Bitcoin vola su nuovi massimi di periodo sfruttando eco mediatico di Libra, criptovaluta di facebook

Settimana di rally per il cambio Bitcoin-Dollaro, che dopo aver sfondato al rialzo area 9.000 è volato sui top da Maggio 2018, spingendosi fino a quota 9.820. Ad alimentare la salita del della coppia BTC-USD avrà sicuramente contribuito il grande eco mediatico profuso da “Libra“ la valuta digitale partorita da Facebook. L’entrata in campo del più famoso social network al mondo sta a significare il grande interesse che ruota intorno al mondo crypto.

Gli acquisti sul BTC sono stati inoltre alimentati dalla notizia secondo cui Bakkt, a partire, dal prossimo 22 Luglio inizierà la contrattazione dei futures con sottostante Bitcoin. Al momento i soli futures regolamentati vengono offeti sul CME. Bakkt fa parte della ICE collegata direttamente al più grande mercato borsistico al mondo, il NYSE (New York Stock Exchange), pertanto una garanzia anche per i grandi investitori ed istituzionali.

Intanto da un’indagine è emerso che l’Hashrate, ovvero la velocità di esecuzione della rete del Bitcoin ha superato il proprio record assoluto, superando i livelli toccati nel 2017, quando il cambio BTC-USD volò sui massimi storici a quasi 20.000. Per la prima volta da Novembre 2017, inoltre, il numero di indirizzi attivi nelle 24 ore ha superato il milione di unità, stabilendo anche in questo caso un nuovo record. Scendono invece le commissioni, che in media costano 1,33$ a transazione contro gli oltre 3$ medi di un anno e mezzo fa.

L’approdo oltre area 9.000 ha consentito alla base monetaria del Bitcoin, ovvero al valore totale di tutti i BTC in circolazione, di superare quella di Paesi come la Russia e la Corea del Sud. La base monetaria della criptovaluta per eccellenza si è assestata al nono posto, con poco meno di 0,2 trilioni di dollari.

Con l’aumentare del valore del BTC crescono anche le aspettative dei maggiori supporters delle valute digitali, come il co-fondatore di Fundtrast, Tommy Lee, secondo cui il valore del Bitcoin è destinato a raddoppiare il massimo storico, proiettandosi a quota 40.000 dollari.

Andamento cross BTC-USD sul breve-medio periodo


Mentre scriviamo la coppia Bitcoin-Dollaro sta facendo registrare un incremento superiore ai 4 punti percentuali, scambiando sopra area 9.700. Le quotazioni hanno tagliato dal basso verso l’alto le tre medie mobili di riferimento, che adesso si sono trasformate in supporti, sembrano puntare dritte verso area 10.000. Il primo sostegno di brevissimo si colloca sull’EMA a 10 periodi (la prima linea dall’alto verso il basso sul grafico), che transita in area 9.100-9.000. Primo supporto multiday che invece cade sull’EMA a 25 giorni (la linea mediana sul grafico), che passa in area 8.550-8.500. Nulla di compromesso e quadro tecnico impostato al rialzo finché il cambio BTC-USD verrà scambiato al di sopra della media mobile a 50 giorni (la prima linea dal basso verso l’alto sul grafico), che transita in area 7.860-7.800.

L’eventuale perdita di EMA 50 in chiusura daily o peggio ancora settimanale potrebbe causare un ulteriore crollo in area 7.000-6.800; mentre il deciso break-out rialzista di area 10.000 potrebbe favorire un allungo in area 11.000.

Modello di trading cambio BTC-USD valido da 1 a 7 giorni

Il modello di trading rialzista si attiva in caso di allungo oltre quota 9.830 in chiusura di candela oraria o daily e consiglia di prendere profitto in area 9.990 e 10.152; stop loss in caso di ritorno sotto quota 9.675 in close orario o giornaliero. Mantenere o attivare nuove posizioni Long in caso di ulteriori estensioni oltre quota 10.152 in chiusura di candela oraria, per puntare prima a quota 10.316 e successivamente a quota 10.483; stop loss in caso di close orario minore di quota 9.820.

Suggeriti ulteriori Long in caso di nuovi acquisti oltre quota 10.483 in close orario o daily, per tentare di prendere profitto in area 10.653 e 10.825, estesa a quota 11.108; stop loss in caso di ritorno sotto quota 10.152 in chiusura giornaliera. Lecito comprare sulla debolezza in caso di affondo in area 8.543, per cercare di approfittare di eventuali rimbalzi in area 8.772 e 8.918, estesi a quota 9.064; stop loss in caso di ulteriori cali sotto quota 8.300 in chiusura giornaliera.

Il modello di trading ribassista, invece, si attiva in caso di discesa sotto quota 9.675 in chiusura di candela oraria o daily, e pronostica i primi due obiettivi in area 9.518 e 9.364; stop loss in caso di recupero oltre quota 9.830 in chiusura oraria. Mantenere o incrementare le posizioni ribassiste in caso di close orario minore di quota 9.364, per sfruttare possibili flessioni, in primo luogo a quota 9.213 ed in seconda battuta a quota 9.064; stop loss in caso di ritorno sopra quota 9.675 in chiusura di candela oraria.

Lecito approfittare di eventuali discese sotto quota 9.064 in chiusura oraria o giornaliera, per cercare di ricoprirsi in un primo momento a quota 8.918 e successivamente a quota 8.772, con possibili prese di profitto estese a quota 8.543; stop loss in caso di recupero sopra quota 9.214 in close daily. Consigliati Short speculativi in caso di allungo in area 11.108, per sfruttare eventuali storni in area 10.825 e 10.653, con possibili estensioni a quota 10.483; stop loss in caso di ulteriori strappi al rialzo oltre quota 11.400 in chiusura di candela daily.

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY