Bitcoin, nasce il fenomeno dei cripto-nomadi: chi sono e cosa fanno

Bitcoin. Litecoin. Ethereum. Criptovalute. Ciò che una volta era considerata una moda tecnologica ora viene considerato uno dei migliori veicoli di investimento al mondo. Kim Kardashian pure sta entrando in BTC ora. Ma poiché la speculazione spinge i prezzi in alto o in basso, un piccolo gruppo di appassionati è ancora dedicato all’utilizzo di queste valute per gli scambi monetari effettivi. E sono già ribattezzati i “cripto-nomadi”.

Si può parlare di autentica ascesa del viaggio con le criptovalute. E a parlarcene è Forbes. L’avvento di “una maggiore accessibilità nel sistema finanziario cripto aiuta i viaggiatori”, dice Laura Shin, l’ospite dei podcast di Crypto Unchained and Unconfirmed ed ex membro dello staff di Forbes. Shin ha seguito l’ascesa di criptovalute per oltre tre anni. C’è un “effetto rete”, concorda l’amministratore delegato e fondatore di RockItCoin, Michael Dalesandro. Il 50enne è entrato nel mondo Crypto per la prima volta nel 2015. Da allora, stima di aver visto una crescita anno su anno del 60% delle installazioni di macchine ATM di Bitcoin.

“Ci sono così tanti vantaggi nel mantenere la cripto sui conti bancari e il finanziamento tradizionale”, Ha detto Gili Gershonok, un nomade digitale di 34 anni che chiama la sua casa il mondo. L’israeliano crede che le persone che hanno familiarità con i viaggi e la vita internazionale siano più abituate a creare nuovi conti bancari e potrebbero essere più in sintonia con i vantaggi di avere denaro senza confini.

Dal 2016, Gershonok scambia valute e talvolta prende concerti freelance in cambio di cripto. Anche se generalmente la scambia in fiat per la spesa quotidiana, cerca di utilizzare la criptazione ogni volta che è possibile, e una volta ha comprato persino un caffè con Litecoin a Praga, Repubblica Ceca. Per bilanciare il Nomad Lifestyle con il Crypto Trading per le persone che usano Crypto come veicolo di investimento, gli esperti raccomandano l’acquisto di schede SIM locali e il pagamento dei dati per essere sempre aggiornati sui mercati volatili. Blake Sandall, un nomade digitale che commercia cripto viaggiando per il mondo, opta per i suoi aggiornamenti crittografici quotidiani come SMS messaggi, piuttosto che e-mail in modo che non debba preoccuparsi della connettività in luoghi chiari. Acquista le SIM locali all’arrivo in modo che non debba fare affidamento su internet nei bar o negli ostelli.

Uno degli affari più eccitanti di Sandall è stato quando ha venduto una moneta ethereum all’inizio del 2018. ha guadagnato ben $ 960 in profitti che ha usato per finanziare un trekking al campo base dell’Everest. A partire da soluzioni di terze parti, gli appassionati di litecoin ed ethereum hanno trovato soluzioni alternative come comprare fiat direttamente o spendendo in luoghi, simile all’acquisto di Gershonok a Praga.

Il poster boy per questo tipo di viaggio è Felix Weis, un criptico appassionato originario del Lussemburgo. Nel 2015, ha trascorso 18 mesi viaggiando per il mondo usando solo bitcoin, raggiungendo ben 27 paesi in tutto il mondo. Il suo viaggio è stato caratterizzato da un mix di focolai come Tokyo, Giappone e paesi meno inclini come Cuba, dove la mancanza di Internet ad alta velocità fa viaggiare con cripto ma con mal di testa a seguito. “All’epoca tutti facevano la sfida del secchiello”, ricorda Weis. Era il 2015 e non essendo tipo da farsi scoraggiare, l’allora 27enne ha trasferito tutti i suoi risparmi in Bitcoin (qualcosa che non consiglia personalmente), ha preparato uno zaino e creato tre regole:

  1. Non poteva usare un conto bancario o una carta di credito
  2. Non poteva scambiare una valuta nazionale con un’altra
  3. La cosa più importante era che doveva pagare con bitcoin il più spesso possibile

Se non poteva pagare con Bitcoin, poteva usare i contanti che aveva acquisito con un commercio peer-to-peer. Il suo primo acquisto era un Interrail Pass per un mese, così che se l’esperimento non avesse funzionato, almeno avrebbe potuto tornare in Germania, dove era residente. Ha utilizzato il sito Web AllForBTC per acquistare il biglietto. L’allora 27enne aveva anche una carta di credito di riserva in caso di emergenze, ma la disabilitò dopo tre mesi quando decise di viaggiare esclusivamente utilizzando bitcoin.

“La parte difficile, quando ero già in una posizione, era trovare generi alimentari o ristoranti o ristoranti che accettassero bitcoin”, afferma Weis, che ora ha 30 anni. In alcuni paesi come la Turchia, dove la penetrazione di bitcoin era moderata, ha dovuto convincere le persone ad accettare il BTC. Weis ha apprezzato questa sfida e ha persino convinto una compagnia di parapendio turca ad accettare la criptovaluta. “All’epoca era una piccola, piccolissima ma vivace comunità intorno al bitcoin”, ricorda Weis.

“È stato solo nel 2017 che è cresciuto ad un pubblico molto più ampio.” Tutti i nomadi digitali con cui ho parlato hanno un consiglio: se vuoi viaggiare con la crittografia, aspettati l’inaspettato. “Un brillante giorno di gennaio sono rimasto disconnesso da tutti i miei mezzi finanziari in un minuto”, afferma Gershonok. Si trovava in un resort in Thailandia, cercando di prenotare un volo o l’alloggio del giorno successivo quando all’improvviso non fu in grado di usare nessuno dei suoi account.

“Ciò non è adatto per quanti impazzirebbero per non avere accesso ai soldi.” “Il mondo criptato rende l’essere nomadi digitali più semplice”, dice Gershonok. “Ti mette in testa questa idea di essere decentralizzati.”

Bitcoin, i miners vedono finalmente un mercato toro

Il prezzo del bitcoin è salito sopra $ 8.000 martedì scorso per la prima volta da maggio, dopo che il meeting del Gruppo dei 20 (G20) in Argentina si è concluso con poca urgenza per intraprendere un’azione normativa sulle criptovalute. In un comunicato, i ministri delle finanze del G20 e i governatori delle banche centrali hanno espresso confidenza che la tecnologia alla base delle monete alt può “apportare benefici significativi al sistema finanziario e all’economia in generale.”

La genesi ha avuto un enorme successo la scorsa settimana, mentre i regolatori dei titoli in Sud Carolina hanno liquidato i loro ordini di cessate il fuoco da marzo. La mossa, secondo CoinDesk, segna la prima volta che lo stato ha abbandonato tali ordini contro una startup blockchain.

Ulteriore supporto è arrivato grazie a un rapporto del 16 luglio del Financial Stability Board (FSB) con sede in Svizzera, che ha concluso che “come le criptovalute in generale, le piattaforme cripto-asset non pongono rischi di stabilità finanziaria globale.” Le piattaforme di trading comprendono Coinbase – il più popolare di gran lunga- Bitfinex, Kraken e molti altri. Dal suo minimo di $ 5,850 a fine maggio, il bitcoin è aumentato del 44% circa il 24 giugno prima di ritirare la decisione della Securities and Exchange Commission (SEC) di non approvare un bitcoin ETF presentata da Cameron e Tyler Winklevoss. (Venerdì era superiore a $ 8.000.). Sembra proprio che i fondamentali di bitcoin si stiano allineando per una mossa significativa più alta, il suo prezzo si è già rotto nettamente al di sopra della media mobile a 50 giorni.

Tenete a mente, tuttavia, che siamo ancora agli inizi nella criptazione degli investimenti. Solo 10 anni fa il misterioso Satoshi Nakamoto scrisse l’ormai famoso whitepaper che portò alla creazione di bitcoin. La volatilità è ancora circa sei volte più alta delle azioni a larga capitalizzazione e dell’oro in una sola sessione di trading, e 11 volte più alta nei 10 giorni. Lo spazio rimane dunque speculativo, ma ci sono opportunità di enormi rialzi.

Tra i segnali più rialzisti c’è il tasso di hashing in rapida crescita del bitcoin. In termini semplici, un “hash” è un calcolo fatto da un bitcoin miner nel tentativo di assicurare un premio di blocco, che attualmente si trova a 12,5 bitcoin per blocco. (Il premio si dimezza automaticamente ogni 210.000 blocchi. Al tasso attuale di estrazione mineraria, il prossimo dimezzamento è stimato a maggio 2020, dopo di che il premio scenderà a 6,25 monete.)

Il “tasso di hash”, corrisponde a quanti calcoli sono fatti al secondo in tutto il mondo. Generalmente riflette il ritmo con cui i nuovi minatori si uniscono alla rete. Ogni 10 minuti in media viene estratto un nuovo blocco, ovvero 1.800 bitcoin – o $ 14.8 milioni ai prezzi attuali – vengono creati ogni giorno della settimana. La tecnologia Blockchain, garantisce la validità di queste nuove monete inutilizzate.

Immagina se il trade di azioni fosse veloce, efficiente e privo di preoccupazioni come cripto-mining. Ora puoi vedere perché JPMorgan, Citigroup, Bank of America e altre grandi banche si stanno affrettando a brevettare sistemi di elaborazione blockchain di loro stessi. Il tasso di hash bitcoin ha continuato a crescere a un ritmo sorprendente nonostante il selloff, suggerendo che i minatori sono ancora molto rialzisti sui prezzi futuri.

A luglio, il numero di operazioni ha superato i 45 trilioni al secondo per la prima volta in assoluto. Questo è un aumento di potenza di oltre sei volte rispetto a solo un anno fa. Significa anche un’enorme ripresa dopo le vaste inondazioni nel Sichuan, la Cina ha eliminato importanti quantità di potere di hashing all’inizio del mese. La manodopera non consuma tanta potenza quanto il pensiero precedente. Parlando di potenza mineraria bitcoin, ai critici piace spesso sottolineare quanta energia elettrica la rete consuma, nel tentativo di trasformare l’opinione pubblica contro l’industria. A dire il vero, il mining bitcoin e altre criptovalute richiede molta energia, ma le cifre che potresti aver visto sono molto esagerate.

Alcune fonti sostengono che la domanda del settore è pari a 65 terawatt all’ora (TWh), ovvero 65 trilioni di watt all’ora, su base annua. Ma una stima più accurata è più vicina a 35 TWh, “meno del consumo energetico annuale del Lussemburgo, un paese di 585.000 persone”, secondo gli analisti di CoinShares Research, Christopher Bendiksen e Samuel Gibbons.

Come hanno fatto Bendiksen e Gibbons ad arrivare a questa cifra? E perché è così drasticamente inferiore rispetto alle altre stime? Gli analisti sottolineano che l’efficienza dell’hardware è quasi raddoppiata ogni anno (81%), mentre il costo dell’hardware è quasi dimezzato su base annua (-48%). Questo significa che i minatori sono sempre più capaci di fare molto di più per molto meno. I minatori preferiscono anche operare in climi più freddi, che abbassano i costi di raffreddamento, e in gran parte fanno affidamento su energia verde a basso costo.

Un esempio è HIVE Blockchain Technology, che svolge la maggior parte delle sue attività in Islanda e Svezia. “I nostri risultati totali suggeriscono che l’industria mineraria bitcoin è relativamente sana, redditizia e continua a crescere a velocità vertiginosa”, sostengono Bendiksen e Gibbons. “Il tasso di hash è triplicato su base annuale mentre l’efficienza dell’hardware sta aumentando rapidamente e i costi stanno calando.”

Gli investitori hanno un numero crescente di opzioni per ottenere esposizione a bitcoin e criptovalute, oltre all’acquisto delle attività stesse. Ci sono diverse società quotate in borsa che hanno iniziato a integrare la tecnologia blockchain nelle proprie attività, come IBM e Hitachi. Altre aziende hanno un coinvolgimento diretto nel settore minerario dei criptos – HIVE Blockchain, per esempio, e in Cina Bitmain, che sta cercando finanziamenti per 1 miliardo di dollari prima di una possibile offerta pubblica iniziale (IPO).

I futures sui Bitcoin sono disponibili per il trading sul CME e sul CBOE. E Coinbase ha appena ricevuto l’approvazione della SEC per “avanzare con un trio di acquisizioni che potrebbero consentirgli di diventare uno dei primi luoghi regolati a livello federale per lo scambio di monete digitali ritenute titoli”, secondo Bloomberg. La maggior parte degli investitori in Crypto favoriscono Ethereum e Bitcoin.

Ma fino ad ora un ETF bitcoin non è stato ancora reso disponibile. Credo che una volta che un prodotto di questo tipo arriverà sul mercato, il prezzo del bitcoin decollerà davvero. L’oro è stato scambiato per lo più durante gli anni ’80 e ’90. Poi, nel marzo 2003, è apparso il primo ETF sull’oro, e il prezzo del metallo giallo è salito alle stelle del 420% quando il trading è diventato più liquido e più snello. Non posso dire che i bitcoin rispondano allo stesso modo, ovviamente, ma un ETF cripto attirerà sicuramente più curiosità nello spazio.

Non c’è mancanza di interesse degli investitori in un ETF bitcoin. Un recente sondaggio condotto dallo studio legale internazionale Foley & Lardner ha scoperto che quasi i tre quarti dei partecipanti, il 72%, erano fiduciosi di avere l’opportunità di investire in un ETF che detiene bitcoin o altre criptovalute. I gemelli Winklevoss hanno ora fatto due (non riusciti) tentativi di portare uno al mercato, e la SEC ha detto che rinvierà la decisione su cinque altri ETF proposti fino a settembre. Anche se vengono abbattuti, ci avviciniamo per averne uno ogni giorno.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY