Borsa di Tokyo: indice Nikkei in ripresa +6,7%

Nella giornata di ieri non sembrava essere stata gradita dai mercati finanziari mondiali, la sempre più certa vittoria di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti, a farne le spese maggiori era stata la Borsa di Tokyo la quale aveva concluso la sessione con l’indice Nikkei in ribasso del -5,36%, con tanto di riunione di emergenza indetta dalla Banca Centrale Nipponica ed il Governo. Lo scenario apocalittico che si prefigurava ieri, questa mattina sembra già essere un lontano ricordo, gli investitori sembrano essere più fiduciosi nei confronti del neopresidente Trump e l’indice Nikkei è tornato a prendere quota.

donald-trump

Passata la paura nei mercati finanziari, Trump spaventa meno

Dopo la chiusura con -5,36%, l’indice Nikkei in mattinata ha recuperato tutte le perdite guadagnando 1.092,88 punti e con una ripresa del 6,7%. Chiusura positiva anche per il Dow Jones con +1,4% e lo Yen tornato a 105,5 dopo la chiusura di ieri a 101.

Sebbene la velocità di rimbalzo lascia qualche perplessità, secondo alcuni osservatori le cause potrebbero risiedere nella diversa interpretazione da parte degli azionisti del futuro scenario americano nel quale, in base alla politica di Trump, si prospetta una maggiore spesa pubblica, una riduzione delle tasse ed un’inflazione maggiore che favoriscono la crescita economica. Anche le perplessità del governo di Tokyo sembrano essersi attutite, il Premier Giapponese Abe incontrerà il tycoon il 17 novembre a New York.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY