Bonus Mamma: impossibile presentare la domanda

Dopo quasi tre mesi dell’entrata in vigore del bonus “Mamma domani”, il quale prevede un contributo di 800 euro per le spese legate alla nascita del figlio (dagli esami pre-parto, all’acquisto della carrozzina), non è ancora possibile presentare la domanda.

L’Inps non ha ancora predisposto la piattaforma per la richiesta del bonus maternità, tuttavia l’Istituto previdenziale attribuisce la colpa alle indecisioni della burocrazia ministeriale che sono state la causa del disservizio.

Ritardo bonus mamma, è colpa del Governo?

Il 5 gennaio Enrico Costa, Ministro della Famiglia, presenta il bonus mamma ma il presidente dell’Inps, Tito Boeri, chiede di precisare i requisiti per accedervi. Viene presentato dunque un documento con qualche linea guida, insufficienti e troppo generiche per Boeri.

Questi rimpalli tra Istituto e Governo sono dunque la causa del ritardo della piattaforma online dedicata a tale bonus, ad ogni modo nessuna tra le 750 mila mamme perderà il diritto al contributo, il Governo ha stabilito la retroattività, la data prevista per l’apertura dello sportello online dovrebbe essere intorno ai primi di maggio.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY