Bitcoin torna ai livelli del 2017, intanto Russia sta per lanciare propria criptovaluta

Sono anni, almeno dal 2017, che si parla di una criptovaluta lanciata dalla Russia. Dato che il paese è fortemente scettico nei confronti di questo nuovo asset digitale e vuole dunque proporne una propria pianificata.

Intanto Bitcoin sta tornando ai livelli massimi, cerchiamo di capire cosa succede nel resto del mondo e se può essere un buon momento per investire in Bitcoin.

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio ForexTB (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori criptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Criptovalute Russia: è in arrivo il CryptoRublo?

Tuttavia, a parte vari rumors e proclami più ufficiosi che ufficiali, non è arrivato ancora nulla di concreto. Si era parlato di CryptoRublo.

In queste ore sta però circolando una notizia insistente: Sberbank – la più grande banca russa – starebbe per emettere una propria criptovaluta entro il 2021.

Il nome dovrebbe essere quello di Sbercoin, emessa direttamente dall’istituto finanziario grazie ad una partnership con il colosso finanziario americano JPMorgan. Già con una esperienza in materia, visto che l’anno scorso ha lanciato una propria criptovaluta: JPM Coin.

Tra l’altro, molte banche e società finanziarie in tutto il mondo hanno cercato di rilasciare le proprie criptovalute negli ultimi mesi. A seguito della notizia che la Cina sta emettendo versioni digitali dello yuan. La sua valuta nativa.

La criptovaluta di Sberbank dovrebbe essere lanciata ad inizio 2021. In concomitanza con una nuova legge varata dal governo russo sulla valuta digitale. Con lo scopo di supervisionare e controllare l’attività crittografica.

Se da un lato parliamo comunque di una sorta di cyberleviatano e di una economia pianificata e centralizzata che tanto ricorda l’Urss, è anche vero che la speranza di molti analisti è che la Russia non metta fuori legge le criptovalute. Autorizzandone magari la circolazione.

Inoltre, stando a quanto riferiscono le dichiarazioni ufficiali della stessa banca, sarà lanciata una blockchain propria ed indipendente. Del resto, i russi lo sanno fare bene. Basta considerare che l’ideatore di Ethereum è un canadese ma nato in Russia: Vitalik Buterin. Che la ideò a soli 17 anni.

Anzi, inizialmente, il sempre famoso e fantomatico CryptoRublo doveva avere come Blockchain la stessa di Ethereum.

Si pone però un problema: se da un lato i governi stanno iniziando a tollerare le criptovalute, tanto da lanciare delle proprie controllate in modo centralizzato, è anche vero che in questo modo le criptovalute stanno perdendo la propria caratteristica principale: quella di essere decentralizzata.

Una tendenza già in corso e diventata solida realtà. Basta per esempio constatare come il mining di criptovalute sia nelle mani di mining pool, ovvero grosse aziende. O come ci siano criptovalute già con questa caratteristica.

Come Ripple, fin dal 2012. Tether, il cui valore è ancorato al dollaro. O la criptovaluta che sta per lanciare Facebook: Libra. Basata sulla gestione di un gruppo di colossi digitali.

Del resto, per essere emesse da una banca o da un istituto finanziario, dovrebbe essere un asset centralizzato. Questo è un po’ un problema in quanto le valute digitali sono state inizialmente create per restituire agli utenti la loro indipendenza finanziaria.

Non dovrebbero fare affidamento sulle banche per ottenere l’accesso a strumenti, servizi e prodotti finanziari specifici per sopravvivere. Il fatto che avrebbero dovuto aspettare un’emissione bancaria della valuta in questione crea un’ammaccatura in questa narrativa.

Oltre alla sua valuta digitale, Sberbank ha recentemente emesso un nuovo servizio cloud che consentirebbe agli utenti di firmare documenti importanti tramite firme digitali non certificate o NDS.

In una dichiarazione, l’azienda descrive il programma come segue:

Una volta aderito al servizio, le chiavi di firma digitale verranno generate e caricate nei cloud della banca e il centro di certificazione della banca emetterà un certificato NDS. Quando si firma un documento, è necessario confermare l’accesso alla chiave di autenticazione tramite biometria o un codice PIN. Successivamente, l’app invierà una conferma al cloud per creare una firma elettronica.

Bitcoin raggiungerà quota 500mila dollari: parola dei gemelli Winklevoss

Tyler e Cameron Winklevoss – per quanti non lo sapessero, i fondatori del Gemini Exchange di New York e tra i co-fondatori di Facebook – hanno recentemente menzionato in un’intervista che sono estremamente fiduciosi che il bitcoin raggiungerà un prezzo di circa $ 500.000.

Anche se è improbabile che ciò accada subito, sono fiduciosi che il picco avverrà entro i prossimi dieci anni. Quindi possiamo probabilmente aspettarci di vedere bitcoin raggiungere questo apice prima del 2030.

Vediamo intanto la quotazione attuale di Bitcoin in questo grafico:

La criptovaluta numero uno al mondo per capitalizzazione di mercato ha fatto notizia in questi giorni per aver raggiunto il suo massimo storico. Punte che non toccava da un anno a questa parte.

Da allora la valuta era stata in una sorta di corsa in ascensore instabile, perdendo oltre il 70% del suo valore entro la fine del 2018 e scendendo fino a circa $ 3.500 per unità. Da lì, la valuta ha trascorso i successivi cinque mesi in stasi prima di raggiungere i 5.000 $ nell’aprile del 2019.

Mentre la valuta, in effetti, ha trascorso i mesi estivi di quell’anno a fare trading in territorio a cinque cifre, non doveva concludere il 2019 in modo positivo. La valuta alla fine è scesa al minimo di $ 7.000 nel dicembre dello scorso anno e ha concluso le cose su una nota piuttosto mediocre.

Ora, con l’aumento dei casi di coronavirus, le persone iniziano a vedere il bitcoin come una riserva di valore e non solo come una risorsa speculativa.

Questo nuovo atteggiamento ha portato il bitcoin da $ 3.000 circa otto mesi fa a $ 19.000. E gli atletici gemelli Winklevoss credono ancora che la corsa non sia del tutto finita.

In particolare, Tyler Winklevoss ha detto:

La nostra tesi è che il bitcoin è l’oro 2.0, che sostituirà quindi l’oro stesso. E se lo farà, deve avere una capitalizzazione di mercato di $ 9 trilioni. Quindi pensiamo che un giorno potrebbe costare $ 500.000. Pertanto, a $ 18.000 bitcoin, è un’opportunità di acquisto che va oltre le 25 volte”

I gemelli sono sempre stati grandi sostenitori di bitcoin e criptovalute. Inizialmente sono diventati alcuni dei primi miliardari di bitcoin nel 2017 dopo che l’asset ha registrato il picco di dicembre.

Hanno anche fondato Gemini Exchange a New York, che è completamente regolamentato e assicurato. Ed è anche una delle poche aziende di criptovaluta ad essere in possesso di una BitLicense.

Molti trader si stanno rendendo conto che il bitcoin sta diventando il migliore bene rifugio. Che potrebbe aumentare di qui a poco il suo valore tra le 25 e le 40 volte.

Piattaforme suggerite per fare trading di Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
fxtbCFD su Bitcoin e CriptovaluteSegnali gratuitiISCRIVITI
etoroSocial trading
*75% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovaluteISCRIVITI
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàISCRIVITI
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.