Bitcoin, nuova batosta per attacco hacker ad Exchange Bithumb

Mentre Bitcoin è riuscito a recuperare dal minimo intraday di $ 6.557, è tuttavia ancora vulnerabile a ulteriori perdite. Tradizionalmente, i maggiori movimenti di mercato si verificano durante le ore europee e americane, quindi le perdite iniziali potrebbero essere solo l’inizio di una nuova ondata ribassista. Attualmente, BTC / USD sta cambiando mano a $ 6,610, supportato da $ 6,560 / 50 con entrambi i 100 e 200-SMA (grafico orario) raggruppati lì.

Bithumb, uno dei più grandi Exchange di criptovaluta in Asia, ha perso circa $ 30 milioni in valute digitali in seguito all’attacco hacker. La società ha sospeso tutti i servizi di deposito e prelievo e trasferito tutti i beni cripto in un portafoglio freddo. “Abbiamo verificato che alcune delle criptovalute del valore di circa $ 30.000.000 sono state rubate. Queste criptovalute rubate saranno coperte da Bithumb e tutti i beni verranno trasferiti al portafoglio freddo”, la piattaforma ha scritto nell’account Twitter ufficiale.

Mentre la società non ha rivelato quale tipo di monete sono state perse, ha promesso di risarcire le perdite ai clienti interessati. Questo è il secondo Exchange sudcoreano violato durante questo mese. La settimana scorsa, l’Exchange sudcoreano Coinrail ha perso circa 40 milioni di dollari in criptovalute, portando Bitcoin ed altre criptovalute ad un nuovo crollo.

Il Coinrail potrebbe essere uno degli scambi minori della Corea, ma Bithumb è molto più grande. Lo scambio è uno dei primi dieci al mondo classificati in base al commercio di Ethereum e Bitcoin Cash, e in cima alla nuova EOS, secondo i dati di Coinmarketcap.com.

Coinrail potrebbe essere considerato uno degli Exchange minori della Corea, ma Bithumb è molto più grande. L’Exchange è uno dei primi dieci al mondo classificati in base al commercio di Ethereum e Bitcoin Cash, e in cima alla nuova EOS, secondo i dati di Coinmarketcap.com.

In un tweet ora cancellato, Bithumb ha detto oggi che sono stati strappati 35 miliardi di token, corrispondenti a circa $ 31 milioni. Non ha fornito dettagli sull’attacco, ma ha affermato che coprirà eventuali perdite per i suoi utenti. La compagnia ha temporaneamente congelato i depositi e il trading mentre è in procinto di cambiare il suo sistema di portafogli in seguito all’incidente. Giorni prima dell’hack, Bithumb ha detto su Twitter che stava “trasferendo tutte le risorse sul portafoglio freddo per costruire il sistema di sicurezza e aggiornare” il suo database. Non è chiaro se tale mossa sia stata scatenata dall’attacco – nel qual caso è successo qualche giorno fa – o se sia stato un fattore interno che lo ha permesso.

C’è spesso incertezza su presunti hack, con alcuni nella comunità cripto che rivendicano un lavoro interno per la maggior parte degli incidenti. In questo caso, i rapporti di questo mese che Bithumb è stato colpito da una fattura fiscale di 30 miliardi da parte del governo coreano sicuramente solleveranno sospetti che dietro ci sia proprio il governo. Del resto, abbiamo più volte raccontato di come la Corea del sud abbia fatto una stretta sugli Exchange da inizio mese. Il che ha inciso pesantemente sul prezzo delle criptovalute, dato che si tratta del terzo paese in termini di valore di mercato delle criptovalute.

Senza un controllo indipendente o una relazione di terze parti sull’incidente, tuttavia, è difficile sapere esattamente cosa è successo. Ciò detto, una forte conferma, ancora una volta, è che le persone che acquistano la crittografia devono conservare i loro token nel proprio portafoglio privato ( idealmente con una chiave hardware per l’accesso) non su un Exchange in cui potrebbero essere pizzicati da un malvivente digitale. In questo caso, Bithumb è abbastanza grande da coprire le perdite, ma non è sempre così e il possesso di token in modo sicuro evita potenziali problemi.

Il consiglio dunque è sempre quello di tenere i token su wallet esterni, definiti freddi in quanto non collegati alla rete. Ossia wallet formato software da scaricare, penne portatili o wallet cartacei.

Bitcoin, arriva la bocciatura di Loyd Blankfein

Per Lloyd Blankfein, bitcoin non è per lui. Il presidente e amministratore delegato di Goldman Sachs ha detto in un’intervista martedì che “non è per me” quando gli viene chiesto della più grande criptovaluta del mondo per capitalizzazione di mercato. Intervistato dall’Economic Club di New York, ha osservato:

“Io non lo faccio, non possiedo bitcoin”.

Blankfein ha suonato in passato una sorta di tono intermedio sulle criptovalute, il che è notevole se si considera che la sua azienda sta seguendo le acque dei servizi costruiti attorno alla tecnologia. Si dice che il gigante del settore bancario abbia sviluppato piani per un’operazione di trading sui futures bitcoin, secondo il New York Times, con un occhio alla crescita di quella capacità in base ai risultati e all’approvazione dei regolatori.

In una precedente intervista a Bloomberg nel mese di novembre, Blankfein ha detto che ha un “livello di disagio” con bitcoin ma è aperto ad esso. “Ho imparato nel corso degli anni che ci sono un sacco di cose che l’allenamento è molto bello e che non amo”, ha detto all’epoca. “Forse nel nuovo mondo qualcosa viene sostenuto dal consenso … Se andassimo nel futuro e i bitcoin avessero successo, sarei in grado di spiegare come sia una naturale evoluzione del denaro.”

Il Wall Street Journal ha riferito a marzo che Blankfein si sta preparando per uscire dall’azienda, una mossa che potrebbe arrivare non appena alla fine di quest’anno.

Dunque, dopo Warren Buffet arriva un’altra bocciatura esima. Perché il parere sul Bitcoin di Lloyd Craig Blankfein è importante? Nato il 20 settembre 1954, è un banchiere di investimenti americano che ha ricoperto la carica di presidente e amministratore delegato di Goldman Sachs dal 2006. Ha assunto l’incarico dopo che l’ex amministratore delegato, Henry Paulson, è stato chiamato a servire come 74 ° Segretario del Tesoro degli Stati Uniti. Precedentemente alla guida di Goldman Sachs, è stato presidente e direttore operativo della società dal 2004 al 2006, al servizio di Paulson.

Nato e cresciuto a New York, Blankfein ha frequentato l’università di Harvard per i suoi studi universitari e di giurisprudenza. Nel 1982, divenne un prezioso venditore di metalli presso J. Aron&Co., una piccola società di commercio di materie prime che è stata acquisita da Goldman nel 1994.

Dopo aver guidato le divisioni di valuta e materie prime di Goldman dal 1994 al 1997, è stato nominato erede nonostante la terza posizione nella gerarchia aziendale. Ha servito come presidente e direttore operativo dal 2004 alla sua ascesa al capo dell’esecutivo. Quasi immediatamente dopo aver assunto la società, la crisi finanziaria del 2007-08 ha colpito il settore bancario. Il suo ruolo e la gestione della crisi sono stati ampiamente elogiati e criticati dai media che lo hanno reso un personaggio pubblico.

Dopo che la Federal Reserve ha attuato politiche monetarie accomodanti e il Tesoro USA ha salvato la società, Blankfein ha approfittato di bassi tassi di interesse per contrastare la concorrenza di altri banche d’investimento e stabilì Goldman Sachs come la seconda più grande banca d’investimento negli Stati Uniti, in quanto altri fallirono o caddero all’acquisizione. Sebbene non abbia finalizzato una successione, nel marzo 2018 una serie di media ha designato David Solomon, il chief operating officer della compagnia, come l’erede di Blankfein.

Blankfein è stato nominato due volte una delle persone più influenti al mondo dalla rivista Time e ha vinto il premio Financial Times Person of the Year nel 2009. Secondo la rivista Forbes, il suo patrimonio netto è stimato in 1,1 miliardi di dollari a luglio 2017. Il suo pacchetto di compensazione totale per l’anno fiscale 2016 è stato stimato in $ 22,3 milioni.

Dalla Bit generation alla Bitcoin generation

Affari, governo e società hanno un grosso problema: si chiama “The Bitcoin Generation”. Bitcoin, blockchain, criptovaluta, decentralizzazione è più di una tecnologia, è un movimento globale! Si tratta di un cambiamento strutturale non solo per il commercio, ma come le risorse del nostro pianeta saranno infine condivise. Importa e cambierà le cose, potrebbe persino salvare l’umanità.

C’è stata una rivolta simile a quella dei Bitcoin degli anni ’60 a Londra (un movimento) in cui l’uomo medio della strada, il giovane e senza rappresentanza, ha fatto marcia indietro. Parlarono come individui e non volevano più conformarsi o essere soppressi come parte di una folla obbediente. Questo fu uno scoppio perché il Regno Unito era bloccato in un periodo grigio del dopoguerra, una società noiosa, dove i potenti apprezzavano questo modo e le norme sociali incoraggiavano il comportamento conformista come pecore.

Questa giovane generazione ha generato i Beatles, The Who, David Bailey, Twiggy, Vidal Sassoon e Mary Quant, la madre della minigonna ha improvvisamente sviluppato una voce. Facevano parte di un movimento di liberazione, una cultura emergente che incoraggiava le persone ad esprimersi e lo facevano, e non c’era nulla che l’establishment potesse fare al riguardo.

Negli anni sessanta, le persone erano stanche della rigida società dei loro genitori che vivevano attraverso la scarsità degli anni della guerra e i cui genitori li hanno allevati con atteggiamenti draconiani vittoriani che costringevano le persone a reprimere i loro sentimenti e incoraggiavano la gente a seguire ciecamente le regole senza fare domande. Questa società retentiva ha generato una nuova generazione che ha visto l’opportunità di farsi strada nel mondo, di liberarsi e non dover seguire le regole del passato.

Regole decise dalla gerarchia di un sistema di classi in cui l ‘”establishment” ha progettato la politica del tempo per mantenere il controllo e limitare la democrazia, quanto basta per estrarre di più dalle persone per accumulare ricchezza. Una libertà decentrata attende…

Il movimento degli anni ’60 era guidato da persone che volevano ottenere il controllo della loro vita, prendere le proprie decisioni, tuttavia, l’establishment in quel momento non si tirò indietro, cercò di costringerlo e persino annullarlo. I primi ad esprimere vocalmente nuove libertà sono stati arrestati e imprigionati, soprattutto musicisti per aver vissuto uno stile di vita rock ‘n’ roll e forse solo un po ‘per aver distrutto hotel e assunto grandi quantità di droghe. Ma le catene erano spente e la gente l’adorava.

Presto si unì negli Stati Uniti dove le persone stavano manifestando contro l’ingiustizia, esprimendo preoccupazioni per la guerra del Vietnam e ciò che emerse fu una serie di movimenti marginali, “flower power” e amore libero reso più facile dalla Pillola che liberò le donne a controllare la loro sessualità. Stava succedendo tutto ed è qui che ci stiamo dirigendo da capo mentre la gente si sveglia alle nuove libertà e ad un futuro in cui hanno una voce più ampia sul modo in cui si svolgono le loro vite.

I paralleli tra la rivoluzione degli anni ’60 e Bitcoin sono eloquenti. Bitcoin sta di nuovo incoraggiando la “società permissiva” alimentata dalla tecnologia decentralizzata di blockchain e guidata da nuovi eroi che sono emersi con profili da rockstar guidati da Vitalik Buterin, Roger Ver, Andreas Antonopolous, Eric Vorhees e molti altri, pionieri con una voce che sta spingendo questa comunità in avanti e non può essere messa a tacere. La rivoluzione sta diventando più forte mentre persone da ogni parte del mondo scoprono che unirsi al movimento Bitcoin offre nuove libertà per controllare le proprie finanze, le proprie identità e riprendere il controllo.

Nessuno vuole una società centralizzata basata sulla sorveglianza che stia osservando ogni tua mossa, dicendoti cosa indossare, come comportarsi e avere il controllo su di te. La società è una costruzione. Gioca secondo le regole e sarai accudito è una bugia! Un’illusione imposta dai pochi capitalisti che traggono beneficio dal tenere il popolo in equilibrio. E sosterranno che qualcuno deve prendere le decisioni, prendere il controllo e far rispettare la legge, dato che l’ordine è necessario, che pochi negheranno.

Ma ora temono l’avvento della tecnologia decentralizzata offrendo l’opportunità di creare nuovi modelli di governance, di decision making e di consenso senza di essi. Un sistema che ha costruito fiducia e trasparenza. Stiamo entrando in una nuova era che deciderà come verrà gestita la società e chi prende le decisioni come ciò che abbiamo oggi non funziona. Gli anni Sessanta stabiliscono il punto di riferimento per Bitcoin. Un nuovo liberalismo, una nuova permissività stava travolgendo il mondo occidentale mentre la società si rompeva con gli anni del dopoguerra e i giovani cominciarono a modellare il mondo che abbiamo oggi. “Questo è il nostro tempo” – parole più potenti da una canzone. E così, se sai qualcosa su Bitcoin e lo prendi, piace, lo possiedi: sei già parte della Bitcoin Generation. Tra 50 anni questa volta sarà considerato un punto di riferimento storico, un tempo in cui la società si risvegliò da un sogno orwelliano, quando l’establishment fu scosso, e poi tutto cambiò. E sì questa volta è diverso.

Il potere di inviare denaro a qualcuno senza passare attraverso un sistema bancario centrale è profondo, una transazione che non può essere manomessa dalle forze oscure. Non illuderti: Bitcoin ha scosso le persone al potere nel loro nucleo, e non sanno cosa fare dopo. La società cambierà strutturalmente. In oltre 4 decenni abbiamo avuto mainframe, minicomputer, la rivoluzione dei PC e la nascita di reti (dalle sue radici di commutazione dei pacchetti) e poi di Internet. Ognuno ha avuto un profondo impatto sui comportamenti delle persone, sulla natura del loro lavoro e produttività e sulle regole del gioco più grande che si sta svolgendo. Quello che abbiamo imparato è che la tecnologia blockchain offre una trasformazione strutturale per la società, sia nel bene che nel male.

Precedentemente, la tecnologia è stata frenata da coloro che alimentano la gerarchia del potere, rendendo la tecnologia conforme piuttosto che liberare il suo potenziale. Laddove i sistemi centrali sono stati progettati attorno alla tassazione draconiana, le strutture legali e contabili hanno da allora strangolato le imprese, diventando un “sistema di registrazione” centralizzato che costringe tutte le parti a mantenere la propria versione della verità. Un sistema che supporta i giochi di potere di coloro che chiamano i colpi, in quanto questo è quello per cui è stato progettato. Un sistema basato su strutture rivoluzionarie post-industriali che entrano nella produzione di massa dove la natura del lavoro è stata progettata e confezionata per essere misurata in una gerarchia che è diventata la scuola di management per quasi 100 anni.

Ha infettato tutte le imprese con i costi di attrito, un paesaggio per la politica e imponendo strati di gestione non necessaria. Una generazione di lavori inutili supportati dalla regolamentazione per assicurarsi che alcune persone avessero un ruolo e potessero bere dal trogolo.

Prodotti assicurativi progettati per essere venduti attraverso strati di distribuzione, venditori e broker. Quindi, i miei parassiti preferiti: l’Independent Financial Advisor. Quanto margine di profitto si trova in un prodotto progettato per alimentare questi strati, pagare le commissioni e consentire il misselling sulla massa? L’assicurazione è un grande “schema Ponzi” poiché si basa sul nuovo denaro che arriva in cima a pagare in fondo, se paga affatto. Le pensioni sono un altro esempio di un prodotto fallito, una truffa. Poi abbiamo mutui, un altro prodotto fallito che ruba persone e assicurazione medica progettate per essere vendute e non rivendicate, destinate alle persone con denaro. I liquidatori sono disoccupabili.

Ci sono un paio di problemi. Quando le persone si rendono conto che è stata venduta loro una bugia e Bitcoin offre qualcosa di diverso, vogliono riprendere il controllo. Il viaggio di liberazione inizia offrendo nuovi strumenti per creare la tua economia, essere la tua banca e scambiare il valore che detieni, senza attriti. Questo è il modo cripto. I Millennial non vogliono lavorare 9-5 seduti in un ufficio o fare i pendolari al lavoro. Richiedono la flessibilità per fare altre cose e vivere uno stile di vita completamente diverso con molti che diventano “nomadi digitali”. Ho visto mio papà recarsi ogni giorno per 35 anni, perdendo così tanto, e da bambino, l’ho visto solo su i fine settimana.

La forza lavoro è cambiata e le grandi aziende non sanno come affrontarla, attrarre e trattenere talenti perché, per questa generazione, lavorare per una grande azienda rappresenta il ‘tapis roulant’ che si sale, che ti appesantisce con gli obblighi finanziari, che non si ferma mai fino a quando non ti ritiri e poi muori. Poi abbiamo la Generazione Z, hanno poche abilità sociali, non ti guardano negli occhi e molti hanno “demenze digitali” che avranno un profondo impatto sulla forza lavoro. Tutto sta cambiando sotto i nostri occhi.

La tecnologia libera l’informazione rendendo tutto accessibile, qualcosa che alcuni stati non gradiscono (Cina, Corea del Nord) come governi che concentrano il potere più delle economie occidentali (che consentono a mercati presumibilmente liberi di lavorare e per alcuni di fare soldi) e l’economia “preferisce tenere la gente muta e all’oscuro mentre si affida all’ignoranza per rafforzarsi”.

Bitcoin fa parte di un’onda tecnologica definibile “tutto in una volta”, e dove la blockchain dei Bitcoin è una delle diverse tecnologie che da sola avrà un impatto profondo: Apprendimento profondo, Realtà virtuale, Calcolo quantico, Realtà aumentata, Intelligenza artificiale, la robotica e quindi l’entità del cambiamento che possiamo aspettarci farà sembrare minuscolo qualsiasi cosa che abbiamo visto finora.

L‘impatto di queste tecnologie, ma tutto in una volta in un modello di decentralizzazione, è il più interessante e il più spaventoso, per alcuni. Si pensi ad elitarismo, establishment, classe alta, regalità. Questi sono intrecciati attraverso la storia con la politica che stabilisce le regole, fa le leggi e decide come vogliono che le persone si comportino. Questi costrutti sono tutti centralizzati, come la gestione di un business in cui la gerarchia all’interno di un sistema capitalistico consente a risorse e risorse di essere possedute da una manciata e detta la diffusione del potere che fluisce dall’alto verso il basso di qualsiasi organizzazione.

Questo finché non costruisci un business decentralizzato o autonomo (DAO) in cui regole, consenso e decisioni sono gestite in modo diverso. Dove la responsabilità e i benefici sono condivisi e il comportamento è stabilito dal consenso. E’ importante che le persone comprendano il potenziale di questa tecnologia e perché vadano di paese in paese a evangelizzare su Bitcoin e la blockchain, il suo uso, la sua liberazione potere e incoraggiare le persone a mettersi in gioco.

Che piaccia o meno alla gente, se tu fossi un adulto il 3 gennaio 2009, quando furono estratti i primi 50 BTC e alcuni furono inviati dal portafoglio di Satoshi a Hal Finney (qualcuno pensò che fosse Satoshi comunque ) sei diventato parte della Bitcoin Generation. Come quando compie 18 anni negli anni Sessanta, questo è il tuo biglietto per il miglior spettacolo del mondo. Quando la gente del mondo occidentale scopre che è stata venduta una bugia, quando gli sbandati scoprono di poter costruire nuovo commercio e creare una vita per se stessi, quando la responsabilità attraverso la trasparenza chiamerà i governi che mentono e distorcono i fatti, dove viene rivelata la verità sui cambiamenti climatici, non possono trattenere le energie rinnovabili o consentire alle organizzazioni di manomettere la nostra catena alimentare.

La catena si stacca. La politica di governo non ha responsabilità. Troppe cose hanno deciso a porte chiuse. Troppe bugie da parte di coloro che hanno interessi ereditari alimentati da un modello capitalista fondamentalmente “non sicuro”. È tempo per il Bitcoin di brillare, anche se in Act I Scene II ci aspettiamo che la Bitcoin Generation faccia grandi cose e non vedo l’ora che arrivi ACT 5 Scene IV della storia negli anni a venire. Insomma, l’ignoranza è ciò su cui si basa l’establishment, non alimentarlo.

Nuovo studio getta ombre sul Bitcoin: prezzo manipolato tramite Tether?

Nuove scoperte nell’ultima ricerca di un esperto di finanza potrebbero pesare sul prezzo del bitcoin per qualche tempo. Lo studio intitolato ‘Il bitcoin è davvero privo di vincoli’? è stato condotto da un professore universitario dell’Università del Texas insieme a uno studente laureato e fornisce prove piuttosto convincenti che una criptovaluta nota come Tether è stata utilizzata per manipolare Bitcoin nel 2017 ed era dietro il folle rally che ha portato i prezzi da $ 800 a quasi $ 20.000 in una questione di mesi.

Specificamente, Tether è stato utilizzato per acquistare Bitcoin durante le flessioni del mercato, sostenendo artificialmente i prezzi. È una criptovaluta creata dallo scambio crittografico Bitfinex nel 2015. Ed è molto diversa da qualsiasi cripto nel mercato oggi perché è direttamente collegata al dollaro USA. In altre parole, mentre il prezzo di un criptato come Bitcoin può scalare o cadere diverse centinaia di dollari ogni giorno, il prezzo di un singolo Tether raramente devia lontano da un buck.

Tether Ltd (la società dietro Tether e possibilmente interamente posseduta da Bitfinex), sostiene di detenere un dollaro in valuta forte per ogni Tether che emette, il che è molto simile a come la Fed ferma i dollari con l’oro. La richiesta è stata contestata severamente, ma mai disapprovata con successo. L’idea generale era quella di creare una criptovaluta che godesse della relativa stabilità dei prezzi del dollaro, ma con la capacità operativa superiore della cripto.

Il professore ha monitorato milioni di transazioni di criptovaluta lo scorso anno e ha scoperto 85 modelli distintivi che non possono essere spiegati usando le solite forze di mercato, inclusi i proxy della domanda degli investitori. Invece, gli schemi sembravano ruotare attorno all’uso strategico di Tether. Ma qui è il vero punto di riferimento: non solo Tether era solito stabilizzare e manipolare i prezzi dei Bitcoin ma anche altre criptovalute in misura ancora maggiore. L’abstract della carta lo mette in questo modo: “Utilizzando algoritmi per analizzare i dati blockchain, scopriamo che gli acquisti con Tether sono cronometrati in seguito a flessione del mercato e comportano aumenti considerevoli dei prezzi di Bitcoin. Meno dell’1% delle ore con transazioni Tether così pesanti sono associate al 50% dell’aumento meteorologico di Bitcoin e al 64% di altre criptovalute più importanti.”

La carta diventa un po’ tecnica con il gergo statistico, ma ecco un altro estratto: “I cluster di flusso al di sotto dei prezzi arrotondati, induce autocorrelazioni asimmetriche in Bitcoin e suggerisce il supporto del Tether incompleto prima dei mesi finali. Questi pattern non possono essere spiegati dai proxy della domanda degli investitori ma sono più coerenti con l’ipotesi basata sull’offerta in cui Tether viene utilizzato per fornire supporto ai prezzi e manipolare i prezzi della criptovaluta.”

Insomma: è stata una mossa ben coreografata per gonfiare i prezzi dei bitcoin dando così i manipolatori hanno l’opportunità di incassare i bitcoin acquisiti in dollari, probabilmente in uno scambio oscuro e ad un ritmo più lento per evitare di sconvolgere le dinamiche dei prezzi. Allo stesso modo, Chainalysis, un’altra società di ricerca indipendente che ha pubblicato la propria panoramica sulle tendenze dell’offerta di moneta Bitcoin al Nuovo York Times la settimana scorsa, ha sostenuto le affermazioni del rapporto dell’Università del Texas, definendole “credibili”.

Forse non è un caso che l’enorme crollo dei prezzi di Bitcoin e cripto sia coinciso con una citazione da parte degli Stati Uniti a Gennaio. Proprio come il rally era difficile da spiegare usando le normali forze di mercato della domanda e dell’offerta, anche i forti cali sono difficili da razionalizzare con il normale venti contrari come la normale presa di profitto o la repressione normativa nei mercati di tutto il mondo. Le ultime scoperte suggeriscono che il monitoraggio del mercato dei capitali esterni e la sorveglianza non possono più essere persi se il mercato della criptazione deve raggiungere il suo pieno potenziale.

Broker per fare trading sul prezzo del Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionSpread bassi, CFDRendimenti elevatiPROVA >>
Markets.comTrading CFD, tanti strumentiConto demoPROVA >>
plus500Servizio CFDDemoPROVA >>
eToro social tradingSocial trading, copy tradingCopy fundsPROVA >>
Xm.comBonus 25€Conti Zero spread!PROVA >>
AvaTradeForex, azioni, criptovaluteWebinar ed ebookPROVA >>

Bitcoin ha perso la volatilità del 2017

Non è un segreto che il prezzo del Bitcoin abbia visto una sbalorditiva discesa quest’anno, in concomitanza con la nascita del suo mercato dei futures e scambi di hashtings. Non è chiaro ai trader di criptovaluta, tuttavia, cosa fare della volatilità della criptovaluta fondamentale. La volatilità annualizzata di un giorno è scesa a circa il 61 percento, in rialzo rispetto al suo minimo del 50 percento all’inizio di questo mese, secondo un’analisi dei Pension Partners.

Tuttavia, questa volatilità impallidisce rispetto alla volatilità annualizzata registrata lo scorso anno, a nord del 150 percento. Infine, dopo che la sua volatilità si è depressa e la criptovaluta ha perso fino al 70 percento rispetto al picco di dicembre, la vendita si sia esaurita e può iniziare un processo di fondo.

Bitcoin è arrivato al termine dei lanci dei contratti futures; questo è stato un grande passo nella maturazione del patrimonio. C’era una tremenda speculazione, e una specie di commercio di paura di perdere i prezzi esponeva alle stelle troppo in alto, troppo in fretta. La svendita da allora ha spazzato via la maggior parte, se non la totalità, dell’eccessivo entusiasmo. Mi piace dire che un fondo è un processo, non un prezzo. Ora che il prezzo e la volatilità sono tornati sulla Terra, questo processo di fondo può iniziare.

Un fondo si presenterebbe più rapidamente e in modo più costruttivo se il minimo recente di $ 6.000 per moneta dovesse rimanere. Tuttavia, la media mobile a 100 settimane è giù vicino a $ 4,550, quindi i trader guarderanno quel livello. Al rialzo, ho sempre detto che $ 10.000 sono una linea cruciale nella sabbia, anche se consiglia di vendere contro di essa.

Nel frattempo, il trend ribassista di sei mesi rimane intatto fino a una chiusura superiore a $ 11,300, e la tendenza al ribasso a breve termine rimane intatta fino a una chiusura superiore a $ 8.500. Il suo prezzo martedì mattina si aggira intorno ai $ 6.700, secondo Coindesk.

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY