Bitcoin, frena il rally: ma arriva prima spedizione monitorata tramite Blockchain

Una delle critiche più diffuse contro i bitcoin, da parte di coloro che non sono ottimisti sul suo potenziale a lungo termine come una riserva globale e apolitica di valore e mezzo di scambio, è che i governi alla fine decideranno che la criptovaluta non dovrebbe essere autorizzata ad esistere.

Certo, va ricordato che Bitcoin è stato progettato in modo decentralizzato specificamente per prevenire un tale spegnimento della rete. Anche se ci sono davvero motivi tecnici che rendono difficile chiudere Bitcoin, ci sono anche vincoli legali relativi a un potenziale divieto dei bitcoin, almeno secondo il CEO di Abra, Bill Barhydt.

Barhydt è apparso in collegamento durante la conferenza Bitcoin 2019 a San Francisco la scorsa settimana, e durante la sua apparizione, ha discusso di come Abra abbia permesso ai suoi utenti non americani di guadagnare esposizione dei prezzi al mercato azionario degli Stati Uniti.

Abra è costruita sulla base dei contratti intelligenti Bitcoin, che consentono ai loro utenti di fissare il valore del proprio bitcoin su una varietà di attività finanziarie tradizionali, come il titolo Apple, in maniera non detentiva. In passato, Barhydt ha spiegato come la natura non detentiva di Abra consenta alla società di evitare un gran numero di onerosi regolamenti e restrizioni finanziarie.

Durante la sua apparizione al Bitcoin 2019, Barhydt ha incentrato il suo intervento sulla legalità di Bitcoin come un problema di libertà di espressione. “Il bordo della rete, penso, dovrebbe spaventarci tutti perché non è un problema specifico di Bitcoin. Questo è, sai, un problema di sensibilizzazione del governo e una questione di libertà di espressione che penso che non prendiamo sul serio. Non sentiamo abbastanza di una narrazione su Bitcoin come si fa per la libertà di parola. E la libertà di parola deve essere protetta su tutti i fronti”, ha detto Barhydt.

A questo punto, Max Keizer di Keiser Report, che stava moderando il panel, ha notato che esiste una filosofia tra molti individui nello spazio Bitcoin che afferma in modo efficace: Bitcoin è codice, codice è parlato e il parlato è protetto. Paragonando proprio il Bitcoin alla libertà di parola.

Mentre Barhydt indica che i divieti di Bitcoin potrebbero potenzialmente accadere in posti come la Cina e l’India, ha anche notato che un tale divieto non sarebbe possibile negli Stati Uniti. “Non è possibile”, ha risposto Barhydt quando è stato chiesto al panel come il governo degli Stati Uniti avrebbe potenzialmente cercato di implementare un divieto sui Bitcoin.

Barhydt ha aggiunto che il fatto che la criptovaluta di Facebook è in bilico è non è decentralizzata come Bitcoin, e coinvolge molto di più gli utenti (ricordiamo che il suo wallet, Calibra, sarà gestibile anche tramite le popolari app sempre rientrati nell’Universo Zuckerberg WhatsApp e Messenger) è un problema per quel progetto.

La conferenza Bitcoin 2019 ha anche evidenziato come Libra (questo è il nome della criptovaluta di Facebook) possa potenzialmente avvantaggiare il prezzo del bitcoin in modo piuttosto indiretto. In passato, l’economista Saifedean Ammous e il consulente di crittografia applicata Peter Todd, hanno condiviso teorie sui governi che creano le proprie criptovalute come un potenziale danno ai bitcoin.

Attualmente la migliore soluzione per investire in Bicoin rimane quella delle piattaforme regolamentate. Con 24option (trovi qui il sito ufficiale) è possibile negoziare sulle principali criptovalute ed usufruire dei servizi gratuiti molto efficaci.

Bitcoin, brusca frenata: rally già finito?

Al momento della scrittura, Bitcoin viaggia su un prezzo intorno ai 9800 euro. Una settimana fa aveva toccato il suo picco annuale a 11300 euro. Quota che non vedeva da gennaio 2018.

La criptovaluta più scambiata al mondo è scesa a un minimo di circa $ 9,676 martedì, un calo di circa $ 3,800 dai massimi di mercoledì, secondo Coindesk.

Giovedì, Bitcoin ha iniziato la sua caduta libera, registrando un crollo di quasi $ 3,000 in concomitanza con l’interruzione della popolare piattaforma di scambio di criptovalute Coinbase. Altre monete di grandi dimensioni sono cadute anche martedì 2 luglio, con Monero e Decred che cadono almeno del 6,5%, sempre secondo Coindesk.

Ancora, Bitcoin ha avuto un inversione stellare quest’anno, in rialzo del 200% nel 2019. La criptovaluta volatile è rimbalzata all’inizio di quest’anno dopo essere crollata di oltre il 70% nel 2018, mentre hack e repressioni di alto profilo sulle ICO hanno smorzato l’entusiasmo degli investitori.

Il ritorno di quest’anno è stato in gran parte attribuito a un maggiore interesse nello spazio crittografico, dopo l’annuncio di Facebook di un progetto di criptovaluta, una rottura dai principali livelli tecnici e qualche copertura in mezzo a guerre commerciali tra Usa e Cina.

Entro il 2020 è previsto il lancio della sua criptovaluta chiamata “Libra”. Che sarà gestita da vari colossi come Stripe, Uber, Mastercard, Visa, PayPal, Spotify e altri. Riuniti nella Libra Association. Nella quale Zuckerberg cercherà di coinvolgere anche Google e Twitter.

Bitcoin, il primo viaggio di una Blockchain dalla Corea del sud all’Olanda

Samsung SDS, la banca olandese ABN AMRO e il porto di Rotterdam hanno condotto congiuntamente una spedizione proof-of-concept (PoC) dalla Corea del Sud verso i Paesi Bassi in cui hanno rintracciato un container utilizzando esclusivamente una piattaforma blockchain interoperabile. Secondo un rapporto di The Esecutivo marittimo il 1 ° luglio.

Secondo quest’ultimo, il container è stato rintracciato tramite la piattaforma blockchain “DELIVER”, che ha consentito il finanziamento istantaneo, il monitoraggio completo e la gestione cartacea della spedizione. Secondo il CFO del Porto di Rotterdam, Paul Smits, il tradizionale processo di spedizione è solitamente carente di carta e inefficiente: “Attualmente i pagamenti, l’amministrazione e il trasporto fisico dei contenitori avvengono ancora interamente attraverso circuiti separati […] Ciò si traduce in inefficienza, come molte parti sono coinvolte e tutto è organizzato tramite la documentazione cartacea. Ad esempio, una media di 28 parti sono coinvolte nel trasporto di container dalla Cina a Rotterdam.”

La piattaforma blockchain DELIVER è stata sviluppata congiuntamente dalle tre organizzazioni partner ed è una piattaforma interoperabile che supporta le applicazioni Ethereum e Hyperledger, secondo TokenPost. Secondo il rapporto, l’integrazione di più blockchain offre in realtà una serie di vantaggi funzionali, tra cui notarizzazione dei documenti, prevenzione del doppio pagamento e trasferimento delle risorse.

Han Seung-yeop, manager di Samsung SDS, ha commentato: “Il sistema di sdoganamento presso il servizio doganale coreano si basa su Hyperledger Fabric, mentre il porto di Rotterdam nei Paesi Bassi utilizza la piattaforma Ethereum […] Abbiamo iniziato la consegna progetto per collegare diverse piattaforme.”

Ora che la spedizione proof-of-concept è completa, le organizzazioni dietro il progetto hanno firmato un accordo per lanciare più progetti pilota basati sulla piattaforma di spedizione, come per l’annuncio del Porto di Rotterdam. L’obiettivo finale è quello di fornire una piattaforma globale e indipendente per la spedizione.

Come riportato in precedenza da Cointelegraph, Samsung SDS, la banca olandese ABN AMRO e il Porto di Rotterdam hanno annunciato la loro partnership e intenzione di testare una soluzione blockchain per le spedizioni già dall’ottobre 2018.

Migliori piattaforme per operare su Bitcoin

BROKER
CARATTERISTICHEVANTAGGI 
CFDs sono strumenti finanziari complessi e comportano un alto rischio di perdita di denaro rapidamente a causa della leva. Tra il 74-89% dei trader retail perdono soldi facendo trading CFD. Prima di fare trading cerca di capire come funzionano i CFD ed i rischi che comportano.
24optionTrading CFD e opzioni su BitcoinRendimenti elevatiPROVA>>
etoroSocial trading
66% dei trader perde soldi
Trading Bitcoin, criptovalutePROVA>>
plus500CFD trading su BitcoinPiattaforma di qualitàPROVA>>

 

Responsabilità: L'autore dell'articolo pubblicato su webeconomia.it esprime le sue libere opinioni in merito alle analisi in oggetto. Dichiara che tutte le considerazioni fatte all'interno del post e le eventuali altre analisi sugli strumenti finanziari (valute, azioni, criptovalute, materie prime) sono soggettive e non devono essere considerate come incentivi e raccomandazioni di investimento. Le analisi e le quotazioni degli strumenti finanziari sono mostrate al solo scopo di informare e non per incentivare le attività di trading o speculazione sui mercati finanziari. Lo staff di webeconomia.it e gli autori degli articoli non si ritengono dunque responsabili di eventuali perdite di denaro legate ad attività di invstimento. Lo staff del sito e i suoi autori dichiarano di non possedere quote di società, azioni o strumenti di cui si parla all'interno degli articoli. Leggendo i contenuti del sito l'Utente accetta esplicitamente che gli articoli non costituiscono "raccomandazioni di investimento" e che i dati presentati possono essere non accurati e/o incompleti. Tutte le attività legate agli strumenti finanziari e ai mercati come il trading su azioni, forex, materie prime o criptovalute sono rischiose e possono comportare perdita di capitali. L'Utente, quindi, solleva lo staff di webeconomia.it e i suoi autori dalla responsabilità di qualunque perdita o danno subito legato ad attività di investimento che scaturisce dalla consultazione dei dati contenuti nel sito.

LEAVE A REPLY