Bitcoin sopra i 15mila dollari: fino a quando?

Brian Kelly, gestore di Hedge Fund, ritiene che l’interesse in aumento verso il Bitcoin da parte degli investitori istituzionali è possibile grazie al suo valore sempre più stabile. Dovuto anche alla fiducia crescente verso la criptovaluta. In una sorta di circolo vizioso positivo.

Del resto, a conferma di ciò, il fatto che la Banca centrale europea (BCE) vuole emettere una propria valuta digitale. Il che, sempre secondo Brian Kelly, il quale tra l’altro è anche fondatore di BK Asset Management, non rappresenterà una minaccia per lo stesso Bitcoin. Ma, appunto, una svolta a favore che ne incrementerà la fiducia.

Del resto, oltre alla Bce, anche Usa e Cina spingono a qualcosa di simile. Con la Cina che ne parla già da alcuni anni, insieme alla Russia. Paesi che non hanno perso la propria vocazione pianificatrice rispetto all’economia e che diffidano fortemente nei confronti delle criptovalute.

Occorre poi aggiungere che già esiste una criptovaluta ancorata al valore del dollaro: il Tether. La quale, tra l’altro, al momento della scrittura sta pure andando particolarmente bene. Visto che occupa la terza posizione per capitalizzazione di mercato, che a livello giornaliero si attesta sui 30 miliardi di dollari, mentre a livello complessivo sfiora i 18 miliardi di dollari.

Kelly si dice poi contrario alla immissione di denaro in eccesso da parte delle banche centrali, giacché “comporta rischi per i detentori di valuta fiat”.

Ma è anche ciò fa sì che il Bitcoin (BTC) sia visto come “oro digitale”.

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori criptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Previsioni Bitcoin 2021

Il prezzo del Bitcoin sta vivendo una nuova Golden Age, col prezzo che è rimasto sopra $ 15.000 per più di 12 giorni. Evocando la belle epoque vissuta per la Regina delle criptovalute nel 2017.

Tuttavia, secondo diversi analisti, questo momento positivo potrebbe finire presto giacché gli investitori che l’hanno acquistato tra la fine del 2017 e la prima metà del 2018, ad un prezzo maggiore rispetto a quello visto dalla seconda metà 2018 in poi, potrebbero voler disimpegnarsi da quell’investimento. E ciò, ovviamente, potrebbe portare ad un nuovo crollo dei prezzi.

Tuttavia, sempre Kelly, non si dice sorpreso qualora il prezzo resti ancora alto per un altro po’ di tempo. Inoltre, il Bitcoin non è ancora paragonabile all’Oro. Se il primo ha un valore di mercato totale di oltre $ 300 miliardi, le azioni auree conosciute è di $ 9 trilioni.

Quindi, questa enorme disparità fa ben sperare l’esperto di Hedge found, che ci siano ancora margini di rialzo.

A suffragio di queste tesi, Arcane Research ha pubblicato in questi giorni un report secondo il quale gli investimenti da parte dei grandi trader in bitcoin sul CME “è più che raddoppiato quest’anno”. Mentre l’open interest si avvicina a $ 1 miliardo.

Arcane Research cita a sua volta un rapporto della Commodity Futures Trading Commission (CFTC) che mostra quasi 100 grandi trader che detengono i contratti bitcoin su CME. Ciò contrasta con l’anno 2019, quando c’erano solo 45 trader così grandi.

Il rapporto conclude che “questa è forse una delle migliori indicazioni di aumento della domanda istituzionale per l’esposizione a bitcoin.”

Bitcoin: le domande frequenti

Dato l’interesse per la criptovaluta Bitcoin cerchiamo di rispondere ad alcune domande:

Dove investire in Bitcoin?

E’ possibile investire acquistando la criptovaluta su un Exchange oppure fare trading sul prezzo sfruttando una delle piattaforme regolamentate. Due ottimi esempi sono ForexTB (clicca qui per maggiori informazioni) ed eToro che offrono il trading su numerose criptovalute.

Bitcoin salirtà a 100 mila dollari?

Molti analisi ritengono che nel breve periodo Bitcoin potrebbe subire una impennata , dunque sembra un ottimo momento per iniziare a negoziare su questa criptovaluta.

Bitcoin è una truffa?

No bitcoin è una criptovaluta che si basa su blockchain, una tecnologia ormai matura. Molti però stanno approfittando della crescita di bitcoin per proporre truffe: ad esempio Bitcoin Code e Bitcoin Revolution sono due classici esempi di metodi truffaldini.

Bitcoin, miners tornano a trarre profitto

Il prezzo del bitcoin (BTC) sta rendendo più facile per i miners di criptovaluta di tutto il mondo ottenere un profitto, soprattutto dopo il recente calo delle difficoltà di mining che è scivolato oltre il 16% verso il basso.

Inoltre, i prezzi di BTC sono balzati da un prezzo di chiusura di $ 11.548 il 13 ottobre 2020 e 30 giorni dopo, il 12 novembre, il prezzo ha chiuso a un massimo di $ 16.305 per moneta con un aumento del 41,19%.

I rapporti che stanno giungendo dalla Cina mostrano che i prezzi elevati di BTC tra $ 12.000 e $ 16.000 hanno portato molti a riprendere l’attività di miners.

Oltre ai modelli S9 che traggono profitto, anche le macchine più vecchie realizzate da Canaan Creative, Bitfury, GMO, Bitfily, Whatsminer, Halong, Ebang e Pantech guadagnano a prezzi di bitcoin più alti.

Al momento della pubblicazione, le due serie del 2018 Avalonminers (921 e 841) guadagnano tra $ 0,21 e $ 0,59 al giorno se il miners paga circa $ 0,06 per kilowattora (kWh).

L’editorialista finanziario, Vincent He, ha recentemente discusso della serie Bitmain S9 (10-16 TH / s) e osserva che la piattaforma mineraria sta ottenendo profitti per i miners cinesi oggi.

I vecchi impianti minerari non stanno solo ottenendo profitti in questi giorni con prezzi BTC così alti, osserva l’editorialista. Vincent dice anche che numerose miniere si trovano in regioni desertiche dove la polvere è alta, e alcune si trovano in regioni come il Sichuan, dove l’umidità è superiore alla media.

Questi effetti “accorciano la vita delle macchine” e piattaforme minerarie come “S9 hanno un migliore rapporto di stabilità grazie alla sua struttura semplice e alla potenza di calcolo relativamente bassa”, secondo il rapporto.

Le stime dicono che un tempo il minatore S9 (13 TH / s) era così ampiamente utilizzato, che queste macchine di quattro anni alimentavano da sole circa il 70% dell’hashrate BTC.

Circa 11 modelli Antminer S9 prodotti da Bitmain che hanno un’età compresa tra 1 e 4 anni, mostrano profitti compresi tra $ 0,10 e $ 0,59 a $ 0,06 per kilowattora (kWh) utilizzando i tassi di cambio per BTC di venerdì 13 novembre 2020.

I prezzi di BTC sono scesi venerdì 13 novembre e sono leggermente inferiori al prezzo di chiusura del giorno precedente. Ma i dati di Asicminervalue indicano che un certo numero di piattaforme minerarie più vecchie prodotte da Canaan, Bitmain e altri traggono profitto a una tariffa elettrica di $ 0,06 per kWh.

Ogni singolo Bitmain Antminer S9 con un hashrate compreso tra 10 e 16 terahash al secondo (TH / s) guadagna oggi.

Un certo numero di miners di vecchia generazione vengono venduti per $ 100- $ 800 a seconda del modello e dell’hashrate. I mercati come Ebay e Craigslist hanno un’abbondante quantità di miners in vendita da produttori come Canaan, Bitmain, Microbt, Ebang e molti altri.

Allo stesso modo, anche tre vecchi Avalonminer creati da Canaan ne traggono profitto, ad eccezione delle serie Avalonminer 821 e 741. Oltre ai popolari S9 e Avalonminers, anche i mining rig obsoleti creati da Bitfury, GMO, Bitfily, Whatsminer, Halong, Ebang, Pantech e altri ASIC mostrano profitti.

Le piattaforme minerarie più vecchie stanno anche vedendo un aumento dei prezzi sui mercati secondari negli Stati Uniti e in Europa su mercati come Ebay e Craigslist.

Ad esempio, un Whatsminer M3 con 11,5 TH / s viene venduto su Ebay per $ 500, mentre gli Antminer S9 della vecchia scuola stanno vendendo per $ 100- $ 800 per unità.

Non molto tempo fa, quando i prezzi di BTC erano più bassi e la difficoltà era maggiore, gli ASIC obsoleti venivano venduti per $ 50- $ 250 per unità con una produzione di terahash tra 10-16 TH / s.

Il rapporto di Vincent rileva inoltre che i miners ASIC di nuova generazione con una produzione da 70 a 100 TH / s hanno un numero maggiore di schede per computer rispetto ai modelli precedenti.

Il design compatto dei vecchi impianti di perforazione mineraria come la serie S9 aiuta i miners in Cina con problemi di spazio di magazzino, oltre a ridurre il consumo energetico nei dettagli del rapporto.

Responsabilità: Tutti gli autori, i collaboratori e i redattori degli articoli pubblicati su webeconomia.it esprimono opinioni personali. Tutte le assunzioni e le conclusioni fatte nei post ed ulteriori analisi di approfondimenti sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime, indici) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e/o raccomandazioni all'investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di investimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali.