Bonus Bebè 2017, come usufruirne

Anche quest’anno i cittadini interessati potranno usufruire del Bonus Bebè, l’assegno di natalità erogato dal 1 gennaio 2017.

Per la richiesta è valida anche l’Isee corrente, ma solo se verrà presentata entro e non oltre il bimestre di validità della dichiarazione, ovviamente rinnovata prima della scadenza.

Isee corrente

Se l’Isee corrente non è stata rinnovata prima della scadenza, il calcolo verrà desunto dall’ultima DSU presentata, così è stato comunicato dall’Inps tramite messaggio n. 261 del 2017.

L’Isee corrente, a differenza dell’ordinario, permette di aggiornare i dati legati al reddito di una Dsu anche se è già stata presentata, ove si verifichi un cambio lavorativo di uno dei membri che compongono il nucleo familiare.

Bisogna ricordarsi dunque che il Bonus Bebè sarà fruibile se rinnovato prima della sua scadenza, in caso contrario verrà preso come riferimento l’ultimo Isee ordinario, il quale se risulterà essere superiore rispetto alla soglia per richiedere il bonus, verrà sospeso.

L’Inps comunica inoltre che, pur presentando una sola volta la richiesta del bonus, la DSU dovrà essere rinnovata ogni anno di spettanza. Nella DSU dovrà essere allegato inoltre il foglio del neonato, affido o adottato per il quale si richiede il bonus.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY