Borse Ue piatte: la giornata si conclude positivamente per Milano

Questo venerdì la giornata sui mercati finanziaria chiude con Borse Ue piatte. Dopo i dati rilasciati da Microsoft, positivi, grazie al rilancio sui Surface e all’acquisto di linkedin, sono state incrementate posizioni long su titoli tecnologici. Deboli invece quelli di aziende di automotive e del settore alimentare.

Borse ue piatte: positiva Milano

Milano apre e chiude positivamente, spinta con il segno più anche grazie a mps (+13%) visto l’imminente piano che verrà presentato dall’amministratore delegato e al nuovo polo costituitosi tra Bpm e Banco Popolare, che hanno ottenuto anche il miglioramento di categoria da “Moody’s”.  borse ue piatte
Cambio euro dollaro sceso sotto quota 1,09 dopo la conferma di Draghi di voler lasciare il tutto invariato, almeno finché non si saprà l’esito del referendum che ci sarà da noi in Italia. Anche il petrolio va chiudere negativamente, restando comunque stabile attorno al solito livello psicologico dei 50$ a barile. Idem per Mediaset dopo la comunicazione di Vivendi per la cessazione di “Interim Management” su Premium.

Dax in leggero rialzo, ibexx il migliore con un +0,43%. Ftse100 di Londra chiude leggermente negativo come il cac40 di Parigi.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY