Bitcoin, in Nevada sta per nascere una città finanziata solo dalla criptovaluta

investire in bitcoin senza comprarli

Vi è un interesse in rapida crescita per bitcoin e altre criptovalute tra gli investitori istituzionali, mentre sembra esserci letargia nel numero di acquirenti al dettaglio che operano nello spazio delle criptovalute. Quindi, bitcoin e altcoins costituiscono ora una nuova classe di investimento istituzionale dal 2017, secondo le nuove la ricerca dalla grande banca statunitense Morgan Stanley.

Nella relazione intitolata “Bitcoin Decrypted: A Brief Teach-in and Implications” e datata 31 ottobre, il dipartimento di ricerca della banca d’investimento multinazionale ha fornito una panoramica degli ultimi sei mesi di bitcoin e ha raccolto intuizioni sulle tendenze osservabili. Questo nuovo rapporto funge da aggiornamento a un precedente rapporto pubblicato a dicembre dal titolo “Bitcoin Decrypted: A Brief Teach-in and Implications”.

I risultati hanno sottolineato l’osservazione dei ricercatori su ciò che la relazione descriveva come la tesi di morphing del mercato, che copre percezioni in evoluzione del bitcoin da quando è stato introdotto in circolazione come “moneta elettronica” nel 2009.

Nel 2009, i bitcoin sono diventati una valida alternativa ai grandi cartelli bancari dopo la prima emissione tramite software open source. Ha raggiunto un seguito di culto, e nel 2012 è stato sotto i riflettori delle notizie mainstream come mezzo di transazione nel mercato nero online infamemente denominato mercato della Via della Seta. La sua crescente capitalizzazione di mercato ha attirato l’attenzione di imprenditori, persone orientate alla tecnologia in tutto il mondo, attivisti, giornalisti e iniziative di crittografia basate su blockchain seguiti nelle loro mosse.

Bitcoin è stato in grado di fornire un meccanismo di pagamento decentralizzato che impiega l’uso di una distribuzione ledger. Sebbene fosse interessante per alcuni come un nuovo sistema in grado di interrompere i modelli di business esistenti, si è rivelato anche un vero e proprio strumento per facilitare nuove relazioni e collegamenti economici. Come valuta digitale, il suo registro distribuito facilita l’elaborazione delle transazioni di pagamento al dettaglio come l’e-commerce, i pagamenti da persona a persona e le transazioni transfrontaliere con costi e logistica inferiori rispetto a quanto ottenuto nelle istituzioni finanziarie.

Mentre è ancora ampiamente considerato come un investimento speculativo, è già utilizzato come riserva di valore e è stato pubblicizzato come un potenziale mezzo di pagamento nel prossimo decennio. Il Dr. Zeynep Gurguc dell’Imperial College di Londra ha affermato che i criteri che devono essere soddisfatti per poter essere pienamente integrati nei sistemi di pagamento comprendono: scalabilità, usabilità, regolamentazione, volatilità, incentivi e privacy.

Il rapporto ha evidenziato sviluppi come la registrazione di tutte le transazioni su un registro permanente, l’emergere di tecnologie nuove e meno costose rispetto al bitcoin, la volatilità del mercato, il volume degli hack e le forche dure per quanto riguarda l’ecosistema bitcoin. In considerazione di ciò, il mercato orso prevalente insieme al calo dei prezzi predispone bitcoin e altcoin come una “nuova classe di investimento istituzionale”, e questa è stata la tendenza nell’ultimo anno.

Lo studio ha citato la nuova divisione di servizi crittografici di Fidelity, gli investimenti in aziende crittografiche come Binance e approvazioni normative come prova della maggiore partecipazione di istituzioni finanziarie che danno credibilità alle tesi di mercato. Secondo la Morgan Stanley Research, alcuni dei colli di bottiglia incontrati dai clienti che erano interessati a investire nel settore delle criptovalute comprendono disparità normative, l’assenza di soluzioni di custodia regolamentate e la mancanza di formidabili istituzioni finanziarie che operano nel settore.

Il rapporto ha anche registrato il graduale aumento degli striptover crittografici a fiat-leg, che più o meno ha avuto inizio nel 2017 ma che quest’anno ha accelerato. Il calo dei prezzi delle criptovalute ha provocato un aumento della quota dei volumi commerciali di BTC presi dall’USD.

Gli scambi sono stati usati per scambiare cripto per cripto con relativamente pochi coinvolti nel commercio di criptazione per fiat. La ricerca, tuttavia, non vede tutti gli stablecoins sopravvivere a lungo termine. Coloro che sopravviveranno avranno probabilmente costi di transazione relativamente più bassi, liquidità molto elevata e una struttura normativa chiara.

Ethereum: buterina fa mea culpa

Vitalik Buterin ammette che la sua creazione non può avere successo se non fa un passo indietro

Quando gli chiedi quali sono le sfide del sistema blockchain che ha fondato cinque anni fa, Vitalik Buterin spesso si lancia in una conferenza a fuoco rapido con un gergo specifico di Ethereum. Ma chiedigli del suo ruolo nel futuro della tecnologia, e diventa rapidamente più cauto.

Non c’è dubbio che Buterin, 24 anni, è ancora la luce guida per la comunità idealistica che è sorto intorno alla sua creazione. Questa settimana è stata al centro di Praga, dove migliaia di sviluppatori, investitori e imprenditori si sono riuniti per Devcon, l’annuale “riunione di famiglia” organizzata dalla non-profit Ethereum Foundation. L’argomento di discussione più popolare è la visione di Buterin per “Ethereum 2.0, “Una futura iterazione pensata per essere in grado di operare in modo efficiente su una scala molto più ampia e attirare una base di utenti molto più ampia di quella che può oggi.

Ma in una conversazione con MIT Technology Review a margine di Devcon, Buterin ha detto che è tempo per lui di svanire in secondo piano come “una parte necessaria della crescita della comunità”. Questo pezzo è apparso per la prima volta nella nostra newsletter bisettimanale, Chain Letter, che copre il mondo dei blockchain e dei cripto-asset. Registrati qui-è gratis! Perché? In parole povere, un sistema veramente decentralizzato non ha un singolo componente il cui fallimento potrebbe far crollare l’intero sistema, e questo è probabilmente l’influsso storicamente estenuante di Buterin sul processo decisionale.

Ma sta cambiando, ha detto, in parte a causa della crescita naturale della comunità, ma anche grazie a un tentativo deliberato di ridurre la sua importanza. “Penso che le persone lo sentano davvero”, ha detto, citando le chiacchiere su Twitter che aveva visto dopo il primo giorno di Devcon. “C’è stato anche un commento che ha esplicitamente detto che, come, wow, sembra che la comunità stia effettivamente lavorando insieme e non faccia affidamento solo su alcune persone responsabili.”

In effetti, Buterin è già “fuori dal processo decisionale” in molti modi “, ha detto Hudson Jameson della Ethereum Foundation, un’organizzazione no-profit che supporta lo sviluppo del protocollo Ethereum, durante una discussione su Devcon incentrata su come la comunità può migliorare nel prendere decisioni collettivamente. “Questo è qualcosa che penso sia davvero molto importante per l’ecosistema prosperare e diventare più decentralizzato.”

La transizione arriva in un momento critico per Ethereum, i cui sviluppatori stanno lottando per superare una serie di complicati ostacoli tecnici che credono di trovarsi nel via della sua adozione più diffusa. In cima alla lista delle cose da fare c’è un piano ambizioso per passare dalla prova del lavoro – il processo ad alta intensità energetica che Ethereum, Bitcoin e altri simili sistemi di blockchain usano per raggiungere un accordo tra i partecipanti alla rete che le informazioni che hanno memorizzato nei loro blockchain sono valide . Per anni, Buterin ha guidato un progetto di ricerca volto a sviluppare un’alternativa efficiente dal punto di vista energetico alla prova del lavoro, basata su un diverso algoritmo chiamato prova di gioco.

Ha anche svolto un ruolo di primo piano nel concepire nuovi metodi chiamati sharding e plasma, che lasciare che la rete gestisca volumi di transazione molto più grandi, in parte consentendo agli utenti di eseguire determinate transazioni senza dover scrivere ogni singolo sulla blockchain. (Ethereum può elaborare solo circa 15 transazioni al secondo, mentre Visa gestisce una media di 2.000 transazioni al secondo e ha la capacità di gestire decine di migliaia.) Tutti questi miglioramenti sono pensati per essere presenti in Ethereum 2.0, le specifiche per le quali Buterin ha stato strumentale per iscritto e finalizzato.

Nondimeno, dice, il suo coinvolgimento nel progetto è stato pari a “una quota significativamente inferiore del lavoro rispetto a due o tre anni fa”, aggiungendo che ridimensionare la sua influenza è “qualcosa su cui stiamo facendo molti progressi”.

Un milionario di Criptovalute vuole costruire un’Utopia in Nevada

Un enorme appezzamento di terreno nel deserto del Nevada – più grande della vicina Reno – è stato oggetto di intrighi locali da quando un’azienda senza storia, Blockchains LLC, l’ha comprato per $ 170 milioni in contanti quest’anno. L’uomo che possiede la compagnia, un avvocato e cripto-milionario di nome Jeffrey Berns, indossò un elmetto e salì su un fuoristrada Polaris la scorsa settimana per dare un tour della proprietà tentacolare e dissipare un po ‘del mistero.

Immagina una sorta di comunità sperimentale diffusa su un cento miglia quadrate, dove saranno costruite case, scuole, distretti commerciali e studi di produzione. Il fulcro di questo gigantesco progetto sarà la blockchain, un nuovo tipo di database introdotto da Bitcoin. Dopo che il suo autista ha fermato la Polaris su un altopiano desertico, circondato da un cespuglio di conigli in fiore e una mandria di cavalli selvaggi, Mr. Berns , che ha 56 anni, ha indicato i punti salienti della sua comunità dei sogni.

“Vedi quella prima serie di montagne”, disse indicando il sud. “Quelle montagne sono il confine della nostra valle del sud. Ecco dove costruiremo il parco high-tech, “un campus di ricerca che coprirà centinaia di ettari. Ci sono anche piani per un’università e un’arena di gioco elettronico. Accoglie l’immaginazione per vedere cosa vede il signor Berns: una comunità futuristica che cresce fuori dal deserto vicino a Reno.

Sembra strano – anche fantastico – come tutto questo potrebbe sembrare, le ambizioni di Berns si inseriscono perfettamente nel mondo idiosincratico delle criptovalute e dei blockchain. La blockchain è iniziata come un libro mastro digitale su cui sono registrate tutte le transazioni Bitcoin. Alcuni aficionados hanno piani più grandiosi. Pensano che potrebbe essere un nuovo modo per riprendere il potere dalle istituzioni che credono chiamino tutti gli scatti.

Proprio come Bitcoin ha reso possibile trasferire denaro senza utilizzare una banca, credenti blockchain come Berns pensano che la tecnologia consentirà alle persone comuni di controllare i propri dati – la linfa vitale dell’economia digitale – senza fare affidamento su grandi aziende o governi. C’è una linea confusa tra queste utopistiche visioni e ricchi -qualici schemi. Diversi progetti di criptovaluta sono stati chiusi dai regolatori; apparenti mendicanti sono stati arrestati; e un piano per trasformare Puerto Rico con criptovalute è stato criticato come nient’altro che un tentativo di sfruttare lo status dell’isola come paradiso fiscale. Signor.

Berns era attratto dal Nevada con i suoi benefici fiscali, compresa la mancanza di tasse sul reddito. E l’ampiezza delle sue ambizioni certamente solleva il rischio di un vuoto. Così lontano, non c’è molto da vedere della comunità immaginata qui, a parte un edificio per uffici e scavare dai topografi.CreditJason Henry per The New York Times Ma lui è diverso dai suoi cripto-fratelli in un grande modo: sta spendendo i suoi soldi. Finora, ha detto, ha speso $ 300 milioni sul terreno, uffici, pianificazione e uno staff di 70 persone. E comprare 67.000 ettari in gran parte sottosviluppati è un po ‘vecchio stile, rischio immobiliare.

Il signor Berns ha detto che la sua ambizione non era quella di essere un magnate immobiliare o anche per diventare ricco – o più ricco. Sta promettendo di dare via tutto il potere decisionale per il progetto e il 90% di tutti i dividendi che genera a una struttura aziendale che sarà detenuta da residenti, dipendenti e futuri investitori. Quella struttura, che lui chiama “entità collaborativa distribuita”, dovrebbe operare su una blockchain in cui i diritti di proprietà di tutti e i poteri di voto saranno registrati in un portafoglio digitale. Signor. Berna ha riconosciuto che tutto questo è ben al di là di ciò che le blockchain hanno effettivamente realizzato. Ma questo non lo ha scoraggiato.

Mr. Berns è riuscito a conquistare funzionari locali desiderosi di sviluppo economico. Il governatore del Nevada, Brian Sandoval, ha letto un proclama che ha nominato la proprietà Blockchains “Innovation Park” ad un evento il mese scorso in cui il sig. Berns si è seduto su un pannello con il governatore ed Elon Musk, l’amministratore delegato di Tesla.

The Truckee River scorre attraverso Painted Rock in Storey County, in Nevada, Blockchains ha il supporto preliminare della contea per una nuova città lungo il fiume, con migliaia di case.CreditJason Henry per The New York TimesLa Gigafactory di Theesla in Nevada, che è stata descritta come l’edificio più grande del mondo, è circondata dalla terra di Blockchains. Aziende come Google, Apple e Switch hanno anche proprietà nel parco industriale che è circondato dalle partecipazioni di Mr. Berns. Questa settimana, ha annunciato un memorandum d’intesa con una delle principali compagnie elettriche dello stato, NV Energy, per collaborare su progetti che gestirà le transazioni energetiche attraverso una blockchain.

La contea del Nevada in cui tutto questo si trova, Storey County, ha solo circa 4.000 residenti ed è stata più conosciuta, fino a poco tempo fa, per la sua storia di miniere d’argento e dei suoi bordelli moderni, incluso uno di proprietà di una contea commissario. Lo stesso commissario di contea, Lance Gilman, acquistò il terreno attorno al bordello e lo trasformò nel parco industriale dove ora si trovano Tesla e Google.

Lockchains ha già ricevuto il sostegno preliminare della contea per una nuova città lungo il fiume Truckee, con migliaia di case, una scuola e un sistema di consegna drone, e sta lavorando a stretto contatto con la contea su un piano generale più ampio. Impiegati nell’ufficio Blockchains. Berns ha assunto uno staff di 70 persone per lavorare nella sua comunità dei sogni.

Per ora, Blockchains è una terra vuota e un edificio per uffici riadattato. Berns ha detto che la società non inizierà la costruzione della proprietà più ampia fino alla fine del 2019, al più presto, dopo aver messo insieme il piano generale e averlo approvato dalla contea.

Il direttore dell’ufficio del vecchio studio legale di Berna a Los Angeles , Joanna Rodriguez, si trasferisce con i suoi quattro figli e il marito in Nevada. “Ha queste idee folli – ma so che ogni volta che pensa a qualcosa arriverà”, ha detto la signora Rodriguez, 29 anni, che ha lavorato con Mr. Berns per otto anni ed è ora il direttore dell’ufficio Blockchains in Nevada. “Ecco perché ho deciso di trasferirmi.”

Mr. Berns ha trascorso gran parte della sua vita professionale in cause legali, molte delle quali contro società finanziarie. Ha imparato a conoscere Bitcoin nel 2012 ma è stato conquistato da un’altra criptovaluta, Ethereum, che consente di archiviare più di semplici dati sulle transazioni su una blockchain.

Come si è arricchito il signor Berns? Ha acquistato Ether, il gettone digitale associato ad Ethereum, in una grande vendita nel 2015. Grazie ad un aumento astronomico del prezzo di Ether e ad alcune vendite tempestive lo scorso anno prima di crollare, è diventato abbastanza ricco da finanziare il suo progetto dei sogni.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY