Bitcoin: utilizzo accelerato grazie a Pandemia?

La Pandemia innescata dal nuovo Coronavirus Covid-19 ha stravolto le nostre abitudini. Al punto che per alcuni, lo scopo principale di questi virus sia stato proprio quello di introdurre nuove abitudini più facilmente e velocemente.

Tra queste, anche l’uso delle carte in luogo del contante. Attraverso due modi principali: parlando del contante come potenziale vettore del virus e obbligando in molti esercizi a scaricare le app ed effettuare ordini e (volendo anche) pagamenti online.

L’uso delle carte favorisce ovviamente la lotta all’evasione fiscale. Ma è stato anche dimostrato quanto possa portare all’indebitamento delle persone, che pagando tramite carta, finiscono per spendere più allegramente senza dare peso al denaro. E’ stato per esempio dimostrato in uno studio condotto in Finlandia.

Ed in questa corsa alla virtualizzazione del denaro, senza dubbio le criptovalute si giocano una partita importante.

La soluzione migliore per operare sulle criptovalute rimane quella dei CFD. Ricordiamo che le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo delle criptovalute. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Secondo DBS Bank, con sede a Singapore, la Pandemia in corso a livello mondiale dallo scorso febbraio favorirà anche l’adozione delle criptovalute.

In effetti, si tratta di una dichiarazione alquanto importante. Dato che viene da una rispettata banca multinazionale e dal suo chief economist: Taimur Baig.

Inoltre, stando a diversi rumors autorevoli, diverse grandi istituzioni finanziarie a Singapore, Svizzera e Germania, stanno imponendo una nuova ondata di domanda di criptovaluta. Filtrata da banche private più piccole e clienti facoltosi.

In tema di criptovalute come bitcoin (BTC), Baig ha identificato due fasi distinte della domanda: pre-pandemia e post-pandemia.

La domanda pre-pandemia era in gran parte speculativa. La gente ha visto che bitcoin ha avuto una corsa spettacolare e voleva far parte di quel gioco, quindi cosa c’è di sbagliato nel mettere l’1% delle risorse in gestione [in BTC] “

Baig ha poi continuato: “Questa cosa ha una circolazione fissa, non verrà degradata”. Le persone sono preoccupate per il deflusso del dollaro e si chiedono se dovrebbero tenere criptovalute oltre all’oro come valuta rifugio “.

Occorre poi aggiungere che DBS non è l’unica banca a notare questa tendenza. La banca di asset digitali Sygnum, con sede a Singapore, che detiene una licenza bancaria dell’autorità svizzera di vigilanza sui mercati finanziari, ha fatto eco a questa opinione.

“Dallo scoppio del COVID-19 c’è stato un crescente interesse da parte dei family office e dei privati che vedono le risorse digitali come un’alternativa e un modo per proteggersi da un preoccupante rischio di inflazione”, ha affermato Martin Burgherr, co-head of clients presso Sygnum Bank .

“Ora che le banche si stanno risvegliando dal lockdown, abbiamo avuto un significativo aumento delle banche nazionali e internazionali che ci chiedevano di aiutare in una configurazione B2B, per consentire ai loro clienti di investire in risorse digitali”.

A Baig – che in precedenza ha ricoperto ruoli di economista senior presso l’Autorità monetaria di Singapore, Deutsche Bank e il Fondo monetario internazionale – piace fare zoom e avere una visione macro delle valute digitali e del potenziale gioco delle valute digitali della banca centrale (CBDC).

C’è stato un aumento costante dell’oro, mentre i rendimenti del reddito fisso si stanno avvicinando allo zero, ha detto Baig. E tali condizioni hanno anche causato il “ritorno di bitcoin in modo abbastanza convincente”.

Si è tentati di guardare al bitcoin attraverso la lente del cambio (FX), come un’altra valuta con un tasso di cambio rispetto al dollaro USA. Ma questo è sbagliato, ha detto Baig, dal momento che una valuta sovrana regolare ha accettato mezzi economici di valutazione che determinano la produttività e la crescita a lungo termine.

“Non puoi valutare le criptovalute in questo modo”, ha detto Baig.

“Sebbene possano avere questa credibilità con una circolazione basata sul sistema, non sono ancora attaccati alla fortuna di un paese. Quindi, ovviamente, non andranno su e giù come va su e giù l’economia degli Stati Uniti. Da quel punto di vista, è più simile all’oro che a un FX a mio avviso.”

Per i paesi che stanno vivendo una crisi valutaria o un episodio di iperinflazione, l’ancoraggio al dollaro USA può portare una certa credibilità a breve termine, ma non funziona bene per molte valute, ha osservato Baig. Aggiungendo:

“Se guardi al Venezuela o persino al Libano, che è nel mezzo di una massiccia crisi finanziaria, potresti, a un certo punto andando avanti, concepire che invece di collegare la tua valuta al dollaro USA, la colleghi a una criptovaluta?”

A condizione che le transazioni possano essere visualizzate sulla blockchain ci sono possibilità, ha detto Baig. “Finché è legato a una valuta a circolazione limitata, vedo alcune somiglianze tra questo tipo di ancoraggio e l’ancoraggio contro gli Stati Uniti. Alias il dollaro”, ha concluso.

Migliori piattaforme per investire in Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
fxtbCFD su Bitcoin e CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
etoroSocial trading
*75% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.

Bitcoin:pericolo bug scampato

Una vulnerabilità precedentemente non rivelata nel software Bitcoin Core, avrebbe potuto consentire agli aggressori di rubare fondi, ritardare gli accordi o dividere la più grande rete blockchain in versioni contrastanti. Ma per fortuna, è stato sventato 2 anni fa, senza peraltro alcun clamore.

La notizia è stata riportata mercoledì 9 settembre da Braydon Fuller, un ingegnere di protocollo presso il sito di criptovalute Purse. Che ha rilevato la vulnerabilità nel giugno 2018, e Javed Khan, uno sviluppatore principale del protocollo Handshake.

Alla vulnerabilità è stato assegnato un livello di gravità di 7,8 su una scala da 1 a 10, che è considerato “alta” (9 o superiore è considerata “critica”). È stato causato da “nodi remoti” che non sono riusciti a cancellare le transazioni non valide dalla loro memoria, ha detto Khan a CoinDesk.

L’incapacità di cancellare tali transazioni potrebbe portare un aggressore a inondare un nodo vittima con dati obsoleti in quello che viene definito “consumo incontrollato di risorse”. Causando alla fine la chiusura del nodo, afferma il documento.

Le soluzioni Layer 2 (L2) come Lightning Network, il sistema di pagamento sperimentale costruito sulla blockchain di Bitcoin, erano a rischio a causa della vulnerabilità. I nodi completi di Bitcoin non erano a rischio di perdere fondi.

Non c’era alcun meccanismo per assicurarsi che i dettagli in sospeso di una transazione fossero validi o meno. In alcuni casi potresti riempire la memoria remota con transazioni non valide”, ha rivelato Khan.

Nessun tentativo di sfruttare il bug è stato trovato in natura, hanno scritto Khan e Fuller. La vulnerabilità non è stata divulgata pubblicamente per oltre due anni poiché gli operatori dei nodi hanno impiegato più tempo del previsto per l’aggiornamento, ha affermato Fuller.

Sebbene la vulnerabilità sia stata risolta, la sua divulgazione evidenzia le difficoltà di costruire uno standard monetario globale sui linguaggi di programmazione creati dagli umani, per non parlare delle elevate barriere tecniche all’impegno nello sviluppo della criptovaluta principale.

La vulnerabilità è stata introdotta in Bitcoin Core nel novembre 2017. Circa il 50% dei nodi Bitcoin all’epoca erano esposti al vettore di attacco, secondo il documento. Le versioni precedenti di Bitcoin Core non sono rimaste fortunatamente interessate dal problema.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.