.

Attenzione però. Talvolta ci si ritrova ad aver dato la propria autorizzazione a propria insaputa. Ad esempio, attivando un altro tipo di attività commerciale, iscrivendosi a qualche servizio. Spesso vengono rifilati anche consensi del genere. Purtroppo anche le compagnie telefoniche che utilizziamo non sono solerti e chiare in questo caso.

Tuttavia, non temete. Anche se avessero in qualche modo la vostra autorizzazione, non siete obbligati a sottoscrivere alcun che. Chiudete la telefonata e pace.

Ciò però non significa che il trading sia sempre una truffa o bisogna star lontano dal Forex. Anzi. Si tratta di attività che danno ottime occasioni di guadagno. Purché si seguano i canali giusti. Ossia, quelli legali e a norma.

Certo, ci sono anche Broker che agiscono in buona fede e a norma. Ma che utilizzano le telefonate per convincervi ad investire i vostri soldi. Senza che voi abbiate richiesto simili consigli.

Broker telefonate, quando fidarsi

Quando fidarsi delle telefonate dei Broker? A differenza di quanto accade con i broker che effettuano telefonate insistenti, nel caso delle piattaforme che contattano previa autorizzazione, l’utente fornisce i propri dati e flegga tutte le autorizzazioni per la privacy. Così facendo, si ha la certezza di avere a che fare con broker legali.

Come riconoscere i Broker seri e legali? Semplice. Sono quelli che espongono sul proprio sito ufficiale la licenza da parte degli organismi preposti al controllo del mercato finanziario. Generalmente, si tratta del CySEC. Organismo con sede a Cipro, un tempo paradiso fiscale ma oggi uscito da tale etichettatura. Qui hanno sede vari Broker rinomati. Occorre poi anche l’autorizzazione a operare da parte della Consob. Organismo istituito negli anni ‘70 al fine di rendere il controllo sulla Borsa valori autonomo rispetto al Ministero delle Finanze.

Questi Broker possono chiamarvi qualora abbiate deciso di iscrivervi. Ad esempio, permettono di usufruire delle telefonate gratuite e personalizzate di account manager, esperti di trading che forniscono consigli mirati. E mettono anche a disposizione un Customer care disponibile 24 ore su 24.

Interessanti sono anche i segnali di trading, con cui i consulenti esperti vi segnalano interessanti puntate. E possono essere sia giornalieri, che settimanali, che mensili. Oltre alle telefonate, i segnali di trading possono essere inviati anche tramite mail o sms.

Naturalmente, i segnali di trading sono servizi che sempre voi dovete attivare e volere.

Questi Broker, oltre alle telefonate, mettono a disposizione anche tanti altri servizi come il Conto demo, per fare pratica senza mettere a rischio i propri soldi reali. Grafici sull’andamento degli asset. App per un comodo trading online. Leva finanziaria per moltiplicare le vostre vincite (sebbene questo strumento sia definito “arma a doppio taglio” in quanto moltiplica anche le perdite). Fare trading su una pluralità di asset: azioni, indici azionari, materie prime, criptovalute, metalli preziosi. Ecc.

I Broker che a nostro avviso sono tra i migliori sulla piazza:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Tra questi, alcuni hanno caratteristiche peculiari. Come eToro, che offre l’interessante servizio di Copytrader. Esso offre la possibilità di “copiare” cosa fanno i trader più bravi o Popular Investor

66% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro

24option si distingue invece per i segnali di trading. I quali, stando a diverse recensioni, sembrano molto efficaci. Sono elaborati dalla Trading Centrale, centro di analisi finanziaria considerato tra i più affidabili a livello mondiale, famoso per le sue previsioni forex accurate e precise.

Ovviamente, anche in questo caso vale la pena ricordare che si tratta di previsioni passibili di errore e da non considerare infallibili.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY