Bkex, truffa o fa guadagnare? Recensione e alternative

Cos’è Bkex? Come funziona Bkex? Bkex è una truffa? Quali sono le recensioni su Bkex? Quali sono le opinioni su Bkex? Quali sono le migliori alternative a Bkex?

Sebbene la prima criptovaluta come oggi le conosciamo sia stata lanciata nel 2009 dal misterioso Satoshi Nakamoto (la cui identità è ancora oggi un mistero), solo a partire dal 2017 hanno iniziato ad interessare la massa. Cioè da quando, proprio la prima criptovaluta, il Bitcoin, ha iniziato a far registrare un crescendo del proprio valore. Arrivando a sfiorare i 20mila dollari a metà dicembre.

Le criptovalute sono nate per essere un sistema alternativo all’economia dominante. Quella manipolata da pochi speculatori e decisa da Banche centrali e istituzioni governative. L’idea era quindi quella di creare un sistema economico parallelo, virtuale sì, ma anche tangibile. Visto che parliamo di strumenti di pagamento e asset su cui investire in Borsa.

Dal 2009 il numero di criptovalute si è impennato, arrivando a sfiorare oggi le 1500 unità. Sebbene poi siano una ventina quelle a pesare davvero. Vale a dire, quelle che hanno un volume di capitalizzazione notevole.

Oltre al Bitcoin, pensiamo ad Ethereum, nata da un’idea del giovanissimo russo naturalizzato canadese Vitalik Buterin. Che ha lanciato l’idea degli smart contract, ossia contratti intelligenti adattabili ad ogni settore commerciale.

O Ripple, criptovaluta ritenuta anomala rispetto alle altre in quanto stringe accordi con quei player di cui dovrebbe essere alternativa (Banche e Money transfer) e viene elaborata da studi centrali e non tramite maining.

Altre criptovalute che in questi anni hanno fatto parlare di sé sono Bitcoin Crash, nata da una Fork di Bitcoin consumatasi nel 2017. Litecoin, prima Fork di Bitcoin avvenuta nel 2011. Monero, criptovaluta che si fa apprezzare per la privacy che offre agli utenti. Tron, con una blockchain molto particolare. Tether, il cui prezzo è collegato al Dollaro. E così via.

Dal 2020 si affaccerà sul mercato anche Libra, la criptovaluta di Facebook. La quale già fa tremare le altre in quanto prevederà la collaborazione di molti colossi dei pagamenti telematici e del web. Oltre ad un prezzo collegato all’andamento di una serie di asset strategici. Inoltre, avrà un wallet collegato alla app di Facebook, Messanger, Calibra, dove sarà possibile inviare agevolmente denaro e riceverne.

Nel 2018 il prezzo del Bitcoin ha seguito l’andamento opposto, trascinando con sé tutte le altre criptovalute. Chiudendo l’anno sui 3mila dollari. Nel 2019 il prezzo è tornato a salire, stabilendosi intorno agli 8mila dollari con sussulti ora al rialzo ora al ribasso.

In tanti però sono pronti a scommettere che il suo prezzo si impennerà. Anche perché presto i bitcoin emessi saranno l’85%. E per una classica legge economica, più un bene è raro e richiesto, più il prezzo sale.

Investire in criptovalute può dunque rivelarsi un ottimo affare. Ma solo se si percorrono le strade giuste. Ovvero, non cascando nelle lusinghe di quei siti che ci promettono guadagni facili e lauti senza alcuno sforzo. Diffidare sempre dalle piattaforme senza licenza. Perché dietro di esse solitamente si nascondono malaffaristi con sede nei Paradisi fiscali. Che faranno sparire i vostri soldi e sarà complicato ritornarne in possesso.

Fatto questo brevissimo excursus su cosa siano le criptovalute e come sono evolute in questi anni, passiamo al setaccio la piattaforma di Bkex, per capire se conviene utilizzarla. O siamo di fronte alla solita truffa.

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio 24option (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Bkex cos’è?

Cos’è Bkex? BKEX è un Exchange registrato nelle Isole Vergini britanniche.

La piattaforma è disponibile in due lingue: cinese semplificato e inglese. Inoltre, BKEX ha un gran numero di criptovalute supportate. Questo è ovviamente un vantaggio per i suoi utenti.

Gestito da BTC King Technology Co., Ltd (indirizzo registrato: British Virgin Island; codice di registrazione: 1978707), BKEX è la prima piattaforma di trading di risorse digitali a consenso comunitario al mondo.

Combinando i vantaggi dell’Exchange centralizzato ad alte prestazioni e della blockchain pubblica decentralizzata ad alta affidabilità, BKEX fornisce un servizio di trading mondiale per criptovalute come BTC, ETH, EOS, NEO, ecc.

La Blockchain di questo Exchange si basa sul sistema DPoS. Si tratta di un algoritmo di consenso acronimo di Delegated Proof of Stake, considerato da molti una versione più democratica ed efficiente del suo predecessore, la Proof of Stake.

Entrambi sono alternative a Proof of Work, dato che quest’ultimo richiede molte risorse esterne. Di fatti, si avvale di un grande quantitativo di potenza di calcolo per proteggere un registro distribuito immutabile, decentralizzato e trasparente. Mentre sia PoS che DPoS richiedono meno risorse e sono più sostenibili ed ecologiche.

Fondato nel 2014, il sistemaDPoS utilizza un sistema di voto in cui le parti interessate delegano il proprio lavoro a una terza parte. In pratica, ciò significa che possono votare dei delegati col compito di proteggere il network al posto loro. Il potere di voto si basa sul quantitativo di monete possedute da ciascun utente.

Bkex come funziona

Come funziona Bkex? BKEX offre trading con leva sulla sua piattaforma di trading. Ricordiamo sempre però che il trading con leva può portare a rendimenti ingenti ma, al contrario, anche a perdite altrettanto ingenti. In sostanza, usare la leva finanziaria quando fai trading è come prendere in prestito denaro da qualcuno per scommettere che il denaro sulla criptovaluta rilevante sale o scende.

Quindi, come rischi di moltiplicare la tua vincita, rischi anche di moltiplicare la tua perdita.

Bkex costi e commissioni

Quali sono le commissioni previste da Bkex? Questo Exchange addebita una commissione forfettaria dello 0,10% per operazione. Questo è inferiore alla media del settore globale (probabilmente 0,25%). Quindi, per quanto riguarda le commissioni di negoziazione, BKEX ha un’offerta competitiva.

Un’altra commissione da considerare prima di scegliere l’Exchange con cui negoziare è la commissione di prelievo. La commissione di prelievo è di solito fissa (indipendentemente dalla quantità di unità di criptovaluta ritirate) e varia da criptovaluta a criptovaluta.

Per i prelievi BTC, questo Exchange addebita 0.0008 BTC. Questo è esattamente in linea con la media del settore. La commissione media di prelievo BTC nel settore delle criptovalute è di 0.000812 BTC per prelievo BTC.

BKEX non accetta depositi in valuta legale. Per acquistare le tue prime criptovalute, hai bisogno di un cosiddetto scambio entry-level, che è un Exchange che accetta depositi di valuta fiat.

Bkex è una truffa?

L’Exchange Bkex è una truffa? Ufficialmente, è un Exchange legale a tutti gli effetti. Peraltro, ha ricevuto un voto F dalla Community di Mozzilla, un voto che rientra nella media degli altri Exchange.

Occorre però sempre ricordare che gli Exchange sono spesso preda di attacchi Hacker, in grado di svuotarne i portafogli digitali. Pertanto, la raccomandazione che facciamo sempre quando si parla di Exchange, è quella di prelevare i soldi che avete nel vostro wallet e di trasferirli su un wallet “freddo”. Ossia offline e quindi non raggiungibile dagli attacchi Hacker.

Basta digitare sul motore di ricerca Google notizie su attacchi hacker ad Exchange per trovare vari casi ed esempi. Che riguardano anche quelli più noti. Quindi di per sé, anche se un Exchange non è nato per fare truffe, resta comunque un rischio.

Esempi di wallet sicuri sono le S-Pen, che hanno la forma di comuni Pen drive ma prevedono dei tastini per gestire il proprio denaro. O i wallet cartacei, che hanno cifre e codici. Oppure software per Pc che funzionano anche offline.

Exchange validi per procurarsi criptovalute utilizzando valute FIAT sono per esempio Binance e Poloniex. Con sede negli Usa, vantanti migliaia di utenti sparsi per il Mondo e mediamente affidabili.

Una cosa che manca però è una licenza per poter operare. L’unico certificato che troviamo è una licenza rilasciata nelle Isole Vergini britanniche. Le quali però sono un Paradiso fiscale. Cosa che non fa stare di certo tranquilli.

Bkex opinioni e recensioni

Quali sono le recensioni su Bkex? Quali sono le opinioni su Bkex? Non ci sono molte recensioni e opinioni sul web riguardo questo Exchange, forse perché ancora poco utilizzato in Italia.

Le poche in circolazione, comunque, non parlano di truffa ma non mancano al contempo di sottolineare il fatto che manchi la lingua italiana e le due uniche lingue ammesse siano cinese ed inglese.

Quindi, si consiglia di utilizzarlo solo se si mastica bene queste due lingue, onde evitare di commettere errori a danno dei vostri amati soldi. D’altronde, il trading è già di per sé pieno di termini tecnici e quindi non possiamo di certo permetterci di prendere delle decisioni facendoci solo una idea.

Per il resto, si parla di una interfaccia semplice e intuitiva. Certo, manca un altro aspetto molto importante. Ancor più della lingua italiana: una licenza per poter operare.

L’unica licenza che viene menzionata è un attestato rilasciato nelle Isole Vergini Inglesi, che in realtà è un noto paradiso fiscale e meta prediletta per molte società fraudolente.

Quindi, in virtù di ciò, in tanti suggeriscono di lasciar perdere.

Se Bkex non vi ispira molto, di seguito proponiamo due Broker alternativi con regolare licenza Consob e CySEC. La prima è un ente creato nel 1973 per vigilare sui mercati finanziari, al fine di sottrarre questo compito al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Che per forza di cose, è pur sempre un organismo politico. E quindi non indipendente.

La CySEC è invece una autorità con sede a Cipro, ex Paradiso fiscale. Considerata la più importante a livello europeo.

Trading con eToro

Il primo Broker che ci sentiamo di suggerirvi per il trading di criptovalute è eToro (clicca qui per saperne di più), Broker con sede nella capitale del Cipro, Limassol. Il quale, proprio per questo, vanta la regolare licenza da parte della CySEC. Il che mette a riparo i trader iscritti da eventuali truffe.

Per i tanti servizi che offre, eToro vanta quasi 11 milioni di iscritti ed opera dal 2009.

Un servizio molto interessante è quello del CopyTrader, meglio conosciuto come Copy trading. Quest’ultimo consente di copiare i trader migliori quando si è ancora dei trader neofiti così da poter imparare, ma nel frattempo già guadagnando. I Broker copiati, sono definiti Popular trader, e a loro volta ci guadagnano con delle commissioni su ogni trader che li copia.

Un altro servizio interessante è il Social trading, una Community dove i trader possono confrontarsi, darsi consigli e suggerimenti. Un po’ come avviene nei Forum, col vantaggio di non incrociare utenti che inducono all’errore coi propri consigli sbagliati. Dettati spesso da invidia, ignoranza in materia o acredine avendo loro fallito come trader.

Infine, abbiamo i Copyportfolios. I quali, rispetto ai precedenti, permettono di copiare interi panieri di asset appartenenti alla stessa categoria. Gestiti da sofisticati algoritmi automatici, che fanno entrare gli asset che stanno andando meglio ed uscire quelli in negativo. Ma sempre supervisionati da tecnici “in carne ed ossa”.

Per aprire un account gratuito su eToro clicca qui.

Disclaimer: eToro è una piattaforma multi asset che consente dio investire sia in azioni che in criptovalute, e di fare trading sui CFDs.

Considera che i CFD sono strumenti complessi con un alto rischio di perdere denaro dovuto alla leva finanziaria.75% dei trader retail perde soldi facendo trading con questo broker CFD. Dovresti considerare i rischi di perdita di denaro.

Criptoasset non sono regolati e possono subire ampie variazioni di prezzo, dunque non sono appropriati per tutti gli investitori. Il trading di criptoasset non è regolamentato da alcuna normativa Europea.

Le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.

Trading con con 24option

Il secondo Broker che ci sentiamo di suggerirvi è 24option (clicca qui per saperne di più). Che molti che seguono il calcio avranno sentito visto che è sponsor della Juventus. Anche 24option vanta sia la licenza Consob per operare in Italia, sia la licenza CySEC, avendo sede a Cipro.

A sua volta, 24option si distingue per due servizi. Il primo sono i segnali di trading, ossia i suggerimenti che esperti inviano ai trader tramite sms o email su quando devono prendere posizione sul mercato.

I segnali di trading sono offerti da molti tra i principali Broker presenti sul mercato, ma quelli di 24option si distinguono in quanto curati da Trading Central. Società con sede a New York, Parigi e Hong Kong premiata per 9 anni di seguito con i prestigiosi Technical Analyst Awards. Inoltre, sul proprio sito offre anche altri servizi di trading.

Clicca qui per ricevere gratuitamente i segnali.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.
REVIEW OVERVIEW
Bkex

LEAVE A REPLY