Bonus assunzioni 2017: opzioni disponibili

Con il termine degli sgravi contributivi, i datori di lavoro dovranno scegliere ora tra le varie opzioni disponibili.

Nel panorama variegato, sarà necessario quindi valutare attentamente quale soluzione sia più adatta, in termini di convenienza per le assunzioni.

Assunzioni giovani

Le aziende che intendono assumere i giovani tra i 15 ed i 29 anni potranno usufruire degli incentivi previsti nel programma Garanzia Giovani, nel quale sono stati messi a disposizione 200 milioni di euro per le imprese private.

Nello specifico ne fanno parte:

  • Giovani non occupati o alle prese con percorsi formativi/istruzione, lo sgravio fiscale potrà arrivare fino ad un massimo di 8.000 euro dei contributi previdenziali a carico del datore.
  • Giovani genitori disoccupati o precari per i quali è stato previsto un incentivo di 5.000 euro per ognuno (fino ad un massimo di 5), se assunti con un contratto a tempo indeterminato o parziale. Requisito fondamentale è l’iscrizione del giovane alla Banca dati per l’occupazione presso l’INPS.
  • Gli studenti che hanno svolto attività di alternanza scuola-lavoro per almeno il 30% del monte ore previsto per lo stesso datore di lavoro.
  • Studenti che hanno svolto periodi di apprendistato per lo stesso datore di lavoro.

Assunzioni giovani Sud

Nel programma Garanzia Giovani è previsto inoltre un incentivo per la realtà occupazionale del Sud Italia. La fascia d’età va dai 16 ai 24 anni senza impiego retribuito da almeno 6 mesi, il bonus ammonta fino ad un massimo di 8.000 euro di sgravio dei contributi a carico del datore di lavoro.

Assunzioni over 50 e lavoratrici disoccupate

Anche per il 2017 i datori di lavoro potranno beneficiare dello sgravio contributivo del 50%, per l’assunzione di lavoratori over 50 e lavoratrici disoccupate, estendendo la possibilità ai professionisti, entri privati e pubblici, lavoratori autonomi, cooperative, onlus e agenzie di somministrazione.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.

LEAVE A REPLY