Brand: Apple spodestata dal podio mondiale da Google

Dopo cinque anni in vetta alla classifica dei Brand mondiali, Apple è stata spodestata da Google con un valore di 109,5 miliardi di dollari, producendo il maggior fatturato al mondo.

È quanto emerge dalla classifica annuale delle società di consulenza strategica e valutazione, Brand Finance Global 500, nella quale oltre ad essere elencati i brand di più valore al mondo, evidenzia anche quelli più forti in grado di influenzare la crescita dell’enterprise value (in questa classifica Lego ha preso il posto di Disney).

La scalata di Google Brand

Google non saliva in vetta alla classifica dal 2011, ma durante l’anno appena trascorso il suo valore è aumentato del 24% mentre Apple ha visto una diminuzione del 27% (107,1 miliardi di dollari). I ricavi pubblicitari di Google sono aumentati del 20% nel 2016 grazie al suo ruolo di leader incontrastato tra i motori di ricerca.

Apple di contro ha ridotto i rendimenti dopo la produzione dei nuovi modelli iPhone, probabilmente iniziano i primi segnali di saturazione del mercato, ormai sempre più competitivo.

Eni, brand italiano numero 1

Nella classifica Global 500, troviamo Eni (122° posizione) al primo posto tra i brand italiani con una crescita del 26% ed un valore di 11,2 miliardi. A seguire troviamo Enel all 203° posizione, Gucci 219°, Telecom Italia 239°, Ferrari 258°, Gruppo Generali 301° e Poste Gruppo 423°.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY