Bonus Mobili 2014: ecco come funziona

Il bonus mobili è una importante detrazione Irpef, nella misura del 50%, riservata a tutti coloro i quali procedono all’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore a A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile che è stato oggetto di ristrutturazione: l’acquisto deve essere effettuato nel periodo intercorrente il tra 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2014.

Requisiti

Per poter disporre del bonus mobile è necessario aver realizzato – o realizzare – una ristrutturazione edilizia su singole unità immobiliare residenziali o su parti comuni di edifici residenziali. Si tenga conto che per poter disporre del bonus mobili è altresì necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i beni, mentre non è indispensabile che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile.

Su quali beni è valido il bonus

La detrazione spetta per l’acquisto di mobili nuovi (come letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi, apparecchi di illuminazione) o elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore di classe energetica non inferiore a A+ (come frigoriferi, congelatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi di cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici, apparecchi per il condizionamento).

Come ottenere il bonus mobili

Per poter ottenere il bonus mobili è sufficiente indicare la detrazione per l’acquisto dei beni nel modello di dichiarazione dei redditi.

Ricordiamo che il bonus è pari a una detrazione del 50%, da ripartirsi in dieci quote annuali di pari importo, e da calcolarsi sull’importo massimo di 10 mila euro.

Così come per i lavori di ristrutturazione, anche per poter disporre della detrazione sugli acquisti di mobili e di grandi elettrodomestici è necessario effettuare i pagamenti con bonifici bancari o postali, indicando la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione, il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Come precisato più volte dall’Agenzia delle Entrate, si segnala che è consentito effettuare pagamenti anche con le carte di credito e con le carte di debito, e che la data di pagamento viene individuata nel giorno di utilizzo della carta da parte del titolare, indicata nella ricevuta di transazione, e non nel giorno di addebito sul conto corrente, che può essere sostanzialmente differente.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.
Classe 1982, laureato in economia, specializzato in marketing internazionale, collabora con alcuni dei principali network editoriali italiani. Appassionato di finanza, presta servizi di consulenza editoriale dal 2002.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here