Bitcoin, nuovo crollo prezzo: presunte cause e prospettive future

Dopo una ripresa datata 25 ottobre, quando il suo prezzo ha raggiunto circa 9500 dollari, il Bitcoin ha intrapreso una lenta discesa che si è accelerata dal 10 novembre. Con ripetuti crolli fino all’attuale prezzo intorno ai 6500 dollari.

Il risultato finale è che ci troviamo di fronte ad un rosso settimanale e mensile rispettivamente del 20 e del 30 percento. Il supporto a 6500 dollari è considerato molto delicato dato che sotto di esso i miner smetteranno di generare profitti. Quindi cercheranno di difenderlo strenuamente.

Michaël van de Poppe, collaboratore di CoinTelegraph, su Twitter ha così commentato la situazione del Bitcoin:

“Indipendentemente dai prossimi movimenti della criptovaluta, sia che dovessimo tornare a 7.800$ che assistere ad ulteriori movimenti verso il basso, credo che l’asset BTC sia uno dei più rialzisti dei prossimi anni dal punto di vista macro.”

Ad esempio le migliori piattaforme di trading consentono il trading con i CFD sul prezzo di Bitcoin. Ad esempio 24option (trovi qui il sito ufficiale) permette di negoziare sulle migliori critptovalute in circolazione, non solo su Bitcoin. Per saperne di più su questa piattaforma ti consiglio di visitare il sito ufficiale.

Crollo Bitcoin motivi

Ogni volta che il Bitcoin subisce tali movimenti ribassisti, ci si chiede quali siano le cause. Ed ogni volta trovare risposte diventa difficile.

Secondo gli esperti, alcuni sostengono che sia colpa della repressione cinese contro gli exchange, altri invece accusano gli Stati Uniti. Se nel primo caso, sappiamo quanto la Cina sia diffidente rispetto alle criptovalute da sempre accusate di far rientrare denaro straniero illegalmente nel paese, nel secondo caso, oltre alle silurate di Trump e della Sec, i responsabili sarebbero proprio i trader statunitensi.

Infatti, stando a quanto sostiene Tuur Demeester, fondatore di Adamant Capital, questi ultimi potrebbero voler spingere i mercati verso il basso per motivi fiscali. In questo modo, infatti, registrerebbero una prestazione negativa nei loro obblighi fiscali di fine anno.

C’è comunque una possibilità che nel breve termine la prestazione del Bitcoin migliori, grazie al “gap” nel mercato dei future su Bitcoin di CME Group. In che modo? Infatti, quando il daily trading sui future parte con un prezzo differente rispetto alla chiusura del giorno precedente, Bitcoin tende a “riempire” il gap in un secondo momento.

Se il Bitcoin piange, gli altcoin non ridono

I crolli del Bitcoin coinvolgono di riflesso anche le altcoin. La più importante per capitalizzazione, Ethereum, è diminuita quasi del 10% attestandosi su quota 136$. Non toccava questi livelli da aprile scorso.

Va meglio per il Litecoin (LTC), che ha perso solo il 5%. in generale, la capitalizzazione complessiva delle criptovalute oscilla intorno ai 183 miliardi di dollari. Con il Bitcoin che resta il dominatore del settore, con il 66,2%.

Bitcoin, per Peter Brandt toccherà i suoi minimi entro luglio 2020

Secondo il veterano di Wall Street Peter Brandt – diventato famoso per aver previsto il mercato orso del Bitcoin nel 2018 – ritiene che Bitcoin raggiungerà il suo minimo entro luglio 2020. In concomitanza con il dimezzamento dei Bitcoin in circolazione, previsto 2 mesi prima.

Come visto, il prezzo del bitcoin è sceso del 6% circa nell’ultimo periodo di trading di 24 ore. Cancellando miliardi di dollari dal valore della più grande criptovaluta del mondo.

Brandt, che all’inizio di quest’anno ha dichiarato che il bitcoin alla fine raggiungerà $ 100.000 e ha descritto il mercato dei bitcoin “come nessun altro”, ha avvertito i tori dei bitcoin che “devono essere completamente ritirati” prima che il prezzo rimbalzi.

Bitcoin, tra nuovi progetti e attacchi istituzionali

Bakkt, proprietario di una borsa di New York che sostiene bitcoin e venture di criptovaluta, ha annunciato il mese scorso di lanciare un’app consumer per gli acquisti di criptovaluta nel 2020.

La catena di caffè americana Starbucks sarà il suo primo partner di lancio, con la compagnia dei sostenitori originali del progetto crypto, con il software gigante Microsoft e Boston Consulting Group.

Nel frattempo, il volume giornaliero di futures su bitcoin di Bakkt ha raggiunto il nuovo massimo storico questa settimana, con circa 20,3 milioni di dollari su 2.700 contratti futures su venerdì.

Molti nel settore finanziario tradizionale rimangono non convinti da bitcoin e criptovalute.

Questo mese, l’ex presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet ha chiuso la porta in faccia al bitcoin e a Libra di Facebook, avvertendo che si tratta di moneta “non reale” e che non è certo il futuro del denaro.

Jörg Molt si dice responsabile dei crolli del prezzo Bitcoin

Un auto-proclamato “cofondatore” di Bitcoin ha affermato di essere stato responsabile dell’ultimo crollo del suo mercato. Jörg Molt, autore tedesco ed ex DJ, afferma di “aver abbattuto il mercato” in risposta alla reazione della comunità di criptovaluta ad alcune delle sue affermazioni più stravaganti.

Prima di oggi, Molt ha ritwittato un altro utente di Twitter additandolo come provocatore dell’ultimo crollo dei prezzi di Bitcoin. Nelle ultime 24 ore, il Bitcoin ha improvvisamente perso miliardi dalla sua capitalizzazione di mercato. Lasciando la gente incredula a chiedersi quale sia la causa del rapido aumento della pressione di vendita.

Bitcoiner sembra concordare con il poster originale, twittando che aveva lasciato il mercato a causa di una “shit storm” contro di lui.

Molt si riferisce quasi sicuramente alla risposta online al filmato che mostra il proponente della criptovaluta e il creatore di podcast Kenneth Bosack (@KennethBosak) che lo ha invitato a una recente conferenza.

Molt è stato invitato per parlare alla convention SIMS presso la Symbiosis International University come “co-fondatore di Bitcoin”. Una frase che lui stesso ha usato in numerose occasioni precedenti online. Bosack seguì Molt attorno all’una della conferenza chiamandolo come una truffa in faccia. Molt rispose facendo cadere il cappello di Bosack.

Molt ha anche affermato in precedenza di possedere 250.000 Bitcoin. Presumibilmente, questi sono i suoi giorni in prima linea nello sviluppo di Bitcoin. E sarebbe l’arma da lui usata per far crollare il mercato.

BeInCrypto ha precedentemente riferito del conflitto tra Bosack e Molt, insieme al contraccolpo ricevuto da quest’ultimo dalla più ampia comunità di criptovaluta su Twitter.

Il famoso commentatore di criptovalute Andreas Antonopoulos, ha affermato che Molt ha condiviso una foto dei due, affermando che sono “amici”. Antonopoulos nega fermamente qualsiasi associazione tra lui e Molt. Ha aggiunto: “Se provi a usare la mia reputazione per aumentare la tua, userò la mia reputazione per rivelare la tua frode.”

Ovviamente, le ultime affermazioni su Twitter di Molt che avrebbero causato il crash del mercato hanno portato anche a una confutazione della comunità.

Nel frattempo, Ari Paul di BlockTower Capital, ha sfidato Molt a dimostrare di avere qualcosa di simile al numero di Bitcoin che rivendica. Firmando un messaggio con indirizzi con più di 100.000 BTC.

Al di là di tutto, quanto sta accadendo in questi giorni al prezzo del Bitcoin, ci rammenta ancora una volta quanto sia importante andarci piano nel trading di criptovalute. Dato il loro prezzo altamente volatile.

Piattaforme sicure per investire in Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>
Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY