Bitcoin Mining: 60% di energia da fonti sostenibili secondi gli ultimi dati

Bitcoin inquina sempre di meno a livello “energetico”. A rivelarlo sono gli ultimi dati del BTC Mining Council che rivela come il mining di Bitcoin stia diventando sempre più “sostenibile”.

Dall’ultimo rapporto del BTC Mining Council (BMC), infatti, emerge un dato interessante. Ovvero circa il 60% dell’energia elettrica utilizzata dal mining di Bitcoin proviene da fonti sostenibili.

Ottime notizie per Bitcoin che diventerebbe così più eco friendly. Quella che si sta combattendo in Europa sembra essere una battaglia “ideologica” tra i massimalisti di Bitcoin e le istituzioni che spingono per bloccare il mining.

Cerchiamo di capire cosa sta succedendo e come potrebbe evolvere il mercato.

Bitcoin Mining: 60% da energie sostenibili

Bitcoin è la principale criptovaluta per capitalizzazione. Se volete investire su BTC potete usare una piattaforma regolamentata come quella di eToro ad esempio.

E’ un broker offre funzionalità interessanti, una su tutte il Copy Trading, cosa che permette di copiare le posizioni di altri trader automaticamente. Per attivare un conto sono poi sufficienti 50€ per iniziare subito, oltre al conto demo gratuito.

Per saperne di più sulle criptovalute su eToro vai qui sul sito ufficiale.
51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

Cos’è il Bitcoin Mining Council (BMC)?

Il Bitcoin Mining Council è un forum volontario e aperto che si occupa di diffondere dati su Bitcoin. E’ aperto a qualunque società voglia aderire al progetto e promuove la trasparenza occupandosi di educare le persone sui vantaggi di Bitcoin e sul funzionamento del mining. Al suo interno ci sono tante aziende di settore.

Naturalmente molti potranno pensare che si tratta di una organizzazione in “conflitto di interessi” in quanto ha tutto l’interesse che Bitcoin venga adottato a livello mondiale sempre di più.

I risultati dei sondaggi generalmente riguardano alcuni parametri come:

  • il consumo di energia elettrica
  • l’efficienza della tecnologia adottata per il mining
  • il consumo di energia sostenibile

Mining di Bitcoin verso le energie “green”

Il Bitcoin Mining Council ha stilato un report raccogliendo i dati di oltre il 50% della rete di Bitcoin con un sondaggio volontario.

Da questo sondaggio di evince come i membri del BMC usino energia elettrica per il mining con un mix di energie sostenibili che arriva al 66,8% del totale.

Si stima dunque che l’intera industria del mining utilizzi circa il 60% di energia provenienti da fonti sostenibili con un aumento annuo di circa il 6%.

Insomma stando a questi dati l’industria del mining di Bitcoin è in salute. Secondo il BMC addirittura questa è una delle industrie più sostenibili a livello globale.

Come vedete in questa tabella il Bitcoin Mining farebbe meglio a livello energetico di importanti paesi dell’Unione Europea, la stessa UE che vuole mettere al bando la Proof Of Work.

Questo a sostenere la tesi che la rete Bitcoin diventerà sempre più efficiente a livello energetico col passare del tempo.

Lo stesso Michael Saylor. Il CEO Di Microstrategy, ha pubblicato un recente tweet per rispondere a tutti i detrattori di Bitcoin.

Questo è anche comprensibile in quanto MicroStrategy è una delle più grandi aziende esposte su Bitcoin. L’annuncio di Tesla di ieri, con la vendita del 75% di Bitcoin, sembra un passo indietro per quanto riguarda l’adozione di Bitcoin da parte delle grandi aziende.

MicroStratey, inoltre, fa parte lei stessa del Bitcoin Mining Council (BMC).

Saylor ha dichiarato che la rete Bitcoin sta migliorando sempre di più in efficienza anche grazie all’evoluzione delle tecnologie legate ai semiconduttori.

Bitcoin può diventare compatibile con i criteri ESG?

Abbiamo parlato nei giorni scorsi di Blockchain Carbon Neutral, ovvero dei quei progetti che stanno diventando sempre più green.

E’ quindi probabile che anche in Europa, dove si punta alla regolamentazione delle criptovalute, verranno privilegiate tutte quelle blockchain in grado di rispettare i criteri ESG. Un mancato rispetto di questi criteri potrebbe comportare una scarsa fiducia in quei progetti che dovessero venire etichettati come dannosi per l’ambiente.

Bitcoin per ora non rispetta queste normative e probabilmente sarà difficile che diventi ESG compliant. Contro Bitcoin è in atto una autentica “guerra” mediatica che punta a far passare questo network come inefficiente ed inquinante.

I dati sul mining però sembrano andare nella direzione opposta. Bitcoin ha rimostrato grande resistenza in questa fase di Bear Market che vede tutto il mercato scendere, non solo quello crypto.

Quindi è probabile che si parlerà sempre di più di questi criteri “green” anche alla luce del fatto che Ethereum passerà al Proof of Stake e dunque potrebbe incontrare il favore degli investitori.

Vedremo se Bitcoin riuscirà a riconquistare il suo spazio sui media e a scrollarsi di dosso l’etichetta di network inquinante ed inefficiente.

Vediamo infine come stanno andando le quotazioni di Bitcoin:

Per saperne di più potete consultare la nostra guida su come comprare Bitcoin.

Conclusioni

Continueremo ad occuparci di tutti gli aggiornamenti sulle criptovalute gli ultimi aggiornamenti con le previsioni sul prezzo. Naturalmente seguiremo in prima linea lo sviluppo di Bitcoin ed il tema del mining sempre al centro del dibattito sopratutto in Europa.

Naturalmente le previsioni degli analisti non devono essere considerate come un consiglo finanziario, ognuno deve fare le proprie valutazioni in tema di investimenti.

Se volete fare trading sulle principali criptovalute vi consigliamo il broker eToro che consente anche fare social trading e disporre di strumenti di trading professionali.

Apri subito il tuo account demo su eToro cliccando qui.
51% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando opera con questo fornitore di CFD. Dovreste valutare se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.