Bonus casa 2020, quali sono le detrazioni e gli incentivi previsti

residenza principale
bonus prima casa

Cos’è il Bonus casa 2020? Quali sono le detrazioni previste dal Bonus casa 2020? Quali sono gli incentivi previsti dal Bonus casa 2020? Quali sono le novità previste dal Bonus casa 2020?

Sebbene ci sia stato un cambio di Governo, il Bonus casa è stato confermato anche per il 2020 mediante Legge di bilancio 2020. Lo ha riferito Stefano Patuanelli, neo ministro dello sviluppo economico, il quale ha preso il posto di Luigi Di Maio, passato invece al Ministero degli esteri. Non senza qualche ironia e polemica.

Mediante la Legge di bilancio 2019 saranno prorogate tutte le agevolazioni previste lo scorso anno per quanto concerne la ristrutturazione della propria abitazione. Vediamo quali più precisamente.

Bonus casa 2020, quali sono le agevolazioni previste

Anche il Governo Conte bis va verso la proroga del Bonus casa. Misura vigente ormai da tempo, atta a stimolare, mediante la defiscalizzazione dei lavori eseguiti, il rinnovamento delle abitazioni. Sia in chiave sicurezza che ecologica.

Vediamo di seguito quali sono le detrazioni e gli incentivi previsti nel Bonus casa 2020:

a) Bonus ristrutturazioni

Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2019 è possibile usufruire di una detrazione IRPEF del 50% fino al limite massimo di spesa pari a 96mila euro

b) Bonus mobili

Si tratta di una detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

Essa si calcola su un massimale pari a 10mila euro, inclusivo di eventuali spese di trasporto e montaggio. Questo Bonus viene ripartito in 10 rate annuali di eguale cifra.

c) Bonus verde

Si tratta di una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute nel 2019 per alcuni interventi stabiliti dalla legge. La detrazione viene suddivisa in 10 rare annuali sempre di pari importo e si calcola su un importo massimo di 5mila euro per unità immobiliare a uso abitativo. Incluse le eventuali spese di progettazione e manutenzione legate all’aver eseguito concretamente gli interventi.

d) Ecobonus

Si tratta di una detrazione dall’Irpef o dall’Ires, concessa

quando gli interventi sono atti ad aumentare il livello di efficienza energetica dell’edificio oggetto dell’intervento.

Solitamente, gli interventi rientrano tra i seguenti:

  • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • miglioramento termico dell’edificio
  • installazione di pannelli solari
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

Questi interventi devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2019. Per buona parte degli interventi la detrazione è pari al 65%, sempre suddivisi in 10 rate annuali di eguale cifra.

Bonus casa 2020 novità

Quali sono le novità introdotte dal Bonus casa 2020? Il succitato Stefano Patuanelli ne ha accennato ai margini della ventinovesima edizione del Coordinamento legali di Confedilizia, che si è svolta a Piacenza. Col quale ha ribadito la necessità di una proroga di tutti gli incentivi già previsti, ma non solo.

Secondo il neo Ministro, sempre in quota Movimento cinque stelle, l’obiettivo principale non è solo quello di prorogare quanto già previsto fino al 2020, ma di rendere queste misure addirittura strutturali. Ovvero, permanenti, automatiche e non decise di volta in volta mediante Legge di Bilancio.

Qual è lo scopo di questa iniziativa di Patuanelli? Quello di promuovere il mercato immobiliare da troppo tempo stagnante. Mai ripresosi definitivamente dalla crisi del 2008.

Bonus casa 2020, chi è Stefano Patuanelli

Stefano Patuanelli è nato Trieste l’8 giugno 1974. Si è laureato in Ingegneria edile col massimo dei voti ed è iscritto all’Ordine degli ingegneri, esercitando anche la libera professione. Ne è stato anche consigliere e tesoriere per la sede di Trieste dal 2009 al 2011.

È un attivista del Cinquestelle fin dalla prima ora, essendosi iscritto alla piattaforma Meetup dal 17 luglio 2005. e’ stato tra i fondatori del Meetup di Trieste e la prima esperienza politica è stata dal 2011 al 2016 come consigliere comunale nella stessa città.

Alle elezioni 2018 è eletto senatore dell’M5S nella circoscrizione Friuli-Venezia Giulia ed è diventato capogruppo del Movimento al Senato.

Il 5 settembre viene designato Ministro dello sviluppo, in sostituzione del compagno di partito Luigi Di Maio, passato agli esteri. Lo stesso giorno, in occasione del primo consiglio dei ministri, viene approvato su sua iniziativa un decreto che affida alle autorità statali il golden power nelle operazioni concernenti i rami strategici del settore tecnologico.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY