Bitcoin raggiungerà oltre $ 15mila entro fine 2018?

I prezzi dei bitcoin si sono riorganizzati nelle ultime settimane, salendo di quasi il 50% da meno di $ 6.700 all’inizio di aprile a quasi $ 9,900 negli ultimi giorni. Anche se la criptovaluta sembra affrontare una certa resistenza intorno al livello di $ 10.000, riteniamo che il rally in corso dovrebbe continuare per il resto dell’anno. Sulla base del nostro interattivo Price Estimator Bitcoin, prevediamo che Bitcoin potrebbe valere oltre $ 15.000 entro la fine del 2018.

Che cosa ha spinto le fluttuazioni dei prezzi nei mesi scorsi? Il settore delle criptovalute globali ha visto una serie di nuovi sviluppi da dicembre. Molti di questi sviluppi hanno avuto un impatto negativo sulle prospettive di crescita delle criptovalute, come le restrizioni da parte delle banche sull’uso delle carte di credito per acquistare criptovalute e le richieste da parte dei regolatori finanziari di tutto il mondo per cautela mentre investono in valute digitali (con alcuni paesi addirittura vietati il loro uso).

Questo ha fatto precipitare le criptovalute dai massimi storici visti a metà dicembre 2017, come dimostra il crollo del prezzo di Bitcoin da quasi $ 20.000 a sotto $ 6.000 all’inizio di febbraio. Notevolmente, un recente rapporto della Federal Reserve ha indicato che un altro Il fattore importante alla base di questo forte calo è stato il lancio dei futures Bitcoin da parte del CME. I futures Bitcoin hanno permesso agli investitori con una prospettiva negativa su Bitcoin di entrare nel mercato – qualcosa che non erano stati in grado di fare quando la criptovaluta ha visto un rally insolitamente forte.

Sommario

Bitcoin riprende a salire, raggiungerà i 15mila dollari entro fine 2018?

Il fatto che i prezzi dei Bitcoin iniziarono a scendere dopo aver raggiunto il picco nello stesso giorno in cui iniziarono le negoziazioni a termine, supporta questo argomento. Tuttavia, i prezzi dei Bitcoin si sono ripresi negli ultimi due mesi grazie ad alcuni sviluppi positivi. Il più notevole tra questi è stato il lavoro di Goldman Sachs per la creazione di uno sportello per la negoziazione di criptovalute. Ciò ha segnato un allontanamento dalla posizione decisamente negativa presa dalle banche di investimento contro le criptovalute, e l’imminente ingresso nel mercato della banca d’investimento è stato visto come un primo passo verso l’integrazione delle criptovalute nel tradizionale settore finanziario.

Inoltre, il fatto che per utilizzare molti Exchange di criptovaluta ora è necessario registrarsi presso i regolatori finanziari (come la SEC negli Stati Uniti) è anche probabile che renderà il nascente settore più stabile e sostenibile nel lungo periodo. Cosa che ha stimolato la fiducia degli investitori nelle criptovalute nelle ultime settimane.

Secondo quanto riferito, Goldman è prossima a far funzionare il suo trading desk di criptovaluta, con la banca che dovrebbe iniziare offrendo ai suoi clienti derivati collegati a criptovalute. È probabile che la banca d’investimento inizi a comprare e vendere bitcoin per conto dei clienti una volta ricevuta l’approvazione richiesta dalle autorità di regolamentazione.

La presenza di Goldman probabilmente porterà altre banche d’investimento (comprese le banche d’investimento boutique che operano su scala minore) interessate alla criptovaluta nei prossimi mesi.

Inoltre, Intercontinental Exchange (che possiede il NYSE) ha lavorato su una nuova piattaforma di trading che consentirà agli investitori istituzionali di comprare e conservare le criptovalute, segnando un altro passo importante per l’industria. Mentre altri scambi mainstream iniziano a consentire ai clienti di scambiare criptovalute sulla loro piattaforma, ci dovrebbe essere un costante aumento dei livelli di attività commerciale.

Cosa significa questo per il prezzo di Bitcoin? Come il prezzo per qualsiasi cosa, il prezzo di Bitcoin dipende da due fattori: domanda e offerta , cioè quante persone lo vogliono rispetto a ciò che è disponibile. La domanda di Bitcoin è principalmente guidata da due fattori: il numero di utenti attivi e il numero di transazioni. Dal lato dell’offerta, il numero di Bitcoin disponibili è limitato e circa l’80% del numero limitato è già estratto. Pertanto, è ragionevole concentrarsi sulla domanda, sia in termini di utenti che di volumi di transazioni. Nel nostro strumento interattivo per la stima dei prezzi in Bitcoin, prevediamo cambiamenti nel numero di utenti unici e nei volumi delle transazioni per ciascun mese nel restante 2018 per arrivare alla nostra stima del valore fondamentale di Bitcoin.

Poiché ci aspettiamo che entrambe queste metriche crescano costantemente nei prossimi mesi dalla crescente accettazione da parte delle principali istituzioni finanziarie, Bitcoin potrebbe arrivare a $ 15.000 entro la fine dell’anno. Questo video mostra come sfruttare la nostra dashboard dei prezzi bitcoin. Mentre la dashboard sembra estremamente semplice, in back-testing – un metodo per vedere quanto avrebbe potuto prevedere i prezzi in passato – era quasi del 95% preciso.

Ex dirigente Facebook difende Bitcoin da attacco Buffet e Gates

L’ex dirigente di Facebook Inc., Chamath Palihapitiya, nonché venture capitalist, si è avvicinato alla difesa di Bitcoin dopo le critiche feroci per la criptovaluta del leggendario investitore Warren Buffett e del fondatore di Microsoft Corp. Bill Gates.

In un’intervista alla CNBC, Palihapitiya ha paragonato il bitcoin all’acquisto di un’assicurazione contro una crisi finanziaria simile a quella che ha afflitto i mercati nel 2007. “Si tratta di una copertura non correlata al mercato azionario”, ha affermato. L’ennesimo attacco di lunedì scorso contro bitcoin da parte di Buffett e Gates ha fermato la sua marcia verso $ 10.000 e ha comportato un calo significativo del suo prezzo. Ma una sfilza di notizie positive, tra cui l’annuncio di un nuovo indice di crittografia e il voto di fiducia di Palihapitiya, questa mattina l’hanno aiutato a recuperare un po ‘di terreno perso.

Alle 17:04 UTC, la criptovaluta era scambiata a $ 9.275,62, in rialzo dell’1,6% rispetto al suo prezzo 24 ore fa. Questa cifra rappresenta anche una salita di circa il 3% per il prezzo del bitcoin da questa mattina.

Durante la sua conversazione, Palihapitiya ha citato la teoria di Buffett di attenersi alla propria “cerchia di competenza” come una possibile ragione per cui il leggendario investitore stesso potrebbe sbagliarsi. “È stato chiaro nella sua intera carriera di investitore che la tecnologia non è nella sua cerchia di competenze”, ha detto, riferendosi al precedente investimento di Buffett in International Business Machines Corp. (IBMIBMInternational Business Machines Corp142,61-0,27%), un titolo che riportava 22 quarti di perdite prima di tornare alla crescita all’inizio di quest’anno.

Social Capital, la società di venture capital co-fondata da Palihapitiya, ha sede nella Silicon Valley, un focolaio per l’innovazione nelle criptovalute. Secondo lui, è necessario un “passaporto” per superare la divergenza nel pensare alle criptovalute tra investitori regolari e credenti nel bitcoin. “Queste non sono le stesse persone”, ha detto. Nella strategia per il proprio portafoglio, Palihapitiya ha dichiarato di avere il 99% coperto dal rischio e 1% a rischio. “In quel 1% di rischio, il bitcoin è davvero importante perché non è correlato al resto del mercato”, ha detto. Durante la spettacolare corsa della criptovaluta nel dicembre dello scorso anno, Palihapitiya aveva previsto un obiettivo di $ 100.000 per la criptovaluta entro i “tre-quattro anni” successivi e un obiettivo di prezzo di $ 1 milione nei prossimi 20 anni. Ha rivelato che il suo prezzo medio di acquisto per bitcoin era di $ 100 e ha affermato di aver detenuto il 5% di tutti i bitcoin esistenti a un certo punto nel 2013.

Le previsioni astrologico sul Bitcoin del campione NFL Ricky Williams

Bitcoin è stato un prodotto estremamente volatile negli ultimi tempi, con il suo prezzo precipitato da circa $ 20.000 a metà dicembre a meno di $ 6.000 all’inizio di febbraio prima di iniziare a rimbalzare. Ciò potrebbe spaventare alcuni investitori ma – ed è un grosso problema – Ricky Williams è in realtà più eccitato che mai dalla criptovaluta, e ha tutto a che fare con Uranus. Williams ha spiegato il suo ragionamento a CNBC mercoledì. Ha a che fare con l’astrologia, in cui il precedente running back ha preso un vivo interesse sin dal suo ritiro dalla NFL nel 2012.

“Quando penso alle cose, tendo a guardare all’astrologia per ottenere intuizioni”, ha detto Williams alla CNBC. “L’intuizione che mi ha portato ad interessarmi del Bitcoin è che il pianeta Urano sta per entrare nel Toro.” Il vincitore del trofeo Heisman 1998 ha affermato che Urano “parla di rivoluzione; si tratta di un cambiamento nel modo in cui facciamo le cose. Riguarda l’innovazione “. Da parte sua, il segno del Toro” riguarda le risorse e le finanze “. Williams afferma senza indugi che ” Urano è lungimirante “.

Metti questa caratteristica insieme a un segno zodiacale correlato al denaro come il Toro, e non c’è da stupirsi che l’ex giocatore di Santi e Dolphins ritenga che questa convergenza celeste stia “cambiando completamente il modo in cui vediamo e comprendiamo” le nostre finanze. “Penso che le persone stiano cominciando a disilludersi con le nostre istituzioni , che cose come blockchain e criptovaluta, è il momento perfetto per loro per accendersi e davvero cambiare il nostro modo di fare le cose “, ha detto Williams.

Williams non sta semplicemente parlando del potenziale di Bitcoin; ha messo i suoi soldi investendo ben $ 50.000 in esso. “Ho dovuto ottenere un piccolo pezzo da quell’azione”, ha detto, prima di aggiungere, “Non volevo impazzire.” Williams non si è semplicemente dilettato nell’astrologia, la sta insegnando e, per $ 300, fornirà anche letture di 90 minuti sui segni zodiacali.

Ovviamente, a parte la sua carriera sportiva, è noto per il suo interesse di lunga data per la marijuana e recentemente ha lanciato la sua linea di “salves, tonics and vape cartridges” che “sfruttano gli effetti positivi di erbe come la cannabis in un modo consapevole e controllato. “Quindi, anche se l’investimento in Bitcoin non funziona, Williams ha altre potenziali fonti di guadagno. Ha detto alla CNBC che non era eccessivamente preoccupato per gli alti e bassi della criptovaluta, sottolineando ciò che stava dietro il suo ragionamento.

“Soprattutto con il pianeta Urano e il cambiamento, sarà sempre volatile all’inizio” suggerisce Williams. “Ma, ancora, è più una scelta consapevole per contribuire al cambiamento. Se faccio bene, allora fantastico. In caso contrario, mi sentirò ancora come se avessi fatto la mia parte per contribuire a far progredire le cose”.

I caveau di Xapo dove si conservano le chiavi Bitcoin

Bitcoin è una valuta digitale, ma ha ancora una presenza fisica. Le chiavi private e crittografiche devono esistere come se fossero uno e zero sulla memoria del computer. Quindi cosa fai se sei un miliardario Bitcoin neo-laureato? Forse memorizzi quei codici cruciali in un bunker svizzero. Come riportato da Bloomberg, i bunker gestiti da una startup nota come Xapo, sono pieni di server completamente disconnessi da internet e da qualsiasi altro tipo di rete di computer. La società non archivia effettivamente Bitcoin, che esiste sul pubblico, il libro mastro distribuito noto come blockchain.

Piuttosto, i depositi conservano le chiavi crittografiche private utilizzate per rivendicare particolari Bitcoins. Xapo ha caveau in cinque continenti, compresi quelli incassati nelle montagne svizzere. L’anno scorso, Quartz ha dato un’occhiata a uno di loro. Il responsabile della sicurezza Xapo, Carlos Rienzi, ha descritto la situazione come “sotto attacco 24 ore su 24. Non è una gara, è una partita a scacchi, devi pensare al prossimo movimento dell’avversario, non puoi mai rilassarti”.

Citando due clienti, Bloomberg stima che Xapo detenga le chiavi per circa 10 miliardi di dollari di bitcoin nei suoi vari vault, soggetti ai valori in rapida evoluzione di Bitcoin. Bitcoin e le criptovalute in generale hanno dimostrato di essere tecnologie piuttosto dirompenti in senso letterale.

Il processo di estrazione mineraria dell’elettricità è ormai fuori uso dalle piccole città, ha mandato in prigione gli scienziati russi e fatto arrabbiare i cacciatori di UFO. Ma alcune cose, come seppellire cose preziose in profondità, non cambieranno mai.

Anche Bitcoin va a Cannes

Bitcoin sta esplodendo a Cannes. La società tecnologica Slate Entertainment Group ha acquisito il documentario sulla criptovaluta di Fulwell 73 Beyond Bitcoin per la sua piattaforma block-block video-on-demand Binge.

Il Festival di Cannes, approvando il film fantastico di Sitges, è diventato il primo grande festival cinematografico ad accettare la criptovaluta. Il doc, diretto da Jake Witzenfeld, racconta la storia del criptotecnico finanziere Ryan Radloff, il diplomatico di blocco Perianne Boring e il controverso anarchico-capitalista Roger Ver nel corso di un anno nei loro viaggi separati per decentralizzare e ridefinire denaro e potere. Parla dell’ascesa delle altcoins, della guerra civile all’interno della cripto comunità, della proliferazione di ICO, della conversazione in continua evoluzione con governi e regolatori e il potenziale della tecnologia blockchain oltre la sua applicazione alla valuta.

Beyond Bitcoin, che verrà lanciato nel marzo 2019, è prodotto da Fulwell 73 e Conch Studios supportati da James Corden. L’accordo è stato firmato dalla consulente di Slate Entertainment Group XYZ Films. “Stiamo andando oltre il clamore dei prezzi di Bitcoin. Questo è un ritratto globale di un futuro emergente in tutta la sua complessità raccontato attraverso la vita di tre sognatori pionieristici diversi e profondamente appassionati “, ha affermato Witzenfeld.

“Come azienda, siamo sempre alla ricerca di nuove e innovative piattaforme di distribuzione, nuovi modi per raggiungere e interagire con il nostro pubblico e per i partner ideali per i nostri contenuti. Binge è la soluzione perfetta per il nostro film ed è il luogo naturale in cui gli spettatori possono trovare e interagire con questi contenuti. L’entusiasmo per noi come creatori di contenuti è che offrono trasparenza senza precedenti, analisi all’avanguardia e termini di pagamento garantiti, che danno potere ai produttori come noi stessi e offrono un’opzione di distribuzione molto diversa da quelle attualmente sul mercato “, ha affermato Fulwell 73 CO.

Il CEO di Leo Pearlman.SEG Michael Moyal ha aggiunto: “Siamo entusiasti di avere Beyond Bitcoin sulla piattaforma Binge. Il film fornisce uno sguardo obiettivo sul potenziale per blockchain di interrompere numerose industrie tra cui l’intrattenimento. Noi di SEG condividiamo la convinzione dei cineasti che la tecnologia blockchain contribuirà a facilitare il nostro obiettivo di aggiungere equità e responsabilità alla produzione e alla distribuzione di documentari, lungometraggi e serie”.

Il fatto che un film sul Bitcoin venga presentato al Festival di Cannes, potrebbe aggiungere un altro tassello alla sua già ampia popolarità, ma anche una maggiore legittimazione.

Il più grande produttore di hardware mining Bitcoin punta su Hong Kong

Canaan Creative, il secondo più grande produttore di hardware di data mining Bitcoin (BTC) intende cercare un’offerta pubblica iniziale (IPO) sulla Borsa di Hong Kong. La decisione della società di condurre una IPO a Hong Kong, invece che negli Stati Uniti, è stata segnalata da South China Morning Post (SCMP) mercoledì 9 maggio. Se avremo successo, la società sarebbe stata la prima società mai associata a blockchain a essere elencati sui mercati della città, dichiara SCMP ulteriori.

Le fonti che hanno familiarità con la questione, che hanno chiesto di rimanere non identificate perché i piani delle inserzioni di Canaan non sono ancora state rese pubbliche, hanno detto a SCMP che la compagnia sta cercando di raccogliere $ 1 miliardi per il suo IPO, e che in precedenza aveva preso in considerazione sia i mercati di Hong Kong che quelli statunitensi.

Secondo l’SCMP, nel 2016, Canaan aveva cercato di elencare una IPO sul mercato azionario cinese quotato in yuan, ma il tentativo è fallito dopo che le autorità di regolamentazione hanno contestato la proposta. Nel 2017, la società ha tentato nuovamente una quotazione sul mercato cinese di New Third Board, che è nuovamente caduto, anche se il mercato si rivolge alle startup ed è relativamente meno severamente regolamentato.

La Creative di Chicago ha sede nella città cinese orientale di Hangzhou. e la società ha pubblicato risultati non certificati a gennaio che hanno mostrato un aumento di 600 volte del suo reddito netto annuo di 410 milioni di yuan ($ 64 milioni) nel 2017. SCMP afferma che la maggior parte dei clienti di Canaan proviene dalla Cina, un paese che ha è stata a lungo una superpotenza di criptazione mineraria a causa della sua fornitura di energia elettrica a basso costo.

Nel 2017, la Cina avrebbe presentato la maggior parte delle domande di brevetto per la tecnologia blockchain di qualsiasi paese del mondo e il paese avrebbe rappresentato il 50-70% nello stesso anno dell’industria mineraria di BTC in tutto il mondo. Tuttavia, il rafforzamento delle misure di regolamentazione da parte delle autorità cinesi sulle criptovalute, compresi i piani per limitare potenzialmente l’uso di energia dei minatori di BTC in futuro, potrebbe significare lo spazio d’azione in cui Canaan e il suo concorrente, il gigante BTM di produzione mineraria BTC, stanno attualmente operando.

Quest’ultimo ha già tentato di eludere le restrizioni cinesi estendendo le sue operazioni in Canada, Svizzera e Singapore, e, sebbene la cosa non non sia confermata, potenzialmente anche negli Stati Uniti.

ICE pensa a creare un Exchange per trading criptovalute

Tra un numero crescente di organizzazioni finanziarie che abbracciano le criptovalute, anche importanti Exchange si uniscono al carrozzone. ICE potrebbe realizzare una piattaforma per il trading. Intercontinental Exchange, la casa madre della Borsa di New York stando a quanto riferito, sta lavorando a “una piattaforma di trading online che consentirebbe ai grandi investitori di comprare e detenere Bitcoin “, secondo il New York Times. I dettagli della piattaforma di servizi di trading non sono ancora stati finalizzati, e il progetto potrebbe non vedere necessariamente la luce del giorno, secondo le fonti che hanno familiarità con queste cose.

Si dice che l’ICE abbia tenuto colloqui con varie istituti finanziarie su un modello funzionante per il trading di bitcoin usando “swap”. Che consentirà alle banche di lasciare che i propri clienti possiedano bitcoin il giorno successivo. Si dice anche che un meccanismo di lavoro basato su contratti swap porti il trading di bitcoin sotto la competenza e le regole della Commodity Futures Trading Commission (CFTC), che sarà un modo indiretto per regolamentare il trading basato sul bitcoin.

Lo scorso mese, il CEO di Nasdaq Adena Friedman ha anche espresso interesse per la possibilità di costruire un Exchange di criptovalute se le questioni normative vengono risolte.

La notizia arriva dopo che Goldman Sachs Group Inc. ha annunciato la settimana scorsa che prevede di aprire un’unità di trading bitcoin. Le criptovalute sono state finora associate al mondo della finanza non regolata, anonima e decentralizzata, e le organizzazioni tradizionali si sono allontanate da esse. L’elevata volatilità delle loro valutazioni, la mancanza di chiarezza circa i fondamentali aziendali e il meccanismo di valutazione e l’uso anonimo di attività nefande come il gioco d’azzardo e lo spaccio di droga sono le ragioni principali per cui molte persone, così come le imprese, sono state scettiche nei loro confronti.

Sebbene il bitcoin sia stato lanciato con l’obiettivo di agire come un metodo di pagamento libero, decentralizzato, facile e senza confini, è diventato invece una modalità di investimento speculativo che sconfigge il suo scopo originale. Finora, solo i fondi hedge hanno effettuato transazioni in bitcoin e importanti strumenti di investimento, come i fondi comuni di investimento e i fondi pensione, sono rimasti lontani dalle criptovalute.

Investitori affermati come Warren Buffett li hanno ripetutamente criticati come prodotti di investimento. La loro adozione da parte delle maggiori banche di Wall Street come Goldman Sachs e le notizie sullo sviluppo della piattaforma di trading dedicato da ICE possono fungere da colpo per le criptovalute. Mentre si possono facilmente negoziare in contratti di bitcoin futures che sono stati lanciati nel dicembre dello scorso anno dalla CME, rimangono comunque prodotti derivati di natura speculativa.

Si prevede che il potenziale lancio di un servizio di trading bitcoin dedicato da uno scambio premier consentirà l’accesso diretto alla criptovaluta attraverso cui i veri token crittografici saranno di proprietà del cliente nei rispettivi account dopo il trade.

Presto arriverà una criptovaluta globale, ma non sarà il Bitcoin

L’energia necessaria per generare, o minare, nuove unità di bitcoin è anche incredibilmente intensiva e richiede hardware per computer specifici. Più di 1.500 criptovalute sono state sviluppate dal 2009, anno in cui Bitcoin ha tentato di superare questi problemi attraverso nuove iterazioni della blockchain.

“Non sono un grande sostenitore del bitcoin, sono un sostenitore della tecnologia blockchain”, ha detto Cohn a CNBC . “Penso che avremo una criptovaluta globale ad un certo punto in cui il mondo lo capirà e non si baserà sui costi di estrazione o sui costi dell’elettricità o cose del genere.”

I commenti del signor Chon, che ha anche ricoperto il ruolo di presidente della banca d’investimenti Goldman Sachs, arriva in un momento di continua volatilità per bitcoin – un altro motivo che gli analisti danno per essere inadatto per l’uso come valuta globale. Il suo ex datore di lavoro è la prima grande banca di Wall Street ad aprire una scrivania di trading bitcoin, avendo ceduto alle pressioni dei clienti entusiasti della criptovaluta.

L’operazione, che sarà avviata nelle prossime settimane, sarà guidata dal primo trader di asset digitali della banca, Justin Schmidt. “Questo non dovrebbe rappresentare una sorpresa enorme per chiunque abbia prestato attenzione alle criptovalute rispetto a negli ultimi 18 mesi “, ha dichiarato a New Independent Matthew Newton, un analista del rivenditore di criptovalute eToro, quando è scoppiata la notizia la scorsa settimana.

Qualsiasi istituzione finanziaria lungimirante deve comprendere questa tecnologia e accettare il suo enorme potenziale. “Guardando oltre il bitcoin, Mr Cohn ha detto che è necessario un sistema in grado di soddisfare le sfide richieste per una criptovaluta globale. “Sarà una criptovaluta più facilmente comprensibile,” ha detto. “Probabilmente avrà una tecnologia blockchain alle spalle, ma sarà molto più facilmente capito come viene creato, come si muove e come le persone possono usarlo. ”

Bitcoin farà la fine di Betamax?

Mentre matura il mercato delle criptovalute, il bitcoin potrebbe essere cacciato dai concorrenti allo stesso modo con cui Betamax sia stato cacciato dai rivali nel mercato del VHS come tecnologia di intrattenimento domestico evoluta negli anni ’80, secondo un investitore tecnologico.

“Bitcoin potrebbe rivelarsi il nuovo Betamax” dice il presidente della North Island Glenn Hutchins al” Squawk Box “della CNBC mercoledì. Sony ha introdotto Betamax nel 1975. Il prodotto ha combattuto il formato VHS di JVC su cui sarebbe diventato il dispositivo dominante per i consumatori che registravano e guardavano film e altri video in tutto il mondo. VHS sarebbe emerso come vincitore.

Sony ha ufficialmente concluso le vendite di Betamax nel 2015. Hutchins, che è anche direttore di AT&T, ha detto che è probabile che almeno una valuta digitale prevalga alla fine. Un po’ quello che accadeva agli Hilanders nel mitico film degli anni ‘80, i quali si sfidavano al motto “ne resterà soltanto uno”, In questo caso, il VHS, o vincitore, potrebbe essere un’alternativa al bitcoin come XRP, Ethereum o Litecoin. O, perché no, la sorprendente criptovaluta EOS, giunta al terzo posto in questi giorni in termini di capitalizzazione di mercato.

Ne è convinto Hutchins, che è anche tra i proprietari della squadra di basket dei Boston Celtics. “Diversi token verranno utilizzati per diverse applicazioni.” Del resto, è noto come Ripple sia utilizzata da diverse banche internazionali per inviare denaro in valute diverse, per la sua altissima velocità (secondi e non giorni come avviene per i sistemi bancari tradizionali) e per i costi molto più bassi. Inoltre, Ripple presenta il vantaggio di non dover passare per il dollaro. Il che aggira un altro costo: le oscillazioni del Dollaro.

“Penso che sia più simile al rame, come un metallo industriale che è usato per uno scopo preciso”, ha detto Hutchins. “Ci sarà un token che verrà utilizzato proprio come c’è un metallo industriale che viene utilizzato per il cablaggio.”

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY