Bitpay: come funziona, recensioni, opinioni e commissioni

Cos’è Bitpay? Come funziona Bitpay? Quali sono le recensioni su Bitpay? Quali sono le opinioni su Bitpay? Quali sono le commissioni su Bitpay? Bitpay è una truffa? Bitpay è sicuro? Risponderemo a queste ed altre domande su Bitpay. BitPay ha sede in Atlanta ed è stato fondato come servizio di pagamento in criptovalute nel 2011.

In un momento in cui molte aziende erano in competizione per essere le prime del proprio settore a implementare Bitcoin – che spesso portava a vendite precipitose – il gateway di pagamento di BitPay rendeva più semplice il servizio di accettazione Bitcoin. BitPay è stato anche tra i primi servizi di pagamento a consentire la conversione automatica di una determinata percentuale di BTC ricevuti nella convenienza e affidabilità delle valute fiat.

BitPay, durante un periodo in cui le aziende erano desiderose di sperimentare il Bitcoin, ma faticando a implementarlo, ha portato la sua popolarità alle stelle e il suo servizio fortemente emulato. L’ecosistema Bitcoin è cambiato radicalmente dal 2011, tuttavia, e le aziende che sono seriamente interessate a Bitcoin hanno in gran parte implementato le proprie soluzioni di pagamento (se non altro per risparmiare l’addebito di BitPay dell’1% su ogni transazione elaborata oltre 30 al mese).

Sommario

BitPay recensione

BitPay è un servizio di pagamenti in criptovalute fondato nel 2011 ad Atlanta, mentre Bitcoin era ancora agli inizi. Intuendo il potenziale del bitcoin per rivoluzionare il settore finanziario, rendendo i pagamenti più veloci, più sicuri e meno costosi su scala globale. BitPay è stato avviato per fare in modo che le aziende accettassero facilmente pagamenti bitcoin.

Attualmente Bitpay è il più grande processore di pagamenti bitcoin al mondo, al servizio di commercianti leader del settore in tutti i sei continenti. Bitpay ha creato un’esperienza di pagamento bitcoin uniforme e sicura, utilizzata quotidianamente da centinaia di migliaia di utenti bitcoin.

L’elaborazione dei pagamenti è stato il primo contributo all’ecosistema Bitcoin, ma non è l’ultimo. Con Bitcore si sta costruendo una piattaforma open source per alimentare le prossime applicazioni di Bitcoin.

Il wallet Bitcoin di BitPay offre ai consumatori un potente toolkit per iniziare bene con i pagamenti bitcoin, e la BitPay Card offre agli utenti bitcoin un modo veloce per convertire bitcoin in dollari e spendere i loro fondi ovunque Visa® è accettato. Lo staff ritiene che il futuro del Bitcoin sia molto brillante, puntando a rimanere all’avanguardia su questa tecnologia, creando più strumenti e servizi per tutti da utilizzare in modi nuovi e innovativi.

Un dettaglio importante su BitPay è che i commercianti possono scegliere di essere pagati in tempo reale valuta piuttosto che in bitcoin. Se il commerciante sceglie questa impostazione, BitPay accetterà bitcoin dai clienti online e quindi convertirà la transazione in valuta reale a un tasso di cambio bloccato.

Ciò significa che, in qualità di commerciante che utilizza BitPay, puoi accettare bitcoin dai clienti e continuare a ricevere valuta di stato, non bitcoin, nel tuo conto bancario. Il servizio supporta il pagamento in otto valute e il deposito bancario diretto in 38 paesi, compresi i depositi di due giorni tramite ACH negli Stati Uniti.

BitPay può essere integrato perfettamente con Shopify e offre anche plug-in e integrazioni POS per commercianti online e al dettaglio. La società ha inoltre recentemente lanciato un portafoglio bitcoin mobile e una carta Visa bitcoin ricaricabile per i consumatori (sebbene, come vedremo, è ferma da gennaio 2018). Il quartier generale di BitPay si trova al 3423 Piedmont Rd NE, Fl 5, Atlanta, Georgia 30305. Stephen Pair è il co-fondatore e CEO di BitPay, mentre Tony Gallippi è il co-fondatore e presidente della società.

In termini di ricezione dei pagamenti, puoi scegliere di accettarli in otto valute nazionali o bitcoin, oppure puoi optare per un mix. BitPay supporta la fatturazione in 40 lingue, il che significa che la tua azienda può diventare globale e soddisfare i clienti internazionali. Poiché BitPay è basato su bitcoin, gli utenti e i clienti sono protetti dalle frodi di chargeback e dal furto di identità. Le transazioni con Bitcoin non richiedono alle parti di divulgare informazioni aziendali e personali sensibili, rendendo ogni transazione bitcoin sicura e protetta.

Bitpay cos’è

Cos’è Bitpay? Dal punto di vista di un utente di livello, BitPay può essere definito come un portafoglio di Bitcoin davvero fantasioso, che consente agli utenti di caricare una carta VISA direttamente dal proprio portafoglio crittografico. Attraverso gli scambi di terze parti, BitPay consente anche ai suoi utenti di acquistare e vendere Bitcoin. L’opzione di convertire una criptovaluta in monete fiat, e spendere i soldi ovunque siano accettate le carte VISA, è una ottima cosa. Tuttavia il problema delle tasse quasi rovina il setup per transazioni minori.

Infatti, in alcuni casi, si potrebbe finire per pagare di più nelle commissioni di transazione rispetto all’importo dei fondi trasferiti. Per quanto riguarda il servizio di portafoglio BitPay, è necessario riconoscere che si tratta di un ottimo servizio. È dotato di una serie di impressionanti funzioni di sicurezza e può essere collegato con la carta di debito VISA sopra menzionata, così come con uno scambio di terze parti, come Coinbase.

L’app wallet è disponibile gratuitamente, per una varietà di piattaforme e oltre alle sue eccezionali caratteristiche di sicurezza e ai vantaggi sopra citati, è in grado di scansionare i codici QR per i pagamenti e può verificare gli indirizzi di portafoglio a cui vengono inviati i fondi dell’utente.

La carta BitPay deve essere ordinata e attivata, prima che possa essere caricata. L’ordine viene effettuato online e comporta una commissione. L’utente che ordina la carta deve anche essere sottoposto a verifica dell’ID, prima che la carta venga inviata. Alcuni utenti si sono lamentati del fatto che, nonostante abbiano seguito i passaggi sopra riportati come richiesto, non hanno mai ricevuto le loro carte BitPay. Dopo il suo arrivo, la carta deve essere attivata sul sito web bitpay.com e può quindi essere creato un account di titolare della carta. La carta è per valute fiat.

Può essere caricata attraverso il wallet BitPay, come sopra detto, ma anche i depositi diretti possono essere utilizzati con essa. L’ultimo passo è quello di spendere i soldi direttamente dalla carta, o di utilizzare un bancomat per prelevare contanti. Per gli utenti è importante ricordare che una volta caricati i fondi sulla loro carta BitPay VISA, il saldo rimarrà in USD.

Ricevere bitcoin attraverso il portafoglio è semplice come dare a qualcuno l’indirizzo del tuo portafoglio (disponibile sotto Ricevi). Il mittente quindi invia semplicemente bitcoin al suddetto indirizzo. Ricorda che ogni volta che qualcuno ti manda bitcoin (anche quando trasferisci BTC da un altro tuo portafoglio al tuo portafoglio BitPay) verranno applicate delle commissioni di trasferimento.

Queste tasse sono fuori controllo ultimamente, quindi se utilizzi le micro transazioni, potresti effettivamente pagare più tasse in più dell’importo che riceverai. Con la tua carta di debito collegata, puoi collegare anche il tuo scambio, solo per aprire la possibilità di acquistare / vendere anche BTC. Devi avere un account con lo scambio (Coinbase), per poterlo collegare con BitPay. Quando colleghi il portafoglio, il tuo account Coinbase dovrà approvare una serie di permessi. Una volta effettuato il collegamento del tuo conto Exchange, ti verranno presentati gli attuali prezzi di acquisto / vendita di Bitcoin.

Se effettui un acquisto, in teoria, sarà fatto direttamente attraverso il tuo wallet BitPay, così che i bitcoin che comprerai approderanno direttamente nel tuo portafoglio. La ragione per cui stiamo dicendo, teoricamente, è che a volte, a quanto pare, questa caratteristica fallisce e i bitcoin acquistati finiscono invece nell’account Coinbase. Questo è significativo, perché in questo modo, si incorre in un’altra serie di commissioni di trasferimento passando i fondi sul portafoglio BitPay manualmente.

Il caricamento della carta VISA comporta anche alcune commissioni. In almeno un’istanza, un utente denuncia il fatto di aver speso quasi $ 2 per caricare $ 5 sulla carta. Con somme maggiori, queste commissioni potrebbero diventare più ragionevoli. Impostare la vendita di BTC tramite il portafoglio BitPay è un fatto semplice. Ancora una volta, le commissioni di transazione entrano in gioco, quindi assicuratevi di tenerne conto.

Un’altra soluzione interessante che i peddles di BitPay sono rivolti alle aziende. In poche parole: BitPay consente alle aziende di accettare Bitcoin, risparmiando denaro, interrompendo gli addebiti e eliminando le frodi. Accettando Bitcoin, le aziende online sono davvero libere di vendere a chiunque, ovunque. La soluzione BitPay si integra perfettamente con decine di piattaforme online come WordPress, Magento e decine di altri.

Il processo di pagamento di Bitcoin viene fornito con un tasso di cambio bloccato, e il BTC viene immediatamente convertito, proteggendo il venditore dalla volatilità associata alla criptovaluta. I pagamenti vengono effettuati come depositi diretti nei conti bancari degli utenti iscritti.

Bitpay storia

BitPay (bitpay.com) è un processore di valuta virtuale specializzato nell’abilitare i commercianti ad accettare pagamenti bitcoin da parte dei clienti. Fondata nel 2011 e con sede ad Atlanta, in Georgia, la società è cresciuta rapidamente negli ultimi anni.

In seguito alla fondazione della società, il co-fondatore Gallippi ha visitato una conferenza a Praga nel novembre 2011 per discutere di bitcoin. All’epoca annunciò che la compagnia aveva circa 100 clienti che utilizzavano attivamente il loro servizio. Entro il primo anno a ottobre 2012, BitPay era cresciuto fino ad avere 1.100 utentiattivi. Una delle prime importanti partnership è arrivata nel 2012, quando BitPay è diventato il rivenditore ufficiale di bitcoin per WordPress. La mossa ha fatto sì che WordPress diventasse più accessibile ai blogger in paesi che spesso hanno dovuto affrontare blocchi per ragioni sia finanziarie che politiche.

Bitcoin al momento non aveva autorità centrale, il che significa che BitPay non poteva bloccare interi paesi. Nel settembre 2012, la società ha annunciato di aver raggiunto il traguardo di 1.000 commercianti che utilizzavano BitPay per accettare pagamenti in bitcoin. Più o meno nello stesso periodo, una ripartizione della base di clienti di BitPay è stata discussa con circa il 60% dei loro clienti con sede negli Stati Uniti.

Nella fase iniziale, i clienti provenienti da Europa e Regno Unito hanno rappresentato il 25% sul totale, con il rimanente 15% degli utenti sparsi su un totale di 98 paesi.

All’inizio del 2013, BitPay ha garantito $ 510.000 di finanziamento da parte di vari investitori. Entro la fine del 2013, la società ha ricevuto il sostegno di Horizon Ventures, una società di investimento gestita dall’uomo più ricco della Cina. Alla fine del 2014, BitPay ha perso oltre 1,8 milioni di dollari in bitcoin quando il suo chief financial officer è caduto vittima di una truffa di phishing. Queste perdite non sembrano essere state una violazione dei sistemi di BitPay o una ripulitura di massa degli utenti di BitPay, ma un incidente isolato per il quale la società ha pagato un prezzo alto.

Nel 2014, BitPay ha annunciato partnership con commercianti tra cui Microsoft, NewEgg, TigerDirect e Warner Bros. Records. Nello stesso anno, BitPay ha inoltre collaborato con PayPal, operatori di sistemi di pagamento e acquisitori commerciali come Global Payments e Alternet Systems. BitPay ha sviluppato progetti bitcoin open source, tra cui BitCore e Copay che vedremo meglio successivamente.

Bitpay ha anche dovuto affrontare altri problemi. Come l’attacco phishing contro il CEO di BitPay Stephen Pair a settembre 2015, in cui sono stati persi 5.000 BTC. E poi la chiusura della carta di debito prepagata di BitPay da parte di Visa a gennaio 2018. Ciò è dovuto al fatto che la società della carta di credito ha interrotto i legami con WaveCrest, un intermediario bancario che facilita più carte di pagamento finanziate con criptaggio.

Il supporto di BitPay per il fork di SegWit2x alla fine ha fallito sia politicamente che tecnicamente, da metà a fine 2017. Quest’ultimo elemento ha un significato speciale in qualsiasi discussione sul wallet di BitPay.

Wallet Bitpay come funziona

BitPay ha lanciato il suo wallet Copay a metà 2015. È un portafoglio leggero (vale a dire, semplice verifica dei pagamenti o SPV), il che significa che non scarica l’intera blockchain Bitcoin per la verifica. Invece, si basa su server di terze parti per informazioni. I portafogli leggeri consumano molte meno risorse di sistema, ma sono meno sicuri (in teoria) e più centralizzati, e non aiutano a supportare la rete Bitcoin.

Caratteristiche di Copay:

Piattaforme multiple

Copay è disponibile per dispositivi mobili (sistemi operativi iOS, Android, Windows Phone) e desktop (Windows, Linux, Mac)

Account multipli

Copay consente la creazione di più account all’interno di un singolo wallet. È possibile creare account separati per uso aziendale e personale, ad esempio.

HD wallet

Copay è un portafoglio HD (deterministico gerarchico). Questo è un modo elegante per dire che si esegue il backup del portafoglio registrando e memorizzando una serie casuale di parole note come una frase seme. Questa frase seme consente di generare una grande quantità di chiavi e indirizzi privati. Questo è anche più conveniente del backup di un file digitale, poiché la frase seme può essere registrata in un formato fisico durevole (come l’acciaio).

Supporto multi-firme

Copay consente la creazione di account multi-firma. Tali account possono solo spendere soldi con l’approvazione di più parti. Questo è utile per creare l’equivalente Bitcoin di conti bancari comuni. La spesa richiede l’autorizzazione di tutti o di un certo numero di parti a seconda di come è configurato il wallet.

Progetto open source

Tutti i codici wallet e server di Copay sono pubblici. Ciò consente a qualsiasi parte interessata di ispezionare, rivedere e migliorare il codice, portando a un portafoglio molto più affidabile di quelli che contengono codice closed source (la maggior parte dei multi-wallet, per esempio).

Interfaccia utente pulita

Copay ha un’interfaccia utente attraente e intuitiva. Visualizza i prezzi in 150 valute diverse e ha il supporto per più lingue.

Supporto per portafoglio hardware

Le versioni Chrome del portafoglio Copay consentono l’integrazione con un portafoglio hardware, il modo più sicuro e conveniente per proteggere le chiavi private che controllano le monete.

Criptovalute supportate

Copay supporta due criptovalute: Bitcoin e Bitcoin Cash.

Ci sono diversi portafogli, come Electrum, che hanno tutte le otte caratteristiche sopra elencate. Quindi cosa rende speciale Copay? In precedenza, avremmo potuto citare la struttura interna del portafoglio di Copay per gli acquisti di monete, ma questo non è più disponibile a seguito del ritiro del supporto da parte di Visa. BitPay sta cercando di stabilire una partnership simile con un altro servizio di pagamento al momento della scrittura. L’integrazione del portafoglio di Copay con i servizi BitPay è probabilmente il suo principale punto di forza. Ad esempio, il portafoglio verificherà l’indirizzo di un commerciante utilizzando il servizio BitPay, che può impedire pagamenti errati. Ci sono molti mercanti di questo tipo, quindi questa può essere una caratteristica utile per coloro che non controllano regolarmente (o ossessivamente) gli indirizzi di pagamento.

Conviene il wallet Bitpay?

Dal punto di vista tecnico e del design, Copay, il wallet Bitpay, sembra ok. Tuttavia, la sfortunata incursione di BitPay nella politica dei Bitcoin ha notevolmente danneggiato la fiducia nel suo portafoglio. Copay è stato rimosso dalla lista dei portafogli attendibili di Bitcoin.org per approvare l’hard fork BTC1 come “il vero Bitcoin”.

Il fork BTC1 alla fine fallì per ragioni sia politiche sia tecniche. BitPay avvisò i suoi utenti wallet (server) di passare a il codice affrettato e non verificato che alla fine non è riuscito ad attivare è a dir poco inquietante. Inoltre, sono stati segnalati più casi di un problema che ha portato alla mancanza di fondi. Questa è una questione estremamente seria per ogni portafoglio, la cui funzione principale è quella di memorizzare in modo sicuro il valore.

Se dovessimo guardare solo le sue caratteristiche, Copay sarebbe una scelta solida per un portafoglio. Tuttavia, oggi ci sono alternative che forniscono caratteristiche simili senza la politica che accompagna Copay.

Inoltre, fino a quando non viene risolto il problema dei fondi mancanti, è difficile consigliare Copay come una scelta solida. Dal momento che BitPay è considerato un veterano nell’ecosistema Bitcoin, probabilmente affronterà questi problemi nel prossimo futuro.

Fino ad allora, usa Copay con cautela e sicuramente non per grandi somme di denaro.

Wallet Bitpay vantaggi

Quali sono i vantaggi di utilizzare il wallet Bitpay Copay? I seguenti:

  • Interfaccia utente pulita ed elegante
  • Disponibile sulla maggior parte delle piattaforme
  • Compatibilità con Multisignature

Wallet Bitpay svantaggi

Quali sono gli svantaggi di utilizzare il wallet Bitpay Copay? I seguenti:

  • Problema dei fondi mancanti
  • Nessun supporto per gli altcoin

Bitpay come iscriversi

Come iscriversi a Bitpay? La cosa è molto semplice. Tutto ciò che si deve fare è rendere conto della carta o del tuo conto aziendale BitPay. Il che consente ai singoli utenti di convertire i loro Bitcoin e

valuta fiat. Se hai un account aziendale, può ottenere anche depositi bancari nella valuta locale. Occorre quindi scegliere tra le due opzioni e fare clic su Iscriviti per il prossimo passo. Occorre riportare e-mail, nome e cognome, nome dell’organizzazione (in caso di account aziendale) e informazioni dell’account di routine.

BitPay Card come funziona e commissioni

La carta BitPay è l’ultima offerta per l’istituto di pagamento Bitpay. La loro commissione è incredibilmente onesta dicendoti come evitare i supplementi e le tasse extra. Ad esempio ti dice di usare un terminale PoS (punto di vendita) per ottenere il rimborso e non affrontare il sovrapprezzo ATM. Tuttavia prevede altri costi come la conversione del 3% in valuta estera e commissioni per i prelievi ATM internazionali. La quota di giacenza è di $ 5 al mese.

Bitpay app

L’app BitPay consente agli utenti di gestire anche la loro carta di debito Visa BitPay. Navigando nei menu, diventa facile caricare nuovamente il saldo – con una commissione dello 0% quando si utilizza Bitcoin – direttamente dall’app stessa. L’aggiunta di questa funzionalità a questa app per dispositivi mobili e desktop ha molto senso, poiché rende le cose molto più convenienti sia per i principianti che per gli utenti esperti.

Anche se viviamo nell’era delle app, il consolidamento di molte funzionalità in un unico software è ancora un approccio preferenziale. Un’altra caratteristica utile è come archiviare Bitcoin su più portafogli, inclusi i tipi di multisignature. L’autenticazione multi-dispositivo può anche essere impostata per portare la sicurezza del wallet al livello successivo.

Nello scenario più estremo, effettuare un pagamento richiede l’autorizzazione di sei diversi dispositivi. Questo può sembrare un po’ paranoico per alcune persone, ma è bello vedere una simile funzione attivata a prescindere. Dalle nostre brevi esperienze con l’app Wallet BitPay, sembra che faccia il lavoro alla perfezione. Tutte le funzionalità funzionano come pubblicizzato, anche se non abbiamo acquistato Bitcoin tramite l’app stessa.

Non ci sono stati problemi, e la forte attenzione alla sicurezza del portafoglio è sicuramente un bonus nel nostro libro. Dal punto di vista del design, la combinazione di colori potrebbe non essere la più attraente per tutti, ma tutte le informazioni sono presentate in modo pulito, il che è più importante per noi. Alla fine, l’app del wallet Bitcoin fa esattamente quello che deve. Apprezziamo molto la possibilità di acquistare carte regalo Amazon.com direttamente dal wallet Bitpay. È un’ottima soluzione per il wallet e un prodotto che vale la pena di verificare.

Bitpay è una truffa?

Bitpay è una truffa? Possiamo dire tranquillamente di no. BitPay sembra basarsi principalmente sul proprio sito Web e sui metodi pubblicitari tradizionali per commercializzare il proprio servizio. La società non impiega agenti di vendita indipendenti e al momento non ci sono recensioni negative suBitPay che accusano il team preposto alla vendita dei servizi della società di comportamenti non etici.

Il sito Web di BitPay non sembra utilizzare alcuna promozione di tariffe ingannevoli in questo momento. Le condizioni contrattuali della società sono completamente visibili sul suo sito Web. Dunque è una piattaforma trasparente.

Inoltre, la sezione About, posta alla fine della pagina, un profilo aziendale completo, con immagini del team esecutivo, del consiglio di amministrazione e dei consulenti coinvolti. Tutta altra storia rispetto alle piattaforme truffaldine, che mettono nomi fittizi che cambiano al cambiare della lingua scelta per il sito. Di seguito vediamo chi fa parte dello staff Bitpay.

Bitpay staff

Ecco lo staff dietro la piattaforma Bitpay:

1.Tony Gallippi

Co-Founder, Presidente esecutivo, Tony ha 20 anni di esperienza in vendite e marketing nei settori della robotica e delle finanze.

2. Stephen Pair

Co-Founder, Chief Executive Officer, Stephen ha oltre 20 anni di esperienza nella creazione di sistemi software nel settore finanziario e delle telecomunicazioni.

3. Bryan Krohn

Chief Financial Officer, Bryan ha 20 anni di esperienza come CFO per diverse aziende tecnologiche tra cui CTS, OmniVue e American Data Corporation.

4. Sonny Singh

Chief Commercial Officer, Sonny è stato il primo vicepresidente per le vendite di Jumio e in precedenza era in InMage Systems (acquisita da Microsoft) e Niku (acquisita da Computer Associates).

5. Jan Hammer

General Partner, Index Ventures

6. Jimmy Furland

CompricerAB

7. Carl Stern

Former Boston Consulting Group and Goldman Sachs

8. Arthur Levitt

Former Chairman of Securities and Exchange Commission

9. Jim Aviles

Co-Founder, Merchant e-Solutions

Bitpay commissioni

Quali sono le commissioni di Bitpay? BitPay non richiede l’utilizzo di reti di elaborazione Visa / MasterCard, pertanto il servizio è in grado di bypassare completamente le tariffe di interscambio e le consuete commissioni associate all’elaborazione dei pagamenti (comprese le spese di conformità PCI, le commissioni minime mensili, le spese di istruzione, le spese di installazione e il chargeback tasse).

Ciò consente a BitPay di eliminare le commissioni di transazione e offrire generosi limiti di transazione ai propri utenti. Per la maggior parte delle aziende a rischio standard, BitPay applica una commissione semplice dell’1% per transazione senza altre commissioni. Gli utenti riceveranno più supporto per gli utenti, supporto via e-mail, gestione automatica delle eccezioni dei pagamenti, download di QuickBooks IIF e strumenti di e-commerce e di fatturazione di base.

I commercianti che operano in settori ad alto rischio possono essere soggetti a commissioni più elevate per transazione che verranno divulgate al momento della configurazione dell’account. I commercianti su scala aziendale possono essere in grado di ottenere prezzi inferiori o supporto prioritario per i clienti.

I termini legali di PayPay contengono un elenco di tipi di attività vietati e informazioni relative alle politiche di riserva e di risoluzione della società. I commercianti sono liberi di annullare il servizio in qualsiasi momento senza pagare una tariffa di terminazione, ma potrebbero subire trattenute di fondi a discrezione di BitPay. Le transazioni con Bitcoin non possono essere addebitate dai clienti, ma possono essere rimborsate in tutto o in parte tramite BitPay con il consenso del commerciante.

Bitpay opinioni

Quali sono le opinioni su Bitpay? Ci sono circa 20 recensioni di BitPay negative che si trovano online, alcune delle quali accusano la compagnia di essere un imbroglio o una truffa. Gli aspetti positivi del servizio includono la sua interfaccia elegante e la sua facile configurazione, mentre i suoi principali svantaggi sembrano essere le trattenute del fondo e le sue complicate procedure di pagamento e rimborso.

Nel corso del tempo, l’azienda sembra essere diventata più restrittiva rispetto ai tipi di attività commerciali che è in grado di servire. BitPay viene criticato da alcuni membri della comunità di criptovalute perché ha sposato pagamenti in bitcoin con valuta fiat per servire mercati standard, il che limita necessariamente i tipi di transazioni che invece potrebbe facilitare.

BitPay offre supporto via e-mail alla maggior parte dei commercianti ma può estendere il supporto in tempo reale a società di grandi dimensioni, pertanto i commercianti dovrebbero essere sicuri di valutare l’importanza di avere un supporto live per le loro transazioni bitcoin.

Il Better Business Bureau offre attualmente a BitPay un rating D e non sta mostrando l’accreditamento per l’azienda. Sono stati registrati 20 reclami contro il profilo di BitPay, che è stato istituito nel giugno 2014. Un reclamo era relativo a una contestazione di fatturazione o riscossione, 13 scaturivano da un problema di prodotto o servizio, cinque erano dovuti a un problema pubblicitario e l’altro aveva a che fare con un problema di consegna.

Sei reclami sono stati risolti con soddisfazione degli utenti, mentre 12 hanno provocato insoddisfazione del commerciante o non hanno ricevuto una risposta definitiva dal commerciante. Un reclamo ha ricevuto una risposta da BitPay che BBB non è in buona fede, mentre l’ultima lamentela non ha ricevuto alcuna risposta da parte di BitPay. Questa lamentela non soddisfatta è il fattore principale che riduce il punteggio di BBB.

BitPay non ha ricevuto alcuna recensione informale, sebbene valga la pena notare che queste recensioni non sono soggette a verifica da parte dello staff di BBB. Dopo aver soppesato il basso numero totale di lamentele di BitPay contro il rapido aumento dei reclami e gli scarsi sforzi di risoluzione verso i reclami multipli, abbiamo leggermente adeguato il rating del BBB a un grado medio di “C.”

Dunque, ciò per cui Bitpay viene criticata è principalmente per le commissioni abbastanza alte, che la rende sconveniente per transazioni con somme basse.

LEAVE A REPLY