Borsa Valori: cos’è? Definizione, come investire

Cos’è la Borsa Valori? Come funziona la Borsa Valori? Qual è la definizione di Borsa Valori? Come investire in una Borsa Valori? Perché la Borsa Valori è importante?

Nella propria vita, almeno una volta, capita di leggere qualche notizia inerente alla Borsa valori. O di vedere qualche immagine di persone in giacca e cravatta che si affaticano nel fare strani segni o si affaccendano dinanzi ad un Pc e ad un telefono. Scene che avremo sicuramente visto almeno una volta in qualche film americano.

Ultimo esempio, The wolf of Wall Street, del grande Martin Scorsese col bravo Leonardo Di Caprio, nei panni di John Belfort. Trader di successo degli anni ‘80 dalla vita eccentrica, le cui fortune furono basate sui cosiddetti Penny stock. Che egli tramutava, con il suo fare persuasivo, in grandi affari e azioni a doppie cifre. Il suo stile di vita e la sua inappagata ambizione, faranno però crollare presto quel modo di fare affari.

Ma Cinema a parte, vediamo nel concreto cos’è una Borsa valori e tutto quanto occorre sapere su di essa. Analizzeremo anche le principali piattaforme di trading certificate e vedremo perché operare con siti autorizzati e regolamentati, vedremo per esempio Plus500 (qui il sito ufficiale) uno dei broker più utilizzati del momento.

Borsa valori definizione

Cos’è una Borsa valori? Stando a quanto riporta il Dizionario di Economia e Finanza della Treccani è un “Mercato regolamentato in cui vengono scambiate, attenendosi alla legge della domanda e dell’offerta, valute estere e titoli mobiliari ammessi alla quotazione, secondo norme che disciplinano ufficialmente tutte le operazioni di negoziazione, i rapporti fra gli operatori e le tipologie contrattuali ammesse”.

Borsa valori cos’è

Cos’è la Borsa valori? Come accennato nella definizione, si tratta del Mercato finanziario organizzato e regolamentato in cui i titoli (obbligazioni, banconote, azioni) sono acquistati e venduti a prezzi governati dalle forze della domanda e dell’offerta. Le borse valori servono fondamentalmente come:

  • mercati primari in cui le società, i governi, i comuni e altri organismi incorporati possono raccogliere capitali incanalando i risparmi degli investitori in iniziative produttive
  • mercati secondari in cui gli investitori possono vendere i propri titoli ad altri investitori per contanti, riducendo così il rischio di investimento e mantenendo la liquidità nel sistema. Le borse valori impongono regole stringenti, requisiti di quotazione e requisiti legali vincolanti per tutte le parti quotate e le parti commerciali.

Le negoziazioni nelle borse più vecchie sono condotte col sistema che in lingua anglosassone viene definito “on the floor” dell’Exchange stesso, urlando ordini e istruzioni (chiamato sistema “open outcry”). Negli Exchange moderni, le negoziazioni sono condotte telefonicamente o online.

Quasi tutti gli scambi sono “scambi d’asta” in cui gli acquirenti fanno offerte competitive e i venditori inseriscono ordini competitivi in un giorno di negoziazione. Alcune borse europee, tuttavia, utilizzano il metodo dell’asta periodica in cui le chiamate round robin vengono effettuate una volta al giorno di negoziazione.

La prima borsa fu aperta ad Amsterdam nel 1602, per regolare il commercio dei bulbi di tulipano. Noto anche per essere stato il primo caso al Mondo di bolla finanziaria. Te tre maggiori borse del mondo troviamo (in ordine decrescente) New York Stock Exchange (NYSE), London Stock Exchange (LSE) e Tokyo Stock Exchange (TSE). In Italia abbiamo la Borsa di Milano. La Borsa valori viene anche definita mercato azionario. Nonché col termine anglosassone Exchange.

Dalla prima Borsa di Amsterdam ad oggi sono cambiate molte cose. Oggi abbiamo il Trading online, mediante il quale è possibile accedere al mercato finanziario comodamente tramite device mobili. Le piattaforme per il trading online sono definiti Broker. I quali devono ottenere la licenza dell’organismo di controllo competente per poter operare, altrimenti sono da considerarsi una truffa pericolosa.

Borsa valori come funziona

Come funziona una Borsa Valori? Mentre oggi è possibile acquistare quasi tutto online, di solito c’è un mercato designato per ogni tipo di merce. Una piattaforma in cui numerosi acquirenti e venditori si incontrano, interagiscono e negoziano.

Poiché il numero di partecipanti al mercato è enorme, si ha la certezza di un prezzo equo. Ad esempio, se c’è un solo venditore di alberi di Natale in tutta la città, avrà la libertà di addebitare qualsiasi prezzo che gli piace perché gli acquirenti non avranno nessun altro da cui andare. Se il numero di venditori di alberi è grande in un mercato comune, dovranno competere l’uno con l’altro per attirare gli acquirenti.

Gli acquirenti avranno l’imbarazzo della scelta con prezzi bassi o ottimali, rendendolo un mercato equo con trasparenza dei prezzi. Anche durante lo shopping online, gli acquirenti confrontano i prezzi offerti da diversi venditori sullo stesso portale di acquisti o attraverso diversi portali per ottenere le migliori offerte, costringendo i vari venditori online ad offrire il miglior prezzo.

Un mercato azionario è un mercato designato per lo scambio di vari tipi di titoli in un ambiente controllato, sicuro e gestito. Poiché il mercato azionario riunisce centinaia di migliaia di partecipanti al mercato che desiderano acquistare e vendere azioni, garantisce pratiche di tariffazione e trasparenza nelle transazioni. Mentre i mercati azionari precedenti usavano emettere e negoziare certificati azionari fisici basati su carta, i moderni mercati azionari computerizzati operano elettronicamente.

Una Borsa valori deve attenersi a determinate regole riguardanti i requisiti dei titoli, la fissazione del prezzo, e le modalità di pagamento e di trasferimento del titolo. Le operazioni di acquisto e di vendita sono controllate da un organo di vigilanza, che in Italia è la Consob.

Acronimo di Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, è stata fondata nel 1974 al fine di dare a questo ruolo una natura indipendente. Visto che prima di allora era il Ministero dell’economia e finanza a svolgerlo. Il che però dava per forza di cose ad esso una dipendenza politica.

Fra i suoi compiti vi è anche la definizione del calendario di b., che stabilisce i giorni di chiusura, quelli relativi agli adempimenti di ogni liquidazione e gli orari delle contrattazioni.

In poche parole, i mercati azionari forniscono un ambiente sicuro e regolamentato in cui gli operatori di mercato possono negoziare in azioni e altri strumenti finanziari idonei con fiducia con rischio operativo zero o basso. Operando secondo le regole definite dal regolatore, i mercati azionari fungono da mercati principali e mercati secondari.

Come mercato primario, il mercato azionario consente alle società di emettere e vendere le loro azioni al pubblico comune per la prima volta attraverso il processo di offerte pubbliche iniziali (IPO). Questa attività aiuta le aziende a raccogliere il capitale necessario dagli investitori.

Significa essenzialmente che una società si divide in un numero di azioni (diciamo, 20 milioni di azioni) e vende una parte di tali azioni (ad esempio, 5 milioni di azioni) al pubblico comune a un prezzo (ad esempio, $ 10 per azione).

Per facilitare questo processo, un’azienda ha bisogno di un mercato in cui queste azioni possano essere vendute. Questo mercato è fornito dal mercato azionario. Se tutto procede secondo i piani, la società venderà con successo 5 milioni di azioni al prezzo di $ 10 per azione e raccoglierà fondi per un valore di $ 50 milioni.

Gli investitori otterranno le azioni della società che possono aspettarsi di detenere per la loro durata preferita, in previsione dell’aumento del prezzo delle azioni e di eventuali redditi potenziali sotto forma di pagamenti di dividendi. La borsa funge da facilitatore per questo processo di raccolta di capitali e riceve una commissione per i suoi servizi dalla società e dai suoi partner finanziari.

A seguito del primo esercizio di IPO di emissione di azioni chiamato processo di quotazione, la borsa funge anche da piattaforma di trading che facilita l’acquisto e la vendita regolari delle azioni quotate. Questo costituisce il mercato secondario. La borsa guadagna una commissione per ogni commercio che si verifica sulla sua piattaforma durante l’attività di mercato secondario.

Borsa valori perché importante

Perchè una Borsa valori è importante? La borsa ha la responsabilità di assicurare la trasparenza dei prezzi, la liquidità, la scoperta dei prezzi e il commercio equo in tali attività di trading. Poiché quasi tutti i principali mercati azionari di tutto il mondo ora operano elettronicamente, lo scambio mantiene sistemi di negoziazione che gestiscono in modo efficiente gli ordini di acquisto e di vendita da parte dei vari partecipanti al mercato.

Eseguono la funzione di confronto dei prezzi per facilitare l’esecuzione degli scambi ad un prezzo equo per gli acquirenti e i venditori.

Una società quotata può inoltre offrire nuove azioni aggiuntive attraverso altre offerte in una fase successiva, ad esempio tramite emissione di diritti o offerte di follow-on. Possono anche riacquistare o cancellare le loro azioni. La borsa facilita tali transazioni.

La borsa spesso crea e mantiene diversi indicatori di mercato e specifici del settore, come l’indice S&P 500 o l’indice Nasdaq 100, che forniscono una misura per tracciare il movimento del mercato generale.

Le borse tengono inoltre tutte le notizie aziendali, gli annunci e i report finanziari, che possono essere normalmente consultati sui loro siti ufficiali. Una borsa supporta anche altre attività a livello aziendale legate alle transazioni.

Ad esempio, le società redditizie possono premiare gli investitori pagando dividendi che di solito provengono da una parte dei guadagni della società. Lo scambio mantiene tutte queste informazioni e può supportare il suo trattamento in una certa misura.

Borsa valori: perché usare piattaforme come Plus500

Per investire in Borsa è fondamentale utilizzare sempre piattaforme certificate e regolamentate. Questa è la prima cosa a cui fare attenzione in quanto mette al riparo da truffe. Inoltre i principianti dovrebbero usare questo tipo di piattaforme che forniscono assistenza, conti demo ed ebook per formarsi e imparare.

Ad esempio Plus500 è una delle piattaforme più apprezzate in questo senso. Non applica alcuna commissione ed è facilissima da utilizzare. Al suo interno offre tutti gli strumenti che servono per essere subito operativi e da la possibilità di aprire un conto demo gratuito illimitato nel tempo (clicca qui per informazioni sul conto demo).

Puoi iscriverti facilmente a Plus500 a partire da qui.

Borsa valori funzioni

Quali sono le funzioni svolte da una Borsa valori? Ricapitolando, sono le seguenti:

a) Negoziazione equa delle transazioni in titoli

A seconda delle regole standard della domanda e dell’offerta, la borsa deve garantire che tutti gli operatori di mercato interessati abbiano accesso immediato ai dati per tutti gli ordini di acquisto e vendita, contribuendo così a una tariffazione equa e trasparente dei titoli. Inoltre, dovrebbe anche eseguire una corrispondenza efficiente degli ordini di acquisto e di vendita appropriati.

b) Rilevazione dei prezzi efficiente

I mercati azionari devono supportare un meccanismo efficiente per l’individuazione dei prezzi, che si riferisce all’atto di decidere il prezzo corretto di un titolo e viene solitamente eseguito valutando l’offerta e la domanda del mercato e altri fattori associati alle transazioni.

c) Mantenimento della liquidità

Mentre il numero di acquirenti e venditori per una particolare sicurezza finanziaria è fuori controllo per il mercato azionario, è necessario assicurarsi che chiunque sia qualificato e disposto a negoziare abbia accesso immediato agli ordini che devono essere eseguiti in fiera prezzo.

d) Sicurezza e validità delle transazioni

Mentre un maggior numero di partecipanti è importante per il funzionamento efficiente di un mercato, lo stesso mercato deve garantire che tutti i partecipanti siano verificati e rispettino le regole e i regolamenti necessari, senza lasciare spazio a nessuna delle parti. Inoltre, dovrebbe garantire che tutte le entità associate che operano nel mercato debbano anche aderire alle regole e operare nel quadro giuridico fornito dal regolatore.

e) Supporto di tutti i tipi di partecipanti idonei

Un mercato è costituito da una varietà di partecipanti, tra cui market maker, investitori, commercianti, speculatori e hedger. Tutti questi partecipanti operano nel mercato azionario con diversi ruoli e funzioni. Ad esempio, un investitore può acquistare azioni e trattenerle a lungo termine per molti anni, mentre un operatore può entrare e uscire da una posizione in pochi secondi.

Un market maker fornisce la necessaria liquidità nel mercato, mentre un hedger potrebbe voler negoziare derivati per mitigare il rischio coinvolto negli investimenti. Il mercato azionario dovrebbe garantire che tutti i partecipanti siano in grado di operare senza soluzione di continuità nel rispetto dei ruoli desiderati per garantire che il mercato continui a funzionare in modo efficiente.

f) Protezione degli investitori

Insieme a investitori facoltosi e istituzionali, un numero molto elevato di piccoli investitori è anche servito dal mercato azionario per la sua piccola quantità di investimenti. Questi investitori potrebbero avere una conoscenza finanziaria limitata e potrebbero non essere pienamente consapevoli delle insidie dell’investimento in azioni e altri strumenti quotati.

La borsa deve attuare le misure necessarie per offrire la protezione necessaria a tali investitori per proteggerli dalla perdita finanziaria e garantire la fiducia dei clienti.

g) Regolamento equilibrato

Le società quotate sono ampiamente regolamentate e le loro negoziazioni sono monitorate dalle autorità di regolamentazione del mercato, come la Securities and Exchange Commission (SEC) degli USA.

Inoltre, le borse impongono anche determinati requisiti, come la presentazione tempestiva delle relazioni finanziarie trimestrali e la segnalazione immediata di qualsiasi sviluppi rilevanti – per garantire che tutti i partecipanti al mercato prendano coscienza degli eventi societari. La mancata osservanza delle normative può comportare la sospensione delle negoziazioni da parte degli scambi e altre misure disciplinari.

h) Regolamentare il mercato azionario

A un regolatore finanziario locale o a un’autorità o istituto monetario competente viene assegnato il compito di regolare la borsa di un paese. In Italia, abbiamo detto che questa funzione è della Consob. Negli Usa è la Securities and Exchange Commission (SEC), in Gran Bretagna è la FCA, la CySEC a Cipro e così via.

Borsa valori come investire

Come investire nella Borsa valori? Prima abbiamo accennato al fatto che ormai la Borsa valori è completamente digitalizzata e accessibile mediante le piattaforme di trading online chiamati Broker.

I Broker devono ottenere regolare licenza da parte della Consob (se operano in Italia) o, se non si trovano in Italia, da parte dell’organismo che ivi le controlla. Il nostro consiglio è comunque di non avventurarsi in Broker che operano in Paesi extraeuropei (a parte mercati come Usa, Giappone o Australia, comunque affidabili). In quanto, il fatto che abbiano una sorta di licenza, non vuol dire che non siano una potenziale truffa.

I Broker rinomati ed affidabili offrono una serie di servizi molto utili in favore del cliente:

  • Conto demo, per fare pratica con un conto virtuale senza rischiare i propri soldi reali
  • Segnali di trading: veri e propri suggerimenti forniti da esperti che collaborano col Broker scelto, su quando è il momento di entrare nel mercato
  • Formazione teorica, mediante ebook, webinar, corsi e-learning
  • Assistenza clienti, accessibile 5 giorni su 7 e mediante più canali (e-mail, telefono, chat integrata al sito), anche in lingua italiana
  • Pluralità di asset su cui investire (materie prime, metalli preziosi, criptovalute, azioni, indici azionari, Forex)
  • Grafici che indichino chiaramente lo storico di un titolo
  • Leva finanziaria, che consente di moltiplicare i propri guadagni rispetto a quanto si possiede. La leva viene però definita arma “a doppio taglio”, in quanto, come aumenta i profitti, moltiplica pure le perdite
  • CFD, acronimo di Contract for difference, di cui parleremo specificamente nel prossimo paragrafo

Per investire nella Borsa valori consigliamo i CFD. Acronimo di Contract for difference, in italiano contratti per differenza, sono uno strumento finanziario tramite il quale due parti convengono per scambiare denaro sulla base della variazione di valore dell’attività sottostante che intercorre tra il punto in cui l’operazione viene aperta e il momento in cui la stessa viene chiusa.

Chi acquista consegue un profitto nel caso in cui il valore dell’attività aumenti, e una perdita nel caso in cui il valore diminuisca. Chi vende consegue una perdita se aumenta il prezzo dell’attività e un guadagno se tale prezzo si riduce.

I CFD permettono di ottenere un vantaggio dal rialzo (posizione long) o dal ribasso (posizione short) del prezzo di attività finanziarie sottostanti.

I Broker migliori a nostro avviso sono:

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionCFD su Forex, Azioni, CriptovalutePiattaforma affidabilePROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy trading
66% dei trader perde soldi
Copy PortfolioPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Borsa valori truffa?

La Borsa valori è una truffa? Dipende. Se si opera con i Broker prima descritti, no. Se invece ci si affida a piattaforme non regolamentate, allora rischiate grosso.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY